0 0
Tempo di lettura stimato:2 Minuti

La tortora (Streptopelia turtur) è attualmente sotto i riflettori per quanto riguarda le misure di conservazione e le norme di caccia.

La popolazione di specie in Europa ha subito un drastico declino negli anni ’80, ma ora viene considerata in moderato declino (PECMBS, 2019) poiché la tendenza al declino è significativamente rallentata dagli anni ’90 in poi. Nonostante una tendenza al declino su scala europea, la popolazione mostra anche segni di ripresa con una stabilizzazione in Spagna dal 2013 (Moreno-Zarate et al., 2020).

Inoltre, la popolazione di specie rimane ancora grande con una popolazione riproduttiva europea stimata tra circa 1.980.000 e 3.440.000 coppie riproduttrici (articolo 12, rapporto 2013-2018).

Nonostante sia in declino, la tortora è classificata come cacciabile in 10 Stati membri dell’UE.

Pertanto, è stato raccomandato un programma di gestione adattiva del raccolto (AHM) come strumento per garantire livelli sostenibili di raccolta a seguito della creazione del piano d’azione internazionale per le specie singole per la conservazione della specie nel 2018, che ha seguito un precedente piano di gestione dell’UE nel 2007 che stava già promuovendo l’uso di modelli predittivi per lo stesso scopo. Pertanto, la Commissione europea ha lanciato un programma di gestione adattiva del raccolto (AHM) e sono attualmente in corso discussioni attive poiché sono stati pubblicati i risultati del team di ricerca scientifica del programma, mostrando la possibilità di consentire livelli di raccolta bassi e sostenibili.

Ma mentre la caccia viene presa di mira, i principali fattori del declino della popolazione di Tortora in Europa devono ancora essere affrontati. Le prove dimostrano che la perdita di habitat di riproduzione e foraggiamento, cioè cespugli alti e troppo cresciuti e aree corte ricche di erbacce, rispettivamente, (Browne e Aebischer 2005, Browne e Aebischer 2003, Dunn & Morris 2012, Browne et al. 2004) è stata problematica per la quale un fattore chiave è stata l’intensificazione dell’agricoltura (Browne e Aebischer 2005, Moreno-Zarate et al. 2020).

Come dimostrato dall’analisi della recente valutazione delle relazioni di cui all’articolo 12 (2013-2018), non è negli Stati membri in cui viene cacciata la tortora che si osservano i cali maggiori. In effetti, i paesi che consentono di cacciare la specie come la Francia e la Spagna stanno vivendo un declino molto inferiore rispetto ad altri paesi in cui la caccia non è consentita. In Italia, la Tortora mostra addirittura una tendenza crescente a lungo termine.

Ciò che questi paesi in cui è consentita la caccia alla tortora hanno tutti in comune è l’incessante sforzo di lunga data fatto dalla comunità venatoria per gestire e salvaguardare habitat adatti alla specie, portando molti benefici. Che si tratti dell’impressionante quantità di siepi piantate in Francia o della semina di migliaia di ettari all’anno con varie colture lasciate non raccolte in Grecia, la comunità venatoria ha attivamente implementato e finanziato da sola molte altre azioni di gestione a beneficio della tortora. Consentire un piccolo raccolto sostenibile della specie garantirebbe la continuità di tali azioni, cruciali per la tortora.

Per fermare il declino della popolazione di tortore, la priorità dovrebbe essere data al ripristino della qualità dell’habitat piuttosto che chiudere la caccia dove avviene, in quanto potrebbe sostenere il recupero della popolazione di tortora in modo più efficace (Marx et al. 2016).

Regole di inserimento e pubblicazione dei contenuti su questa pagina

Nota informativa

 

A differenza di una Rivista cartacea oppure Online, Migratoria.it in qualita di Blog, consente a tutti gli utenti la pubblicazione anticipata dei contenuti e dei commenti in tempo reale senza preventiva coda di moderazione. In base all' art. 70 l. 633/41 e consentito utilizzare a scopo di studio, discussione, documentazione o insegnamento, il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o parti di opere letterarie purchè vengano citati l'autore e la fonte, e non si agisca mai a scopo di lucro. E' fatto divieto pubblicare dati personali oppure fotografie di terze parti senza preventivo consenso dell' autore. Migratoria.it effettua controlli nei contenuti delle pagine, solamente dopo la pubblicazione degli stessi da parte degli utenti, pertanto gli autori di questo sito e i moderatori preposti si riservano in un secondo tempo, il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi contenuto che violi il diritto di terzi, oppure che sia ritenuto inopportuno o non conforme senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo. Migratoria.it e i suoi autori non possono in alcun modo essere ritenuti responsabili per il contenuto inopportuno/ illecito/diffamatorio degli articoli o dei commenti pubblicati dagli utenti che utilizzano il Blog/Forum inquanto questi ultimi gli unici responsabili essendo perfettamente in grado di aprire, cancellare, modificare, pubblicare autonomamente un articolo, una pagina, un commento. Nel caso venga riscontrato materiale inappropriato, commenti offensivi, spam, violazioni del copyright, link interrotti e possibile segnalare il contenuto di questa pagina inviando un email all' indirizzo: [email protected] oppure utilizzando l'apposito link situato a pè pagina.




Articolo Successivo CCT: APPROVATE LE DELIBERE PER IL PRELIEVO IN DEROGA DELLO STORNO e SULLA VIGILANZA
Articolo successivo LOMBARDIA. APPROVATO IL CALENDARIO VENATORIO 2022/2023
Close

SEI ISCRITTO AL  FORUM?

Attiva gratuitamente il tuo “Account Premium”  CLICCA QUI
 

Area riservata