0 0
Tempo di lettura stimato:2 Minuti
di Antonio BUONO*
Se ancora oggi c’è in giro tanta gente che ha le idee poco chiare nei confronti della caccia, a mio parere, la colpa è da addebitare ai programmi strappalacrime della serie Bamby, laddove si riesce solo ad insegnare quanto sia da odiare il cacciatore.
Dico sempre che per essere “contrari”, magari per avere una “visione migliore”, un pensiero diverso che possa consentire di poter contestare una passione altrui, debba essere fondamentale averne scienza e conoscenza.
In realtà certa gente di cui sopra, spesso laureata in “divanologia”, dovendo usare certi “percorsi” per meri profitti personali e politici, non ha alcun interesse ad avere le idee chiare.
Del resto, la maggior parte di questi “specialisti”, sa districarsi molto bene in quello che per evidenti ragioni speculative , viene evidenziato come un dedalo fatto di meschinità e malvagità, quando poi in realtà è chiaro si tratti di un mondo in cui “vivono” passioni, tradizioni, memorie!
Se da tanti anni, questi “tecnici professionisti”, capaci untori di virus patogeni, sono difatti riusciti ad entrare in modo impudico nelle emozioni del cacciatore, giusto per confondere le idee e creare confusione e rimorsi, il tutto non può che tradursi in una sola parola: PERFIDIA!
Di riflesso, quasi come a dover difendere se stesso dai continui attacchi per non perire, il cacciatore negli ultimi anni si è visto “costretto ad istruirsi” per comprendere meglio, ha quindi dovuto imparare a “leggere tra le righe” di scritti ambigui e ben pianificati, atti sempre a perseguire la stessa meta: distorcere la figura del cacciatore per poterla usare come un cavallo mediatico nei confronti dell’opinione pubblica per squallidi fini politici.
La peculiarità di questa eccellente operazione di marketing, la si ritrova tutt’oggi nei vantaggi socio-politici ed economici dei tanti esperti “venditori di chiacchiere”, perennemente seduti su “comodissime poltrone”.
“Stranamente” però, negli ultimi anni i conti non tornano.
In tanti cominciano a chiedersi se davvero la colpa della deriva Ambientale sia da addebitare alle “nefandezze” ed alla scelleratezza del cacciatore, oppure all’imbecillità di chi nel tempo ha giocato male le sue carte.
Se la terra è contaminata da fitofarmaci, se le falde acquifere sono avvelenate, se il mare è pieno di plastiche, se i fiumi sono inquinati da discariche di liquidi cancerogeni, se i boschi stanno morendo in preda ai parassiti, se l’aria che respiriamo è malsana, se la pioggia non è altro che acqua acida, se le api, le lucciole, i pipistrelli , le rondini ed i tanti uccelli insettivori sono scomparsi…di chi è la colpa? del cacciatore?
E pensare che con tante gravissime problematiche ambientali, c’è chi ha ritenuto di particolare urgenza un quesito referendario sulla caccia… quanta demenza, quanta tristezza!
Noi cacciatori diciamo basta, siamo stanchi di essere sfruttati da gente PERFIDA e senza scrupoli.
E’ giunta l’ora di scoprire le carte in tavola.
Il cacciatore ha “già dato”, non è affatto disposto a fare da capro espiatorio.
Se la natura ci sta presentando il “conto”, è impensabile che a pagare continui ad essere chi da anni denuncia orrori e scempi ambientali.
Certe gravissime tematiche andrebbero osservate con maggior coscienza e consapevolezza, oramai l’intero pianta è quasi in coma irreversibile.
Che a pagare il conto siano tutti coloro i quali della presunzione, dell’arroganza, della cattiveria e della PERFIDIA, ne hanno fatto da sempre il proprio stile vita.
*Cacciatore a vita
Portavoce Nazionale Movimento politico Scelta Etica
Coordinatore MSE Ischia

Regole di inserimento e pubblicazione dei contenuti su questa pagina

Nota informativa

 

A differenza di una Rivista cartacea oppure Online, Migratoria.it in qualita di Blog, consente a tutti gli utenti la pubblicazione anticipata dei contenuti e dei commenti in tempo reale senza preventiva coda di moderazione. In base all' art. 70 l. 633/41 e consentito utilizzare a scopo di studio, discussione, documentazione o insegnamento, il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o parti di opere letterarie purchè vengano citati l'autore e la fonte, e non si agisca mai a scopo di lucro. E' fatto divieto pubblicare dati personali oppure fotografie di terze parti senza preventivo consenso dell' autore. Migratoria.it effettua controlli nei contenuti delle pagine, solamente dopo la pubblicazione degli stessi da parte degli utenti, pertanto gli autori di questo sito e i moderatori preposti si riservano in un secondo tempo, il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi contenuto che violi il diritto di terzi, oppure che sia ritenuto inopportuno o non conforme senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo. Migratoria.it e i suoi autori non possono in alcun modo essere ritenuti responsabili per il contenuto inopportuno/ illecito/diffamatorio degli articoli o dei commenti pubblicati dagli utenti che utilizzano il Blog/Forum inquanto questi ultimi gli unici responsabili essendo perfettamente in grado di aprire, cancellare, modificare, pubblicare autonomamente un articolo, una pagina, un commento. Nel caso venga riscontrato materiale inappropriato, commenti offensivi, spam, violazioni del copyright, link interrotti e possibile segnalare il contenuto di questa pagina inviando un email all' indirizzo: [email protected] oppure utilizzando l'apposito link situato a pè pagina.




Articolo Successivo ANIMALISTI: CHI CONSENTE LA CACCIA ALLA TORTORA VERRÀ DENUNCIATO
Articolo successivo L’ALLODOLA POTREBBE ESSERE RIMOSSA DAI CALENDARI VENATORI
Close

SEI ISCRITTO AL  FORUM?

Attiva gratuitamente il tuo “Account Premium”  CLICCA QUI
 

Area riservata