5 0

Ieri “Mamma RAI” come la chiamava qualcuno una volta è caduta ennesimamente sulle prese di posizione, senza accenno all’imparzialità come dovrebbe essere una TV di stato, la quale si mantiene grazie al canone pagato da tutti i cittadini. Un servizio fazioso, a favore del referendum è solo l’ennesima prova che la comunicazione radiotelevisiva pubblica se ne frega di migliaia di italiani per favorirne altri, tanto l’imposta a lei dovuta è sicura non gliela toglie nessuno e forse è questo il problema. Vedete oggi è successo ai cacciatori, domani potrebbe succedere a chiunque di essere giudicato senza replica, senza un’occasione per poter spiegare la propria idea o semplicemente dar voce a ciò che si rappresenta, ma purtroppo questo dibattito sulla RAI è ormai vecchio, anacronistico, quasi scontato, tant’è che ha influenzato la politica anche ultimamente. Basta una riforma semplice però, che chi vuol vedere la RAI continua a vederla e chi no, non dovrebbe pagare il canone, se si attua questo ragionamento MAMMA RAI, sarà la più obiettiva delle televisioni.

Vittorio Venditti

Regole di inserimento e pubblicazione dei contenuti su questa pagina

Nota informativa

 

A differenza di una Rivista cartacea oppure Online, Migratoria.it in qualita di Blog, consente a tutti gli utenti la pubblicazione anticipata dei contenuti e dei commenti in tempo reale senza preventiva coda di moderazione. In base all' art. 70 l. 633/41 e consentito utilizzare a scopo di studio, discussione, documentazione o insegnamento, il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o parti di opere letterarie purchè vengano citati l'autore e la fonte, e non si agisca mai a scopo di lucro. E' fatto divieto pubblicare dati personali oppure fotografie di terze parti senza preventivo consenso dell' autore. Migratoria.it effettua controlli nei contenuti delle pagine, solamente dopo la pubblicazione degli stessi da parte degli utenti, pertanto gli autori di questo sito e i moderatori preposti si riservano in un secondo tempo, il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi contenuto che violi il diritto di terzi, oppure che sia ritenuto inopportuno o non conforme senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo. Migratoria.it e i suoi autori non possono in alcun modo essere ritenuti responsabili per il contenuto inopportuno/ illecito/diffamatorio degli articoli o dei commenti pubblicati dagli utenti che utilizzano il Blog/Forum inquanto questi ultimi gli unici responsabili essendo perfettamente in grado di aprire, cancellare, modificare, pubblicare autonomamente un articolo, una pagina, un commento. Nel caso venga riscontrato materiale inappropriato, commenti offensivi, spam, violazioni del copyright, link interrotti e possibile segnalare il contenuto di questa pagina inviando un email all' indirizzo: info@migratoria.it oppure utilizzando l'apposito link situato a pè pagina.




Articolo Successivo ISPRA: IN ITALIA L’89% DEGLI HABITAT SONO A RISCHIO
Articolo successivo FRANCIA. DOMANI INIZIA LA STAGIONE VENATORIA
Close

SEI ISCRITTO AL  FORUM?

Attiva gratuitamente il tuo “Account Premium”  CLICCA QUI