annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Interrogazione parlamentare di sel su turismo venatorio italiano all'estero

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (29%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Interrogazione parlamentare di sel su turismo venatorio italiano all'estero

    CACCIA.DE PETRIS (SEL): SEMPRE PIÙ PREOCCUPANTE TURISMO VENATORIO
    MERCIFICAZIONE E SVENDITA DELLA BIODIVERSITA' (DIRE) Roma, 7 mag. - "L'impatto del turismo venatorio italiano assume sempre piu' aspetti e proporzioni preoccupanti, perche' si pone spesso in totale contrasto con tutte le misure adottate a tutela del patrimonio di biodiversita', recando anche discredito all'immagine del nostro Paese. Per questo abbiamo chiesto ai ministri competenti di indagare modalita', caratteristiche ed effetti del turismo venatorio, sia per quanto attiene all'organizzazione dei tour, sia per quanto riguarda l'introduzione di fauna dall'estero, anche attraverso l'intensificazione dei controlli, che hanno gia' portato a risultati importanti". Lo dichiara la senatrice di Sel, Loredana de Petris, presidente del gruppo Misto, che ha presentato in merito un'interrogazione, firmata da tutti i senatori di Sinistra Ecologia Liberta', ai ministri degli Affari Esteri, dell'Ambiente, delle Politiche agricole e dell'Interno. "I turisti del fucile scelgono paesi con leggi meno restrittive che non prevedono limiti di caccia o con ridotta capacita' di tutela della fauna. Nel tempo- ricorda la senatrice- sono state interessate le fasce del nord Africa-Tunisia, con tour di grande impatto sulle popolazioni di uccelli migratori, sino ad assumere aspetti di autentico massacro; anche molti paesi africani sono meta di safari per l'uccisione di grandi felini e di elefanti, i cui abbattimenti sono agevolati per gli introiti economici che recano in situazioni locali anche difficili. Terreno di caccia degli italiani e' stata a lungo anche l'Albania, nel mirino animali rari come orsi, lupi, aquile, oltre alle specie piu' diffuse. Per non parlare della Romania, dove sono in corso modifiche legislative volte ad ampliare enormemente l'attivita' venatoria, soprattutto a spese di specie come l'allodola. La strage della fauna in atto, anche attraverso il turismo venatorio, sta diventando insomma un vero e proprio business, con la mercificazione e la svendita del patrimonio di biodiversita' comune che l'Europa invece ha voluto difendere soprattutto con le due direttive che costituiscono i pilastri della sua politica ambientale (quella sulla conservazione degli uccelli selvatici e quella Habitat, relativa alle specie animali e vegetali,n.43/1992). Tutti i paesi membri dell'Unione- conclude Loredana De Petris- sono tenuti alla protezione e conservazione degli uccelli selvatici,soprattutto durante le fasi di migrazione prenuziale, nidificazione, riproduzione e dipendenza dei piccoli dai genitori".

    CACCIA. ENPA: SOSTENIAMO ROMANIA, BENE INTERROGAZIONE DE PETRIS
    (DIRE) Roma, 7 mag. - "Condividiamo e sosteniamo la mobilitazione delle associazioni animaliste e ambientaliste della Romania e dell'opinione pubblica che si oppongono alla deregulation venatoria in discussione attualmente nel Parlamento. Siamo ben consapevoli che essa spalancherebbe al turismo venatorio italiano la prospettiva di massacri della fauna piu' feroci di quelli condotti li' finora". Lo dice Annamaria Procacci, consigliere nazionale dell'Enpa commentando la presentazione di una interrogazione parlamentare, depositata oggi dalla Senatrice di Sel Loredana De Petris, "affinche' si indaghino tutti gli aspetti del turismo venatorio e si intensifichino i controlli che hanno gia' dato importanti risultati". La Romania "ha gia' pagato un altissimo tributo ai fucili italiani- spiega Procacci- nei carnieri soprattutto i piccoli uccelli, le allodole ma anche animali rari come le linci. Quello che non possono piu' fare in Italia, a causa di normative divenute piu' restrittive anche grazie al lavoro delle associazioni, le 'doppiette' nostrane lo fanno altrove, spesso con abbattimenti massicci citati dalle cronache dei giornali, che finiscono cosi' per gettare discredito sul nostro Paese". Inoltre, "la minaccia che pesa sulla biodiversita' rumena riguarda tutta l'Europa: gli uccelli selvatici sono patrimonio comune e tutti gli Stati membri debbono rispettare le regole per la loro tutela, come stabilisce in primo luogo la direttiva europea 147/2009, uno degli elementi portanti delle politiche ambientali dell'Unione", aggiunge la rappresentante Enpa. Per questo "chiediamo alla Commissione europea un intervento su quanto sta accadendo. Vorremmo che la Romania chiudesse le porte in faccia ai cacciatori provenienti dal nostro paese, come ha ben fatto lo scorso anno l'Albania approvando una moratoria generale della durata di due anni, a causa della grave diminuzione del patrimonio faunistico, di cui e' stato responsabile anche il nostro paese con il turismo venatorio", conclude Procacci

    - - - Aggiornato - - -

    Vorrebbero istigare alla nostra persecuzione i governi europei,neanche liberi di emigrare saremmo per loro,questi sono pericolosi per la libertà individuale...
    Zirlo,meglio sentirlo...

  • #2
    A - Questi non c'hanno un ca@@o da fare!
    B - Le interrogazioni Parlamentari si fanno per distogliere da altro o per far parlare un pò di se...
    C - Certa gente (SEL come altri) è stata votata ....basta smettere!
    D - Elettorato è diviso al 50 fra chi vota e chi non vota....
    Chi vota Pd o Forza Italia o Sel come IDV .... sa benissimo che dentro ci sono tanti esponenti contro
    la caccia... (Brambilla Docet) ..... basta dopo non lamentarsi! semplice direi...
    Cordialità .... Stefano
    ------------------------------------------------------------------------------------
    Io sto con Salvini ...... RUSPA!!!

    COMMENTA


    • #3
      Originariamente inviato da GNEPRO Visualizza il messaggio
      A - Questi non c'hanno un ca@@o da fare!
      B - Le interrogazioni Parlamentari si fanno per distogliere da altro o per far parlare un pò di se...
      C - Certa gente (SEL come altri) è stata votata ....basta smettere!
      D - Elettorato è diviso al 50 fra chi vota e chi non vota....
      Chi vota Pd o Forza Italia o Sel come IDV .... sa benissimo che dentro ci sono tanti esponenti contro
      la caccia... (Brambilla Docet) ..... basta dopo non lamentarsi! semplice direi...
      il punto D è importante, perchè molti nostri colleghi di passione non si recano alle urne. Bisogna farlo votando il meno peggio al di fuori di quelli giustamente elencati in fondo
      sigpic

      ..... cci vostra, quanto ve vojo bene !!!


      COMMENTA


      • #4
        Originariamente inviato da GNEPRO Visualizza il messaggio
        A - Questi non c'hanno un ca@@o da fare!
        B - Le interrogazioni Parlamentari si fanno per distogliere da altro o per far parlare un pò di se...
        C - Certa gente (SEL come altri) è stata votata ....basta smettere!
        D - Elettorato è diviso al 50 fra chi vota e chi non vota....
        Chi vota Pd o Forza Italia o Sel come IDV .... sa benissimo che dentro ci sono tanti esponenti contro
        la caccia... (Brambilla Docet) ..... basta dopo non lamentarsi! semplice direi...
        Una volta assunto che la maggior parte dei partiti son contro,che quando si parla di votare comunque possiamo solo influire su noi stessi al 100% e marginalmente su altri individui,riguardo alle azioni da compiere....Viene da chiedersi?Ci sarà all'estero qualche scemo che li ascolta,o ci lasceranno almeno il diritto di emigrare col fucile da questo paese del c@$$o?
        Zirlo,meglio sentirlo...

        COMMENTA


        • #5
          In Italia andare a caccia sta diventando sempre più difficile vuoi per restrizione del territorio che tra parchi, oasi e riserve il terreno "libero" è sempre meno, vuoi per i tempi sempre più brevi e per i carnieri permessi sempre più ridicoli e allora si va all'estero ove queste limitazioni non ci sono o sono meno restrittive. Quello che trovo ridicolo è che il solito parlamentare benpensante fa addirittura un'interrogazione sul turismo venatorio, decisamente i problemi della nostra nazione sono solo quelli legati alla caccia. Mi chiedo: questa gente quando al mattino si specchia per farsi la barba non ha voglia di sputarsi in faccia?

          COMMENTA


          • #6
            Perche' non si occupano del "turismo" dei barconi e delle migliaia e migliaia di immigranti illegali che vanno in Italia a rubare, a prostituirsi, a togliere posti di lavoro agli italiani, a beccarsi casa e soldi gratis?
            Comunque devo dire che quelli che vanno a caccia all'estero a fare stragi di uccelli migratori non mi stanno simpatici. Nel Nord Africa cacciano le tortore anche in periodo di nidificazione, allodole a centinaia, ecc. Poi ci si lamenta se I migratori scarseggiano in Italia. Non ci si puo' aspettare che arrivino se sono stati ammazzati altrove anche in periodo di corteggiamento, d'accoppiamento o persino nidificazione. Capisco andare all'estero in periodi quando il prelievo venatorio non danneggia il futuro della specie e accontentarsi di un carniere decente ma non eccessivo. Purtroppo invece tanti paesi permettono la caccia anche quando dovrebbe essere chiusa, e troppi turisti venatori hanno la mentalita' dell' "ho pagato un mucchio di soldi e voglio sparare almeno mille cartucce e portarmi a casa qualche decina di chili di selvatici." Dicono a Napoli, "Dalle e dalle se scassano pur' 'e metalle." Chi fa stragi nei paesi la cui migratoria passa anche per l'Italia ruba ai colleghi italiani che non possono permettersi di andare all'estero per impegni di famiglia o di lavoro o per mancanza di soldi.
            Gli eccessi di pochi rovinano la festa per tutti, e naturalmente con le sinistre antiarmi e anticaccia al potere oggi in Italia poi arriveranno divieti e rotture di palle a non finire, cosi' anche quelli che cacciano all'estero migratori il cui raccolto e' sostenibile in periodi legittimi e non fanno stragi pagheranno per le colpe degli altri.
            Ormai il turismo venatorio e' diventato un'industria all'insegna del profitto, e molti di quelli che si avvalgono delle agenzie venatorie non basano la loro scelta sulla qualita' dell'esperienza all'estero, ma soltanto sul "quanti ne possiamo ammazzare?" Se uno va alle Orcadi a oche, e' necessario ammazzarne venti per dichiararsi soddisfatti? Non ne bastano cinque? Che caxxo di gusto c'e' a andare in Marocco ad ammazzare trecento allodole? Non ne basterebbero una cinquantina? E non da' fastidio ammazzare qualche dozzina di tortore "con l'uovo al culo"? E vi siete mai domandati perche' I tordi in Spagna non siano piu' abbondanti come una volta? Chi vuole sparare mille cartucce in una giornata farebbe meglio ad andare al piattello. Forse tanti ancora non hanno capito che c'e' un'enorme differenza fra cacciare e ammazzare.
            CHI SE FA PECORA OBBEDISCE AR PECORARO!

            COMMENTA


            • #7
              Romania: "Difendiamo l'allodola dai fucili italiani" - Il richiamo della Foresta - Blog - Repubblica.it
              Mai come oggi c'e' tanta gente che scrive e cosi`poca che legge.

              COMMENTA


              • #8
                Tante caxate dettate da un guardia venatoria giurata del wwf ..... per intenderci collega di quella che fece morire d'infarto un cacciatore anziano in puglia. La romania essendo in comunità europea ultimamente ha addirittura ridotto il contingente delle allodole cacciabili oltre ad aver ridotto tempi e speci. I rumeni ...diversamente da noi itajani del caxo .... vedono nell'attività venatoria una risorsa economica e di sviluppo rimanendo nelle regole dettate dalle leggi comunitarie. Penso che alla lettura dell'interrogazione parlamentare del parassita .... semmai verrà letta .... il popolo rumeno risponda così :


                sigpic

                ..... cci vostra, quanto ve vojo bene !!!


                COMMENTA


                • #9
                  speriamo che l'italicum li faccia sparire dalla faccia della politica............in bocca al cocker!!!!!!!!!!!!

                  COMMENTA


                  • #10
                    siamo sempre + ridicoli, la gente muore di fame, ne fanno di tutti i colori, degli scemi vanno a preoccuparsi se qualche italiano si vuol spendere i suoi soldi in cacciate all'estero. Premesso che sono contrario al 100 per cento al discorso di fare stragi e cacciare in maniera troppo facile o troppo comode dico che ne abbiamo piene le palle. questi falliti di pseudo sinistra e la roscia del pdl visto che sono così premurosi e altruisti potrebbero andare in qualche paese ad aiutare questi popoli almeno farebbero qualcosa di utile, ma sicuramente non ne sono capaci.

                    COMMENTA


                    • #11
                      Originariamente inviato da fabio d.t. Visualizza il messaggio
                      il punto D è importante, perchè molti nostri colleghi di passione non si recano alle urne. Bisogna farlo votando il meno peggio al di fuori di quelli giustamente elencati in fondo
                      Fabio ..io sono fermamente convinto per il non voto di protesta e ogni anno che passa il mio pseudo-partito vince.
                      Mi fanno veramente pena invece chi crede ancora che l'assenza del mio voto sia come dare al partito opposto più forza.
                      Tutti a casa!
                      E poi...quale sarebbe il partito meno peggio che ci tutela? In ogni fazione c'è un verde accanito contro la caccia...pertanto....
                      sigpichhttp://www.migratoria.it/forum/signaturepics/sigpic7632_2.gif

                      COMMENTA


                      • #12
                        Originariamente inviato da giambi Visualizza il messaggio
                        Fabio ..io sono fermamente convinto per il non voto di protesta e ogni anno che passa il mio pseudo-partito vince.
                        Mi fanno veramente pena invece chi crede ancora che l'assenza del mio voto sia come dare al partito opposto più forza.
                        Tutti a casa!
                        E poi...quale sarebbe il partito meno peggio che ci tutela? In ogni fazione c'è un verde accanito contro la caccia...pertanto....
                        In ogni partito c'è il verde accanito, ma in pochi c'è un collega altrettanto accanito. Ecco quelli sono i partiti che ci tutelano. La lega in primis con bruzzone e fratelli d'Italia con Berlato. Senza dubbio 2 nomi associati alla nostra passione ..... chiunque sieda a governare se leggerà il voto dei cacciatori, forse capirà che esistiamo anche noi. 4 gatti ( perchè i restanti se ne vanno al mare ) sparpagliati ..... contano meno del 2 de coppe quando regna bastoni .... in pratica la radiografia del cacciatore oggi !!
                        sigpic

                        ..... cci vostra, quanto ve vojo bene !!!


                        COMMENTA


                        • #13
                          Originariamente inviato da fabio d.t. Visualizza il messaggio
                          In ogni partito c'è il verde accanito, ma in pochi c'è un collega altrettanto accanito. Ecco quelli sono i partiti che ci tutelano. La lega in primis con bruzzone e fratelli d'Italia con Berlato. Senza dubbio 2 nomi associati alla nostra passione ..... chiunque sieda a governare se leggerà il voto dei cacciatori, forse capirà che esistiamo anche noi. 4 gatti ( perchè i restanti se ne vanno al mare ) sparpagliati ..... contano meno del 2 de coppe quando regna bastoni .... in pratica la radiografia del cacciatore oggi !!
                          Io sulla falsa riga di quanto detto sopra..... VOTERO' dopo diversi anni che non votavo.... LEGA o FRATELLI D'ITALIA....

                          In primis perchè gli unici PRO-CACCIA ....

                          (e basta con la scusa che ci sono cose più importanti... lo è anche il tempo libero che ci fa vivere meglio i soprusi del Governo)

                          poi comunque hanno punti di Politica condivisibili (stranieri, pensioni, lavoro ecc.)

                          Piacerebbe vedere uno di questi Partiti con un bel 20/25%.... sai che paletto nel Cul@ a Renzie, Alfano e Berlusca!!!
                          Cordialità .... Stefano
                          ------------------------------------------------------------------------------------
                          Io sto con Salvini ...... RUSPA!!!

                          COMMENTA


                          • #14
                            La lega è in continua crescita nei sondaggi ( per quel che valgono ), Fratelli d'Italia localmente è forte. L'augurio è che entrambi non cedino alle lusinghe del bunga bunga man. La nuova legge porterà al ballottaggio 2 coalizioni. Sicuramente il pd è forte, ma non raggiungerà il 40% ... la seconda potrebbe essere la Lega ... magari accorpata a Fratelli d'italia. Forza italia spaccata e ncd da decimali ..... portrà consensi al secondo turno. la mia è un'illusione .... travestita da speranza.
                            sigpic

                            ..... cci vostra, quanto ve vojo bene !!!


                            COMMENTA


                            • #15
                              chi dovremmo votare??? la lega di salvini quello che ultimamente si fa vedere sempre al fianco di Toti del pdl...ma ci vuole ancora molto tempo per capire che non ci sono ne politici capaci di cambiare la caccia ne dirigenti venatori capaci di legittimare la nostra passione...
                              il giovane cammina più veloce dell'anziano ma l'anziano conosce la strada...

                              COMMENTA

                              Pubblicita STANDARD

                              Comprimi

                              Ultimi post

                              Comprimi

                              Unconfigured Ad Widget

                              Comprimi
                              Sto operando...
                              X