annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Primo anno con il fotoperiodo

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (21%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Primo anno con il fotoperiodo

    Ciao a tutti, sono nuovo del forum e nuovo anche come forma di caccia, infatti da quest'anno ho cominciando con la caccia da appostamento fisso!
    Avendo "ereditato" la mia batteria di uccelli dal nonno che praticava questo tipo di caccia e avendo un bagaglio di esperienza pari allo zero mi sono affidato ai consigli dati con il contagocce di un mio vicino cacciatore esperto per la pratica del fotoperiodo.
    La mia batteria è composta da circa 10 tordi, 4 merli, 8 sasselli e 6 cesene, ho integrato questa primavera acquistando 5 giovani tordi e 4 giovani sasselli.
    Ammetto di non aver ottenuto grandissimi risultati per via di canto soprattutto dai sasselli, i tordi un filino meglio! Seguendo i consigli che mi sono stati dati ho messo gli uccelli in voliera (misura 150x150xh200) a febbraio, sempre in voliera ma al buio da inizio aprile fino a ferragosto quando li ho presi messi in gabbia, scoprendoli poco per volta e dal 1 settembre ho messo a lavorare il fotoperiodo usando la tabella sassello per tutta la batteria avendo solo una stanza, tenendo coperti sasselli e cesene con un telo dove filtrava comunque un po’ di luce fino a metà settembre e le cesene ne ho scoperte 3 al 20 ottobre e le restanti al 1 novembre.
    Premettendo che a livello estetico gli uccelli non sono usciti bellissimi dalla muta e un paio addirittura inutilizzabili, ora mi trovo ad avere le cesene completamente mute e che stanno mutando le penne e anche alcuni merli mentre gli altri uccelli no, che è successo? Ho sbagliato a coprirle? Il tipo di muta o tabella? Non dovevo tenerli in voliera? Li ho tutti nella stessa stanza con le stesse ore di luce, ma è evidente che ho sbagliato qualcosa io o qualcosa è andato storto ma chiedendo spiegazioni a chi mi diede dei consigli la risposta è stata: “boh io ho sempre fatto così”

    Chiedo a questo punto a voi dei consigli sul da farsi, almeno per il prossimo anno per non incappare in altri errori simili, grazie

  • #2
    Re: Primo anno con il fotoperiodo

    Ciao, anche io ho ereditato la batteria da mio nonno 5 anni fa, lui faceva la chiusa classica al buoi e in voliera come hai spiegato tu, ma io nn l'ho mai fatta sono passato subito al fotoperiodo integrale. Nel fotoperiodo integrale gli uccelli mutano da soli a fine dicembre/gennaio, teoricamente quando li hai messi al buio dovevano essere già mutati. Domanda importante, sei certo al 100% che non entrava luce in voliera? Se vuoi consigli sulll fotoperiodo integrale posso aiutarti di più ma della chiusa ne so poco..

    Inviato dal mio EVOLVEO_StrongPhone_Q7_LTE utilizzando Tapatalk

    COMMENTA


    • #3
      Re: Primo anno con il fotoperiodo

      Originariamente inviato da MatteoM Visualizza il messaggio
      Ciao a tutti, sono nuovo del forum e nuovo anche come forma di caccia, infatti da quest'anno ho cominciando con la caccia da appostamento fisso!
      Avendo "ereditato" la mia batteria di uccelli dal nonno che praticava questo tipo di caccia e avendo un bagaglio di esperienza pari allo zero mi sono affidato ai consigli dati con il contagocce di un mio vicino cacciatore esperto per la pratica del fotoperiodo.
      La mia batteria è composta da circa 10 tordi, 4 merli, 8 sasselli e 6 cesene, ho integrato questa primavera acquistando 5 giovani tordi e 4 giovani sasselli.
      Ammetto di non aver ottenuto grandissimi risultati per via di canto soprattutto dai sasselli, i tordi un filino meglio! Seguendo i consigli che mi sono stati dati ho messo gli uccelli in voliera (misura 150x150xh200) a febbraio, sempre in voliera ma al buio da inizio aprile fino a ferragosto quando li ho presi messi in gabbia, scoprendoli poco per volta e dal 1 settembre ho messo a lavorare il fotoperiodo usando la tabella sassello per tutta la batteria avendo solo una stanza, tenendo coperti sasselli e cesene con un telo dove filtrava comunque un po’ di luce fino a metà settembre e le cesene ne ho scoperte 3 al 20 ottobre e le restanti al 1 novembre.
      Premettendo che a livello estetico gli uccelli non sono usciti bellissimi dalla muta e un paio addirittura inutilizzabili, ora mi trovo ad avere le cesene completamente mute e che stanno mutando le penne e anche alcuni merli mentre gli altri uccelli no, che è successo? Ho sbagliato a coprirle? Il tipo di muta o tabella? Non dovevo tenerli in voliera? Li ho tutti nella stessa stanza con le stesse ore di luce, ma è evidente che ho sbagliato qualcosa io o qualcosa è andato storto ma chiedendo spiegazioni a chi mi diede dei consigli la risposta è stata: “boh io ho sempre fatto così”

      Chiedo a questo punto a voi dei consigli sul da farsi, almeno per il prossimo anno per non incappare in altri errori simili, grazie
      Hai fatto tutto bene quindi il problema risiede all' inizio: quando a febbraio li hai messi in voliera i tordi avevano già mutato o no e la voliera era a luce naturale o artificiale? Ed a giugno li hai spennati?...Fammi sapere così possiamo capire.
      Caccia ... è la passione, roscioli alla nocetta .... è l'emozione!!!

      COMMENTA


      • #4
        Re: Primo anno con il fotoperiodo

        Originariamente inviato da giammarco Visualizza il messaggio
        Ciao, anche io ho ereditato la batteria da mio nonno 5 anni fa, lui faceva la chiusa classica al buoi e in voliera come hai spiegato tu, ma io nn l'ho mai fatta sono passato subito al fotoperiodo integrale. Nel fotoperiodo integrale gli uccelli mutano da soli a fine dicembre/gennaio, teoricamente quando li hai messi al buio dovevano essere già mutati. Domanda importante, sei certo al 100% che non entrava luce in voliera? Se vuoi consigli sulll fotoperiodo integrale posso aiutarti di più ma della chiusa ne so poco..

        Inviato dal mio EVOLVEO_StrongPhone_Q7_LTE utilizzando Tapatalk
        Sono certo che non entrava luce in quanto ho coperto i vetri delle 2 finestre con una pellicola adesiva nera e in aggiunta delle tende oscuranti.

        Va bene qualsiasi consiglio per trovare il metodo ideale e non ripetere un anno come questo, grazie

        Originariamente inviato da lukyago Visualizza il messaggio
        Hai fatto tutto bene quindi il problema risiede all' inizio: quando a febbraio li hai messi in voliera i tordi avevano già mutato o no e la voliera era a luce naturale o artificiale? Ed a giugno li hai spennati?...Fammi sapere così possiamo capire.
        Non te lo so dire se avevano già mutato, non ne so molto e gli uccelli li ho avuti solo a marzo inoltrato.
        La luce in stanza entra sia naturalmente che artificialmente quando sono in voliera e anche quando sono in gabbia, non va bene?
        A giugno non li ho spennati, ho saputo solo dopo che andavano tolte le penne timoniere e remiganti leggendo e informandomi

        Non sapendone molto ho fatto quello che mi è stato detto e indicato ma ho fatto solo un disatro, mi sono fatto mille domande e ho chiesto in giro ma non ho avuto grossi aiuti

        COMMENTA


        • #5
          Re: Primo anno con il fotoperiodo

          Hai notato se tra aprile e giugno gli uccelli canticchiavano più o meno a bassa o alta voce ?

          COMMENTA


          • #6
            Re: Primo anno con il fotoperiodo

            Non te lo so dire se avevano già mutato, non ne so molto e gli uccelli li ho avuti solo a marzo inoltrato.
            La luce in stanza entra sia naturalmente che artificialmente quando sono in voliera e anche quando sono in gabbia, non va bene?
            A giugno non li ho spennati, ho saputo solo dopo che andavano tolte le penne timoniere e remiganti leggendo e informandomi

            Non sapendone molto ho fatto quello che mi è stato detto e indicato ma ho fatto solo un disatro, mi sono fatto mille domande e ho chiesto in giro ma non ho avuto grossi aiuti

            Tutti gli uccelli terminata la fase del canto DEVONO rimpennare e ciò avviene tra dicembre e febbraio, poi con il riallungarsi delle giornate, tra aprile e maggio, ricominciano a studiare ed è questo il momento di metterli in chiusa. Ecco xchè ti ho chiesto se avevano rimpennato e se la luce solare primaverile in aumento entrasse nella stanza: sono questi i requisiti per "chiuderli" e farli "ripartire" poi a settembre. Penso che l' errore sia stato questo, senza rimpenno non hanno neanche avvertito alcuno stimolo sessuale ed al contempo anche la muta è stata approssimativa ed incompleta. Quindi ora è indispensabile fargli fare un buon rimpenno aiutandoli anche con un mangime "muta" e se qualcuno non la fa stimolalo asportando sia le penne rotte sia i relativi monconi; esponili poi alla luce in aumento ed appena li senti "partire" involierali e mettili al buio della chiusa. Ma io almeno 1 ora di luce artificiale per riconoscere dove rifocillarsi la lascerei. Continua poi come hai descritto e...in bocca al lupo!...questi erano i "segreti inconfessabili"...
            Caccia ... è la passione, roscioli alla nocetta .... è l'emozione!!!

            COMMENTA


            • #7
              Re: Primo anno con il fotoperiodo

              Originariamente inviato da MatteoM Visualizza il messaggio
              Ciao a tutti, sono nuovo del forum e nuovo anche come forma di caccia, infatti da quest'anno ho cominciando con la caccia da appostamento fisso!
              Avendo "ereditato" la mia batteria di uccelli dal nonno che praticava questo tipo di caccia e avendo un bagaglio di esperienza pari allo zero mi sono affidato ai consigli dati con il contagocce di un mio vicino cacciatore esperto per la pratica del fotoperiodo.
              La mia batteria è composta da circa 10 tordi, 4 merli, 8 sasselli e 6 cesene, ho integrato questa primavera acquistando 5 giovani tordi e 4 giovani sasselli.
              Ammetto di non aver ottenuto grandissimi risultati per via di canto soprattutto dai sasselli, i tordi un filino meglio! Seguendo i consigli che mi sono stati dati ho messo gli uccelli in voliera (misura 150x150xh200) a febbraio, sempre in voliera ma al buio da inizio aprile fino a ferragosto quando li ho presi messi in gabbia, scoprendoli poco per volta e dal 1 settembre ho messo a lavorare il fotoperiodo usando la tabella sassello per tutta la batteria avendo solo una stanza, tenendo coperti sasselli e cesene con un telo dove filtrava comunque un po’ di luce fino a metà settembre e le cesene ne ho scoperte 3 al 20 ottobre e le restanti al 1 novembre.
              Premettendo che a livello estetico gli uccelli non sono usciti bellissimi dalla muta e un paio addirittura inutilizzabili, ora mi trovo ad avere le cesene completamente mute e che stanno mutando le penne e anche alcuni merli mentre gli altri uccelli no, che è successo? Ho sbagliato a coprirle? Il tipo di muta o tabella? Non dovevo tenerli in voliera? Li ho tutti nella stessa stanza con le stesse ore di luce, ma è evidente che ho sbagliato qualcosa io o qualcosa è andato storto ma chiedendo spiegazioni a chi mi diede dei consigli la risposta è stata: “boh io ho sempre fatto così”

              Chiedo a questo punto a voi dei consigli sul da farsi, almeno per il prossimo anno per non incappare in altri errori simili, grazie
              Ci sono troppi lati oscuri x poterti dare dei consigli senza essere certi di fare altri errori.
              Quando dici che alcuni Richiami erano inutilizzabili non capisco davvero cosa abbiano avuto! In 10 anni non ho mai avuto Richiami inutilizzabili!!!

              L’unico consiglio che mi sento di darti è di lasciarli lì, in stanza , con una tabella unica e toccarli il meno possibile fino a che non hanno terminato la muta! Evitare il coprire-scoprire ( perché è una cosa molto
              complicata che sconsiglio vivamente a chi è alle prime armi) , impostare la tabella Sassello ritardata di 15giorni e lasciare tutti scoperti com’e Normale che sia!
              Ovviamente la stanza deve avere tutti i crismi giusti! Luce esterna non deve entrare!!! Illuminazione con i neon giusta! Ventilazione e pulizia dei Richiami nel miglior modo possibile perché tutte queste cose hanno la sua importanza fondamentale è la salute dei Richiami viene prima di tutto!

              Parti semplice e poi fai gli step volta X volta quando hai ottenuto buoni risultati seguendo X bene le regole semplici.
              Iniziare senza sapere se gli animali hanno
              mutato e per di più facendo cose difficili come metterli in voliera e poi coprire o scoprire può solo portare a questi risultati. La caccia con i Richiami è una cosa seria. E nonostante tutti i consigli che ti possano essere dati senza l’esperienza sul campo non si va’da nessuna parte.

              Ciao

              COMMENTA


              • #8
                Re: Primo anno con il fotoperiodo

                Originariamente inviato da agata000 Visualizza il messaggio
                Hai notato se tra aprile e giugno gli uccelli canticchiavano più o meno a bassa o alta voce ?
                Si canticchiavano e per l'esperienza che ho potrei dirti che era a bassa voce

                - - - Aggiornato - - -

                Originariamente inviato da lukyago Visualizza il messaggio
                Tutti gli uccelli terminata la fase del canto DEVONO rimpennare e ciò avviene tra dicembre e febbraio, poi con il riallungarsi delle giornate, tra aprile e maggio, ricominciano a studiare ed è questo il momento di metterli in chiusa. Ecco xchè ti ho chiesto se avevano rimpennato e se la luce solare primaverile in aumento entrasse nella stanza: sono questi i requisiti per "chiuderli" e farli "ripartire" poi a settembre. Penso che l' errore sia stato questo, senza rimpenno non hanno neanche avvertito alcuno stimolo sessuale ed al contempo anche la muta è stata approssimativa ed incompleta. Quindi ora è indispensabile fargli fare un buon rimpenno aiutandoli anche con un mangime "muta" e se qualcuno non la fa stimolalo asportando sia le penne rotte sia i relativi monconi; esponili poi alla luce in aumento ed appena li senti "partire" involierali e mettili al buio della chiusa. Ma io almeno 1 ora di luce artificiale per riconoscere dove rifocillarsi la lascerei. Continua poi come hai descritto e...in bocca al lupo!...questi erano i "segreti inconfessabili"...
                Non sapendo di dover cambiare il mangime infatti il mangime per la muta non lo hanno avuto. Stimolarli asportando le penne rotte sia i relativi monconi lo devo fare quando si rimpennano o a giugno?

                - - - Aggiornato - - -

                Originariamente inviato da sassellino Visualizza il messaggio
                Ci sono troppi lati oscuri x poterti dare dei consigli senza essere certi di fare altri errori.
                Quando dici che alcuni Richiami erano inutilizzabili non capisco davvero cosa abbiano avuto! In 10 anni non ho mai avuto Richiami inutilizzabili!!!

                L’unico consiglio che mi sento di darti è di lasciarli lì, in stanza , con una tabella unica e toccarli il meno possibile fino a che non hanno terminato la muta! Evitare il coprire-scoprire ( perché è una cosa molto
                complicata che sconsiglio vivamente a chi è alle prime armi) , impostare la tabella Sassello ritardata di 15giorni e lasciare tutti scoperti com’e Normale che sia!
                Ovviamente la stanza deve avere tutti i crismi giusti! Luce esterna non deve entrare!!! Illuminazione con i neon giusta! Ventilazione e pulizia dei Richiami nel miglior modo possibile perché tutte queste cose hanno la sua importanza fondamentale è la salute dei Richiami viene prima di tutto!

                Parti semplice e poi fai gli step volta X volta quando hai ottenuto buoni risultati seguendo X bene le regole semplici.
                Iniziare senza sapere se gli animali hanno
                mutato e per di più facendo cose difficili come metterli in voliera e poi coprire o scoprire può solo portare a questi risultati. La caccia con i Richiami è una cosa seria. E nonostante tutti i consigli che ti possano essere dati senza l’esperienza sul campo non si va’da nessuna parte.

                Ciao
                Per alcuni richiami sono inutilizzabili (ovvero 4) intendo che quando li ho tirati fuori dalla muta erano bruttissimi e con la testa completamente pelata, oltretutto 2 di 4 strepitano solo ad avvicinarsi alla gabbia e gli altri 2 sono ciechi da un occhio, da cosa può dipendere? Dalle dimensioni troppo piccole della voliera? Diventano ciechi perchè i neon sono troppo vicini?

                La tabella sassello ritardata di 15 giorni vuol dire che al 1 settembre quando la imposto devo mettere la data del 15 agosto sul fotoperiodo?

                Solo luce artificiale quindi niente luce naturale? Come faccio a dargli luce un pò per volta quando li tolgo dalla muta?
                Tutti scoperti anche le cesene?
                Sulla ventilazione forse non ce n'è abbastanza come posso fare?

                COMMENTA


                • #9
                  Re: Primo anno con il fotoperiodo

                  Mi è stato detto anche di provare una muta diversa per le cesene ovvero di metterle in muta quando tiro fuori gli altri (dopo ferragosto) fino a circa la metà di ottobre, senza metterle al buio in primavera può essere una soluzione?

                  Un'altra domanda che può essere scontata ma per me non lo è: i richiami devono cantare per forza con questo metodo? sono appesi in una posizione che a loro non piace? il loro canto magari era coperto da quelli più forti? cantano magari meno rispetto ad altri? avevano qualche problema a livello di salute e magari il prossimo anno potrebbero cantare? sono vecchi quindi non cantano più o poco? oppure quelli che non cantano è perchè sono "scarsi" e dopo averli valutati una stagione è meglio scartarli?

                  COMMENTA


                  • #10
                    Re: Primo anno con il fotoperiodo

                    Originariamente inviato da MatteoM Visualizza il messaggio
                    Si canticchiavano e per l'esperienza che ho potrei dirti che era a bassa voce

                    - - - Aggiornato - - -



                    Non sapendo di dover cambiare il mangime infatti il mangime per la muta non lo hanno avuto. Stimolarli asportando le penne rotte sia i relativi monconi lo devo fare quando si rimpennano o a giugno?

                    - - - Aggiornato - - -



                    Per alcuni richiami sono inutilizzabili (ovvero 4) intendo che quando li ho tirati fuori dalla muta erano bruttissimi e con la testa completamente pelata, oltretutto 2 di 4 strepitano solo ad avvicinarsi alla gabbia e gli altri 2 sono ciechi da un occhio, da cosa può dipendere? Dalle dimensioni troppo piccole della voliera? Diventano ciechi perchè i neon sono troppo vicini?

                    La tabella sassello ritardata di 15 giorni vuol dire che al 1 settembre quando la imposto devo mettere la data del 15 agosto sul fotoperiodo?

                    Solo luce artificiale quindi niente luce naturale? Come faccio a dargli luce un pò per volta quando li tolgo dalla muta?
                    Tutti scoperti anche le cesene?
                    Sulla ventilazione forse non ce n'è abbastanza come posso fare?
                    Il fotoperiodo NON PREVEDE la muta al buio!
                    Unica stanza e luce tutto l’anno. O fai una cosa o fai l’altra.
                    Il fotoperiodo è la cosa più semplice che c’e Basta seguire alla lettera un paio di regole. La prima è luce tutto l’anno che viene data gradualmente dal programmatore.

                    Sul discorso degli animali ciechi possono esserci svariati motivi. In primis la vecchiaia. Ti ricordo che non puoi portarlo a caccia in codeste condizioni qui di fai te le dovute considerazioni del caso.

                    Stanza poco ventilata? Altro gran problema! O cambi stanza o ti attrezzi X ventilarla.

                    ciao

                    COMMENTA


                    • #11
                      Re: Primo anno con il fotoperiodo

                      Originariamente inviato da sassellino Visualizza il messaggio
                      Il fotoperiodo NON PREVEDE la muta al buio!
                      Unica stanza e luce tutto l’anno. O fai una cosa o fai l’altra.
                      Il fotoperiodo è la cosa più semplice che c’e Basta seguire alla lettera un paio di regole. La prima è luce tutto l’anno che viene data gradualmente dal programmatore.

                      Sul discorso degli animali ciechi possono esserci svariati motivi. In primis la vecchiaia. Ti ricordo che non puoi portarlo a caccia in codeste condizioni qui di fai te le dovute considerazioni del caso.

                      Stanza poco ventilata? Altro gran problema! O cambi stanza o ti attrezzi X ventilarla.

                      ciao

                      Infatti li lascio a casa quelli che avevano problemi!

                      Come posso attrezzarmi per ventilarla un pò? Davvero non ne ho idea

                      I giovani che ho acquistato quest'anno li sto tenendo in una stanza a parte dove non c'è il fotoperiodo, devo spennarli io quindi? quando? come?

                      COMMENTA


                      • #12
                        Re: Primo anno con il fotoperiodo

                        Originariamente inviato da MatteoM Visualizza il messaggio
                        Infatti li lascio a casa quelli che avevano problemi!

                        Come posso attrezzarmi per ventilarla un pò? Davvero non ne ho idea

                        I giovani che ho acquistato quest'anno li sto tenendo in una stanza a parte dove non c'è il fotoperiodo, devo spennarli io quindi? quando? come?

                        Chi fa’fotoperiodo nessuno
                        spenna nulla! Ti ripeto. Parti con le cose semplici! Stanza fatta bene, giusta illuminazione e tabella fotoperiodo classica ( la sassello
                        fidati va’bene X tutto).
                        Metti dentro i Richiami, li accudisci come si deve ( pulizia massima ) e gli fai fare il corso naturale.
                        Vedrai che ti canteranno come a tutti.

                        Spennature, coperture , doppie stanze al naturale, buio, tutte cose DELETERIE che non servono a nulla X chi fa’fotoperiodo!
                        Davvero non comprendo questa volontà a complicarsi la vita quando una cosa semplice fatta X bene al 99% ti da’gia’i giusti risultati.
                        Mi sembra che a fare le cose tanto X fare hai già perso un anno...fai le cose semplici e poi il prossimo anno mi dici come ti sei trovato.

                        Ciao

                        COMMENTA


                        • #13
                          Re: Primo anno con il fotoperiodo

                          Se cantavano la primavera, anche se a basso volume, in condizioni che per te erano di chiusa tradizionale vuol dire che il luogo in cui li hai tenuti non era completamente isolato alla luce (artificiale o naturale poco importa ).
                          In un locale buio ma dove filtrano anche solo pochi raggi di luce naturale, gli uccelli percepiscono quella poca luce quasi come se fossero all'aperto.
                          Ricordati che per gli uccelli la sensibilità alla variazione di luminosità e di durata del giorno è elevata alla massima potenza.
                          Io credo che da lì siano iniziati i tuoi problemi. ......

                          COMMENTA


                          • #14
                            Re: Primo anno con il fotoperiodo

                            Originariamente inviato da sassellino Visualizza il messaggio
                            Chi fa’fotoperiodo nessuno
                            spenna nulla! Ti ripeto. Parti con le cose semplici! Stanza fatta bene, giusta illuminazione e tabella fotoperiodo classica ( la sassello
                            fidati va’bene X tutto).
                            Metti dentro i Richiami, li accudisci come si deve ( pulizia massima ) e gli fai fare il corso naturale.
                            Vedrai che ti canteranno come a tutti.

                            Spennature, coperture , doppie stanze al naturale, buio, tutte cose DELETERIE che non servono a nulla X chi fa’fotoperiodo!
                            Davvero non comprendo questa volontà a complicarsi la vita quando una cosa semplice fatta X bene al 99% ti da’gia’i giusti risultati.
                            Mi sembra che a fare le cose tanto X fare hai già perso un anno...fai le cose semplici e poi il prossimo anno mi dici come ti sei trovato.

                            Ciao
                            Concordo, io sono partito con un semplice fotoperiodo con la tabella automatica e non ho dovuto fare niente di che solo tenere la stanza in ordine e tenere bene gli uccelli... E hanno cantato da subito.

                            Inviato dal mio EVOLVEO_StrongPhone_Q7_LTE utilizzando Tapatalk

                            COMMENTA


                            • #15
                              Re: Primo anno con il fotoperiodo

                              Ps: io le basi le ho prese da questo libro.. Dopo anno per anno uno si migliora..

                              Inviato dal mio EVOLVEO_StrongPhone_Q7_LTE utilizzando Tapatalk

                              COMMENTA

                              Pubblicita STANDARD

                              Comprimi

                              Ultimi post

                              Comprimi

                              Unconfigured Ad Widget

                              Comprimi
                              Sto operando...
                              X