annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Bergamo, approvazione piano faunistico venatorio rinviata.

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (21%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #16
    Originariamente inviato da frosone65 Visualizza il messaggio
    brutta roba ragazzi, io mi sono messo al riparo ed ho preso pavia,mi hanno accettato,ed ho rifiutato milano ovest,forse la caccio di piu.
    In che atc di Pv sei stato preso? Quest'anno hanno preso anche me
    Più buio che a mezzanotte non viene

    COMMENTA


    • #17
      ciao pavia 3

      COMMENTA


      • #18
        Originariamente inviato da frosone65 Visualizza il messaggio
        brutta roba ragazzi, io mi sono messo al riparo ed ho preso pavia,mi hanno accettato,ed ho rifiutato milano ovest,forse la caccio di piu.

        Be per quello avendo lodi sud non ho problemi (caccio quasi sempre la) ma mi girerebbero non poco non poter fare l'apertura come sempre con il mio babbo e zio fuori casa. Poi visto che sono riuscito a lanciare qualche femmina di fagiano "vera" e che da alcuni avvistamenti hanno covato mi girerebbero ancora di più non poter nemmeno aver la soddisfazzione di vederne una con il cane dopo tutto il tempo che gli ho dedicato

        COMMENTA


        • #19
          Dopo due sedute ad alta tensione i consiglieri provinciali si preparano a quella che dovrebbe essere la riunione decisiva per approvare il piano faunistico venatorio che regola le zone di caccia e di tutela del territorio bergamasco.



          Piano caccia provinciale,
          accordo quasi raggiunto
          Oggi la sfida in Consiglio








          Dopo due sedute ad alta tensione i consiglieri provinciali si preparano a quella che dovrebbe essere la riunione decisiva per approvare il piano faunistico venatorio che regola le zone di caccia e di tutela del territorio bergamasco. Sotto il tiro dei cacciatori, presenti in massa lunedì e mercoledì scorso in via Tasso, gli esponenti di maggioranza e opposizione si sono scornati senza trovare una soluzione.
          La spaccatura è soprattutto nel gruppo leghista, diviso esattamente a metà. Da una parte ci sono i sette favorevoli ai 16 emendamenti presentati da Matteo Malighetti, esponente del Carroccio, eVittorio Milesi, capogruppo della lista Udc-Lista Bettoni. Dall’altra i sette fedeli alla linea espressa dalla Giunta e dal presidente Ettore Pirovano: modificare il meno possibile il piano per evitare ricorsi al tribunale amministrativo, come avvenuto in passato, e bloccare di nuovo la caccia. Il compromesso interno alla maggioranza sembra essere stato trovato dopo una riunione di venerdì scorso. Dei 16 emendamenti presentati (inizialmente erano 63) dovrebbero passarne sei, a meno di nuovi colpi di scena. La richiesta era più alta, ma era necessario che qualcuno rivedesse la propria posizione per arrivare a un’approvazione già rimandata due volte. Nella riunione in programma alle 14 dovrebbero essere risolte le ultime incertezze in vista della seduta delle 15. Che sarà tutt’altro che una passeggiata. Con la pressione dei cacciatori, sempre presenti in aula, non si possono escludere sorprese.



          Sono sempre diffidente delle persone a cui non piacciono i cani mentre mi fido tantissimo del cane quando non gli piace una persona.

          COMMENTA


          • #20
            Ci sono novità?

            COMMENTA


            • #21
              Ci sara' anche chi e' felice ed esulta sul tema in merito e legge il forum,non son cacciatori nel vero senso della parola , io non son contento per nulla di certo.......:Ancora un nulla di fatto: Il voto sul piano faunistico venatorio è stato rinviato per la terza volta consecutiva in Consiglio provinciale. L’opposizione alza il tiro e chiede a Pirovano di dimettersi.Caccia, ennesimo rinvio
              in Consiglio provinciale
              “Pirovano ora si dimetta”







              Ancora un nulla di fatto. Il voto sul piano faunistico venatorio è stato rinviato per la terza volta consecutiva in Consiglio provinciale. Mercoledì dovrebbe (il condizionale ormai è d’obbligo) essere la seduta definitiva per trovare un accordo all’interno della maggioranza. In caso contrario la crisi, già evidente, potrebbe essere molto più grave del previsto. La discussione di lunedì è durata la bellezza di sei ore, tempo necessario per discutere tutti gli emendamenti ritirati settimana scorsa e ripresentati all’improvviso in aula dal leghista Matteo Malighetti e daVittorio Milesi, lista Bettoni-Udc.
              A nulla è servita la mediazione messa in atto negli ultimi giorni tra l’assessore Alessandro Cottini,il presidente Ettore Pirovano, consiglieri del Carroccio, del Pdl e tecnici. Tutti i documenti presentati sono stati bocciati, come da programma. Il colpo di scena è però arrivato sull’ultimo, un maxi emendamento studiato appositamente per arrivare ad un compromesso tra i tecnici e i consiglieri vicini ai cacciatori. I primi infatti temono ricorsi da parte degli ambientalisti, con conseguente stop del piano caccia, i secondi invece vogliono assecondare le istanze delle associazioni venatorie. Il compromesso, a questo punto storico, è sfumato perché in aula i tecnici hanno presentato un parere negativo a molti degli otto punti contenuti nel documento. Nell’incredulità generale, perché alla terza seduta su questo tema un accordo sembrava scontato, l’assessore ha chiesto di nuovo il rinvio.
              Molti esponenti della maggioranza sono pronti alla resa dei conti, soprattutto nei confronti di Cottini, già bersagliato da una mozione di sfiducia qualche settimana fa. L’opposizione alza il tiro e chiede a Pirovano di dimettersi. “Dopo la discussione alla quale abbiamo assistito e il terzo rinvio del piano – spiega Matteo Rossi del Pd – è ormai palese che la maggioranza Lega Nord-Pdl non esiste più. Se non riescono a governare un piano faunistico ci domandiamo come potranno farlo su temi ben più importanti che riguardano tutti i bergamaschi. E’ ora di prenderne atto e staccare la spina”.




              Lunedì, 8 Luglio, 2013


              Testoni e inconpetenti.............

              Sono sempre diffidente delle persone a cui non piacciono i cani mentre mi fido tantissimo del cane quando non gli piace una persona.

              COMMENTA


              • #22
                Grazie nicola per le informazioni...

                COMMENTA


                • #23
                  Diego,se mi leggi, come funziona se il 17 il piano non viene approvato,intendo a livello burocratico se si dice cosi', perche' leggevo che il wwf da per scontato il commissariamento dello stesso.Puo' essere?
                  Sono sempre diffidente delle persone a cui non piacciono i cani mentre mi fido tantissimo del cane quando non gli piace una persona.

                  COMMENTA


                  • #24
                    Piano faunistico, quarto round
                    In Provincia rischio terremoti


                    • 10 luglio 2013




                    Un cacciatore in azione (Foto by colleoni K13)

                    La caccia rischia di lasciare sul campo qualche «vittima». La maggioranza, in Provincia, si è impantanata tra valichi e capanni, col fiato sul collo dei cacciatori e pure del Tar. E con chance di uscirne che sono tutte da verificare.

                    I risultati si vedranno mercoledì quando il consiglio provinciale è riconvocato – per la quarta volta – per cercare di approvare il documento sul piano faunistico.

                    I «rumors», vista la situazione, davano fortemente in bilico la delega dell'assessore Alessandro Cottini, ma la notizia di dimissioni è stata smentita da Via Tasso (da cui era assente per impegni il presidente Pirovano).

                    Ciò non esclude il rischio terremoto: il coordinatore provinciale del Pdl Angelo Capelli non nasconde «molte perplessità e riserve su chi, in Giunta, aveva la responsabilità di gestire questo percorso e di predisporre le condizioni politiche per portarlo a termine. Questo sarà oggetto di verifica politica». Insomma: vediamo come va il piano, ma poi la questione assessore è sul tavolo.
                    Sono sempre diffidente delle persone a cui non piacciono i cani mentre mi fido tantissimo del cane quando non gli piace una persona.

                    COMMENTA


                    • #25
                      Tutti a casaaaaaaaaaaa!!!!!!!!!!!!!
                      Very Bergamasc d.o.c.
                      Solo e sempre pelo!!!!

                      COMMENTA


                      • #26
                        Originariamente inviato da Giu75 Visualizza il messaggio
                        Tutti a casaaaaaaaaaaa!!!!!!!!!!!!!
                        come sta andando?

                        COMMENTA


                        • #27
                          Ho potuto assistere solo alla votazione finale online 33 votanti 29 favorevoli 4 contrari il consiglio approva il nuovo piano ,ma riguardo agli emendamenti non so nulla !!!!!!!!!

                          COMMENTA


                          • #28
                            I cacciatori impallinano il piano faunistico venatorio della Provincia di Bergamo e cantano vittoria. Alla quarta seduta in una settimana il Consiglio ha approvato un documento profondamente modificato rispetto a quanto approvato dalla Giunta.
                            Vittoria dei cacciatori,
                            la rabbia di Pirovano:
                            “Il piano verrà annullato”




                            I cacciatori impallinano il piano faunistico venatorio della Provincia di Bergamo e cantano vittoria. Alla quarta seduta in una settimana il Consiglio ha approvato un documento profondamente modificato rispetto a quanto approvato dalla Giunta. I consiglieri si sono espressi a favore di due emendamenti nonostante il parere negativo dei tecnici. La linea del presidente Ettore Pirovano e dell'assessore Alessandro Cottini è stata quindi sconfessata dal voto, che ha visto prevalere la fronda pro caccia guidata dal leghista Matteo Malighetti. Maggioranza completamente spaccata, con annesso ribaltone rispetto all'esito delle sedute precedenti in cui i tecnici hanno sempre dichiarato contrarietà alle modifiche proposte. Il presidente è imbufalito: “Il piano verrà annullato, perché attaccato al cuore. Il tribunale non aspetta altro. I cacciatori sono felici, spero che lo siano anche quando qualcuno dirà loro che non possono andare a caccia”. La valutazione politica è ancor più impietosa: “E' inutile parlare di Lega o non Lega, qui c'è solo asilo mariuccia. E vale anche per il Pdl”.

                            L'assessore Alessandro Cottini accetta il responso, ma è critico: “Non condivido alcune scelte del Consiglio, che è comunque sovrano. Auguro a tutti che il piano entri in vigore presto”. Contro di lui si scatena però il fuoco amico del Pdl, che per bocca del consigliere Matteo Oriani lancia un messaggio chiaro: “Molti sono stati i problemi, gli errori, le sottovalutazioni. Qualcuno è venuto meno alla parola data, scrivendo gli emendamenti per poi dare un parere negativo. Non volteremo pagina facilmente facendo finta che nulla sia accaduto. C'è stato un eccesso di leggerezza. Si sarebbe dovuto agire con maggior attenzione, si sarebbe dovuto condividere un percorso diverso. Chi ha peccato di superficialità deve assumersi le sue responsabilità. Non ci si può sedere ad oltranza a un tavolo con persone che sanno solo dire di no. Siamo una forza politica responsabile, ma non subalterna all'alleato o alla Giunta”. Ad amplificare il voto scomposto della maggioranza contro la proposta dell'esecutivo è stata anche la decisione del Pd di non partecipare al voto degli emendamenti. I democratici sono stati gli unici ad esprimersi negativamente anche sul voto complessivo. “Per noi il mondo della caccia appartiene a quello ambientalista tanto quanto i naturalisti – spiega Matteo Rossi -. Siamo amministratori, a noi tocca risolvere i problemi: il compito della maggioranza non era di fare qualcosina, ma di costruire un percorso. Non è stato fatto: qui sta la sconfitta politica. Gli emendamenti approvati rendono questo piano precario. Vogliamo sperare che a pagare non siano cacciatori e ambientalisti. Voi avete dato il peggio e il nostro sarà un voto contrario”. Soddisfatto invece Vittorio Milesi, capogruppo della Lista Bettoni-Udc: “Prendiamo atto con soddisfazione che dopo un percorso tormentato si chiude il piano faunistico. Noi non vogliamo fare l'elenco di chi ha vinto e di chi ha perso. Crediamo che abbia vinto il consiglio provinciale perché, attraverso la discussione, i consiglieri hanno recuperato un senso del loro ruolo”.

                            COMMENTA


                            • #29
                              Vediamo adesso come va avanti, speriamo per il meglio...per noi.....
                              Sono sempre diffidente delle persone a cui non piacciono i cani mentre mi fido tantissimo del cane quando non gli piace una persona.

                              COMMENTA


                              • #30
                                Adesso nel piano che hanno approvato c'é ancora il divieto di alcune pasture e la chiusura di alcuni capanni?

                                COMMENTA

                                Pubblicita STANDARD

                                Comprimi

                                Ultimi post

                                Comprimi

                                Unconfigured Ad Widget

                                Comprimi
                                Sto operando...
                                X