annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

ROMANO ALL'AGRICOLTURA?

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (44%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #31
    Re: ROMANO ALL'AGRICOLTURA?

    Originariamente inviato da cecchino
    Originariamente inviato da sipe48
    Originariamente inviato da cecchino
    Mi fai morire Armà
    Fate come tanti mariti , che per far dispetto alla proprie mogli si tagliano l'uccello!
    Capisco che di "immacolati" in giro non ce ne sono , ma capperi gli "ombrosi" stranamente ve li scegliete solo e sempre voi!
    Peppe sei come quei pugili suonati che a furia di prendere *****tti in testa si sono talmente rimbambiti che ripetono sempre la stessa cosa non lo sapevo che in Italia basta dichiararsi di sinistra per diventare una persona per bene.
    Enzo , fanculo!
    Sai perfettamente che non volevo dire questo!
    Gli scheletri , basta aprire un armadio , che sia di destra o di sinitra , non cambia assolutamente nulla!
    Siete al Governo e vi DEVO sopportare ma come ONESTO cittadino , dove per un mutuo mi chiedono anche di contarmi i peli del culo....beh....pretenderei dai politici la MASSIMA trasparenza......scusate se è poco!
    Allora, se un delinquente qualsiasi si dichiara pentito (molte volte lo fanno ad arte allo scopo di destabilizzare chi gli da la caccia) e comincia ad inventarsi chissà quali malversazioni su tizio o caio e successivamente l'autorità inquirente stabilisce che si è trattato di fandonie...il tizio o il caio è marchiato per sempre, non deve partecipare alla vita pubblica e non può essere eletto/nominato anche se è innocente e quindi VITTIMA...per te e per l'antipolitica di Di Pietro e Grillo il tizio o il caio in questione dovrebbe diventare VITTIMA DUE VOLTE, per appagare la sete di giustizialismo fariseo che sono riusciti ad inculcare in menti assolutamente deboli.
    ENZO.

    La sinistra solo per sparare...sono mancino.

    COMMENTA


    • #32
      Re: ROMANO ALL'AGRICOLTURA?

      Napolitano pone il veto sulla nomina di Romano


      Il leader dei Responsabili doveva giurare già ieri. Aveva organizzato un banchetto all'hotel Nazionale. Ma per lui - assolto dal concorso esterno in associazione mafiosa e corruzione - tornano fantasmi dal passato. Il Quirinale: "Non andiamo incontro a un altro caso Brancher?"
      Un incontro interlocutorio, quello di ieri tra il premier e il Capo dello Stato al Quirinale. Silvio Berlusconi, accompagnato da Gianni Letta, ha “prospettato problemi ed esigenze di rafforzamento della compagine governativa”, ha spiegato lo stesso Giorgio Napolitano. Secondo quanto si è appreso vi sarebbe stato un confronto su una serie di proposte, ma Napolitano su un punto è stato fermo: non sarebbe propenso alla nomina di Saverio Romano all’Agricoltura. Soprattutto il presidente ha espresso dubbi sul passato di Romano che è stato assolto dalle accuse di concorso esterno in associazione mafiosa e corruzione. Napolitano avrebbe paura di andare incontro a un altro caso Brancher. E, indirettamente, il capo dello Stato ha dato una mano ai centristi che, da tempo, dicono a Berlusconi di non fidarsi assolutamente di Romano. Lui che, ieri, all’hotel Nazionale, aveva già rispolverato l’abito scuro e si preparava a salire al Colle e, una volta giurato, avrebbe riunito in albergo i suoi amici e collaboratori per un rinfresco.

      Ma qual è il punto vero che ha portato Napolitano a porre un veto sul leader dei Responsabili? Non si tratta del curriculum politico, ma del passato. Il nome di Romano lo fa il pentito Francesco Campanella, pentito di mafia, ex braccio destro di Nino Mandalà e, giovanissimo segretario dei giovani dell’Udeur. Campanella racconta di un pranzo di lavoro alla vigilia delle elezioni del 2001. Uno dei commensali si alza e dice: “Saverio (Romano ndr), tui sei candidato nel collegio di Bagheria dove c’è anche Villabate, ma lo sai che Francesco (Campanella ndr) non ti vota perché voterà per il centrosinistra?”. E Romano: “Francesco mi vota perché siamo della stessa famiglia”. Lo disse in siciliano e non si riferiva a vincoli di parentela. E poi: “Scinni a Villabate e t’informi”.

      L’assoluzione dovrebbe aver cancellato tutto, in realtà le parole e le circostanze pesano come macigni. E Napolitano sul punto è stato irremovibile. Così il rimpasto è saltato. E anche Giancarlo Galan, pronto al salto in quella palude che è il ministero della Cultura, è rimasto a casa con l’abito scuro nell’armadio.

      Così il rimpasto atteso è stato ulteriormente rinviato. In un primo momento il Cavaliere sembrava intenzionato a fare ritocchi della squadra di palazzo Chigi in due tranche, ma poi ci avrebbe ripensato per il pressing dei responsabili ed esigenze di equilibri interni alla sua maggioranza. Il premier, infatti, sarebbe orientato a fare in una sola tornata ministri e sottosegretari per evitare fibrillazioni interne proprio nel pieno del Ruby gate e alla vigilia delle prima udienza del caso Mills. In particolare, al Quirinale, riferiscono fonti della maggioranza, avrebbero ricordato che la legge Bassanini fissa il ‘tettò massimo degli esponenti della squadra di governo e per superare questo limite servono modifiche all’attuale normativa.

      Il premier del resto non è salito al Quirinale solo con i nomi dei nuovi ministri ma anche sottoponendo a Napolitano l’esigenza di mettere mano, aumentandolo, al numero dei sottosegretari e chiedendo anche tre vice ministri. Un intervento, questo, che però necessita della modifica della legge Bassanini che pone un tetto al numero dei componenti del Governo. Al termine dell’incontro con Napolitano, il premier è rientrato a Palazzo Grazioli dove è stato raggiunto dal ministro dell’Economia, Giulio Tremonti.

      La possibile nomina a ministro di Romano, ha spinto Fabio Granata a invitare il premier a un passo indietro. “Non è un bel segnale”, ha detto l’esponente di Fli. “Crediamo alla presunzione d’innocenza ma chi è stato investito da indagini per questioni così gravi non può rappresentare il governo”. Dunque, ha insistito, “si sta partendo con il piede sbagliato. Berlusconi ha un prezzo da pagare per l’allargamento surrettizio della maggioranza e lo sta pagando
      Il vero cacciatore ama gli animali a cui dà la caccia, forse anche perché li considera complici di questa passione in cui ritrova la sua origine esistenziale.
      Indro Montanelli


      Ciao Mauro,amico mio!

      COMMENTA


      • #33
        Re: ROMANO ALL'AGRICOLTURA?

        Direi che è giusto!
        MAURO NON TI DIMENTICHEREMO MAI!!!!!!!!!!!

        COMMENTA


        • #34
          Re: ROMANO ALL'AGRICOLTURA?

          Direi che è estremamente ingiusto ed antidemocratico...ma si sa la democrazia in Italia ciascuno la fa a proprio uso e consumo...intendiamoci a me di Romano non me ne può fregare di meno...io difendo l'assunto che in democrazia ogni individuo DEVE essere considerato innocente fino a prova contraria che nell'ordinamento giudiziario italiano è garantita fino al terzo grado di giudizio...e mi sono rotto un po' le scatole su sto cavolo di "politicamente corretto" che, per me, è solo aria fritta.
          ENZO.

          La sinistra solo per sparare...sono mancino.

          COMMENTA


          • #35
            Re: ROMANO ALL'AGRICOLTURA?

            Originariamente inviato da sipe48
            Direi che è estremamente ingiusto ed antidemocratico...ma si sa la democrazia in Italia ciascuno la fa a proprio uso e consumo...intendiamoci a me di Romano non me ne può fregare di meno...io difendo l'assunto che in democrazia ogni individuo DEVE essere considerato innocente fino a prova contraria che nell'ordinamento giudiziario italiano è garantita fino al terzo grado di giudizio...e mi sono rotto un po' le scatole su sto cavolo di "politicamente corretto" che, per me, è solo aria fritta.
            Mi spieghi Sipe perche`essere "politicamente corretti" e`solo aria fritta?
            Tutte le cacce hanno pari dignita`e meritano pari rispetto.

            COMMENTA


            • #36
              Re: ROMANO ALL'AGRICOLTURA?

              Originariamente inviato da colombaccio51
              Originariamente inviato da sipe48
              Direi che è estremamente ingiusto ed antidemocratico...ma si sa la democrazia in Italia ciascuno la fa a proprio uso e consumo...intendiamoci a me di Romano non me ne può fregare di meno...io difendo l'assunto che in democrazia ogni individuo DEVE essere considerato innocente fino a prova contraria che nell'ordinamento giudiziario italiano è garantita fino al terzo grado di giudizio...e mi sono rotto un po' le scatole su sto cavolo di "politicamente corretto" che, per me, è solo aria fritta.
              Mi spieghi Sipe perche`essere "politicamente corretti" e`solo aria fritta?

              Perchè dietro le nebbie del "politicamente corretto" si celano tante ipocrisie, tanti detto e non detto che ingenerano sospetti e dubbi che portano a comportamenti errati, a volte, innescando reazioni a catena da cui difficilmente se ne esce...meglio dire quello che si pensa, educatamente, ma senza i così detti peli sulla lingua usando un linguaggio diretto, evitando di ricorrere al "politichese", assumendo, all'occorrenza, anche posizioni in controtendenza, a causa delle quali, si può correre il rischio di pagarne un prezzo molto alto.
              ENZO.

              La sinistra solo per sparare...sono mancino.

              COMMENTA


              • #37
                Re: ROMANO ALL'AGRICOLTURA?

                Originariamente inviato da sipe48
                Direi che è estremamente ingiusto ed antidemocratico...ma si sa la democrazia in Italia ciascuno la fa a proprio uso e consumo...intendiamoci a me di Romano non me ne può fregare di meno...io difendo l'assunto che in democrazia ogni individuo DEVE essere considerato innocente fino a prova contraria che nell'ordinamento giudiziario italiano è garantita fino al terzo grado di giudizio...e mi sono rotto un po' le scatole su sto cavolo di "politicamente corretto" che, per me, è solo aria fritta.
                Ma infatti Romano non è stato fatto ministro per le sue pendenze passate,ma perchè napolitano ha considerato che oltre a fare ministro lui e allargare la schiera dei sottosegretari(cosa non possibile perchè bisogna cambiare la legge,alla faccia dell'austerity)quindi ha chiesto a berlusconi se voleva fare prima il cambio dei ministri oppure aspettare e fare le cose insieme(,berlusconi allora gli è convenuto pensarci un po',perchè dovendo accontentare più persone e non potendolo fare ora perchè i sottosegretari quel numero deve rimanere a meno che non si cambi la legge,)credo che il passo indietro lo abbia fatto Berlusconi visto che per tener su questa maggioranza deve dare un po' a tuttii,quindi meglio che rifletta un po',nun sia mai sbaglia qualcosa,le sorti sue sono in mano a pochi,d'altronde è un uomo ricattabile ed ogni passo lo deve fare con molta cautela....
                Saluti.
                ".....popolate la terra.
                Governatela e dominate sui pesci del mare,
                sugli uccelli del cielo
                e su tutti gli animali".

                COMMENTA


                • #38
                  Re: ROMANO ALL'AGRICOLTURA?

                  Originariamente inviato da Massimiliano
                  Originariamente inviato da sipe48
                  Direi che è estremamente ingiusto ed antidemocratico...ma si sa la democrazia in Italia ciascuno la fa a proprio uso e consumo...intendiamoci a me di Romano non me ne può fregare di meno...io difendo l'assunto che in democrazia ogni individuo DEVE essere considerato innocente fino a prova contraria che nell'ordinamento giudiziario italiano è garantita fino al terzo grado di giudizio...e mi sono rotto un po' le scatole su sto cavolo di "politicamente corretto" che, per me, è solo aria fritta.
                  Ma infatti Romano non è stato fatto ministro per le sue pendenze passate,ma perchè napolitano ha considerato che oltre a fare ministro lui e allargare la schiera dei sottosegretari(cosa non possibile perchè bisogna cambiare la legge,alla faccia dell'austerity)quindi ha chiesto a berlusconi se voleva fare prima il cambio dei ministri oppure aspettare e fare le cose insieme(,berlusconi allora gli è convenuto pensarci un po',perchè dovendo accontentare più persone e non potendolo fare ora perchè i sottosegretari quel numero deve rimanere a meno che non si cambi la legge,)credo che il passo indietro lo abbia fatto Berlusconi visto che per tener su questa maggioranza deve dare un po' a tuttii,quindi meglio che rifletta un po',nun sia mai sbaglia qualcosa,le sorti sue sono in mano a pochi,d'altronde è un uomo ricattabile ed ogni passo lo deve fare con molta cautela....
                  Saluti.
                  Nonostante tanti scritti, ancora non sono riuscito a chiarire che a me di Berlusconi o di Romano non me ne può fregare di meno...tuttavia, non posso fare a meno di notare che, al momento, il governo Berlusconi è il migliore possibile/fattibile...il perchè poi ognuno se lo costruisce come vuole.

                  N.B.: in questa discussione ho risposto solo per specificare che Romano è stato prosciolto senza neanche essere rinviato a giudizio...significa che, alla pari di ogni altro cittadino italiano, è una persona per bene fino a quando non si dimostra il contrario con sentenza passata in giudicato...io ci tengo molto a queste garanzie per me e per gli altri cittadini.
                  ENZO.

                  La sinistra solo per sparare...sono mancino.

                  COMMENTA


                  • #39
                    Re: ROMANO ALL'AGRICOLTURA?

                    Quello e`il problema Sipe!
                    Gli altri cittadini!!!!
                    Ti ricordi come disse il grande Alberto Sordi nel film il Marchese del grillo?
                    Me dispiace,ma io so io,e voi non siete un *****!
                    Ecco!
                    Loro sono loro,e noi non siamo un *****!
                    E ti ico anche se a te di lui un te ne puo`fregare di meno,io ti dico che non mi frega nulla di nessuno di tutti loro,percio politica e politicanti italiani con me hanno chiuso.
                    Tutte le cacce hanno pari dignita`e meritano pari rispetto.

                    COMMENTA


                    • #40
                      Re: ROMANO ALL'AGRICOLTURA?

                      Originariamente inviato da colombaccio51
                      Quello e`il problema Sipe!
                      Gli altri cittadini!!!!
                      Ti ricordi come disse il grande Alberto Sordi nel film il Marchese del grillo?
                      Me dispiace,ma io so io,e voi non siete un *****!
                      Ecco!
                      Loro sono loro,e noi non siamo un *****!
                      E ti ico anche se a te di lui un te ne puo`fregare di meno,io ti dico che non mi frega nulla di nessuno di tutti loro,percio politica e politicanti italiani con me hanno chiuso.
                      Non ti sfiora per la mente che forse è proprio quello che vogliono...se permetti i miei diritti io non li alieno, me li tengo ben stretti e li esercito sempre, comunque e dovunque.
                      Per il resto lascia stare il marchese del grillo che semmai ora si verifica l'esatto opposto cioè che l'ultimo magistrato di una piccola procura architettando fantasiose accuse riesce a mettere in scacco e a far cadere un governo (mi riferisco all'ultimo governo Prodi)...ergo quel "io sono io e voi non siete un ca@@o" calzerebbe a pennello su alcuni magistrati anche alcuni di quelli che giudicano su reati venatori.
                      ENZO.

                      La sinistra solo per sparare...sono mancino.

                      COMMENTA


                      • #41
                        Re: ROMANO ALL'AGRICOLTURA?

                        «Io al governo non entro dalla finestra, entro dalla porta». Spavaldo di carattere, Francesco Saverio Romano, nato alla vigilia di Natale di 46 anni fa, siciliano di Belmonte Mezzagno, ha annunciato mesi fa ad amici e sodali che il suo posto da ministro non è in discussione.
                        All’Agricoltura, un bel dicastero di spesa e un ricordo per così dire affettivo: il ruolo fu occupato negli anni Ottanta da Calogero Mannino, il suo maestro, quando Romano ventenne muoveva i primi passi in politica. Toccante pensiero, specie ora che Romano, come si usa nelle migliori tradizioni, ha fatto fuori il vecchio tutore e si è messo in proprio.(…) L’ultimo arresto di un suo uomo, il deputato regionale Fausto Fagone, risale a novembre. Eletto per la prima volta nel 2001 nel collegio di Bagheria, Romano è dal 2003 sotto inchiesta per concorso esterno in associazione mafiosa. Si cominciò con le registrazioni ambientali del boss Giuseppe Guttadauro che parlava di Romano in termini entusiastici: «Voglio incontrarlo», spiegava a un interlocutore. «Dimmi tu quando devo venire. Pure in mezzo alla strada lo posso incontrare: avvocato è».
                        Colloqui in cui il capomafia si lasciava andare anche ad altre considerazioni: «Berlusconi non può pensare solo a lui, ai suoi processi, deve risolvere anche i nostri problemi».
                        Più gravi ancora le rivelazioni del pentito Francesco Campanella, il prototipo del neo-mafioso che si inserisce nella politica, candidandosi alle elezioni e inserendosi nelle istituzioni. Campanella ha raccontato che durante un pranzo romano in un ristorante presso Campo de Fiori Romano gli chiese i voti in termini ultimativi: «Siamo della stessa famigghia». Il deputato siciliano non ha smentito, data la presenza di altri testimoni, si è limitato a precisare: «Intendevo dire la stessa famiglia politica, veniamo entrambi dalla Dc».

                        Ero dal barbiere e leggevo.....naturalmente un giornale di gossip!
                        Tutti si sbattono così tanto per essere alternativi e originali.
                        Al giorno d'oggi, per distinguersi dalla massa, basta così poco.
                        L'educazione, per esempio.
                        Giuseppe
                        Maurè ti vogliamo bene!!

                        COMMENTA


                        • #42
                          Re: ROMANO ALL'AGRICOLTURA?

                          Originariamente inviato da sipe48
                          Originariamente inviato da Massimiliano
                          Originariamente inviato da sipe48
                          Direi che è estremamente ingiusto ed antidemocratico...ma si sa la democrazia in Italia ciascuno la fa a proprio uso e consumo...intendiamoci a me di Romano non me ne può fregare di meno...io difendo l'assunto che in democrazia ogni individuo DEVE essere considerato innocente fino a prova contraria che nell'ordinamento giudiziario italiano è garantita fino al terzo grado di giudizio...e mi sono rotto un po' le scatole su sto cavolo di "politicamente corretto" che, per me, è solo aria fritta.
                          Ma infatti Romano non è stato fatto ministro per le sue pendenze passate,ma perchè napolitano ha considerato che oltre a fare ministro lui e allargare la schiera dei sottosegretari(cosa non possibile perchè bisogna cambiare la legge,alla faccia dell'austerity)quindi ha chiesto a berlusconi se voleva fare prima il cambio dei ministri oppure aspettare e fare le cose insieme(,berlusconi allora gli è convenuto pensarci un po',perchè dovendo accontentare più persone e non potendolo fare ora perchè i sottosegretari quel numero deve rimanere a meno che non si cambi la legge,)credo che il passo indietro lo abbia fatto Berlusconi visto che per tener su questa maggioranza deve dare un po' a tuttii,quindi meglio che rifletta un po',nun sia mai sbaglia qualcosa,le sorti sue sono in mano a pochi,d'altronde è un uomo ricattabile ed ogni passo lo deve fare con molta cautela....
                          Saluti.
                          Nonostante tanti scritti, ancora non sono riuscito a chiarire che a me di Berlusconi o di Romano non me ne può fregare di meno...tuttavia, non posso fare a meno di notare che, al momento, il governo Berlusconi è il migliore possibile/fattibile...il perchè poi ognuno se lo costruisce come vuole.

                          N.B.: in questa discussione ho risposto solo per specificare che Romano è stato prosciolto senza neanche essere rinviato a giudizio...significa che, alla pari di ogni altro cittadino italiano, è una persona per bene fino a quando non si dimostra il contrario con sentenza passata in giudicato...io ci tengo molto a queste garanzie per me e per gli altri cittadini.











                          Enzo non postare inesattezze!
                          Indagato nel 99 con chiusura dell'inchiesta.
                          Seconda indagine nel 2005 e per questa
                          Il Gip non ha accolto la richiesta di archiviazione avanzata dalla procura di Palermo.
                          Altra inchiesta in corso per corruzione nata dalle dichiarazioni di Massimo Ciancimino.
                          Alla faccia della trasparenza!
                          Informati! :wink:
                          Ma la politica Italiana ....tutta , non può farne proprio a meno di questi personaggi?
                          A prescindere!
                          Tutti si sbattono così tanto per essere alternativi e originali.
                          Al giorno d'oggi, per distinguersi dalla massa, basta così poco.
                          L'educazione, per esempio.
                          Giuseppe
                          Maurè ti vogliamo bene!!

                          COMMENTA


                          • #43
                            Re: ROMANO ALL'AGRICOLTURA?

                            Originariamente inviato da cecchino
                            Originariamente inviato da sipe48
                            Originariamente inviato da sipe48
                            Direi che è estremamente ingiusto ed antidemocratico...ma si sa la democrazia in Italia ciascuno la fa a proprio uso e consumo...intendiamoci a me di Romano non me ne può fregare di meno...io difendo l'assunto che in democrazia ogni individuo DEVE essere considerato innocente fino a prova contraria che nell'ordinamento giudiziario italiano è garantita fino al terzo grado di giudizio...e mi sono rotto un po' le scatole su sto cavolo di "politicamente corretto" che, per me, è solo aria fritta.
                            Nonostante tanti scritti, ancora non sono riuscito a chiarire che a me di Berlusconi o di Romano non me ne può fregare di meno...tuttavia, non posso fare a meno di notare che, al momento, il governo Berlusconi è il migliore possibile/fattibile...il perchè poi ognuno se lo costruisce come vuole.

                            N.B.: in questa discussione ho risposto solo per specificare che Romano è stato prosciolto senza neanche essere rinviato a giudizio...significa che, alla pari di ogni altro cittadino italiano, è una persona per bene fino a quando non si dimostra il contrario con sentenza passata in giudicato...io ci tengo molto a queste garanzie per me e per gli altri cittadini.

                            Enzo non postare inesattezze!
                            Indagato nel 99 con chiusura dell'inchiesta.
                            Seconda indagine nel 2005 e per questa
                            Il Gip non ha accolto la richiesta di archiviazione avanzata dalla procura di Palermo.
                            Altra inchiesta in corso per corruzione nata dalle dichiarazioni di Massimo Ciancimino.
                            Alla faccia della trasparenza!
                            Informati! :wink:
                            Ma la politica Italiana ....tutta , non può farne proprio a meno di questi personaggi?
                            A prescindere!
                            Perchè la Procura di Palermo chiede l'archiviazione e il GIP non l'accoglie???? e non da neanche le motivazioni???? magari vuol far passare un po' di tempo ad arte per poi accoglierle quando il danno è ormai stato fatto????
                            Come vedi se facciamo della dietrologia la si può fare in un senso e nell'altro...ma il problema non è questo, perchè, torno a ripetere, a me di Romano NON ME NE PUO' FREGARE DI MENO, il problema è che non mi torna qualcosa nell'amministrazione della giustizia in Italia (specialmente quella fatta da alcuni giudici molto politicizzati)...la giustizia va riformata, lo sanno tutti, ma per il gioco delle parti una parte vuole attuarla e l'altra, pur sapendo che è una necessità, deve osteggiarla, adducendo come giustificazione che ci sono cose più urgenti da fare.

                            N.B.: Ciancimino è la persona meno attendibile in Italia...anche questo è sotto gli occhi di tutti, am si sa, sempre per gioco delle parti...ognuno tira i carboni sotto la sua pentola.
                            ENZO.

                            La sinistra solo per sparare...sono mancino.

                            COMMENTA


                            • #44
                              Re: ROMANO ALL'AGRICOLTURA?

                              Enzo , come ben sai ho lavorato per 25 anni nel settore abbigliamento,e pur rinunciando ad un bel pò di soldini , 2 anni fa ho deciso di dare una svolta cambiando lavoro, guadagnandoci in salute e tempo a disposizione.
                              Non meno di 20 gg fa , scherzando tra colleghi , ho saputo che prima della mia assunzione sono state prese informazioni su di me , abitudini ,vizi , e fedina penale.
                              Sai perfettamente il lavoro che svolgo , l'uso e la responsabilità del denaro che ho, grazie a Dio sono una persona onesta , ma poniamo il caso che dalle informazioni fossi risultato indagato per un motivo x(indagato eh?)a prescindere dalle capacità , pensi che avrei potuto occupare quel posto?
                              Un direttore di banca , potrebbe mai assumere ed avere piena fiducia di un cassiere INDAGATO per furto??
                              Non capisco perchè questa trasparenza non debba valere anche, ed in particolar modo, in politica.
                              La riforma della giustizia va rivista , indubbiamente, ma non basta una semplice riforma per allontanare la cultura del sospetto , basterebbe cominciare a scegliere politici più "trasparenti".


                              P.s

                              Stiamo provvedendo ai tuoi acciacchi , a giorni busserà alla tua porta un bel mandingo!
                              Tutti si sbattono così tanto per essere alternativi e originali.
                              Al giorno d'oggi, per distinguersi dalla massa, basta così poco.
                              L'educazione, per esempio.
                              Giuseppe
                              Maurè ti vogliamo bene!!

                              COMMENTA


                              • #45
                                Re: ROMANO ALL'AGRICOLTURA?

                                Originariamente inviato da cecchino
                                Enzo , come ben sai ho lavorato per 25 anni nel settore abbigliamento,e pur rinunciando ad un bel pò di soldini , 2 anni fa ho deciso di dare una svolta cambiando lavoro, guadagnandoci in salute e tempo a disposizione.
                                Non meno di 20 gg fa , scherzando tra colleghi , ho saputo che prima della mia assunzione sono state prese informazioni su di me , abitudini ,vizi , e fedina penale.
                                Sai perfettamente il lavoro che svolgo , l'uso e la responsabilità del denaro che ho, grazie a Dio sono una persona onesta , ma poniamo il caso che dalle informazioni fossi risultato indagato per un motivo x(indagato eh?)a prescindere dalle capacità , pensi che avrei potuto occupare quel posto?
                                Un direttore di banca , potrebbe mai assumere ed avere piena fiducia di un cassiere INDAGATO per furto??
                                Non capisco perchè questa trasparenza non debba valere anche, ed in particolar modo, in politica.
                                La riforma della giustizia va rivista , indubbiamente, ma non basta una semplice riforma per allontanare la cultura del sospetto , basterebbe cominciare a scegliere politici più "trasparenti".


                                P.s

                                Stiamo provvedendo ai tuoi acciacchi , a giorni busserà alla tua porta un bel mandingo!
                                No Peppe, la cultura del sospetto, proprio perchè tale, può riguardare le persone più trasparenti possibili...se ci abbandoniamo a questo disvalore saremo perennemente esposti all'azione di qualsiasi farabutto o gruppi di farabutti che artatamente potrebbero destabilizzare di tutto e di più...oggi più di ieri questo è possibile grazie ad un mezzo formidabile come internet con le sue luci e con le sue ombre.

                                Quanto al mandingo, noto la tua estrema competenza in materia ...tuttavia, a cautela, ho la porta blindata e sono armato.
                                ENZO.

                                La sinistra solo per sparare...sono mancino.

                                COMMENTA

                                Pubblicita STANDARD

                                Comprimi

                                Ultimi post

                                Comprimi

                                Unconfigured Ad Widget

                                Comprimi
                                Sto operando...
                                X