1 0
Tempo di lettura stimato:1 Minuti

In questi anni c’è stato sempre più un attacco alla nostra nobile e antica passione, molte volte senza risposta o risposte non univoche e questo non può più avvenire. Il nostro mondo è abbastanza variegato non solo a livello di associazioni venatorie ma di caccia pratica vera e propria , ad esempio il beccacciaio denigra il tordaiolo, il cinghialaio il beccacciaio e così via, non dite di no perché è così e ciò non può andare avanti. La nostra forza deve partire dal basso, da chi pratica l’attività tutti i giorni curando il territorio e l’ambiente, il limite che dobbiamo abbattere sono le divergenze tra di noi che ci fanno solo male e fanno male oltre che a noi anche alla natura, perché noi siamo le prime sentinelle della biodiversità e non lo dobbiamo mai dimenticare. Vi faccio una domanda, chi riesce a collaborare a 360 gradi con le istituzioni a livello di ricerca di persone scomparse nei boschi, di peste suina ad esempio e di tante altre cose? Noi cacciatori e lo facciamo a costo zero, anzi pagando (giustamente) tasse di concessione, quindi colleghi cacciatori non dividiamoci ma cerchiamo di unirci sempre di più. Questo è un mio monito per tutti gli amici di Mygra, che spero veramente sia ascoltato.
Un saluto a tutti

Vittorio Venditti – Cacciatore e Responsabile Dipartimento Cultura Rurale di Fratelli d’Italia Prov Frosinone.

Loading

Articolo Successivo GABBIANI ASSASSINI NEI CIELI, LUPI E CINGHIALI NELLE CITTÀ!
Articolo successivo UNA “CALDA” MIGRAZIONE POST-NUZIALE 2022 DOPO UNA STAGIONE SICCITOSA
Close

SEI ISCRITTO AL  FORUM?

Attiva gratuitamente il tuo “Account Premium”  CLICCA QUI
 

Area riservata