1 0
Tempo di lettura stimato:1 Minuti
di Antonio BUONO*
A pensarci bene, il mancato referendum contro la caccia è stata una grossa fregatura soprattutto per i cacciatori.
Se quei quattro scappati di casa fossero stati capaci di raccogliere le firme necessarie, senza alcun dubbio, si sarebbe finalmente scritta la parola fine sulla caccia in Italia.
Si, perché la maggior parte degli Italiani, decide per “sentito dire” su ogni cosa.
Va da se che, dato per certo che i cacciatori sono assassini di uccellini, avremmo avuto il ”de Profundis” contro coloro i quali sarebbero i più cattivi carnefici della storia umana.
E da qui: “Ave Caesar, morituri te salutant”.
Il “peggiore” dei mali del nostro Paese, sarebbe stato risolto, di tutti gli altri ci avrebbe pensato come sempre Pulcinella!
E, a pensarci ancora meglio, visto il marasma venatorio in cui tutti noi cacciatori “sguazziamo”, strafottenza di comodo associazioni varie comprese, non sarebbe stato affatto una brutta cosa.
Si, perché continuare ad andare a caccia in queste condizioni, pagare quello che ci viene imposto per essere poi vessati e maltrattati da tutti, costretti sempre più ad accontentarci di ciò che ci resta tra spazi e specie, laddove i vari enti preposti contrari a prescindere, ci fanno “dono” dall’alto della loro “scienza e coscienza”, non ha più senso, sa di macroscopico masochismo!
Penso spesso agli Indiani d’America, reclusi loro malgrado nelle riserve e costretti a doversi accontentare di ciò che restava delle grandi praterie: il nulla!
Con la chiusura della caccia in Italia si sarebbe azzerato il tutto, associazioni venatorie in primis e circoli periferici compresi, fine della “zuppa per gli uni e dell’orticello privato per gli altri”…Deo gratias!
E infine chissà, magari con il tempo, mischiando carte e cartucce, qualche bravo chiromante un miracolo avrebbe potuto pure farlo…chissà!
*Cacciatore a vita
Coordinatore MSE Ischia
Portavoce Nazionale MSE

Regole di inserimento e pubblicazione dei contenuti su questa pagina

Nota informativa

 

A differenza di una Rivista cartacea oppure Online, Migratoria.it in qualita di Blog, consente a tutti gli utenti la pubblicazione anticipata dei contenuti e dei commenti in tempo reale senza preventiva coda di moderazione. In base all' art. 70 l. 633/41 e consentito utilizzare a scopo di studio, discussione, documentazione o insegnamento, il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o parti di opere letterarie purchè vengano citati l'autore e la fonte, e non si agisca mai a scopo di lucro. E' fatto divieto pubblicare dati personali oppure fotografie di terze parti senza preventivo consenso dell' autore. Migratoria.it effettua controlli nei contenuti delle pagine, solamente dopo la pubblicazione degli stessi da parte degli utenti, pertanto gli autori di questo sito e i moderatori preposti si riservano in un secondo tempo, il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi contenuto che violi il diritto di terzi, oppure che sia ritenuto inopportuno o non conforme senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo. Migratoria.it e i suoi autori non possono in alcun modo essere ritenuti responsabili per il contenuto inopportuno/ illecito/diffamatorio degli articoli o dei commenti pubblicati dagli utenti che utilizzano il Blog/Forum inquanto questi ultimi gli unici responsabili essendo perfettamente in grado di aprire, cancellare, modificare, pubblicare autonomamente un articolo, una pagina, un commento. Nel caso venga riscontrato materiale inappropriato, commenti offensivi, spam, violazioni del copyright, link interrotti e possibile segnalare il contenuto di questa pagina inviando un email all' indirizzo: info@migratoria.it oppure utilizzando l'apposito link situato a pè pagina.




Articolo Successivo PICCIONI E STORNI, NEL LAZIO IL NULLA
Articolo successivo AIUTIAMO SEMPRE LA RICERCA E GLI STUDI
Close

SEI ISCRITTO AL  FORUM?

Attiva gratuitamente il tuo “Account Premium”  CLICCA QUI