PASSO DEI TORDI, UN FASCINO IMPRESSIONANTE.

Ci siamo ragazzi, oggi sto per raccontarvi una mia giornata tipo nell’esercizio venatorio al passo ai tordi. Vorrei iniziare dal pomeriggio precedente, quando con la mente iniziamo, tutti noi, ad immergerci nel pensiero del giorno successivo, immaginando come l’indomani andrà la giornata di caccia. Ecco giunta alla sera, quando l’adrenalina comincia a salire, l’unica che ci potrà distrarre sarà la nostra ragazza, Maria Lucia ormai ha perso le speranze e mi osserva guardare il cielo la sera ad ogni canto, che già ha sopportato una giornata a sentir parlare di temperature, eventi atmosferici e tanto altro. Rientrati magari da una bella cena romantica, (sperando di poter tornare presto a uscir la sera senza restrizioni) , cominciamo a controllare tutta l’attrezzatura, capanno, fischietti e soprattutto cellulare in mano si iniziano a studiare venti e perturbazioni, per cercare di capire se il passo potrà essere proficuo. Si, perché le belle giornate di passo sono quelle, precedenti e ravvicinate al maltempo, intorno alla metà di ottobre.

Quasi in un batter baleno, siamo giunti alla mattina, subito in piedi, molto prima dell’alba e per chi ha un amico di caccia dormiglione, come me, dopo aver mandato il messaggio di buon giorno alla propria fidanzata, si comincia nel tartassarlo di chiamate a volte sono arrivato a chiamarlo 12 volte. Una volta sveglio si comincia nel vestirci, ma il pensiero è ricorrente e dice <chissà se oggi passano, chissà se la posizione ideata è esatta> mentre la mente si inebria di questi interrogativi si comincia nel caricare la macchina, il cane essendosi accorto che deve uscire inizia ad abbaiare, si inserisce prima il capanno, borsa delle cartucce, si va a prendere il cane, Ringo un breton per me sensazionale per affettuosità e riporto e si dà un’ultima controllata al fischietto, poi pronti partenza via a prendere l’amico di caccia che è finalmente pronto. Giunti a casa del ghiro, sale in macchina insieme al suo cane uno springerino molto simpatico e ci si reca sul posto di caccia, arrivati a destinazione la prima cosa è scendere dalla macchina e cercare di sentire qualche “zicchio” che generalmente segna un buon passo dei tordi. Appena inizia ad albeggiare si scende tutto, i cani si fanno sgambare un pó mentre si prepara il capanno e poi tutti in posizione, io fischio e il mio amico zicchia, con i nostri ausiliari accucciati tra le sterpaglie quasi a volersi mimetizzare al massimo. L’emozione si fa sempre più grande nel momento in cui iniziano ad arrivare le prime “squadriglie” di tordo bottaccio, farli posare sulla pianta e infine il recupero del cane che segue tutta la scena con attenzione e parsimonia. Di qui in poi si passa mezza giornata immersi nella spensieratezza più assoluta a contatto con la natura, nel silenzio assordante del bosco nulla di più splendido. Insomma ragazzi, aspettare le giornate del passo, veder albeggiare il sole prima di vedere i tordi alti nel cielo, rimirar colombacci in lontananza e osservare il cane che scorge il selvatico in volo molto prima di te, sono emozioni che tutti dovrebbero provare ma soprattutto la soddisfazione di aver curato un posto per tutto l’anno impedendo ogni forma di disturbo e denigrazione dell’ambiente, facendo rimanere intatto il suo ecosistema è una soddisfazione ineguagliabile.

 

Spero che i miei racconti vi piacciano e ci vediamo per il passo delle allodole nel prossimo pezzo.

 

 

 

Autore del racconto
Vittorio Venditti

vittorio.liri@gmail.com

Regole di inserimento e pubblicazione dei contenuti su questa pagina

Nota informativa

 

A differenza di una Rivista cartacea oppure Online, Migratoria.it in qualita di Blog, consente a tutti gli utenti la pubblicazione anticipata dei contenuti e dei commenti in tempo reale senza preventiva coda di moderazione. In base all' art. 70 l. 633/41 e consentito utilizzare a scopo di studio, discussione, documentazione o insegnamento, il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o parti di opere letterarie purchè vengano citati l'autore e la fonte, e non si agisca mai a scopo di lucro. E' fatto divieto pubblicare dati personali oppure fotografie di terze parti senza preventivo consenso dell' autore. Migratoria.it effettua controlli nei contenuti delle pagine, solamente dopo la pubblicazione degli stessi da parte degli utenti, pertanto gli autori di questo sito e i moderatori preposti si riservano in un secondo tempo, il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi contenuto che violi il diritto di terzi, oppure che sia ritenuto inopportuno o non conforme senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo. Migratoria.it e i suoi autori non possono in alcun modo essere ritenuti responsabili per il contenuto inopportuno/ illecito/diffamatorio degli articoli o dei commenti pubblicati dagli utenti che utilizzano il Blog/Forum inquanto questi ultimi gli unici responsabili essendo perfettamente in grado di aprire, cancellare, modificare, pubblicare autonomamente un articolo, una pagina, un commento. Nel caso venga riscontrato materiale inappropriato, commenti offensivi, spam, violazioni del copyright, link interrotti e possibile segnalare il contenuto di questa pagina inviando un email all' indirizzo: info@migratoria.it oppure utilizzando l'apposito link situato a pè pagina.

Social profiles
Chiudi
EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRomanianRussianSpanish


CIAO AMICO CACCIATORE

Se pensi che la conoscenza che Migratoria.it ti da, valga il prezzo di un caffè, per favore fai una donazione, ci vuole solo un minuto. Cosi facendo dimostrerai allo staff che il loro lavoro conta. Solo una piccola parte dei nostri utenti dona ed è grazie a loro che migratoria.it può rimanere libera e gratuita in rete. Se sei una di quelle straordinarie persone che hanno già donato, ti ringraziamo di cuore.

Se sei iscritto al forum clicca qui per donare altrimenti clicca sul pulsante paypal qui sopra




Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.