• La tua armeria sul Web..
3 0
Tempo di lettura stimato:2 Minuti, 6 Secondi

Molto tempo fa, già ad inizio anni ’90 i cacciatori lanciavano un allarme che sembrava inesistente, ma solo la nostra categoria poteva sapere a cosa portava ciò. Il disboscamento per cementificare e le prime coltivazioni intensive si affacciavano nel mondo moderno e , chi come noi calcava boschi e osservava le migrazioni sapeva che tutto questo avrebbe portato soltanto ad un declino della vera cultura rurale e all’attacco di tradizioni millenarie come la caccia al solo scopo di coprire la vera realtà dei fatti. I primi segnali , non ci furono con il primo referendum contro la caccia, ma già da quando signori e signore vegani e vegetariane cominciarono a criminalizzare chi mangiava carne, magari dal loro super attico della Roma bene, non sapendo però che la loro “insalata” iniziava a rendere la vita difficile a quaglie, starne ,fagiani ecc. per l’utilizzo di pesticidi e di quelle coltivazioni intensive che danneggiano flora e fauna, inoltre, senza capire che personalmente ognuno deve mangiare e vivere uno stile di vita libero, senza intaccare gli altri, ad esempio io non mangio carne di cavallo perché lo considero un animale come cane e gatto. Ma purtroppo quando appunto i cacciatori denunciavano l’evoluzione sbagliata di un mondo, nessuno mosse un dito ,non solo per rimediare ma quantomeno per ascoltarli, comprese le associazioni venatorie. Oggi che questi ragionamenti sono diventati banalità, tanto che li sentiamo ogni giorno al telegiornale e li leggiamo sui social, nessuno ricorda che i primi a gridare attenzione, fu proprio chi oggi viene criminalizzato , molte volte senza un valido motivo. Quando le multinazionali della carne, cominciarono ad installare i loro allevamenti intensivi ed il cacciatore di campagna gridava meglio la selvaggina tutti facevano orecchie da mercante ed ora? Anche su questo avevamo ragione, ma chi lo affermava era il pericoloso e distruttore appassionato venatorio, ora però è giunto il momento di scendere in campo per trovare la soluzione alla deriva di ciò che ci appassiona di più, la natura. Le associazioni venatorie , se veramente vogliono salvare e difendere la caccia comincino a parlare di tali argomenti, sedendosi a tavolino e cercando soluzioni, incentivi sempre maggiori per le coltivazioni a perdere e per l’agricoltura biologica, collaborazioni più forti con università veterinarie per un maggior consumo di selvaggina . Questo e tanto altro serve sia a noi cacciatori, sia a vegani e vegetariani per mangiare ortaggi più genuini e soprattutto al nostro amato ambiente. Come una volta, cominciamo noi a battere i pugni sul tavolino, non per comparse di facciata ma proposte concrete.

Vittorio Venditti

Regole di inserimento e pubblicazione dei contenuti su questa pagina

Nota informativa

 

A differenza di una Rivista cartacea oppure Online, Migratoria.it in qualita di Blog, consente a tutti gli utenti la pubblicazione anticipata dei contenuti e dei commenti in tempo reale senza preventiva coda di moderazione. In base all' art. 70 l. 633/41 e consentito utilizzare a scopo di studio, discussione, documentazione o insegnamento, il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o parti di opere letterarie purchè vengano citati l'autore e la fonte, e non si agisca mai a scopo di lucro. E' fatto divieto pubblicare dati personali oppure fotografie di terze parti senza preventivo consenso dell' autore. Migratoria.it effettua controlli nei contenuti delle pagine, solamente dopo la pubblicazione degli stessi da parte degli utenti, pertanto gli autori di questo sito e i moderatori preposti si riservano in un secondo tempo, il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi contenuto che violi il diritto di terzi, oppure che sia ritenuto inopportuno o non conforme senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo. Migratoria.it e i suoi autori non possono in alcun modo essere ritenuti responsabili per il contenuto inopportuno/ illecito/diffamatorio degli articoli o dei commenti pubblicati dagli utenti che utilizzano il Blog/Forum inquanto questi ultimi gli unici responsabili essendo perfettamente in grado di aprire, cancellare, modificare, pubblicare autonomamente un articolo, una pagina, un commento. Nel caso venga riscontrato materiale inappropriato, commenti offensivi, spam, violazioni del copyright, link interrotti e possibile segnalare il contenuto di questa pagina inviando un email all' indirizzo: info@migratoria.it oppure utilizzando l'apposito link situato a pè pagina.

Pubblicato da

Alberto 69

Assegna un voto ai contenuti di questo articolo.
[Voti: 4 Media (1-5): 5



Articolo precedente BUONE NOTIZIE DAL CONSIGLIO DI STATO: IMPORTANTE SENTENZA SUL RINNOVO DEL PORTO D’ARMI USO CACCIA<div class='yasr-stars-title yasr-rater-stars' id='yasr-visitor-votes-readonly-rater-1311366bdc12a' data-rating='5' data-rater-starsize='16' data-rater-postid='39709' data-rater-readonly='true' data-readonly-attribute='true' ></div><span class='yasr-stars-title-average'>5 (4)</span>
Articolo successivo CACCIA ED ETICA<div class='yasr-stars-title yasr-rater-stars' id='yasr-visitor-votes-readonly-rater-3ab210613bc16' data-rating='5' data-rater-starsize='16' data-rater-postid='39709' data-rater-readonly='true' data-readonly-attribute='true' ></div><span class='yasr-stars-title-average'>5 (4)</span>
Chiudi

CIAO AMICO CACCIATORE

Se pensi che la conoscenza che Migratoria.it ti da, valga il prezzo di un caffè, per favore fai una donazione, ci vuole solo un minuto. Cosi facendo dimostrerai allo staff che il loro lavoro conta. Solo una piccola parte dei nostri utenti dona ed è grazie a loro che migratoria.it può rimanere libera e gratuita in rete. Se sei una di quelle straordinarie persone che hanno già donato, ti ringraziamo di cuore.

Se sei iscritto al forum clicca qui per contribuore al mantenimento dei nostri server.




Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.