Caccia a palla nr 1 2010 in edicola dal 15 gennaio
0 (0)

  • La tua armeria sul Web..

Ungulati: tempi di prelievo – In questo interessante dossier, dedicato ai tempi di prelievo degli ungulati, l'Autore ci illustra le indicazioni dettate in materia dalle due nuove proposte di Legge. Si tratta, ovviamente, soltanto di proposte, ma costituiscono una buona occasione per fare il punto su ciò che potrà essere un possibile scenario futuro per i prelievi

Gestione del camoscio: camosci e foraggiamenti – Abbiamo nella mente il ricordo del rigido inverno 2008-2009: neppure i vecchi cacciatori ricordano tanta neve. Nel cuore, durante le ricognizioni primaverili, il timore di non rivedere i nostri amati ungulati. Molti camosci (e caprioli) non ce l'han­no fatta e, ancora una volta, si è parlato di foraggiamento artificiale, dimenticando il ruolo della severa selezione naturale, A distanza di un anno,  esaminiamo le motivazioni favorevoli e contrarie a questa pratica in montagna: lo facciamo dopo una stagione di caccia e osservazioni con il conforto di importanti elementi scientifici e dell'esperienza pratica dei cacciatori di montagna

Caccia al daino: sfida alla sorte – Settimana piovosa, uggiosa e poco adatta per me, alla caccia. Ma le previsioni meteo promettevano una momentanea pausa giovedi pomeriggio: cosa di meglio per tentare la sorte facendo la prima uscita al daino in quel di Firenzuola?

Al capriolo d’inverno: il piccolo nord – La ripresa della stagione al capriolo dopo la sosta estivo-autunnale, richiama le attese e le emozioni mai sopite, seguite ora dalle incertezze che impegnano l'inverno. La stagione di caccia può accorciarsi giocoforza a causa del maltempo. Oppure, al contrario, essere lunga e sfasata, se le condizioni del meteo sono dolci e gli animali trovano presto alternative di cibo sui cespugli della macchia. Sarà comunque una stagione intensa, passata a cercare con il binocolo tesserine bianche nel puzzle dello spoglio bosco

Caccia a palla alpina: gallo innevato gallo, gallo sfortunato – Quando ripenso a quella gior­nata, catalogo automatica­mente le avventure e le im­magini indelebili tra i ricor­di legati alla caccia invernale: eppure, nonostante la fredda apparenza, ci trovavamo alla fine di un caldo, fiorito e profumatissimo mese di maggio

Trofeistica: valutiamo il camoscio   Il camoscio ha un trofeo molto meno appariscente di quello degli altri bovidi e di quello dei cervidi, ma è molto apprezzato per ragioni «storiche» – sulle Alpi Italiane è sempre stato ricercato – e anche per ragioni di… «rappresentanza»; infatti, nell'immaginario popolare di tutte le popolazioni alpine, il trofeo del camoscio ha sempre rappresentato il simbolo dell'animale «signore delle vette» per eccellenza e chi lo possiede «un montanaro intrepido»

Caccia al capriolo: difficile è meglio   È risaputo che nella vita sono le cose più sofferte quelle che danno le migliori soddisfazioni e credo che la caccia non possa fare eccezione

Caccia in azienda: diavoli sulla neve: Un improvviso peggioramento delle condizioni meteorologiche con una sostenuta nevicata rende impossibile la programmata cacciata a stanziale. Rimanere sotto le coperte? Giammai. E allora ecco che in un paesaggio fuori dall’usuale ci si trova ad incrociare le armi con sua maestà il cinghiale…

 

Caccia in Scozia: magiche Higlands –  In ogni vecchia locanda delle Alte Terre di Scozia, ma anche nei tipici pub, c'è sempre un posto riservato al cacciatore accanto agli immancabili trofei di cervo rosso appesi alla parete. In questa selvatica e splendida parte della Scozia il golf e la caccia rappresentano le tradizioni più amate e rispettate. Fra erica, brugo, pecore, gnomi e castelli, le Highlands non offrono soltanto grouse, fagiani, colombacci, forcelli, lepri, beccacce, starne, conigli e oche, ma anche numerosi ungulati da poter cacciare in uno scenario di straordinaria suggestione

Balistica venatoria: c’è chi dice no – La balistica venatoria è un campo in costante evoluzione tecnica e tecnologica. Tuttavia, per poter rendere pratici e sfruttabili taluni nuovi prodotti è necessario portarli a caccia per provarne l'effettiva efficacia. L'Autore, con questo Dossier, risultato di estesi test sul campo, riscrive il ruolo di un calibro considerato, troppo superficialmente, come «marginale» o «al limite minimo d'utilizzo» nella caccia ai nostri ungulati: il 7,62×39 mm

 

A caccia con Sako 85 Bavarian calibro 7×64: una bavarese coi fiocchi –  Ovviamente non essendo un giornale di cucina, non stiamo per darvi la ricetta del gustoso dolce che porta il nome omonimo. Vi diamo invece, se la volete provare, la ricetta per affrontare senza patemi i selvatici nostrali – e non solo – in accoppiata ad un calibro altrettanto europeo. A noi la ciambella, per continuare la metafora culinaria, è riuscita col buco.  Anzi più di uno

 

A caccia con Benelli A.R.G.O. calibro 7×64 Brenneke –  Una  delle carabine più versatili è la semiautomatica perché, se costruita con tutti i crismi, consente all’utente di potersi brillantemente impegnare sia nella caccia in battuta che in quella di selezione, semplicemente montando dei robusti attacchi togli-metti per poter utilizzare il cannocchiale o le mire metalliche secondo l’impiego desiderato. L’ARGO Benelli in calibro 7×64 è uno degli esempi più significativi di questo concetto multimpiego

 

Cucina: castagnaccio dolce di capriolo – Da molto tempo desideravo tanto poter organizzare un pranzo a base esclusivamente di capriolo, ma mi mancava il dolce… Perciò ho ripreso la ricetta del castagnaccio, insieme ad un'idea presentatami dall'amico Massimo Fabbri relativa ad un dolce fatto anticamente nella provincia di Firenze con brodo e sangue di maiale, e ho fatto lavorare la fantasia. A pranzo c'era il mio amico pittore animalier Federico Cesaris (che spesso mi accompagna a caccia di beccacce e caprioli per poterne trarre impressioni da dipingere – e che a me porta anche una gran fortuna…) insieme alla sua famiglia. Il menù da me stilato prevedeva: paccheri ripieni di capriolo (che presenteremo nel prossimo numero del Caccia a Palla), capriolo bollito con mostarda di Cremona (anche questo lo presenteremo in futuro in un altro servizio), e per finire l'oggetto di questo servizio, ovvero il dolce da me battezzato come castagnaccio dolce di capriolo

 

Coltelli: Leatherman Klamath –  Un coltello per la caccia con gut-hook non è una novità. Ma qui abbiamo un gancio da scuoio davvero utilizzabile e una lama di dimensioni adeguate, pur se in un coltello pieghevole. Con un utilissimo accessorio

                                                 

Incontri con le aziende: Swarovski, le meraviglie del nuovo Swarovision – A Barbialla, splendida Afv toscana, Swarovski e Browning hanno riunito i principali giornalisti di settore per una due giorni all'insegna della caccia e delle ottiche di precisione. Con l'occasione è stato presentato il successore del mitico binocolo EL, entrato finalmente in produzione

 

Ottiche Burris: un mondo di novità – Burris è un'azienda statuniten­se che opera a Greeley nel Colorado dove progetta e distribu­isce prodotti costruiti in Giap­pone con materiali ottici di ottima qua­lità. Burris fa parte da ormai sette anni del «mondo» Beretta, una scelta che la Holding bresciana ha fatto soprattutto in relazione alla chiara propensione venatoria dei prodotti di questa casa, i qua­li possono ben integrare le esigenze di tiro delle carabine Sako, Tikka e Benelli, anch'esse facenti parte della grande fa­miglia Beretta. Burris è un marchio ben noto negli Sta­tes tra quei cacciatori che pretendono un rapporto qualità prezzo ottimale in ogni fascia di prodotti; tuttavia, questo mar­chio si pone nella fascia medio-alta del settore, ovvero quello della ottima qua­lità a prezzo medio. A questo proposito, Burris ha in catalogo ben sette principa­li serie di cannocchiali da caccia, più una serie speciale da tiro/caccia denomina­ta Quad, una per aria compressa e la Fullfield II Tac30 e 1” con specifiche militari (ma perfettamen­te fruibile anche ai cacciatori che opera­no in ambienti particolarmente aggres­sivi). A tutte queste serie di cannocchia­li, vanno poi aggiunti cinque punti rossi (red dot), tre serie di binocoli e quattro modelli di «lunghi». Un catalogo, quindi, completo e in grado di coprire tutte le fasce di possibili utenti, dai cacciatori di selezione a quelli in bat­tuta, dai garisti ai tiratori più esigenti si­no agli addetti al law enforcment e ai re­parti militari. Tra le novità più interessanti presentate da Burris nel catalogo 2009-2010 figura­no la serie SixX con tubo da 30 millime­tri, la Fullfield 30 con tubo da 30 mm, la Fullfield 11 TAC 30 anch'essa con tubo da 30 mm, e il red dot Fastfire II

 

Ottiche Nightforce NXS 2.5-10×32 Compact: sintesi perfetta – Il nuovo cannocchiale Nightforce NXS 2.5-10×32 Compact è stato creato come risposta alle pressanti richieste di moltissimi cacciatori che richiedevano uno strumento luminoso ma compatto, leggero, dalla linea sottile, in modo tale da non gravare troppo sugli ingombri e sul peso totale della carabina. Naturalmente, tutto made in USA

 

Accessori: Torcia 5.11 Light for Life –La torcia Light for Life prodotta dalla 5.1 1 porta una vera e propria rivoluzione nella categoria delle luci da tenere sempre nello zaino per ogni evenienza. Innanzitutto, non ha le batterie…

Assegna un voto ai contenuti di questo articolo.
[Voti: 0 Media (1-5): 0



Social profiles
Chiudi
EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRomanianRussianSpanish


CIAO AMICO CACCIATORE

Se pensi che la conoscenza che Migratoria.it ti da, valga il prezzo di un caffè, per favore fai una donazione, ci vuole solo un minuto. Cosi facendo dimostrerai allo staff che il loro lavoro conta. Solo una piccola parte dei nostri utenti dona ed è grazie a loro che migratoria.it può rimanere libera e gratuita in rete. Se sei una di quelle straordinarie persone che hanno già donato, ti ringraziamo di cuore.

Se sei iscritto al forum clicca qui per donare altrimenti clicca sul pulsante paypal qui sopra




Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.