Gente strana sono i cacciatori,
sono quelli che si svegliano molto presto la mattina
per essere pronti nel posto di caccia prima dell’alba,
sono quelli che guardano il cielo e ascoltano i venti,
conoscono il bosco e interpretano il canto degli uccelli,
leggono le tracce degli animali e sentono nel cuore
questa antica passione venatoria…
I cacciatori,
quelli veri sono persone semplici,
che amano e rispettano la natura,
scorrendo nelle loro vene sangue contadino…
Quando ancora le stelle brillano in cielo,
li vedi nel cuore della notte,
parlottano e ridono in piccoli gruppi,
li vedi sempre felici mentre raccontano 
ogni volta con lo stesso entusiasmo
antichi trascorsi di caccia…
Capita ogni volta di sentire sempre la solita storia,
magari farcita con un po’ di fantasia,
però l’ascolti così intensamente
come se fosse la prima volta,
rivivendo quella battuta come se eri presente…
Quando solo in mezzo al bosco insieme al tuo cane,
arrivi al momento clou della ferma
e d’incanto il frullo della beccaccia
ti fa pulsare il cuore in modo violento,
quando nel bel mezzo del periodo di passo
passano sopra il capanno i colombacci,
quando sei caccia alla lepre e senti la muta dei cani
che gioisce allo scovare del selvatico,
ecco che un’ambizione incredibile m’invade,
entra l’impulso naturale della passione
tralasciando la volontà di uccidere…
La caccia,
questa nobile attività è difficile da spiegare,
da far capire, da comprendere,
dove la vita e la morte
non sono mai conseguenza l’una dell’altra,
solo i cacciatori possono capire cosa significa gestirla, praticarla, viverla ed amarla…
Gente strana sono i cacciatori!!!

                                                                                  Magico Poeta

Regole di inserimento e pubblicazione dei contenuti su questa pagina

Nota informativa

 

A differenza di una Rivista cartacea oppure Online, Migratoria.it in qualita di Blog, consente a tutti gli utenti la pubblicazione anticipata dei contenuti e dei commenti in tempo reale senza preventiva coda di moderazione. In base all' art. 70 l. 633/41 e consentito utilizzare a scopo di studio, discussione, documentazione o insegnamento, il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o parti di opere letterarie purchè vengano citati l'autore e la fonte, e non si agisca mai a scopo di lucro. E' fatto divieto pubblicare dati personali oppure fotografie di terze parti senza preventivo consenso dell' autore. Migratoria.it effettua controlli nei contenuti delle pagine, solamente dopo la pubblicazione degli stessi da parte degli utenti, pertanto gli autori di questo sito e i moderatori preposti si riservano in un secondo tempo, il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi contenuto che violi il diritto di terzi, oppure che sia ritenuto inopportuno o non conforme senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo. Migratoria.it e i suoi autori non possono in alcun modo essere ritenuti responsabili per il contenuto inopportuno/ illecito/diffamatorio degli articoli o dei commenti pubblicati dagli utenti che utilizzano il Blog/Forum inquanto questi ultimi gli unici responsabili essendo perfettamente in grado di aprire, cancellare, modificare, pubblicare autonomamente un articolo, una pagina, un commento. Nel caso venga riscontrato materiale inappropriato, commenti offensivi, spam, violazioni del copyright, link interrotti e possibile segnalare il contenuto di questa pagina inviando un email all' indirizzo: info@migratoria.it oppure utilizzando l'apposito link situato a pè pagina.

Ministero della Salute. Tutela dell’incolumita’ pubblica dall’aggressione di cani.

(GU n. 23 del 2812008) MINISTRO DELLA SALUTE

  • Visto il regolamento di polizia veterinaria approvato con decreto del Presidente della Repubblica 8 febbraio 1954, n. 320;
  • Visto l’art. 32 della legge 23 dicembre 1978, n. 833;
  • Visto l’art. 10 della Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia, approvata a Strasburgo il 13 novembre 1987, firmata anche dall’Italia;
  • Vista la legge 14 agosto 1991, n. 281, legge quadro in materia di animali d’affezione e prevenzione del randagismo, in particolare l’art. 1 che stabilisce che lo Stato promuove e disciplina la tutela degli animali d’affezione, condanna gli atti di crudelta’ contro di essi e favorisce la corretta convivenza tra uomo ed animale;
  • Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 28 febbraio 2003, che ratifica l’accordo 6 febbraio 2003 tra il Ministro della salute, le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano in materia di benessere degli animali da compagnia e pettherapy;
  • Vista l’ordinanza del Ministero della salute 12 dicembre 2006 concernente «Tutela dell’incolumita’ pubblica dall’aggressione di cani» e successive modifiche;
  1. Considerato che, salvo quanto disposto dalla legge 20 luglio 2004, n. 189, alla luce della moderna letteratura scientifica in materia, l’uso di strumenti che determinano scosse o impulsi elettrici sui cani puo’ provocare paura e sofferenza tali da produrre reazioni di aggressivita’ da parte degli animali stessi;
  2. Considerato che l’ordinanza del Ministero della salute 12 dicembre 2006 concernente «Tutela dell’incolumita’ pubblica dall’aggressione di cani» e successive modifiche scade il 13 gennaio 2008 ed in attesa dell’emanazione di una disciplina organica in materia;
  3. Ritenuta la necessita’ e l’urgenza di adottare disposizioni cautelari a tutela della salute pubblica, anche a seguito del verificarsi di episodi di aggressione alle persone da parte di cani nel corso del 2007;

Ordina:

Art. 1.

1. Sono vietati:

a) l’addestramento inteso ad esaltare l’aggressivita’ dei cani;

b) l’addestramento inteso ad esaltare il rischio di maggiore aggressivita’ di cani appartenenti a incroci o razze di cui all’elenco allegato;

c) qualsiasi operazione di selezione o di incrocio tra razze di cani con lo scopo di sviluppare l’aggressivita’;

d) la sottoposizione di cani a doping, cosi’ come definito all’art. 1, commi 2 e 3, della legge 14 dicembre 2000, n. 376;

e) gli interventi chirurgici destinati a modificare l’aspetto di un cane, o finalizzati ad altri scopi non curativi, in particolare:

i) il taglio della coda fatta eccezione per i cani appartenenti alle razze canine riconosciute alla F.C.I. con caudotomia prevista dallo standard, sino all’emanazione di una legge di divieto generale specifica in materia. Il taglio della coda, ove consentito, deve essere eseguito da un medico veterinario entro la prima settimana di vita;

ii) il taglio delle orecchie;

iii) la recisione delle corde vocali.

2. Il divieto di cui al punto 1, lettera e), non si applica agli interventi curativi necessari per ragioni di medicina veterinaria.

Art. 2.

1. I proprietari e i detentori di cani, analogamente a quanto previsto dall’art. 83, comma 1, lettere c) e d) del Regolamento di polizia veterinaria, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 8 febbraio 1954, n. 320, hanno l’obbligo di:

 

  • a) applicare la museruola o il guinzaglio ai cani quando si trovano nelle vie o in altro luogo aperto al pubblico;

    b) applicare la museruola e il guinzaglio ai cani condotti nei locali pubblici e sui pubblici mezzi di trasporto.

    2. I proprietari e i detentori di cani di razza di cui all’elenco allegato devono applicare il guinzaglio e la museruola ai cani sia quando si trovano nelle vie o in altro luogo aperto al pubblico sia quando si trovano nei locali pubblici o sui pubblici mezzi di trasporto.

    3. Gli obblighi di cui al comma 1 del presente articolo, non si applicano ai cani per non vedenti o non udenti, addestrati come cani guida.

    Art. 3.

    1. Chiunque possegga o detenga cani di cui all’art. 1, comma 1, lettera b), ha l’obbligo di vigilare con particolare attenzione sulla detenzione degli stessi al fine di evitare ogni possibile aggressione a persone e deve stipulare una polizza di assicurazione di responsabilita’ civile per danni contro terzi causati dal proprio cane.

    Art. 4.

    1. Salvo quanto disposto dalla legge 20 luglio 2004, n. 189, e’ vietato l’uso di strumenti che determinano scosse o impulsi elettrici sui cani, in quanto procura ansia, paura e sofferenza tali da produrre, tra gli effetti collaterali rilevati, reazioni di aggressivita’ che possono tradursi in attacchi ingiustificati, morsicature ed aggressioni con gravi ripercussioni sull’incolumita’ pubblica.

    Art. 5.

    1. Si definisce cane con aggressivita’ non controllata quel soggetto che, non provocato, lede o minaccia di ledere l’integrita’ fisica di una persona o di altri animali attraverso un comportamento aggressivo non controllato dal proprietario o detentore dell’animale.

    2. I servizi veterinari tengono aggiornato un archivio dei cani morsicatori e dei cani con aggressivita’ non controllata rilevati, nonche’ dei cani di cui all’elenco allegato al fine di predisporre i necessari interventi di controllo per la tutela della incolumita’ pubblica.

    3. L’autorita’ sanitaria competente, in collaborazione con l’Azienda sanitaria locale stabilisce:

    a) i criteri per la classificazione del rischio da cani di proprieta’ con aggressivita’ non controllata con i relativi parametri per la rilevazione;

    b) i percorsi di controllo e rieducazione per la prevenzione delle morsicature;

    c) l’obbligo per i proprietari dei cani cui al comma 1, di stipulare una polizza di assicurazione per la responsabilita’ civile per danni contro terzi causati dal proprio cane;

    d) ulteriori prescrizioni e misure atte a controllare o limitare il rischio di morsicature.

    4. E’ vietato acquistare, possedere o detenere cani di cui all’art. 1, comma 1, lettera

    b), e di cui al comma 1 del presente articolo:

    a) ai delinquenti abituali o per tendenza;

    b) a chi e’ sottoposto a misure di prevenzione personale o a misura di sicurezza personale;

    c) a chiunque abbia riportato condanna, anche non definitiva, per delitto non colposo contro la persona o contro il patrimonio, punibile con la reclusione superiore a due anni;

    d) a chiunque abbia riportato condanna, anche non definitiva, per i reati di cui agli

    articoli 727, 544ter, 544quater, 544quinques del codice penale e, per quelli previsti dall’art. 2 della legge 20 luglio 2004, n. 189;

    e) ai minori di 18 anni e agli interdetti o inabilitati per infermita’.

    5. Il proprietario o il detentore di un cane di cui all’art. 1, comma 1, lettera b), e di cui al comma 1 del presente articolo che non e’ in grado di mantenere il possesso del proprio cane nel rispetto delle disposizioni di cui alla presente ordinanza deve interessare le autorita’ veterinarie competenti del territorio al fine di ricercare con le amministrazioni comunali idonee soluzioni di gestione dell’animale stesso.

    6. La presente ordinanza non si applica ai cani in dotazione alle forze armate, di polizia, di protezione civile e dei vigili del fuoco.

    Art. 6.

    1. Salvo che il fatto non costituisca reato, le violazioni delle disposizioni della presente ordinanza sono sanzionate dalle Amministrazioni competenti, secondo i parametri territoriali in vigore.

    2. La presente ordinanza, inviata alla Corte dei conti per la registrazione, entra in vigore il giorno della pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana ed ha efficacia per un anno a decorrere dalla predetta pubblicazione.

    Roma, 14 gennaio 2008 Il Ministro: Turco

    Registrato alla Corte dei conti il 23 gennaio 2008 Ufficio di controllo preventivo sui Ministeri dei servizi alla persona e dei beni culturali, registro n. 1, foglio n. 51

    Allegato

    Elenco delle razze canine e di incroci di razze a rischio di aggressivita’ di cui all’art. 1, comma 1, lettera b), della presente ordinanza:

    American Bulldog;

    Cane da pastore di Charplanina;

    Cane da pastore dell’Anatolia;

    Cane da pastore dell’Asia centrale;

    Cane da pastore del Caucaso;

    Cane da Serra da Estreilla;

    Dogo Argentino;

    Fila brazileiro;

    Perro da canapo majoero;

    Perro da presa canario;

    Perro da presa Mallorquin;

    Pit bull;

    Pit bull mastiff;

    Pit bull terrier;

    Rafeiro do alentejo;

    Rottweiler;

    Tosa inu.

Regole di inserimento e pubblicazione dei contenuti su questa pagina

Nota informativa

 

A differenza di una Rivista cartacea oppure Online, Migratoria.it in qualita di Blog, consente a tutti gli utenti la pubblicazione anticipata dei contenuti e dei commenti in tempo reale senza preventiva coda di moderazione. In base all' art. 70 l. 633/41 e consentito utilizzare a scopo di studio, discussione, documentazione o insegnamento, il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o parti di opere letterarie purchè vengano citati l'autore e la fonte, e non si agisca mai a scopo di lucro. E' fatto divieto pubblicare dati personali oppure fotografie di terze parti senza preventivo consenso dell' autore. Migratoria.it effettua controlli nei contenuti delle pagine, solamente dopo la pubblicazione degli stessi da parte degli utenti, pertanto gli autori di questo sito e i moderatori preposti si riservano in un secondo tempo, il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi contenuto che violi il diritto di terzi, oppure che sia ritenuto inopportuno o non conforme senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo. Migratoria.it e i suoi autori non possono in alcun modo essere ritenuti responsabili per il contenuto inopportuno/ illecito/diffamatorio degli articoli o dei commenti pubblicati dagli utenti che utilizzano il Blog/Forum inquanto questi ultimi gli unici responsabili essendo perfettamente in grado di aprire, cancellare, modificare, pubblicare autonomamente un articolo, una pagina, un commento. Nel caso venga riscontrato materiale inappropriato, commenti offensivi, spam, violazioni del copyright, link interrotti e possibile segnalare il contenuto di questa pagina inviando un email all' indirizzo: info@migratoria.it oppure utilizzando l'apposito link situato a pè pagina.

 Questo questionario calcolera’ il tuo grado di preparazione per determinare se sei in grado di sostenere l’esame per la licenza di caccia. Se non ti senti sicuro ti consigliamo di ripassare un po gli argomenti consultando le aree di questo sito. Se inveci pensi di aver studiato abbastanza non ti resta che inizare compilando  le  risposte corrette. Per ogni chiarimento o dubbio siamo a disposizione sul Forum e in chat.

 Clicca qui per iniziare

 

 

Regole di inserimento e pubblicazione dei contenuti su questa pagina

Nota informativa

 

A differenza di una Rivista cartacea oppure Online, Migratoria.it in qualita di Blog, consente a tutti gli utenti la pubblicazione anticipata dei contenuti e dei commenti in tempo reale senza preventiva coda di moderazione. In base all' art. 70 l. 633/41 e consentito utilizzare a scopo di studio, discussione, documentazione o insegnamento, il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o parti di opere letterarie purchè vengano citati l'autore e la fonte, e non si agisca mai a scopo di lucro. E' fatto divieto pubblicare dati personali oppure fotografie di terze parti senza preventivo consenso dell' autore. Migratoria.it effettua controlli nei contenuti delle pagine, solamente dopo la pubblicazione degli stessi da parte degli utenti, pertanto gli autori di questo sito e i moderatori preposti si riservano in un secondo tempo, il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi contenuto che violi il diritto di terzi, oppure che sia ritenuto inopportuno o non conforme senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo. Migratoria.it e i suoi autori non possono in alcun modo essere ritenuti responsabili per il contenuto inopportuno/ illecito/diffamatorio degli articoli o dei commenti pubblicati dagli utenti che utilizzano il Blog/Forum inquanto questi ultimi gli unici responsabili essendo perfettamente in grado di aprire, cancellare, modificare, pubblicare autonomamente un articolo, una pagina, un commento. Nel caso venga riscontrato materiale inappropriato, commenti offensivi, spam, violazioni del copyright, link interrotti e possibile segnalare il contenuto di questa pagina inviando un email all' indirizzo: info@migratoria.it oppure utilizzando l'apposito link situato a pè pagina.

Visto il grande successo oramai decretato dal sempre maggiore numero di partecipanti, anche quest’anno ci accingiamo alla organizzazione della gara di cartucce fra noi utenti dei forum.

Nasce così la 3° edizione della "CARTUCCIA D’ORO".

Importanti novità nel regolamento, che a mio avviso lasciano più fantasia ai vari ricaricatori che vorranno cimentarsi. Non perdete l’occasione ed iscrivetevi in massa.

Qui di seguito vi elenco il regolamento ufficiale:

LA GARA SI DIVIDERA’ IN 4 CATEGORIE:
(LA GARA E’ PER CARTUCCE CALIBRO 12)

1) CARTUCCIA CON 30 GRAMMI – PIOMBO N° 9
2) CARTUCCIA DISPERSANTE DA 33 A 36 GR. – PIOMBO N° 7
3) CARTUCCIA TRADIZIONALE – SENZA L’UTILIZZO DI COMPONENTI IN PLASTICA – PIOMBO N° 7 (quindi bossolo, borre e chiusure con materiali non in plastica).
4)CARTUCCIA PER "LUNGA GITTATA (o TIRI LUNGHI)" – BORRAGGIO E GRAMMATURA LIBERI (Massimo 46gr.)- PIOMBO DEL N° 3

REGOLAMENTO:

a) TUTTE LE CATEGORIE SARANNO A BORRAGGIO LIBERO (FATTA ESCLUSIONE PER LA CATEGORIA "CARTUCCIA TRADIZIONALE" COME SPECIFICATO IN PRECEDENZA)

b) IL PARTECIPANTE PUO’ GAREGGIARE IN UNA,DUE,TRE O TUTTE QUESTE CATEGORIE;

c) IL PARTECIPANTE DEVE CONFEZIONARE 8 CARTUCCE PER OGNI CATEGORIA A CUI VUOLE PARTECIPARE:
– 1 cartuccia a caso verrà smontata per garantire la conformità alla categoria di appartenenza
– 5 cartucce verrano provate in canna manometrica
– 2 cartucce verranno provate alla placca

d) LE PROVE ALLA PLACCA VERRANNO FATTE CON IL SEGUENTE CRITERIO:
CARTUCCE DA 30GR. E TRADIZIONALE – DISTANZA DI TIRO MT. 35 –
CARTUCCE "LUNGA GITTATA" – DISTANZA DI TIRO MT. 40;
CARTUCCIA DISPERSANTE MT. 15

e) SONO VALIDE SIA CARTUCCE CON ORLO TONDO CHE STELLARE;

f) LA CARTUCCIA DOVRA’ PRESENTARSI SENZA ERRORI DI CONFEZIONAMENTO O TRACCE DI MANIPOLAZIONE, PARTICOLARE ATTENZIONE SARA’ DATA ALLA CHIUSURA;

g) IL TEMPO DI CANNA (TC) DOVRA’ ESSERE CIRCOSCRITTO ENTRO UN MINIMO DI 2650 E UN MASSIMO DI 3450 MILLISECONDI;

h) IL RITARDO DI ACCENSIONE (Rt) DOVRA’ ESSERE NELLA NORMA;

i) LE PRESSIONI E LE VELOCITA’ MASSIME PER CATEGORIA SARANNO (le velocità riportate sono orientative e il superarle non comporterà l’esclusione dalla gara):
30 GRAMMI = 650 BAR MAX – 410/415 M/S
DISPERSANTE 850 BAR MAX 420 M/S
LUNGA GITTATA (GRAMMATURA LIBERA) = 850 BAR MAX;
LA CARTUCCIA TRADIZIONALE VERRA’ VALUTATA IN BASE ALLA GRAMMATURA UTILIZZATA.

l) LA ROSATA DOVRA’ RISULTARE DI GIUSTA DIMENSIONE E BEN DISTRIBUITA, SENZA VUOTI NEI SETTORI E SARA’ VALUTATA A SECONDA CHE LA CARTUCCIA ABBIA CHIUSURA TONDA O STELLARE, VISTE LE DIFFERENTI PECULIARITA’ DELLE STESSE;

m) PER TUTTE LE CATEGORIE SONO AMMESSI BOSSOLI DI ALTEZZA NON SUPERIORE AI 70MM

n) IL PIOMBO POTRA’ ESSERE ANCHE NICHELATO.

o) IL GIUDICE DI GARA E’ GIANLUCA GAROLINI;

p) LA CANNA MANOMETRICA CON PUNZONE DEL BNP E’ GENTILMENTE MESSA A DISPOSIZIONE DALLA DITTA GUALANDI, NOTA PRODUTTRICE DELLE FAMOSE BORRE;

q) ALLE PROVE (CANNA MANOMETRICA E PLACCA), OLTRE GIANLUCA GAROLINI, PARTECIPERANNO ANCHE PACI GIANNI E SCOTTI (TANCINI TINO) RAPPRESENTANTI DEI 2 SITI ORGANIZZATORI, CON FUNZIONI DI SUPPORTO ALLE OPERAZIONI DI VERIFICA, MA NON DI GIUDIZIO.
EVENTUALMENTE, DANDONE RISALTO SUI SITI, DECIDERANNO SE AGGIUNGERE NUOVE PERSONE DI SUPPORTO, IN BASE AL N° DEI PARTECIPANTI ALLA GARA;

r) DOPO ESSERE STATI INSERITI SUL SITO PER LA CONSULTAZIONE GRATUITA, I DATI DI CARICAMENTO SU MODULO E LE VARIE FOTOGRAFIE DELLE ROSATE, SARANNO RACCOLTE IN UN CD E DISTRIBUITI A CHI NE FARA’ RICHIESTA.
COME L’ANNO PRECEDENTE, VERRA’ FISSATO UN PREZZO SIMBOLICO CHE SERVIRA’ A CONCORRERE ALLE EVENTUALI SPESE DI GESTIONE DELLA GARA.

s) LE CARTUCCE DOVRANNO ESSERE CORREDATE DA UNA SCHEDA TECNICA DI CARICAMENTO E SOPRATTUTTO DOVRA’ ESSERE SPECIFICATO IL LOTTO O L’ANNO DI PRODUZIONE DELLA POLVERE.

Le cartucce verranno raccolte dagli organizzatori e dovranno essere spedite entro e non oltre il 31 di luglio.

I premi verranno decisi nei prossimi giorni, in base al n° dei partecipanti.

Dispersante: Le cartucce saranno provate alla distanza di 15 metri con canna da 70cm strozzata 1 stella.
Questa scelta si è resa necessaria per rendere più selettiva la gara ed evidenziare la dispersione.
Tutti i sistemi di borraggio sono ammessi, anche autocostruiti.
In questa categoria sono accettati valori pressori superiori alla norma, che siano però sicuri.
Lunga gittata:
In questa categoria sono da ritenere non conformi al regolamento le cartucce che sfruttano il principio del cappottamento della borra in volo; questo perchè gli organizzatori e il giudice della gara non ritengono valido questo principio, soprattutto per la incostanza dei valori, che questa tipologia di cartucce offre.
Tutti gli altri espedienti sono accettati, fermo restando l’utilizzo di bossoli da 70mm, il piombo del 3 e la massima grammatura a 46gr.
Purtroppo non si è potuta fare una categoria magnum, in quanto non abbiamo a disposizione un balipedio con canna magnum.
Il piombo del 3 è stato scelto da Gianluca in quanto a 40 metri offre una concentrazione maggiore di pallini, con una lettura più facile delle impronte.
I 40 metri sono stati scelti perchè riteniamo che in questo modo tutti i pallini dovrebbero essere all’interno della placca da 1,20×1,20metri, facilitando la lettura dei dati.
Anche in questo caso si è optato per dare la massima libertà di interpretazione, per una cartuccia destinata a tiri lunghi; quindi ci sarà colui che riterrà di ottenere tale risultato con una cartuccia da 32gr, ma con rosata molto concentrata e spinta a forte velocità, e colui che al contrario si cimenterà con una 46gr.
Il giudice sarà aperto ad ogni brillante soluzione.
Dovremo riuscire ad avere una concentrazione di rosata ottimale per tiri inusuali, quindi a 40 metri una rosata stretta, ma che non presenti al centro una palla, sintomo di pallini ancora racchiusi dentro il contenitore.
I valori pressori dovranno essere nella norma e comunque sempre di sicurezza.
In questo caso le velocità potranno anche essere leggermente fuori norma, sia al disotto che in eccesso, a seconda delle interpretazioni.
In questa categoria sono accettati tutti gli accorgimenti, anche empirici, atti a cancentrare i pallini, tranne borre rovesciate, che sfruttano il principio del cappottamento in volo.

Il regolamento è stato studiato ed approntato, come di consueto, da Tancini Tino (Scotti), Paci Gianni (GP) e Gianluca Garolini (G.G.).
 

  • PER ULTERIORI INFORMAZIONI, PREMI E ISCRIZIONI CLICCA QUI
  • PER ACCEDERE AI RIULTATI DELL’ EDIZIONE 2007 CLICCA QUI

Regole di inserimento e pubblicazione dei contenuti su questa pagina

Nota informativa

 

A differenza di una Rivista cartacea oppure Online, Migratoria.it in qualita di Blog, consente a tutti gli utenti la pubblicazione anticipata dei contenuti e dei commenti in tempo reale senza preventiva coda di moderazione. In base all' art. 70 l. 633/41 e consentito utilizzare a scopo di studio, discussione, documentazione o insegnamento, il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o parti di opere letterarie purchè vengano citati l'autore e la fonte, e non si agisca mai a scopo di lucro. E' fatto divieto pubblicare dati personali oppure fotografie di terze parti senza preventivo consenso dell' autore. Migratoria.it effettua controlli nei contenuti delle pagine, solamente dopo la pubblicazione degli stessi da parte degli utenti, pertanto gli autori di questo sito e i moderatori preposti si riservano in un secondo tempo, il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi contenuto che violi il diritto di terzi, oppure che sia ritenuto inopportuno o non conforme senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo. Migratoria.it e i suoi autori non possono in alcun modo essere ritenuti responsabili per il contenuto inopportuno/ illecito/diffamatorio degli articoli o dei commenti pubblicati dagli utenti che utilizzano il Blog/Forum inquanto questi ultimi gli unici responsabili essendo perfettamente in grado di aprire, cancellare, modificare, pubblicare autonomamente un articolo, una pagina, un commento. Nel caso venga riscontrato materiale inappropriato, commenti offensivi, spam, violazioni del copyright, link interrotti e possibile segnalare il contenuto di questa pagina inviando un email all' indirizzo: info@migratoria.it oppure utilizzando l'apposito link situato a pè pagina.

 

 

Classe: Uccelli
Ordine: Caradriformi
Famiglia: Caradridi
Specie: Charadrius hiaticula

 

 

 

 

CARATTERISTICHE

Il dorso è bruno, le zampe ed il becco arancio (a differenza di molti altri limicoli) sono molto brevi.

Il Corriere grosso, presenta un petto candido striato da una appariscente banda nera, così come sulla testa; in volo ha barra alare bianca ed ali appuntite Le sue dimensioni non superano i 20 centimetri di lunghezza ed un peso (nel maschio) di 80 grammi circa.

Lunghezza: 18/20 cm

Peso:           60/80 g.

Ap. alare:    40/45 cm

Becco:        15/20 mm

Tarso:         25 mm 

Coda:          60 mm

 

ABITUDINI

Molto attivo, corre fermandosi per brevi intervalli quando raccoglie il cibo. Volo rapido con battiti regolari. Nidifica sulle spiagge, tra le dune, nelle paludi salate e localmente nell’entroterra.
Se un predatore si avvicina al nido, il genitore se ne allontana e batte in modo maldestro le ali come fosse ferito e incapace di volare, facendosi seguire dal nemico e così distraendolo dal nido. Una volta portato il predatore ben lontano dal nido, il corriere grosso s’invola rapidamente per ritornare dai suoi piccoli.

Specie di doppio passo in Italia, sverna in Africa.

 

ALIMENTAZIONE

La dieta è costituita da invertebrati, crostacei, insetti e vermi di sabbia.

 

HABITAT

Spiagge sabbiose e fangose, visita le acque interne durante la migrazioneDi facile avvistamento nei mesi primaverili sui banchi di sabbia presso le foci dei fiumi che s’incrociano col mare o nelle lagune salmastre, questo uccello di piccole dimensioni con il suo corpo rotondo e la testa sferica corre incessantemente alla ricerca di cibo.

 

RIPRODUZIONE

La femmina, costruisce un nido spesso ricavato in una buca sabbiosa o ghiaiosa usando come materiale di rivestimento materiali vegetali e pietrisco; vi depone 4 uova grigiastre covate da entrambi. La schiusa avverrà dopo 25/30 giorni, ed i piccoli Corrieri, saranno autonomi dopo circa 22/24 giorni.

Spesso compiono una seconda covata nella stessa stagione.

 


 

DISTRIBUZIONE

Europa centro nord, Asia del nord, africa nord occidentale.

Specie di doppio passo in Italia, sverna in Africa.

 

Regole di inserimento e pubblicazione dei contenuti su questa pagina

Nota informativa

 

A differenza di una Rivista cartacea oppure Online, Migratoria.it in qualita di Blog, consente a tutti gli utenti la pubblicazione anticipata dei contenuti e dei commenti in tempo reale senza preventiva coda di moderazione. In base all' art. 70 l. 633/41 e consentito utilizzare a scopo di studio, discussione, documentazione o insegnamento, il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o parti di opere letterarie purchè vengano citati l'autore e la fonte, e non si agisca mai a scopo di lucro. E' fatto divieto pubblicare dati personali oppure fotografie di terze parti senza preventivo consenso dell' autore. Migratoria.it effettua controlli nei contenuti delle pagine, solamente dopo la pubblicazione degli stessi da parte degli utenti, pertanto gli autori di questo sito e i moderatori preposti si riservano in un secondo tempo, il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi contenuto che violi il diritto di terzi, oppure che sia ritenuto inopportuno o non conforme senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo. Migratoria.it e i suoi autori non possono in alcun modo essere ritenuti responsabili per il contenuto inopportuno/ illecito/diffamatorio degli articoli o dei commenti pubblicati dagli utenti che utilizzano il Blog/Forum inquanto questi ultimi gli unici responsabili essendo perfettamente in grado di aprire, cancellare, modificare, pubblicare autonomamente un articolo, una pagina, un commento. Nel caso venga riscontrato materiale inappropriato, commenti offensivi, spam, violazioni del copyright, link interrotti e possibile segnalare il contenuto di questa pagina inviando un email all' indirizzo: info@migratoria.it oppure utilizzando l'apposito link situato a pè pagina.

Siamo qui, soli, in questa stanza con le pareti di un colore bianco opaco che assorbe la luce, fra mille strane attrezzature e marchingegni. Irrefrenabile sale alla gola un nodo che blocca le parole, i respiri, i sussurri… è allora che i ricordi si accavallano alle emozioni. Chiudo gli occhi…accarezzo le vene della tua mano… la sento appoggiata alla mia spalla, troppo giovane ed esile per il vecchio Franchi a mollone.

"… sei certo che il tordo si sia posato lì …mi raccomando… spara solo se sei sicuro".

"Ma sì, Lallo…l’ho visto bene…è dietro un ramoscello". …"Spara, allora !".

Boom…"l’ho colpito…è caduto!".

"…presto… va a raccoglierlo…di corsa".

 

Fu il primo tordo di un sognatore quattordicenne e fu anche l’inizio dell’insana malattia che ancora mi affligge.

 

Altri ricordi: la mia prima apertura con licenza in tasca.

Con noi Lea, la nostra setter, l’unica sopravvissuta di un’intera cucciolata, il tuo dono per i miei diciotto anni.

La nidiata di fagiani che avevamo inseguito per tutta l’estate.

Le corse affannose sulle incerte ferme di una cucciolona senza esperienze e le mie sonore smitragliate che produssero inevitabilmente padelle clamorose.

Solo i tuoi recuperi su due femmine, ormai certe di averla sfangata, evitarono la clamorosa disfatta.

Le mie imprecazioni contro tutto e tutti, le cartucce, il fucile, persino gli stivali furono la giustificazione della troppa fretta e dell’imperizia.

E te con la calma di sempre a rincuorarmi, a darmi consigli e pacche sul gilet.

 

Un ticchettìo sordo, metallico mi riporta al presente.

Guardo la goccia nella flebo scendere lentamente, sempre con lo stesso ritmo, senza rumore instilla nel tuo sangue la dose quotidiana di cibo, di speranza, di attesa.

Sfioro ancora la tua mano, chiudo gli occhi e la memoria di nuovo ci trasporta altrove.

Regole di inserimento e pubblicazione dei contenuti su questa pagina

Nota informativa

 

A differenza di una Rivista cartacea oppure Online, Migratoria.it in qualita di Blog, consente a tutti gli utenti la pubblicazione anticipata dei contenuti e dei commenti in tempo reale senza preventiva coda di moderazione. In base all' art. 70 l. 633/41 e consentito utilizzare a scopo di studio, discussione, documentazione o insegnamento, il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o parti di opere letterarie purchè vengano citati l'autore e la fonte, e non si agisca mai a scopo di lucro. E' fatto divieto pubblicare dati personali oppure fotografie di terze parti senza preventivo consenso dell' autore. Migratoria.it effettua controlli nei contenuti delle pagine, solamente dopo la pubblicazione degli stessi da parte degli utenti, pertanto gli autori di questo sito e i moderatori preposti si riservano in un secondo tempo, il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi contenuto che violi il diritto di terzi, oppure che sia ritenuto inopportuno o non conforme senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo. Migratoria.it e i suoi autori non possono in alcun modo essere ritenuti responsabili per il contenuto inopportuno/ illecito/diffamatorio degli articoli o dei commenti pubblicati dagli utenti che utilizzano il Blog/Forum inquanto questi ultimi gli unici responsabili essendo perfettamente in grado di aprire, cancellare, modificare, pubblicare autonomamente un articolo, una pagina, un commento. Nel caso venga riscontrato materiale inappropriato, commenti offensivi, spam, violazioni del copyright, link interrotti e possibile segnalare il contenuto di questa pagina inviando un email all' indirizzo: info@migratoria.it oppure utilizzando l'apposito link situato a pè pagina.

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

Regole di inserimento e pubblicazione dei contenuti su questa pagina

Nota informativa

 

A differenza di una Rivista cartacea oppure Online, Migratoria.it in qualita di Blog, consente a tutti gli utenti la pubblicazione anticipata dei contenuti e dei commenti in tempo reale senza preventiva coda di moderazione. In base all' art. 70 l. 633/41 e consentito utilizzare a scopo di studio, discussione, documentazione o insegnamento, il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o parti di opere letterarie purchè vengano citati l'autore e la fonte, e non si agisca mai a scopo di lucro. E' fatto divieto pubblicare dati personali oppure fotografie di terze parti senza preventivo consenso dell' autore. Migratoria.it effettua controlli nei contenuti delle pagine, solamente dopo la pubblicazione degli stessi da parte degli utenti, pertanto gli autori di questo sito e i moderatori preposti si riservano in un secondo tempo, il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi contenuto che violi il diritto di terzi, oppure che sia ritenuto inopportuno o non conforme senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo. Migratoria.it e i suoi autori non possono in alcun modo essere ritenuti responsabili per il contenuto inopportuno/ illecito/diffamatorio degli articoli o dei commenti pubblicati dagli utenti che utilizzano il Blog/Forum inquanto questi ultimi gli unici responsabili essendo perfettamente in grado di aprire, cancellare, modificare, pubblicare autonomamente un articolo, una pagina, un commento. Nel caso venga riscontrato materiale inappropriato, commenti offensivi, spam, violazioni del copyright, link interrotti e possibile segnalare il contenuto di questa pagina inviando un email all' indirizzo: info@migratoria.it oppure utilizzando l'apposito link situato a pè pagina.

 

 

Regno: Animalia

Classe: Aves

Ordine: Gruiformes

Famiglia: Rallidae

Genere: Porzana

 

 

 

 


CARATTERISTICHE

Uccello di dimensioni corporee di circa 19 cm. Il maschio ha le parti superiori brune oliva senza strie bianche sulle copritrici alari, ventre grigio con barrature biancastre e macchia rossa alla base del becco verde. Le zampe sono verdi e lunghe. La femmina ha colori più mimetici e chiari, con barrature poco evidenti, e gola bianca.

 

ALIMENTAZIONE

Si nutre soprattutto di invertebrati e di semi di piante acquatiche.

 

HABITAT

Frequenta canneti e stagni con vegetazione al suolo fitta in alternanza ad aree aperte; talvolta si trova anche nelle vicinanze di grandi laghi e fiumi. Quando è nascosta nella vegetazione è possibile riconoscerla solo attraverso il canto del maschio.

 

 

SVERNAMENTO

I contingenti provenienti dalla Regione Paleartica occidentale svernano soprattutto in Africa nord-orientale e in minor misura nel bacino del Mediterraneo.
Forse alcune popolazioni trascorrono la stagione fredda in Arabia, Iraq e Iran, mentre si hanno segnalazioni di individui svernanti anche nell’Europa centrale e occasionalmente in Gran Bretagna.
In Italia è considerata migratrice regolare, occasionale in inverno.

NIDIFICAZIONE

Raramente nidifica in Italia e, comunque, in aree ristrette.
L’areale si estende in Europa, dove le popolazioni risultano però piuttosto disperse e localizzate, e ad oriente fino alla Cina nord-occidentale, attraversando il Caucaso, il Mar Caspio, il Tadjikistan, il Kazakhstan e il Sin-Kiang occidentale. Per via della notevole dispersione delle popolazioni la distribuzione della specie in Europa non è facilmente definibile e le mappe sono piuttosto approssimative.

Regole di inserimento e pubblicazione dei contenuti su questa pagina

Nota informativa

 

A differenza di una Rivista cartacea oppure Online, Migratoria.it in qualita di Blog, consente a tutti gli utenti la pubblicazione anticipata dei contenuti e dei commenti in tempo reale senza preventiva coda di moderazione. In base all' art. 70 l. 633/41 e consentito utilizzare a scopo di studio, discussione, documentazione o insegnamento, il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o parti di opere letterarie purchè vengano citati l'autore e la fonte, e non si agisca mai a scopo di lucro. E' fatto divieto pubblicare dati personali oppure fotografie di terze parti senza preventivo consenso dell' autore. Migratoria.it effettua controlli nei contenuti delle pagine, solamente dopo la pubblicazione degli stessi da parte degli utenti, pertanto gli autori di questo sito e i moderatori preposti si riservano in un secondo tempo, il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi contenuto che violi il diritto di terzi, oppure che sia ritenuto inopportuno o non conforme senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo. Migratoria.it e i suoi autori non possono in alcun modo essere ritenuti responsabili per il contenuto inopportuno/ illecito/diffamatorio degli articoli o dei commenti pubblicati dagli utenti che utilizzano il Blog/Forum inquanto questi ultimi gli unici responsabili essendo perfettamente in grado di aprire, cancellare, modificare, pubblicare autonomamente un articolo, una pagina, un commento. Nel caso venga riscontrato materiale inappropriato, commenti offensivi, spam, violazioni del copyright, link interrotti e possibile segnalare il contenuto di questa pagina inviando un email all' indirizzo: info@migratoria.it oppure utilizzando l'apposito link situato a pè pagina.

 

 

Regno: Animalia

Classe: Aves

Ordine: Gruiformes

Famiglia: Rallidae

Genere: Porzana

Specie: Porzana porzana

 

 

 

DESCRIZIONE

Il Voltolino ha dimensioni intermedie fra il Porciglione (Rallus aquaticus) e le schiribille e già questo è un discreto carattere di identificazione. Tenete presente che il Porciglione ha una lunghezza di circa 26-27 cm, più o meno la stessa di un Beccaccino (Gallinago gallinago) o di una Pettegola (Tringa totanus) anche se è più massiccio di queste specie; il Voltolino ha una lunghezza di circa 22-23 cm cioè quanto un Albastrello (Tringa stagnatilis) o un Piro piro culbianco (Tringa ochropus), ma è tozzo e robusto e appare piuttosto compatto per via del becco e del collo corti.

I disegni del piumaggio sono piuttosto complessi, ma hanno una dominante più tendente al marrone anche nelle parti inferiori. Inoltre il Voltolino è coperto di macchioline bianche sul dorso sul petto e sulla testa. Questo gli dà un caratteristico aspetto zuccherato. E’ come se fosse stato decorato con lo zucchero a velo passato da un colino come in certi dolci fatti in casa. Il sottocoda, spesso alzato e abbassato come per un tic nervoso (tipico di tutti i rallidi), e quindi molto evidente, è biancastro o fulviccio mentre nelle schiribille è pesantemente barrato. Il becco è giallastro con la base completamente arancione e risalta abbastanza mentre nelle schiribille è verde o verdastro con macchia rossa alla base nella sola Porzana parva.  Il giovane Voltolino assomiglia sostanzialmente ad un adulto stinto. Le macchie bianche sono più piccole, ma comunque caratteristiche.

 

 

 

HABITAT

Zone paludose, acquitirni, aree allagate, margini di fiumi e laghi densamente vegetati

 

 

 

ALIMENTAZIONE

Va alla ricerca di piccoli invertebrati come insetti, larve, anellidi, ragni e molluschi, ma anche di semi e vegetali teneri. 

 

 

 

RIPRODUZIONE

Depone 8 – 12 uova due volte all’anno. Il nido viene costruito assieme dal maschio e dalla femmina, consiste in un fitto intreccio di materiale vegetale situato nella vegetazione fitta nei pressi dell’acqua: L’incubazione delle uova viene fatta si dal maschio che dalla femmina per 18 – 19 giorni.

 

DISTRIBUZIONE

Eurasia centrale e occidentale; sverna nell’Africa del sud, Australia, Nuova Zelanda

Regole di inserimento e pubblicazione dei contenuti su questa pagina

Nota informativa

 

A differenza di una Rivista cartacea oppure Online, Migratoria.it in qualita di Blog, consente a tutti gli utenti la pubblicazione anticipata dei contenuti e dei commenti in tempo reale senza preventiva coda di moderazione. In base all' art. 70 l. 633/41 e consentito utilizzare a scopo di studio, discussione, documentazione o insegnamento, il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o parti di opere letterarie purchè vengano citati l'autore e la fonte, e non si agisca mai a scopo di lucro. E' fatto divieto pubblicare dati personali oppure fotografie di terze parti senza preventivo consenso dell' autore. Migratoria.it effettua controlli nei contenuti delle pagine, solamente dopo la pubblicazione degli stessi da parte degli utenti, pertanto gli autori di questo sito e i moderatori preposti si riservano in un secondo tempo, il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi contenuto che violi il diritto di terzi, oppure che sia ritenuto inopportuno o non conforme senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo. Migratoria.it e i suoi autori non possono in alcun modo essere ritenuti responsabili per il contenuto inopportuno/ illecito/diffamatorio degli articoli o dei commenti pubblicati dagli utenti che utilizzano il Blog/Forum inquanto questi ultimi gli unici responsabili essendo perfettamente in grado di aprire, cancellare, modificare, pubblicare autonomamente un articolo, una pagina, un commento. Nel caso venga riscontrato materiale inappropriato, commenti offensivi, spam, violazioni del copyright, link interrotti e possibile segnalare il contenuto di questa pagina inviando un email all' indirizzo: info@migratoria.it oppure utilizzando l'apposito link situato a pè pagina.

 

 

Nome comune: Pernice di mare

Nome scientifico: Glareola pratincola

Ordine: Caradriformi

Famiglia: Glareolidi

Classe: Uccelli

 

   

 

 

CARATTERISTICHE

Uccello di piccole dimensioni (22-25 cm., 70-90 g.), possiede una struttura corporea molto

slanciata, il becco corto e lievemente ricurvo all’ingiù e le zampe molto corte; presenta il dorso di

colore marrone, il ventre è chiaro, le zampe e la coda sono nere, la gola ed il petto color crema e

delimitati da un collare nero che parte da sotto l’occhio; quando è in volo ha l’aspetto di una grande

rondine, le ali sono lunghe e sottili ed inferiormente di colore rossiccio-bruno, il groppone è bianco

e la coda forcuta.

I suoi richiami consistono in una serie di striduli e secchi cinguettii e chiacchierii simili a quelli

delle sterne e anche degli acuti “ki-ik”.

 

 

 

HABITAT

Frequenta soprattutto le paludi e le lagune situate lungo i litorali marini, gli ambienti aperti e

piatti dove il fango si è seccato, le spiagge e le rive dei fiumi, ma è possibile incontrarla anche nelle

zone coltivate.

 

 

 

ALIMENTAZIONE

 

Il suo cibo preferito è costituito da insetti che cattura quando è in volo.

Soprattutto nelle ore vicine al crepuscolo volteggia a caccia di insetti; si ciba anche delle loro larve e di anellidi.

 

 

 

 

RIPRODUZIONE

Costruisce il nido in una piccola cavità nel terreno o nel fango, fra la bassa vegetazione salmastra, senza rivestirlo. La deposizione avviene da maggio a giugno e la cova viene condotta da entrambi i genitori. Depone di solito 2-3 uova di colore variabile dal fulvo al grigio pietra al verdastro, con macchie bruno-nerastre. Dopo 22 giorni dalla schiusa i giovani sono indipendenti. 

 

 

 

AREALE DI DISTRIBUZIONE

è una specie diffusa, ma estremamente localizzata, in tutti i paesi che si

affacciano sul Mediterraneo, nei paesi balcanici ed in Russia; i siti di svernamento sono localizzati

nell’Africa subsahariana, anche se alcuni individui possono svernare nell’Africa settentrionale; in

Italia è una specie presente durante le migrazioni ed in estate irregolarmente e non tutti gli anni; i

siti di nidificazione sono estremamente localizzati e occupati saltuariamente; si stima che le coppie

nidificanti siano tra le 30 e 90, e di queste la metà è localizzata in Sardegna e Sicilia (Saline di

Trapani e Biviere di Gela).

 

Regole di inserimento e pubblicazione dei contenuti su questa pagina

Nota informativa

 

A differenza di una Rivista cartacea oppure Online, Migratoria.it in qualita di Blog, consente a tutti gli utenti la pubblicazione anticipata dei contenuti e dei commenti in tempo reale senza preventiva coda di moderazione. In base all' art. 70 l. 633/41 e consentito utilizzare a scopo di studio, discussione, documentazione o insegnamento, il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o parti di opere letterarie purchè vengano citati l'autore e la fonte, e non si agisca mai a scopo di lucro. E' fatto divieto pubblicare dati personali oppure fotografie di terze parti senza preventivo consenso dell' autore. Migratoria.it effettua controlli nei contenuti delle pagine, solamente dopo la pubblicazione degli stessi da parte degli utenti, pertanto gli autori di questo sito e i moderatori preposti si riservano in un secondo tempo, il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi contenuto che violi il diritto di terzi, oppure che sia ritenuto inopportuno o non conforme senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo. Migratoria.it e i suoi autori non possono in alcun modo essere ritenuti responsabili per il contenuto inopportuno/ illecito/diffamatorio degli articoli o dei commenti pubblicati dagli utenti che utilizzano il Blog/Forum inquanto questi ultimi gli unici responsabili essendo perfettamente in grado di aprire, cancellare, modificare, pubblicare autonomamente un articolo, una pagina, un commento. Nel caso venga riscontrato materiale inappropriato, commenti offensivi, spam, violazioni del copyright, link interrotti e possibile segnalare il contenuto di questa pagina inviando un email all' indirizzo: info@migratoria.it oppure utilizzando l'apposito link situato a pè pagina.

     Benvenuti nell’ Area dedicata alla fotografia d’autore. Splendide immagini naturalistiche di animali, piante e fiori, scattate per Migratoria.it  nelle regioni centrali della nostra splendida penisola.  Attraverso questi momenti, potrete apprezzare la fotografia nel significato più completo. Il cielo azzurro, le nuvole che corrono veloci sospinte dal vento, la luce del sole, l’irrealtà della nebbia, il manto nevoso, le gocce di pioggia… la vita.

Le immagini inserite sono state scattate da tre noti Birdwatcher Umbri, spinti da una grande passione per la fotografia  e  tutto cio’ che riguarda la natura .

Ringrazio quindi  ROSSI PIERLUIGI ,  LINO SGARAVIZZI & FERRAGUTI MASSIMO  per aver consentito la pubblicazione delle immagini sul sito. 

Rossi Pierluigi & Lino Sgaravizzi.. 

aggiornamento

Tutti coloro che desiderano ricevere le foto contenute in queste pagine con una risoluzione maggiore, oppure  semplici consigli possono contattarlI all’ indirizzo di posta elettronica Piero: albatros49@tele2.it  Lino: linosgaravizzi@tin.it Massimo: ferraguti_massimo@libero.it

 

L’ utilizzo di queste immagini è gratuito per scopi non commericali. Per ulteriori informazioni contact Us: info@migratoria.it

 

 

CARICA FOTO

Regole di inserimento e pubblicazione dei contenuti su questa pagina

Nota informativa

 

A differenza di una Rivista cartacea oppure Online, Migratoria.it in qualita di Blog, consente a tutti gli utenti la pubblicazione anticipata dei contenuti e dei commenti in tempo reale senza preventiva coda di moderazione. In base all' art. 70 l. 633/41 e consentito utilizzare a scopo di studio, discussione, documentazione o insegnamento, il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o parti di opere letterarie purchè vengano citati l'autore e la fonte, e non si agisca mai a scopo di lucro. E' fatto divieto pubblicare dati personali oppure fotografie di terze parti senza preventivo consenso dell' autore. Migratoria.it effettua controlli nei contenuti delle pagine, solamente dopo la pubblicazione degli stessi da parte degli utenti, pertanto gli autori di questo sito e i moderatori preposti si riservano in un secondo tempo, il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi contenuto che violi il diritto di terzi, oppure che sia ritenuto inopportuno o non conforme senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo. Migratoria.it e i suoi autori non possono in alcun modo essere ritenuti responsabili per il contenuto inopportuno/ illecito/diffamatorio degli articoli o dei commenti pubblicati dagli utenti che utilizzano il Blog/Forum inquanto questi ultimi gli unici responsabili essendo perfettamente in grado di aprire, cancellare, modificare, pubblicare autonomamente un articolo, una pagina, un commento. Nel caso venga riscontrato materiale inappropriato, commenti offensivi, spam, violazioni del copyright, link interrotti e possibile segnalare il contenuto di questa pagina inviando un email all' indirizzo: info@migratoria.it oppure utilizzando l'apposito link situato a pè pagina.

Standard Morfologico

Aspetto generale
Il pointer è armonioso, ben costruito in ogni parte. Dà impressione di forza e d’agilità. Il suo profilo generale descrive una serie di curve aggraziate.

Caratteristiche
Aristocratico. Attivo, sprigionante un’impressione di forza, resistenza e rapidità.

Temperamento
Buon carattere, di indole costante.

Testa e cranio
Il cranio è di larghezza media, in rapporto con la lunghezza del muso. Lo stop ben marcato, la protuberanza occipitale pronunciata. Il tartufo e il bordo esterno degli occhi sono di colore scuro, ma possono essere più chiari nel caso di manto limone e bianco. Il tartufo è largo, morbido e umido. Il muso è alquanto concavo e termina a livello del tartufo, dando alla faccia un aspetto leggermente incavato. Le arcate zigomatiche non sono prominenti. Leggera depressione sotto gli occhi. Il labbro è ben sviluppato e morbido.

Occhi
A uguale distanza dall’occipite e dal tartufo. Vivaci con una espressione di bontà. Gli occhi sono di color nocciola o marrone, secondo il colore del mantello. Non sono né sporgenti né prepotenti. Lo sguardo non è sfuggente.

Orecchi
La pelle è sottile. Gli orecchi sono attaccati abbastanza in alto. Aderenti alla testa, di media larghezza; leggermente puntute alle estremità.

Mascelle
Le mascelle sono forti e presentano una articolazione mandibolare a perfetta forbice, regolare e completa, vale a dire che gli incisivi superiori coprono gli inferiori a contatto stretto e sono impiantati ben a squadra in rapporto alle mascelle.

Collo
Lungo, muscoloso, leggermente arcuato, ben uscente dallo spalle, esente da giogaia.

Anteriore
Le spalle sono lunghe, oblique e ben inclinate all’indietro. Il torace ha giusto la larghezza necessaria ad una buona ampiezza della regione sternale. È ben disceso a livello dei gomiti. Le membra anteriori, dal gomito al suolo, sono diritte e solide, con buona ossatura. Le ossa sono ovali, i tendini sono forti ed evidenti. L’articolazione del carpo non oltrepassa il profilo anteriore dell’arto e devia molto poco sulla faccia interna. I metacarpi sono abbastanza lunghi, forti ed elastici. Sono leggermente inclinati.

Corpo
Coste ben convesse, ben sviluppate all’indietro, diminuendo gradualmente verso il rene che è forte, muscoloso e leggermente arcuato. Il rene è corto. Le ossa delle anche sono ben spaziate e prominenti, ma non oltrepassano il livello del dorso.

Posteriore
Molto muscoloso. Ginocchia ben angolate. Buono sviluppo della coscia e della gamba. Il garretto è ben disceso.

Piede
Il piede è ovale; le dita sono ben serrate ed arcuate, provviste di buoni cuscinetti.

Coda
Di lunghezza media, grossa alla radice, gradualmente assottigliantesi verso l’estremità. Ben coperta di fitto pelo e portata a livello del dorso, senza presentare curvature verso l’alto. Quando il cane è in azione, la coda deve battere con movimento laterale.

Andatura
Uniforme. Il cane copre molto terreno. Spinta determinata dal posteriore. I gomiti non sono né in fuori né in dentro. Non deve assolutamente levare in alto gli arti come un cavallo Hackney (non andature rilevate o saltellanti).

Pelo
Il pelo è fine, corto, duro e uniformemente distribuito, perfettamente liscio, diritto e ben lucente.

Colore
I colori abituali sono limone e bianco, arancio e bianco, fegato (marrone) e bianco, nero e bianco. I mantelli unicolori e tricolori sono ugualmente corretti.

Taglia
L’altezza al garrese ricercata è, nel maschio da 25 a 27 pollici (da 63 a 69 cm), nella femmina da 24 a 26 pollici (da 61 a 66 cm).

Difetti
Ogni differenza in rapporto a quel che precede deve essere considerata difetto, che sarà penalizzato in rapporto alla sua gravità.

NB. I maschi devono avere due testicoli di apparenza normale, completamente discesi nello scroto.

Regole di inserimento e pubblicazione dei contenuti su questa pagina

Nota informativa

 

A differenza di una Rivista cartacea oppure Online, Migratoria.it in qualita di Blog, consente a tutti gli utenti la pubblicazione anticipata dei contenuti e dei commenti in tempo reale senza preventiva coda di moderazione. In base all' art. 70 l. 633/41 e consentito utilizzare a scopo di studio, discussione, documentazione o insegnamento, il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o parti di opere letterarie purchè vengano citati l'autore e la fonte, e non si agisca mai a scopo di lucro. E' fatto divieto pubblicare dati personali oppure fotografie di terze parti senza preventivo consenso dell' autore. Migratoria.it effettua controlli nei contenuti delle pagine, solamente dopo la pubblicazione degli stessi da parte degli utenti, pertanto gli autori di questo sito e i moderatori preposti si riservano in un secondo tempo, il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi contenuto che violi il diritto di terzi, oppure che sia ritenuto inopportuno o non conforme senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo. Migratoria.it e i suoi autori non possono in alcun modo essere ritenuti responsabili per il contenuto inopportuno/ illecito/diffamatorio degli articoli o dei commenti pubblicati dagli utenti che utilizzano il Blog/Forum inquanto questi ultimi gli unici responsabili essendo perfettamente in grado di aprire, cancellare, modificare, pubblicare autonomamente un articolo, una pagina, un commento. Nel caso venga riscontrato materiale inappropriato, commenti offensivi, spam, violazioni del copyright, link interrotti e possibile segnalare il contenuto di questa pagina inviando un email all' indirizzo: info@migratoria.it oppure utilizzando l'apposito link situato a pè pagina.

Pointer
     

Origine:

seguendo le ipotesi più credibili il Pointer Inglese, si è sviluppato due secoli fa da un incrocio tra il Pointer Italiano, Il Foxhound, the Bloodhound, the Greyhound, the Newfoundland, the Setter, and the Bulldog. Questo mix è piuttosto incredibile ma certamente ha prodotto un risultato straordinario. Il Pointer attuale è presente da circa ottant’anni. Il suo nome deriva dalla particolare posizione che assume in fase appunto di "punta", informando il cacciatore del luogo in cui si trova la preda ( in fase di caccia) o il gioco precedentemente nascosto (in fase di addestramento). Il primo dato registrato relativo ad una seduta di caccia del Pointer Inglese risale intorno al 1650, per la caccia alla lepre. Dal 1700 viene confermato a pieni voti come cane da caccia. Il Pointer Inglese è rinomato per il suo potente fiuto e la velocità con cui segue le tracce che lo portano velocemente alla preda. Non patisce particolarmente il freddo anche se il clima caldo e tiepido è sicuramente più adatto al suo fisico. Oggi il Pointer Inglese è il cane da caccia per antonomasia e un fedele e simpatico cane da compagnia.

Descrizione:

Il Pointer, conosciuto anche come Pointer inglese, è un cane potente, aggraziato ed aristocratico. Il pointer ha un’espressione attenta e un corpo agile ed atletico. Ha un’innata eleganza che sfoggia con molta naturalezza. Il naso è leggermente in su rispetto al resto del muso. Lo stop è ben definito. Il labbro superiore è pieno ma non rilassato. Gli occhi sono di color nocciola o castagna, dipende dal colore del mantello. Le orecchie di media misura sono pendenti. I denti dovrebbero chiudere a forbice. Il collo è lungo. La coda è dritta e sottile e non deve essere mai tagliata. Le zampe sono ovali. Il taglio degli speroni delle zampe posteriori è facoltativo. Il mantello dal pelo corto, lucido e liscio è principalmente bianco, con macchie più scure che variano dall’arancione, al marrone o nero. Il naso dovrebbe essere dello stesso colore delle macchie sul mantello.

Temperamento:

Il Pointer Inglese è pieno di energia e ha grande resistenza. Leale e devoto risulta essere un vero amico. E’ molto paziente con i bambini ed essendo un cane molto attivo e giocherellone, è senza dubbio una buona compagnia. Il Pointer si affeziona molto al suo padrone, è estremamente intelligente e pulito. È un cacciatore molto energico e calmo quando è a casa. E’ in grado di adattarsi velocemente a qualsiasi situazione anche grazie alla sua spiccata intelligenza. Se socializzato correttamente in tenera età, non avrà problemi di timidezza che a volte possono manifestarsi in quanto tendenzialmente è un cane dal temperamento placido e timido. Tendono ad essere un po’ riservati con gli sconosciuti. Abbaierà se sentirà dei rumori sospetti ma non è principalmente un cane da guardia. L’istinto alla caccia è sviluppato molto precocemente. Addirittura i cuccioli di sole otto settimane possono mostrare atteggiamenti di "punta". Questi cani piuttosto indipendenti sono buoni con altri animali domestici e non sono aggressivi.

 

 

 

 

 

Standard…
 

 

Regole di inserimento e pubblicazione dei contenuti su questa pagina

Nota informativa

 

A differenza di una Rivista cartacea oppure Online, Migratoria.it in qualita di Blog, consente a tutti gli utenti la pubblicazione anticipata dei contenuti e dei commenti in tempo reale senza preventiva coda di moderazione. In base all' art. 70 l. 633/41 e consentito utilizzare a scopo di studio, discussione, documentazione o insegnamento, il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o parti di opere letterarie purchè vengano citati l'autore e la fonte, e non si agisca mai a scopo di lucro. E' fatto divieto pubblicare dati personali oppure fotografie di terze parti senza preventivo consenso dell' autore. Migratoria.it effettua controlli nei contenuti delle pagine, solamente dopo la pubblicazione degli stessi da parte degli utenti, pertanto gli autori di questo sito e i moderatori preposti si riservano in un secondo tempo, il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi contenuto che violi il diritto di terzi, oppure che sia ritenuto inopportuno o non conforme senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo. Migratoria.it e i suoi autori non possono in alcun modo essere ritenuti responsabili per il contenuto inopportuno/ illecito/diffamatorio degli articoli o dei commenti pubblicati dagli utenti che utilizzano il Blog/Forum inquanto questi ultimi gli unici responsabili essendo perfettamente in grado di aprire, cancellare, modificare, pubblicare autonomamente un articolo, una pagina, un commento. Nel caso venga riscontrato materiale inappropriato, commenti offensivi, spam, violazioni del copyright, link interrotti e possibile segnalare il contenuto di questa pagina inviando un email all' indirizzo: info@migratoria.it oppure utilizzando l'apposito link situato a pè pagina.

Standard Morfologico

Caratteri generali:
La conformazione generale e’ quella di un mesomorfo leggero il cui tronco sta nel rettangolo e quindi con l’arto anteriore, da terra al gomito, piu’ corto dell’altezza dal gomito al garrese.
Il bel setter inglese attuale deve essere un cane che unisca la potenza; senza pesantezza, all’eleganza delle forme; il suo aspetto deve denotare l’attitudine al lavoro; grande facilita’ di movimenti, muscoli lunghi, buona ossatura, ma non troppo forte, diamtri trasversali non troppo pronunciati. Non si raccomandera’ mai abbastanza di scartare quei setters inglesi mastodontici, con pelle abbondante, linfatici, con testa grande, che oltre essere fuori tipo, saranno lenti e poco resistenti.

Testa:
Dolicocefala: la sua lunghezza totale e’ di 4/10 dell’altezza al garrese.
La lunghezza del cranio e’ uguale alla lunghezza del muso e lameta’ della lunghezza del muso e la meta’ della lunghezza totale della testa si trova sulla linea orizzontale che congiunge i due angoli interni degli occhi.
L’indice cefalico totale non deve oltrepassare il n.45, cioe’ la larghezza bizigomatica del cranio deve essere inferiore alla meta’ della lunghezza totale della testa.
Le direzioni degli assi longitudinali superiori del cranio e del muso sono fra di loro paralleli.
Lunga, asciutta, leggera senza esagerazione, il salto naso-frontale marcato, le labbra decisamente disegnate nella loro parte anteriore devono terminare alle mascelle, non flaccide e pendenti.

Tartufo:
Il tartufo sara’ grosso, largo, umido, fresco e brillante, nero o marrone scuro: il pigmento marrone si riscontra in genere nei bianco-arancio e nei liver.
E’ tollerato il pigmento color carnicino. deve essere sulla stessa linea della canna nasale e vista di profilo, la sua faccia anteriore si trova sul medesimo piano verticale anteriore delle labbra. Narici aperte e mobili e le ali nasali sottili.

Canna nasale:
Diritta, lunga, larga; misurata a meta’ della sua lunghezza, la sua larghezza e’ il 40% della lunghezza della canna nasale stessa. Per la sua lunghezza e direzione in rapporto con l’asse del cranio vedi la descrizione della testa.

Labbra e muso:
Le labbra devono essere sviluppate solamente da coprire ai lati la mandibola, dunque labbra molto morbide, non flaccide e pendenti, il profilo anteroinferiore-laterale del muso presenta il disegno di un semicerchio a corda poco chiusa, percio’ nel setter inglese il profilo ineriore del muso e’ ancora dato dalle labbra. La lunghezza del muso corrisponde alla lunghezza della canna nasale e le sue facce laterali sono fra di loro parallele; la faccia anteriore si presenta piatta e cioe’ quadra. La lunghezza del muso deve raggiungere la meta’ della lunghezza totale della testa. La direzione degli assi longitudinali superiori del cranio e del muso sono fra di loro parallele. La regione sottorbitale deve presentare delle salienze e rilievi, il tessuto cellulare sottocutaneo e muscoli poco sviluppati, la pelle sottile: deve essere cioe’ ben cesellata.

Mascelle:
Di uguale lunghezza, con le labbra della mandibola tendenti alla linea retta in tutta la sua lunghezza con arcate dentarie combaciandosi perfettamente ( a forbice ). Denti sani completi per sviluppi e numero.
Depressione naso frontale:
Accentuata ma non brusca.

Cranio:
La lunghezza del cranio e’ uguale alla lunghezza del muso. L’indice cefaletico totale non deve oltrepassare il numero 45, cioe’ la lunghezza bizigomatica del cranio deve essere inferiore alla meta’ della lunghezza totale della testa. La calotta del cranio, vista di profilo, dve essere leggermente convessa, la parte posteriore deve essere ovale, sensibile la cresta occipitale. Il cranio meno largo frale orecchie. Le pareti laterali sono ovunque piatte.
I seni frontali molto sviluppati. Sutura metopica marcata.

Orecchie:
Le orecchie devono essere attaccate in basso e cioe’ a livello dell’arcata zigomatica o meglio sotto e indietro, cioe’ fra l’attaccatura della testa e il collo. Di lunghezza moderata, non devono mai raggiungere i 2/3 della lunghezza totale della testa.
In stazione normale e con la testa in posizione orizzontale la punta passa di circa tre centimetri la linea inferiore della gola. Devono pendere senza scostarsi dalle guance e non mettere in mostra la loro faccia interna. Non devono essere larghe cioe’ non devono essere spiegate in tutta la loro larghezza. L’orecchio del setter inglese forma una piega su se stesso, in senso longitudinale ( cioe’, secondo la lungezza dell’orecchio) e questa piega e’ permessa appunto dalla pelle sottile e morbida e dalla cartilagine sottile e fine. Le frange fini e setacee che coprono la faccia esterna del padiglione, devono diminuire in lunghezza nella parte inferiore in modo che la estremita’ del padiglione, che comprende lo spazio di due o tre centimetri al massimo, deve essere coperta di pelo raso e vellutato.
L’apice del padiglione deve terminare in una punta leggermente arrotondata.

Occhi:
Devono essere grandi, brillanti, dolci, espressivi, denotanti intelligenza; in posizione semilaterale, di color nocciola scuro il piu’ possibile; tuttavia il colore puo’ essere un po’ meno scuro nei setters bianchi, bianchi-arancio. L’arcata sopracigliare deve essere nettamente separata dalla fronte. Le palpebre non devono lasciare scorgere la congiuntiva, essere cioe’ ben aderente al bulbo oculare e la pigmentazione del loro margine o marrone o nera.

Collo
Il collo e’ uguale alla lunghezza della testa: deve raggiungere i 4/10 dell’altezza al garrese. La sua circonferenza, a meta’ della sua lunghezza, in un setter di cm. 60 al garrese, deve essere di cm. 40 . Deve essere ben muscoloso, quantunque magro, leggermente arcuato nella sua parte mediana superiore; la sua congiunzione con la testa nettamente marcata, in modo da lasciare ben libera la parte posteriore del cranio.
Il collo deve allungarsi con armonia ed i muscoli aumentare d’importanza nel punto di congiunzione con la spalla, ma senza pesantezza e conservando sempre eleganza. Esso deve sempre essere esente da giogaia e le frange, formando un leggero collare al margine inferiore, devono spiccare nettamente.

Corpo:
La lunghezza del tronco misurato dalla punta della spalla ( articolazione scapolo omerale) alla punta della natica (punta posteriore dell’ischio) deve superiore l’altezza al garrese. La maggiore lunghezza del tronco non deve superiore 1/20 dell’altezza al garrese o al massimo un 1/18. Il tronco del setter deve restare in un rettangolo.

Petto:
Ben aperto e largo con muscoli pettorali ben sviluppati. La sua larghezza e’ in proporzione diretta di quella del costato, e deve essere del 25% dell’altezza al garrese, misurata fra i margini supeo-anteriori delle braccia. Il manubrio dello sterno e’ situato al livello della punta delle spalle.

Torace:
Deve scendere sino al gomito e meglio se lo sorpassa di circa due centimetri. Profondo con coste lunghe e ben convesso e gli archi costali aperti. Le ultime false coste ben avvicinate al margine anteriore delle cosce. Ben convesse alla meta’ della loro altezza.
Il suo diametro trasversale, che e’ piu’ sviluppato a meta’ dell’altezza del costato, va gradatamente diminuendo verso lo sterno, senza formare pero’ carena.
La regione sternale lunga, deve rimontare dolcemente verso l’addome.
La circonferenza del costato deve essere 1/4 superiore dell’altezza al garrese e il suo diametro trasversale del 39% dell’altezza stessa.
In un setter inglese di cm.60 al garrese il costato dovrebbe fornire le seguenti misure: perimetro misurato dietro il gomito cm.74; agli archi costali cm.64, profondita’ cm.33 altezza cm.31,5, diametro trasversale cm. 19.

Dorso:
Garrese elevato sulla linea dorsale e stretto per ravvicinamento della punta delle scapole fra di loro. Il profilo del dorso e’ retto. La lunghezza del dorso deve essere in rapporto alla profondita’ del torace (lunghezza): ad ogni vertebra dorsale corrisponde una costola.

Lombo e rene:
Ben fornito di muscoli in larghezza. Ben fuso con la linea del dorso e ben arcuato visto di profilo. La sua lunghezza e’ un po’ meno del quinto dell’altezza al garrese e la larghezza si avvicina alla lunghezza.

Ventre e fianchi:
Il ventre deve rimontare leggermente, ma non troppo: non deve essere levrette’. I fianchi sono lunghi come i lombi e poco incavati.

Groppa:
Larga, muscolosa, orizzontale (con inclinazione di circa 10° sull’orizzontale). La sua lunghezza e’ di circa 1/3 dell’altezza al garrese e la larghezza di 1/7 dell’altezza al garrese.

Coda:
E’ inserita alta, grossa e robusta alla radice, va diminuendo di grossezza fino alla punta. La sua lunghezza deve superare di circa tre centimetri l’altezza dell’arto anteriore al gomito. E’ portata piuttosto bassa che alta, senza deviazione laterale, leggermente incurvata a forma di falce rovesciata.
Le frange non devono cominciare dalla radice della coda, ma solamente due o tre centimetri dall’attaccatura e aumentano gradatamente di lunghezza fino alla meta’ della sua lunghezza per diminuire gradualmente fino alla punta della coda, in modo da assumere la forma di un triangolo isoscele. Le sete devono cadere in frange diritte o leggermente ondulate, non folte, mai increspate e arricciate.

Organi sessuali
I due testicoli devono essere di corretto e uguale sviluppo, contenuti nella loro sede naturale: nello scroto.

Arti anteriori
Appiombi normali visti di profilo:
1) La verticale, abbassata dall’articolazione scapolo-omerale (punta della spalla o del braccio) deve cadere toccando la punta delle dita.
2) La verticale abbassata dall’articolazione omero-radiale deve dividere in due parti quasi uguali (la maggiore e’ quella anteriore), l’avambraccio, il carpo, uscendo fuori posteriormente a livello della meta’ della lunghezza del metacarpo.

Appiombi normali visti di fronte:
La verticale abbassata dall’articolazione scapolo-omerale deve dividere in due parti quasi uguali l’avambraccio, il carpo, il metacarpo e il piede.
La lunghezza dell’arto anteriore da terra al gomito e’ inferiore alla lunghezza misurata dal gomito al garrese. Questa lunghezza ridotta dell’arto misurato da terra al gomito e’ data dalla brevita’ dell’avambraccio che negli altri setter e’ piu’ lungo del braccio.
Questa peculiarita’ del setter inglese ha dato origine alla felice espressione: ”le setter anglais est pre’s de terre” e questa conformazione e’ appunto quella che favorisce il ”gattonamento”.

Spalla:
Lunga 1/4 (meglio se piu’ lunga) dell’altezza al garrese, inclinata di 45°- 55° sull’orizzontale, con muscoli molto sviluppati e libera nei movimenti.
Le punte delle scapole, nel cane in stazione normale e a collo eretto devono essere molto ravvicinate fra di loro (non piu’ distanti di un centimetro e mezzo).

Braccio:
Come la spalla fornito di muscoli molto sviluppati e di forte ossatura. Ha una inclinazione di circa 65° sull’orizzontale e la lunghezza ( superiore a quella dell’avambraccio ) e’ circa il 33% dell’altezza al garrese. La sua direzione e’ quasi parallela al piano mediano del corpo.

Avambraccio:
Di forte ossatura, presenta una linea verticale; la sua sezione e’ ovale, a differenza degli altri setters la sua lunghezza e’ inferiore a quella del braccio. In un setter inglese di cm. 60 al garrese, l’altezza dell’arto al gomito e’ di cm.28,50. Con un’altezza inferiore a questa misura si avrebbe un arto troppo corto e il cane sarebbe esageratamente pre’s de terre a danno dell’estetica, dell’andatura e della velocita’.
I gomiti devono trovarsi in un piano parallelo al piano mediano del corpo: non troppo serrati alla parete del costato (detti gomiti chiusi), ne’ deviati all’infuori (gomiti aperti).
La punta del gomito deve trovarsi alquanto avanti alla perpendicolare calata dall’angolo caudale (punta posteriore) della scapola.

Carpo:
Sulla linea verticale visto di fronte; visto di profilo deve essere steso in modo che la verticale abbassata dall’articolazione omero radiale deve dividere in due parti uguali l’avambraccio e il carpo e uscire fuori a meta’ della lunghezza del metacarpo. La sua lunghezza e’ un po’ superiore di 1/6 dell’altezza di tutto l’arto al gomito.

Piede:
Di forma ovale (piede di lepre) con dita ben vicine fra loro e arcuate, ricoperte di pelo abbastanza lungo anche fra le dita. Suola dure e unghie ricurve e pigmentate.

Arti posteriori
Appiombi normali visti di profilo:
La verticale abbassata dalla punta della natica deve toccare la punta delle dita, dovendo il metatarso essere sempre in posizione verticale.

Appiombi normali visti posteriormente:
La verticale abbassata dalla punta della natica deve dividere in due parti eguali la punta del garretto, metatarso e piede.

Coscia:
Larga, lunga, e muscolosa con margine posteriore convesso, la sua direzione e’ oblqua dall’alto al basso e dall’indietro in avanti (75%) e, rispetto alla verticale, parallela al piano mediano del corpo. La sua lunghezza non deve essere inferiore al terzo dell’altezza al garrese e la faccia esterna deve raggiungere i 3/4 della sua lunghezza.

Gamba:
Con forte ossatura, ben fornita di muscoli, con scanalatura gambale ben marcata. La sua lunghezza e’ di poco inferiore a quella della coscia e la sua inclinazione e’ di circa 38° sull’orizzontale.

Garretto:
Le sue facce devono essere molto larghe ed il suo angolo anteriore, data l’inclinazione accentuata della tibia, chiuso. La distanza dalla punta del garretto a terra deve essere di circa il 27% dell’altezza al garrese.
La linea posteriore che dalla punta del garretto scende a terra deve trovarsi sulla verticale abbassata dalla punta dell’ischio.

Metatarso:
Il metatarso deve trovarsi sempre in posizione verticale e la sua lunghezza e’ di circa, in un setter di cm. 60 al garrese, cm. 16,50. Robusto, asciutto, privo di speroni; visto di profilo deve trovarsi indietro della verticale abbassata dalla punta della natica, un po’ piu’ della misura del piede.

Piede:
Con tutti i requisiti dell’anteriore e un po’ meno ovale.

Pelo:
Fine, stirato, mantiene in tutta la sua lunghezza, che e’ di circa cm. 5-6, una linea diritta, senza alcuna deviazione dal suo asse. E’ di natura setacea.
E’ raso sulla testa, ad eccezione della faccia esterna del padiglione delle orecchie (parte superiore), margine anteriore e sulle facce laterali dell’avambraccio, del tarso, e del metatarso. Forma frange non folte al margine inferiore del collo, alla regione sternale, al margine posteriore degli arti, alle natiche e alla coda.
I piedi sono ben guarniti di pelo specialmente fra le dita.
Sottopelo abbondante solo nella stagione invernale.

Colore del manto:
Il colore del mantello del setter inglese e’ variabile: binaco e nero tendente al blu (blu-bleton); bianco-arancio (orange-belton); bianco e marrone (liver-belton);
tricolore ( bianco a macchie nere e focature); questi colori sono da preferirsi.
I mantelli interamente bianchi, fegato, arancio, nerei e neri focati non sono ricercati.
Le moschettature possono essere piu’ o meno numerose e le macchie piu’ o meno grandi.

Pelle:
Sottile, con limitato connettivo sottocutaneo e percio’ ben aderente al corpo, in ogni regione, non deve formare giogaia al collo e la testa non deve presentare assolutamente rughe. Le mucose e le sclerose nere o marrone e cosi’ pure le unghie e la suola dei cuscinetti plantari, e digitali.

Altezza al garrese:
Nei maschi da cm. 56 a cm. 62; nelle femmine da cm. 54 a cm. 60.

Peso:
Da Kg. 20 a 30.

Andatura:
In caccia a grande galoppo.

Altezza:
L’altezza ideale del setter inglese non deve superare i cm. 60 .

Regole di inserimento e pubblicazione dei contenuti su questa pagina

Nota informativa

 

A differenza di una Rivista cartacea oppure Online, Migratoria.it in qualita di Blog, consente a tutti gli utenti la pubblicazione anticipata dei contenuti e dei commenti in tempo reale senza preventiva coda di moderazione. In base all' art. 70 l. 633/41 e consentito utilizzare a scopo di studio, discussione, documentazione o insegnamento, il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o parti di opere letterarie purchè vengano citati l'autore e la fonte, e non si agisca mai a scopo di lucro. E' fatto divieto pubblicare dati personali oppure fotografie di terze parti senza preventivo consenso dell' autore. Migratoria.it effettua controlli nei contenuti delle pagine, solamente dopo la pubblicazione degli stessi da parte degli utenti, pertanto gli autori di questo sito e i moderatori preposti si riservano in un secondo tempo, il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi contenuto che violi il diritto di terzi, oppure che sia ritenuto inopportuno o non conforme senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo. Migratoria.it e i suoi autori non possono in alcun modo essere ritenuti responsabili per il contenuto inopportuno/ illecito/diffamatorio degli articoli o dei commenti pubblicati dagli utenti che utilizzano il Blog/Forum inquanto questi ultimi gli unici responsabili essendo perfettamente in grado di aprire, cancellare, modificare, pubblicare autonomamente un articolo, una pagina, un commento. Nel caso venga riscontrato materiale inappropriato, commenti offensivi, spam, violazioni del copyright, link interrotti e possibile segnalare il contenuto di questa pagina inviando un email all' indirizzo: info@migratoria.it oppure utilizzando l'apposito link situato a pè pagina.

Social profiles
Chiudi
EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRomanianRussianSpanish


CIAO AMICO CACCIATORE

Se pensi che la conoscenza che Migratoria.it ti da, valga il prezzo di un caffè, per favore fai una donazione, ci vuole solo un minuto. Cosi facendo dimostrerai allo staff che il loro lavoro conta. Solo una piccola parte dei nostri utenti dona ed è grazie a loro che migratoria.it può rimanere libera e gratuita in rete. Se sei una di quelle straordinarie persone che hanno già donato, ti ringraziamo di cuore.

Se sei iscritto al forum clicca qui per donare altrimenti clicca sul pulsante paypal qui sopra




Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.