19 Aprile 2022

Ci sono dei personaggi che,a parte zio Franco,mi hanno introdotto nell'affascinante mondo della caccia. Uno di questi è Raffaele (Rafaà il in

fasanese),factotum dell'Armeria Carrieri nel senso che era colui che andava a consegnare la polvere da sparo (la cordite) alle cave in Puglia, Calabria e Lucania e per questo aveva i suoi agganci nelle varie zone, che gli segnalavano quando c'era da sparare (vedi la sparata a Spezzano Albanese). Inoltre, Raffaele caricava le cartucce in maniera egregia e sparava altrettanto bene. Non so se avesse un titolo di studio; probabilmente aveva soltanto la 5^ elementare, ma era comunque una persona assai intelligente. Era lui che caricava le cartucce per il mio cal.28, che mi aiutava a riconoscere in volo i vari uccelli, che la mattina presto mi diceva: "Addù vèid nìur,nzacc!"(dove vedi nero spara). L'altro personaggio, noto più per la sua  simpatia era Vito la guardia notturna ("Vetucc  u uard notturn"). In verità il nome Vito in fasanese si dovrebbe dire "Veit",ma suona male e perciò si dice "Vetucc", con la e muta, la U che si pronuncia più o meno come la eu francese e la c finale rafforzata e dolce. A Fasano infatti c'è stata la dominazione francese. Quando andavamo a prendere Vito da casa per andare al rientro ai tordi, immancabilmente usciva dalla porta di casa con il muso sporco di sugo e la bottiglia di vino in mano. Era sempre un pò alticcio, sparava con una doppietta tenuta insieme con il filo di ferro, ma era un tiratore micidiale. Dunque siamo più o meno nel 1964 ed io carico da me le cartucce per il mio sovrapposto Beretta S55 cal.20, dietro suggerimento della carica da parte di Raffaele: per i tordi S4 nella dose di 1,10X23. Si approssima la stagione delle tortore e chiedo a lui una cartuccia per questi uccelli. Mi suggerisce la C7 nella dose di 1,45X24.Le cartucce funzionano benissimo e sono molto soddisfatto. Una mattina lo incontro per strada e gli dico:"Rafaà,ve bun a ci sett" (Raffaele,va bene la C7).Mi risponde:"P fforz,è il suo periòdo! (con l'accento sulla o").Da allora l'espressione è rimasta nel nostro gergo e la adoperiamo sempre quando si adatta alle circostanze.

Riccardo Turi




Close

SEI ISCRITTO AL  FORUM?

Attiva gratuitamente il tuo “Account Premium”  CLICCA QUI
 

Area riservata