2 0
Tempo di lettura stimato:4 Minuti

Wetlands International, l’ente coordinatore dei censimenti invernali degli uccelli acquatici in tutto il mondo, in collaborazione con diverse Università, ha dimostrato che le zone umide migliori per la conservazione degli uccelli sono quelle in cui si attua una gestione attiva, mentre quelle semplicemente protette non sono altrettanto efficaci.

In vista della Strategia Nazionale per la Biodiversità 2030 Federcaccia si augura che siano prese in considerazione queste importanti conclusioni e sia riconosciuto e incentivato il ruolo dei cacciatori nella gestione, conservazione e ripristino delle zone umide italiane.

 Di seguito presentiamo la traduzione del comunicato di Wetlands International e il link al comunicato originale di Wetlands International dove è possibile anche scaricare l’articolo scientifico.

PROTECTED AREAS DON’T ALWAYS BOOST BIODIVERSITY: MANAGEMENT IS CRUCIAL

 

Le aree protette non sempre favoriscono la biodiversità: la gestione è fondamentale

L’impatto sulla fauna selvatica della designazione di aree protette come i parchi nazionali non è uniforme, secondo il più grande studio globale degli effetti sugli uccelli acquatici. I risultati mostrano che la gestione delle zone tutelate per proteggere le specie e i loro habitat è fondamentale – e senza tale gestione, queste aree hanno maggiori probabilità di essere inefficaci.

Nel corso di quest’anno i leader mondiali si riuniranno in Cina per stabilire l’agenda degli sforzi di conservazione globale per il prossimo decennio. I piani per proteggere formalmente il 30% della superficie terrestre entro il 2030 stanno prendendo piede, ma gli autori dello studio dicono che questo da solo non garantirà la conservazione della biodiversità. Essi sostengono che gli obiettivi devono essere fissati per la qualità delle aree protette, non solo per la quantità.

Il nostro nuovo studio si è concentrato sugli uccelli acquatici, comprese le specie minacciate a livello globale, esaminando l’impatto di 1.500 aree protette (in 68 paesi) su più di 27.000 siti di uccelli acquatici con informazioni di conteggio. Gli uccelli acquatici sono ben studiati e diffusi, mentre la loro mobilità significa che possono rapidamente colonizzare o lasciare un luogo in base alla qualità delle condizioni. I risultati possono avere una rilevanza più ampia per la conservazione di altri taxa e la gestione di aree protette per gli uccelli non acquatici.

Lo studio è stato condotto dalle Università di Exeter e Cambridge ed è pubblicato sulla rivista Nature. Il gruppo di ricerca ha incluso Wetlands lnternational e le università di Bangor, Queensland, Copenhagen e CorneiI. La ricerca si è basata sugli sforzi di molte migliaia di volontari in tutto il mondo, attraverso il censimento internazionale degli uccelli acquatici (coordinato da Wetlands lnternational) e il Christmas Bird Count (National Audubon Society) per raccogliere i dati sulle popolazioni degli uccelli acquatici.

“Sappiamo che diversi gruppi di uccelli acquatici richiedono specifiche condizioni di habitat per l’alimentazione, il riposo e la nidificazione. Se questi requisiti non vengono soddisfatti, le aree protette non possono servire a fornire adeguati habitat sicuri e produttivi per mantenere queste popolazioni di uccelli acquatici”, dice il dottor Taej Mundkur, coordinatore del censimento internazionale degli uccelli acquatici con Wetlands lnternational.

“Lo studio ha dato informazioni preziose e ribadisce l’importanza della raccolta di serie a lungo termine di informazioni di censimento degli uccelli in Europa, Africa, Asia, Neotropici e nelle Americhe e il ruolo delle reti impegnate di volontari e collaboratori locali”.

“Sappiamo che le aree protette possono prevenire la perdita di habitat, soprattutto in termini di arresto della deforestazione”, ha detto l’autore principale Dr Hannah Wauchope, del Centre far Ecology and Conservation al Penryn Campus di Exeter in Cornovaglia. “Tuttavia, abbiamo molta meno comprensione di come le aree protette aiutino la fauna selvatica”.

Questo studio mostra che, mentre molte aree protette funzionano bene, molte altre non riescono ad avere un effetto positivo”. “Piuttosto che concentrarci solo sull’area globale protetta, dobbiamo concentrarci di più sul garantire che le aree siano ben gestite per beneficiare della biodiversità”, dice il dottor Szabolcs Nagy, coordinatore del censimento degli uccelli acquatici in Africa ed Eurasia con Wetlands International.

Lo studio ha usato un metodo “prima e dopo-controllo-intervento” – confrontando le tendenze delle popolazioni di uccelli acquatici prima che le aree protette fossero istituite con quelle successive, e confrontando anche le tendenze di popolazioni di uccelli acquatici simili all’interno e all’esterno delle aree protette. Questo ha fornito un quadro molto più accurato e dettagliato rispetto agli studi precedenti.

I risultati di questo studio saranno importanti per i principali quadri di conservazione globali e delle vie di migrazione, e per i governi nazionali”, dice Ward Hagemeijer, Senior Advisor e responsabile globale del lavoro sugli uccelli acquatici presso Wetlands International. Ciò fornirà elementi informativi importanti  alla Convenzione sulla Diversità Biologica, alla Convenzione di Ramsar sulle zone umide, all’Accordo Africano-Eurasiatico sugli uccelli acquatici (AEWA), all’accordo dell’Asia orientale – Australasian Flyway Partnership, e la Western Hemisphere Shorebird Reserve Network così come i governi nazionali sulla necessità non solo di stabilire reti di siti di importanza internazionale per queste specie migratorie, ma anche di assicurare un’adeguata gestione conservativa in queste aree. Gestione e ripristino con obiettivi chiari per soddisfare le esigenze specifiche e varie delle diverse specie di uccelli acquatici che dipendono da questi siti durante i loro cicli di vita annuali”.

La constatazione che aree protette più grandi tendono ad essere più efficaci sottolinea la necessità di un approccio ampio e a livello complessivo di paesaggio alla designazione e alla gestione di questi habitat.

Regole di inserimento e pubblicazione dei contenuti su questa pagina

Nota informativa

 

A differenza di una Rivista cartacea oppure Online, Migratoria.it in qualita di Blog, consente a tutti gli utenti la pubblicazione anticipata dei contenuti e dei commenti in tempo reale senza preventiva coda di moderazione. In base all' art. 70 l. 633/41 e consentito utilizzare a scopo di studio, discussione, documentazione o insegnamento, il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o parti di opere letterarie purchè vengano citati l'autore e la fonte, e non si agisca mai a scopo di lucro. E' fatto divieto pubblicare dati personali oppure fotografie di terze parti senza preventivo consenso dell' autore. Migratoria.it effettua controlli nei contenuti delle pagine, solamente dopo la pubblicazione degli stessi da parte degli utenti, pertanto gli autori di questo sito e i moderatori preposti si riservano in un secondo tempo, il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi contenuto che violi il diritto di terzi, oppure che sia ritenuto inopportuno o non conforme senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo. Migratoria.it e i suoi autori non possono in alcun modo essere ritenuti responsabili per il contenuto inopportuno/ illecito/diffamatorio degli articoli o dei commenti pubblicati dagli utenti che utilizzano il Blog/Forum inquanto questi ultimi gli unici responsabili essendo perfettamente in grado di aprire, cancellare, modificare, pubblicare autonomamente un articolo, una pagina, un commento. Nel caso venga riscontrato materiale inappropriato, commenti offensivi, spam, violazioni del copyright, link interrotti e possibile segnalare il contenuto di questa pagina inviando un email all' indirizzo: [email protected] oppure utilizzando l'apposito link situato a pè pagina.




Articolo Successivo INQUINAMENTO, COMINCIAMO A DIALOGARE
Articolo successivo CACCIA VILLAGE, UN SUCCESSO GENERALE
Close

SEI ISCRITTO AL  FORUM?

Attiva gratuitamente il tuo “Account Premium”  CLICCA QUI
 

Area riservata