0 0
Tempo di lettura stimato:2 Minuti

ECCO I DESIDERI DELLA LIPU!!

Terminato a Bruxelles il processo di revisione delle date di migrazione degli uccelli – cosiddetto Documento KC (Key concepts) – con maggiori protezioni per gli uccelli in Italia. “Rischio di procedura di infrazione molto concreto se le Regioni e il ministero della Transizione ecologica non agiranno correttamente”.

Si è di recente concluso il lungo processo tecnico-scientifico svolto dalla Commissione europea, che ha portato alla definizione dei periodi di migrazione pre riproduttiva degli uccelli, essenziali per la loro piena tutela e dunque per la stesura dei calendari venatori in merito alle date di chiusura della caccia. Lo annuncia la Lipu-BirdLife Italia il giorno stesso in cui si chiude la stagione venatoria 2021/22, segnata dalle vittorie ambientaliste di numerosi ricorsi e da persistenti atti di bracconaggio.

Il nuovo Documento scientifico europeo conferma le date di migrazione italiane, a lungo contestate dal mondo venatorio, e anzi in vari casi le rafforza sotto il profilo della protezione degli uccelli, come ad esempio per il tordo bottaccio e l’alzavola, il cui inizio della migrazione è anticipato di 10 giorni. Il risultato complessivo del lavoro della Commissione europea prevede dunque che, a partire dalla prossima prossima stagione venatoria, la caccia dovrà essere chiusa entro il 31 dicembre per tutte le specie di tordi ed entro il 10 gennaio per tutte le specie di uccelli acquatici, anche considerando il rischio di confusione tra specie non cacciabili e specie cacciabili.

“Messo finalmente un punto sui periodi di caccia – dichiara Giovanni Albarella, responsabile del settore Caccia e antibracconaggio della Lipu – ora è fondamentale risolvere la questione della caccia alle specie in cattivo stato di conservazione, cominciando dal divieto di caccia su moriglione, pavoncella e tortora selvatica. La stagione venatoria 2021/22 è stata caratterizzata dai numerosi ricorsi al Tar promossi dalle associazioni ambientaliste che hanno visto vittoriose le nostre ragioni, costringendo quasi tutte le Regioni che avevano inserito queste specie nei loro calendari venatori a fare dietrofront rispetto alla loro cacciabilità di queste tre specie.

“Ridurre i tempi di caccia ed escludere le specie in cattivo stato di conservazione dalla lista delle specie cacciabili (come ad esempio, oltre alle citate, anche pernice bianca, coturnice e allodola) è l’imperativo a cui si dovranno adeguare le Regioni, con l’indispensabile vigilanza del ministero della Transizione ecologica. In alternativa – conclude Albarella – la denuncia alla Commissione europea sarebbe inevitabile e molto alta sarebbe la probabilità che l’Europa attivi una procedura di infrazione contro l’Italia, per chiara e reiterata violazione della Direttiva Uccelli”.

Fonte: Caccia: dal prossimo anno stagione più corta e meno specie cacciabili – Lipu Onlus

Regole di inserimento e pubblicazione dei contenuti su questa pagina

Nota informativa

 

A differenza di una Rivista cartacea oppure Online, Migratoria.it in qualita di Blog, consente a tutti gli utenti la pubblicazione anticipata dei contenuti e dei commenti in tempo reale senza preventiva coda di moderazione. In base all' art. 70 l. 633/41 e consentito utilizzare a scopo di studio, discussione, documentazione o insegnamento, il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o parti di opere letterarie purchè vengano citati l'autore e la fonte, e non si agisca mai a scopo di lucro. E' fatto divieto pubblicare dati personali oppure fotografie di terze parti senza preventivo consenso dell' autore. Migratoria.it effettua controlli nei contenuti delle pagine, solamente dopo la pubblicazione degli stessi da parte degli utenti, pertanto gli autori di questo sito e i moderatori preposti si riservano in un secondo tempo, il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi contenuto che violi il diritto di terzi, oppure che sia ritenuto inopportuno o non conforme senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo. Migratoria.it e i suoi autori non possono in alcun modo essere ritenuti responsabili per il contenuto inopportuno/ illecito/diffamatorio degli articoli o dei commenti pubblicati dagli utenti che utilizzano il Blog/Forum inquanto questi ultimi gli unici responsabili essendo perfettamente in grado di aprire, cancellare, modificare, pubblicare autonomamente un articolo, una pagina, un commento. Nel caso venga riscontrato materiale inappropriato, commenti offensivi, spam, violazioni del copyright, link interrotti e possibile segnalare il contenuto di questa pagina inviando un email all' indirizzo: [email protected] oppure utilizzando l'apposito link situato a pè pagina.




Articolo Successivo CONCLUSA LA STAGIONE VENATORIA, ANCORA IN CALO IL TREND DEGLI INCIDENTI
Articolo successivo LA CABINA DI REGIA SCRIVE AI VARI MINISTERI SUL NUOVO DOCUMENTO KEY CONCEPTS
Close

SEI ISCRITTO AL  FORUM?

Attiva gratuitamente il tuo “Account Premium”  CLICCA QUI
 

Area riservata