0 0
Tempo di lettura stimato:2 Minuti
di Antonio BUONO*
La Storia insegna che ogni tempo ha la sua guerra tra poveri.
Noi cacciatori siamo bravissimi a farci la guerra l’un l’altro, lo siamo al punto tale da non accorgerci che i soliti lupi vestiti da agnello, pur di derubarci un ruolo che ci appartiene per competenze, s’inventano battaglie contro la caccia al pari di una panacea per tutti i mali.
Noi cacciatori, depositari dei segreti del bosco, abbiamo un dono particolare: sappiamo riconoscere profumi, suoni, colori, di tutto ciò che è ambiente ne conosciamo addirittura i “dolori”, quelli provocati dalla scellerataggine di tanta gente ipocrita, spregiudicata ed incompetente.
Il nostro pianeta avrebbe un immenso bisogno di giocolieri dell’anima… artisti, risolutori pacifici, guaritori, portatori sani di entusiasmo, amanti di ogni sorta.
Nel frattempo, ci ritroviamo una sorta di ambientalisti laureati in divanologia, i quali, si direbbero convinti che per risolvere i tantissimi problemi ambientali, sia assolutamente necessario chiedere delle firme per un referendum che in assoluto fermerebbe il peggiore dei mali: la caccia!
In pratica, noi cacciatori che siamo la parte vera, quella attiva, quella propositiva, quella in grado per competenza e conoscenze di poter suggerire iniziative da intraprendere per salvare il salvabile di un disastro ambientale in atto, verremmo ad essere demonizzati!
Assurdo chiedere una firma in piazza con argomenti ambigui e strumentali per fermare “gli assassini”, è semplicemente fuori da ogni logica… noi siamo parte lesa.
Vedremo poi quanta gente avrà il coraggio di firmare contro un “male” come la caccia, poiché una sola firma saprebbe di ipocrisia nei confronti delle mille tragedie in atto… quelle sotto gli occhi di tutti.
Siamo pronti a mettere i nostri tavolini di fronte ai loro… noi, a chiedere firme per ben altre cose.
Noi cacciatori , a quei tavoli in piazza, vorremmo sapere perché non sarebbe il caso di firmare per proporre un referendum contro pesticidi, microplastiche, rifiuti tossici, spazzatura di ogni genere, discariche e ciminiere di fabbriche che inquinano i fiumi, i mari e la stessa aria che respiriamo, un’aria che semina lacrime, dolori, rassegnazione e morte.
Perché non chiedere firme per tutto questo, perché?
Perché tanta ipocrisia?
Se la caccia è un male da debellare con urgenza, allora si trovi il buon senso di fare una scaletta in merito a tutte le priorità che affliggono il nostro vivere quotidiano.
Per le assurdità di cui sopra, dovremmo essere noi a chiedere firme contro simili arroganti e presuntuose proposte: un referendum contro l’ipocrisia.
È a noi che spetta quella parte che ci compete di diritto, quella di attori in difesa dell’ambiente e non certo di “gladiatori morituri” grazie ad un manipolo di “Caesar animalari”.
Questa gente ha organizzato una “giostra” in difesa di un qualcosa che nemmeno conosce…é purtroppo questa l’amara verità.
E intanto, il tempo sta per scadere.
Il mondo sta andando in rovina, è assolutamente necessario divulgare un pensiero nuovo.
La nostra ragione di vita, la caccia, non è una priorità, c’è in gioco ben altro, c’è in gioco il pianeta!
Noi non siamo affatto dei maghi, tantomeno prestigiatori come i nostri presuntuosi detrattori, ma di una cosa ne siamo certi, c’è una spaventosa drammaticità ambientale in atto, spetta a noi dare il giusto contributo di idee, in prima fila…
non certo nelle retrovie.
*cacciatore a vita
Portavoce Nazionale Movimento politico Scelta Etica
Coordinatore MSE Ischia

Regole di inserimento e pubblicazione dei contenuti su questa pagina

Nota informativa

 

A differenza di una Rivista cartacea oppure Online, Migratoria.it in qualita di Blog, consente a tutti gli utenti la pubblicazione anticipata dei contenuti e dei commenti in tempo reale senza preventiva coda di moderazione. In base all' art. 70 l. 633/41 e consentito utilizzare a scopo di studio, discussione, documentazione o insegnamento, il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o parti di opere letterarie purchè vengano citati l'autore e la fonte, e non si agisca mai a scopo di lucro. E' fatto divieto pubblicare dati personali oppure fotografie di terze parti senza preventivo consenso dell' autore. Migratoria.it effettua controlli nei contenuti delle pagine, solamente dopo la pubblicazione degli stessi da parte degli utenti, pertanto gli autori di questo sito e i moderatori preposti si riservano in un secondo tempo, il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi contenuto che violi il diritto di terzi, oppure che sia ritenuto inopportuno o non conforme senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo. Migratoria.it e i suoi autori non possono in alcun modo essere ritenuti responsabili per il contenuto inopportuno/ illecito/diffamatorio degli articoli o dei commenti pubblicati dagli utenti che utilizzano il Blog/Forum inquanto questi ultimi gli unici responsabili essendo perfettamente in grado di aprire, cancellare, modificare, pubblicare autonomamente un articolo, una pagina, un commento. Nel caso venga riscontrato materiale inappropriato, commenti offensivi, spam, violazioni del copyright, link interrotti e possibile segnalare il contenuto di questa pagina inviando un email all' indirizzo: [email protected] oppure utilizzando l'apposito link situato a pè pagina.




Articolo Successivo MINISTERO TRANSIZIONE ECOLOGICA, IDEE E PROGETTO ECCELLENTI, MA NULLA NEI FATTI
Articolo successivo UMBRIA. RINVIATO PARERE SU CALENDARIO VENATORIO 2021-22
Close

SEI ISCRITTO AL  FORUM?

Attiva gratuitamente il tuo “Account Premium”  CLICCA QUI
 

Area riservata