0 0
Tempo di lettura stimato:6 Minuti

Negli ultimi anni, le organizzazioni di caccia e i cacciatori in Grecia hanno intrapreso molte iniziative e misure per la protezione, il monitoraggio e la gestione della Tortora . Dalla loro creazione nel 1969, 52 anni fa, le organizzazioni di caccia e i cacciatori greci sono stati coinvolti nella conservazione e nella gestione dei loro habitat di selvaggina.

Ora, i loro sforzi di conservazione sono organizzati in progetti annuali efficaci.

L’obiettivo principale dei progetti è sviluppare una gestione sostenibile degli habitat, che sosterrà una biodiversità più ricca e popolazioni di selvaggina, sia endemiche che migratorie.

RILEVANZA POLITICA

I cacciatori sono gli ambientalisti più attivi per la tortora in Europa in base al loro interesse per la conservazione e l’uso sostenibile di questa specie. Inoltre, da quando è stato pubblicato il piano d’azione internazionale per le tortore, ci sono state riduzioni significative della caccia (ad es. limiti di bagaglio giornaliero ridotti) e ulteriori riduzioni del raccolto da seguire tramite il processo di gestione adattativa della raccolta della CE. Mantenere la caccia regolamentata alla tortora è essenziale per mantenere gli sforzi di conservazione positivi dei cacciatori in Europa.

I cacciatori sono gli ambientalisti più attivi per la tortora in Europa in base al loro interesse per la conservazione e l’uso sostenibile di questa specie. Inoltre, ci sono state riduzioni significative dei livelli di raccolto da quando è stato pubblicato il piano d’azione internazionale Tortora. Mantenere la caccia regolamentata della tortora è essenziale per mantenere gli sforzi di conservazione positivi dei cacciatori.

La strategia dell’UE per la biodiversità per il 2030 include anche una nuova iniziativa di ripristino, che richiede più azioni a livello comunitario guidate da cittadini, imprese o parti sociali per proteggere e ripristinare la natura dell’Europa. Questo progetto dimostra ancora una volta l’attività di lunga data dei cacciatori sul campo e il loro ruolo essenziale nell’attuazione della strategia in tutta Europa nei prossimi 10 anni.

Questo progetto è quindi un eccellente esempio di come i cacciatori stiano contribuendo, già da molti anni, alla realizzazione della Strategia dell’UE sulla biodiversità per il 2030. Descrive accuratamente cosa si può realizzare per la biodiversità e come ottenere tali risultati.

Il progetto funziona

Le organizzazioni di caccia lavorano strategicamente per la Tortora identificando i fattori limitanti (come la disponibilità di cibo e acqua). Avendo identificato questi fattori, agiscono per garantire che siano soddisfatte le giuste condizioni ecologiche necessarie per consentire alle specie di prosperare, ad esempio, mantenendo habitat in grado di supportare una buona riproduzione.

L’obiettivo principale di questi progetti è sviluppare una gestione sostenibile degli habitat, che sosterrà una biodiversità più ricca e popolazioni di selvaggina, sia endemiche che migratorie. Per raggiungere questo obiettivo, molti cacciatori lavorano sul terreno, sotto la supervisione di specialisti dell’habitat delle organizzazioni venatorie e collaboratori scientifici, in collaborazione con il Servizio Forestale.

Lo sforzo di conservazione messo in atto dai cacciatori include le seguenti azioni:

  • La semina di migliaia di ettari all’anno con colture ricche di semi che non vengono raccolte. Tali interventi hanno risultati molto positivi rompendo l’uniformità delle colture agricole classiche o dei campi abbandonati e creando un ricco mosaico di semi altamente benefici per la Tortora e la biodiversità in generale. Le specie vegetali più comuni utilizzate per fornire risorse alimentari in particolare per le tortore sono i girasoli. Tra il 2005 e il 2019, le organizzazioni di caccia hanno gestito più di 110.000 ettari di seminativi rimasti non raccolti per specie di selvaggina, per un costo di oltre 2 milioni di euro. Va detto che non esiste alcun sostegno finanziario per nessuna di queste azioni, e tutto è completamente finanziato dalla Confederazione dei cacciatori ellenici sulla base delle tasse annuali che i cacciatori greci pagano per la licenza di caccia.
  • La creazione di ricche siepi naturali. Questa è un’altra azione che contribuisce a creare aree di biodiversità. Le specie vegetali sono selezionate per fornire cibo, copertura e siti di nidificazione per la tortora. Inoltre, diverse migliaia di alberi da frutto vengono piantati ogni anno per fornire cibo e copertura per la fauna selvatica.
  • La creazione di approvvigionamento idrico: la disponibilità di acqua è un fattore cruciale durante la stagione della siccità nei mesi estivi del Mediterraneo, che di solito coincide con la stagione riproduttiva della maggior parte delle specie. Pertanto, gli approvvigionamenti idrici artificiali o lo sfruttamento delle scarse precipitazioni vengono messi in atto dai cacciatori per aiutare la fauna selvatica e supportare i processi riproduttivi di tutte le specie.

I cacciatori hanno implementato queste azioni per molti anni che hanno beneficiato continuamente la Tortora in Grecia. Secondo il rapporto nazionale ufficiale (ai sensi dell’articolo 12 della Direttiva Uccelli), la popolazione nidificante è stata stimata in 10.000 – 30.000 coppie per il periodo 2007-2013, mentre la stima della dimensione della popolazione nidificante per il 2013-2018 è stata di 30.000 – 80.000 coppie. Tutti questi progetti di vecchia data sono interamente sostenuti finanziariamente dai cacciatori greci.

Il contributo dei cacciatori alla conservazione della specie si riflette in uno stato di conservazione stabile della specie nel paese, dimostrato dal monitoraggio a lungo termine delle statistiche sulla caccia.

Risultati

Infatti, negli ultimi 25 anni, è in corso un’indagine statistica (Artemis 1) sulla raccolta della selvaggina. Questi dati stanno illustrando una stabilità nella popolazione di tortore nel paese poiché il raccolto medio annuo per cacciatore è rimasto stabile, con una media di 4 individui per cacciatore e all’anno per il periodo 1995-2020. Inoltre, una seconda indagine (Artemis 2) è iniziata 14 anni fa (2006), che mira a raccogliere dati biometrici per fornire conoscenze scientifiche fondamentali sul tasso di riproduzione delle specie e sui rapporti tra sesso ed età. Entrambi i progetti sono finanziati dalla Confederazione ellenica dei cacciatori sulla base delle tasse annuali che i cacciatori greci pagano per la licenza di caccia.

Dal 2020 è iniziato un nuovo progetto di monitoraggio, il cui obiettivo è stimare la popolazione nidificante nel paese contando e monitorando le specie nel nord della Grecia. Questa indagine è di grande importanza in quanto è in corso il programma Adaptive Harvest Management che richiede dati sulla specie. Questo nuovo progetto coinvolge molti habitat selezionati in più di 300 siti (agricoli, forestali, pascoli) e un team di monitoraggio di oltre 35 persone (forestieri, esperti di fauna selvatica, guardiacaccia). Questo progetto dovrebbe fornire nuove informazioni molto essenziali.

Conclusioni

Oltre agli sforzi di conservazione e di ricerca scientifica, i cacciatori greci sono anche attivamente coinvolti nella lotta alle uccisioni illegali, in particolare per la tortora. Le organizzazioni venatorie contribuiscono alla sorveglianza fornendo oltre 300 guardacaccia, il Corpo dei guardacaccia delle Federazioni venatorie greche, ai 1000 guardiani del Servizio Forestale dello Stato.

La caccia primaverile è vietata in Grecia dal 1986. Durante la primavera vengono adottate misure speciali per combattere l’uccisione illegale di tortore durante la migrazione. Nell’ultimo anno, i cacciatori hanno compiuto e continuano a fare maggiori sforzi per combattere le uccisioni e le trappole illegali. Sia il Servizio Forestale Pubblico Greco che i Guardacaccia contribuiscono alla protezione della Tortora, durante la migrazione primaverile, intensificando la salvaguardia delle prime isole che la specie raggiunge (Strofadia, Zante, Paxos – Antipaxos, Othonos). La cattura è severamente vietata in Grecia ed è quasi scomparsa.

Tra il 2000 e il 2020 sono state effettuate 2.139.597 ispezioni e accertate 36.132 violazioni della Legge sulla caccia (86/1969 – Bollettino Ufficiale Α-7/18-1-1969), per le quali tutte le procedure di legge (sanzioni, cause , sequestri ecc.) previsti dalla legge.

Regole di inserimento e pubblicazione dei contenuti su questa pagina

Nota informativa

 

A differenza di una Rivista cartacea oppure Online, Migratoria.it in qualita di Blog, consente a tutti gli utenti la pubblicazione anticipata dei contenuti e dei commenti in tempo reale senza preventiva coda di moderazione. In base all' art. 70 l. 633/41 e consentito utilizzare a scopo di studio, discussione, documentazione o insegnamento, il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o parti di opere letterarie purchè vengano citati l'autore e la fonte, e non si agisca mai a scopo di lucro. E' fatto divieto pubblicare dati personali oppure fotografie di terze parti senza preventivo consenso dell' autore. Migratoria.it effettua controlli nei contenuti delle pagine, solamente dopo la pubblicazione degli stessi da parte degli utenti, pertanto gli autori di questo sito e i moderatori preposti si riservano in un secondo tempo, il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi contenuto che violi il diritto di terzi, oppure che sia ritenuto inopportuno o non conforme senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo. Migratoria.it e i suoi autori non possono in alcun modo essere ritenuti responsabili per il contenuto inopportuno/ illecito/diffamatorio degli articoli o dei commenti pubblicati dagli utenti che utilizzano il Blog/Forum inquanto questi ultimi gli unici responsabili essendo perfettamente in grado di aprire, cancellare, modificare, pubblicare autonomamente un articolo, una pagina, un commento. Nel caso venga riscontrato materiale inappropriato, commenti offensivi, spam, violazioni del copyright, link interrotti e possibile segnalare il contenuto di questa pagina inviando un email all' indirizzo: [email protected] oppure utilizzando l'apposito link situato a pè pagina.




Articolo Successivo CCT: LA MIGLIOR DIFESA SONO GLI ARGOMENTI!
Articolo successivo CCT. LA CACCIA COME DIPENDENZA PATOLOGICA: DALLA LAV L’ENNESIMO ATTACCO AL MONDO VENATORIO
Close

SEI ISCRITTO AL  FORUM?

Attiva gratuitamente il tuo “Account Premium”  CLICCA QUI
 

Area riservata