annuncio

Comprimi

Perchè questa stanza..

Questa stanza nasce dalla voglia di risollevare la testa davanti alle continue falsità e vessazioni che la nostra categoria, quella dei cacciatori, subisce su organi di informazione, che siano quotidiani, giornali on line, telegiornali, trasmissioni televisive condotti da personaggi imparziali e falsi.
Ma come possiamo fare per cerca di far rispettare la nostra tradizione, la caccia, e, soprattutto la nostra onorabilità di cittadini modello ???
Come possiamo riuscire a dimostrare la nostra massiccia presenza sul territorio, il radicamento culturale ed economico che rappresenta la caccia e soprattutto come possiamo difendere le tradizioni rurali nel nostro Paese?

La soluzione è semplice: mostrare e dimostrare la nostra INDIGNAZIONE verso chiunque ponga in essere comportamenti dolosi volti a denigrare, delegittimare ed accusare fantasiosamente la caccia e i cacciatori.

Con questa stanza abbiamo creato il metodo più semplice ed efficace per farci sentire: il mail bombing.

Cos’è il mail bombing??

Niente di sovversivo o anarchico, semplicemente una serie di indirizzi postali di personaggi influenti (direttori di giornali, di telegiornali, politici, amministratori, conduttori televisivi e radiofonici ecctt.) che saranno “contattati” da chiunque di noi lo ritenga utile, ogniqualvolta vi siano situazioni di denigrazione gratuita o disinformazione ben pilotata.

Questa tecnica è già ampiamente utilizzata dagli animalisti, tecnica che gli ha consentito di raggiungere ottimi risultati in termini di copertura mediatica e lobbing su varie amministrazioni politiche locali e nazionali; riescono ad apparire come migliaia di persone, mentre in realtà sono solo poche manciate di personaggi che quotidianamente inviano centinaia di mail.
Visualizza altro
Visualizza di meno

Quando le guardie sono peggio dei bracconieri

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (53%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • walker960walker
    ha risposto
    Originariamente inviato da arsvenandi Visualizza il messaggio
    Fabio la notizia è del 15-01-2008, il processo è ancora in corso tra rinvii vari, ho il polso della situazione visto che il parrucchiere citato è un mio cliente, intanto Salvemini per cautela è passato nella Lac, Stano è di nuovo in servizio, così giusto per capirci come andrà a finire.......

    --------------------------------------------------------------------------------------------
    Mi dispiacerebbe se andrebbe (o andasse),( Il prof. Sasa corregga la mia precaria e vecchia grammatica )a finire a taralluci e vino............

    Lascia un commento:


  • cicalone
    ha risposto
    Originariamente inviato da lando Visualizza il messaggio
    E questi stronzi hanno pure il coraggio di difenderli:

    Il Wwf: stupiti per il grave provvedimento

    ROMA – Il Wwf «è stupito per la gravità del provvedimento contro attivisti in costante lotta contro la criminalità ambientale». Così lo stesso Wwf in una nota sugli arresti domiciliari decisi nei confronti di due guardie venatorie del Wwf Puglia. Guardie, afferma il Wwf «che hanno svolto da oltre 10 anni attività a titolo volontario e gratuito distinguendosi per la competenza e per la puntale attività di vigilanza ambientale nella lotta all’illegalità». «Il Wwf è dunque stupito per la decisione assunta oggi dal Gip di Trani ed è convinto che si debba aspettare l’esito delle indagini perchè si arrivi a svelare l’impalcatura dell’intero castello accusatorio». «Si tratta – prosegue il Wwf – di accuse ancora non provate rivolte a cittadini su cui il Wwf ripone la massima fiducia e che hanno per anni collaborato con ogni corpo di polizia». «Si tratta di vere e proprie sentinelle contro ogni crimine ambientale» spiega il Wwf sottolineando che «contro il fenomeno del bracconaggio, che colpisce particolarmente questa regione, l’esposizione delle guardie volontarie è molto delicata: ad esempio, nel gennaio 2007 attivisti Wwf in turno di vigilanza venatoria con agenti del Corpo forestale dello Stato, hanno sorpreso bracconieri, denunciati poi a piede libero, che hanno reagito provocando lesioni agli stessi agenti del Cfs». Il Wwf – conclude la nota dell’associazione – si aspetta che la magistratura faccia giustizia soprattutto perseguendo i responsabili dei numerosi crimini ambientali perpetrati ai danni del territorio pugliese piuttosto che onesti cittadini che si impegnano tutti i giorni contro la criminalità».

    Questo fa capire che razza di personaggi ci siano in quella associazione....ed e' meglio fermasse qui-

    Lascia un commento:


  • arsvenandi
    ha risposto
    Originariamente inviato da fabio d.t. Visualizza il messaggio
    Un caso grave di abuso che provocò la morte di un anziano collega ha avuto giustizia, ma si è scoperto ancora di più

    La Gazzetta del Mezzogiorno.it
    Fabio la notizia è del 15-01-2008, il processo è ancora in corso tra rinvii vari, ho il polso della situazione visto che il parrucchiere citato è un mio cliente, intanto Salvemini per cautela è passato nella Lac, Stano è di nuovo in servizio, così giusto per capirci come andrà a finire.......

    Lascia un commento:


  • SASA53
    ha risposto
    Originariamente inviato da barone rosso Visualizza il messaggio
    io ho avuto l'onore di essere fermato sia dal vice sovraintendente della forestale (r.......s.......) che dal wwf(g.....s.....)
    il signore del wwf non sapeva come si distingue un sassello da un bottaccio.........
    il forestale,all'epoca molto giovane,quando si accingeva al controllo, indossava una bandana rossa stile rambo......pagliaccio buffone,i mi trovò le canne del sovrapposto sporche di polvere da sparo e ci mancava poco che chiamasse la scientifica............per sapere quando avevo sparato!!!..............
    poveri noi!!!!
    19 stagioni e questi sono stati gli unici controlli subiti!!!!
    Però che culo!!!!!!!ho beccato i due migliori nel barese!!!!ahahahah
    ....gli episodi risalgono a quindici anni fa..........
    ............che culo !!! hai beccato proprio i "migliori".... che invidia !!!!

    Lascia un commento:


  • paolin
    ha risposto
    questi tre c.......i hanno sempre trovato davanti cacciatori onesti e in regola,cacciatori con la C maiuscola
    non bracconieri altrimenti non avrebbero fatto cio che hanno fatto più volte la lora carriera di rambo sarebbe
    finita diversamente,se gli andava bene in galera altrimenti........................................ .................

    Lascia un commento:


  • vichingo
    ha risposto
    i "pezzi di m...." in questione li conobbi qnche io anni fa. stavamo al mercadante ma purtroppo per loro quella mattina eravamo in quattro e molto piu competenti di loro. crepassero ora!

    Lascia un commento:


  • lando
    ha risposto
    E questi stronzi hanno pure il coraggio di difenderli:

    Il Wwf: stupiti per il grave provvedimento

    ROMA – Il Wwf «è stupito per la gravità del provvedimento contro attivisti in costante lotta contro la criminalità ambientale». Così lo stesso Wwf in una nota sugli arresti domiciliari decisi nei confronti di due guardie venatorie del Wwf Puglia. Guardie, afferma il Wwf «che hanno svolto da oltre 10 anni attività a titolo volontario e gratuito distinguendosi per la competenza e per la puntale attività di vigilanza ambientale nella lotta all’illegalità». «Il Wwf è dunque stupito per la decisione assunta oggi dal Gip di Trani ed è convinto che si debba aspettare l’esito delle indagini perchè si arrivi a svelare l’impalcatura dell’intero castello accusatorio». «Si tratta – prosegue il Wwf – di accuse ancora non provate rivolte a cittadini su cui il Wwf ripone la massima fiducia e che hanno per anni collaborato con ogni corpo di polizia». «Si tratta di vere e proprie sentinelle contro ogni crimine ambientale» spiega il Wwf sottolineando che «contro il fenomeno del bracconaggio, che colpisce particolarmente questa regione, l’esposizione delle guardie volontarie è molto delicata: ad esempio, nel gennaio 2007 attivisti Wwf in turno di vigilanza venatoria con agenti del Corpo forestale dello Stato, hanno sorpreso bracconieri, denunciati poi a piede libero, che hanno reagito provocando lesioni agli stessi agenti del Cfs». Il Wwf – conclude la nota dell’associazione – si aspetta che la magistratura faccia giustizia soprattutto perseguendo i responsabili dei numerosi crimini ambientali perpetrati ai danni del territorio pugliese piuttosto che onesti cittadini che si impegnano tutti i giorni contro la criminalità».

    Lascia un commento:


  • barone rosso
    ha risposto
    io ho avuto l'onore di essere fermato sia dal vice sovraintendente della forestale (r.......s.......) che dal wwf(g.....s.....)
    il signore del wwf non sapeva come si distingue un sassello da un bottaccio.........
    il forestale,all'epoca molto giovane,quando si accingeva al controllo, indossava una bandana rossa stile rambo......pagliaccio buffone,i mi trovò le canne del sovrapposto sporche di polvere da sparo e ci mancava poco che chiamasse la scientifica............per sapere quando avevo sparato!!!..............
    poveri noi!!!!
    19 stagioni e questi sono stati gli unici controlli subiti!!!!
    Però che culo!!!!!!!ho beccato i due migliori nel barese!!!!ahahahah
    ....gli episodi risalgono a quindici anni fa..........

    Lascia un commento:


  • erchiappetta
    ha risposto
    Si ricordo l'episodio!Certo che per "accerchiare" un povero 82enne ce ne vuole d'esaltazione !Cmq che paghino....mi sembra il minimo!Ricordo un altro episodio capitatomi qualche anno fa' dove solerti preposti ai controlli della federcaccia multarono un cacciatore 80enne con nipote 15enne al seguito per aver sbagliato a metter la x sulla giornata di caccia: era un sabato e lui aveva segnato il giorno successivo!Il tesserino era quasi in bianco e quella era l'unica segnata/uscita di quel mese...pensa che reato enorme deve esser stato agli occhi della guardia,che essendo volontario molto probabilmente era cacciatore anche lui !Lo trovai quasi in lacrime che mi diceva che non aveva mai preso una multa in vita sua col nipote che cercava di rincuorarlo !Anche li' ricordo che provai una senzazione strana......ma i solerti s'erano gia' allontanati se no la potevamo condividere insieme !La "fortuna" de 'sti soggetti e' che trovan sempre gente onesta!Un saluto.

    Lascia un commento:


  • PD1steno
    ha risposto
    mi fa venire il vomito questa storia!

    Lascia un commento:


  • suzigargano
    ha risposto
    Originariamente inviato da toto 391 Visualizza il messaggio
    purtroppo l'erba cattiva non muore mai
    e invade tutti i campi....

    Lascia un commento:


  • Toto 391
    ha risposto
    Purtroppo l'erba cattiva non muore mai

    Lascia un commento:


  • gaetano88
    ha risposto
    infami...... a schiaffi e calci li prenderei

    Lascia un commento:


  • MENGA
    ha risposto
    Maledetti....................che spero che gli diano il massimo della pena e che siano incarcerati assieme a tipi a cui non piacciono ambientalisti&co. facendogli provare " nuove emozioni"

    Ciao,Marco.

    Lascia un commento:


  • Avatar ospiti
    Replica dell'ospite
    Salvo pochissimi casi di eccellenza i volontari sono uno dei mali della caccia, una buona parte sono sceriffi dell'animalismo radicale, ieri uno mi ha detto che andrebbe proibito ai residenti in campagna di detenere gatti perchè ammazzano i pronta caccia......., forse se mettessero meno animali ma validi e al tempo giusto non la sera dell'apertura, e si facessero battute alle volpi e servizio vero contro i bracconieri sarebbe meglio.

    Lascia un commento:

Pubblicita STANDARD

Comprimi

Ultimi post

Comprimi

Unconfigured Ad Widget

Comprimi
Sto operando...
X