annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Trichinellosi in Toscana

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (44%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • plcet
    ha risposto
    Re: R: Trichinellosi in Toscana

    Originariamente inviato da vivailpelo Visualizza il messaggio
    Sempre fatto salami e salsicce con carne di cinghiale e di capriolo. Ma sempre rigorosamente congelata.
    L'unica accortezza è di fare uno scongelamento molto lento, poi vengono come quelli di carne fresca.

    Ciao

    Claudio - siena
    Quindi se si congela la carne e la si scongela, la si può mangiare come se fosse appena fatta???
    io solitamente faccio cuocere la carne, anche se la salsiccetta secca la faccio sempre, poi una volta essiccata la metto sotto vuoto e ci rimane fino a che non la consumo......penso che comunque dipenda anche dalle condizioni ambientali in cui vivono gli animali, quindi bho!!!

    Mi ricordo che una volta, mi capitò una lepre che aveva il fegato, pieno di chiazze bianche, erano tipo delle sacchette piene di liquido bianco....lo portammo dal veterinario e ci disse che da cotto non c' era nessun problema!!!
    Poi ascoltando i consigli di un "antico" quando non esistevano esami ecc ecc......di tagliare la milza e verificare se rilascia un liquido giallognolo, se così fosse, bisogna preoccuparsi un pò

    Lascia un commento:


  • Tordo72
    ha risposto
    Re: R: Trichinellosi in Toscana

    Originariamente inviato da vivailpelo Visualizza il messaggio
    Sempre fatto salami e salsicce con carne di cinghiale e di capriolo. Ma sempre rigorosamente congelata.
    L'unica accortezza è di fare uno scongelamento molto lento, poi vengono come quelli di carne fresca.

    Ciao

    Claudio - siena

    procedimento effettueto perfettamente parola di chef

    Lascia un commento:


  • vivailpelo
    ha risposto
    Re: R: Trichinellosi in Toscana

    Sempre fatto salami e salsicce con carne di cinghiale e di capriolo. Ma sempre rigorosamente congelata.
    L'unica accortezza è di fare uno scongelamento molto lento, poi vengono come quelli di carne fresca.

    Ciao

    Claudio - siena

    Lascia un commento:


  • Diego
    ha risposto
    R: Trichinellosi in Toscana

    La trichinella muore sopra i 65°..pertanto nessun problema se la carne viene cotta oppure congelata a - 20 per tot giorni. Viceversa se la carne viene utilizzata cruda (insaccati) conviene farla analizzare...qui a Bs per ogni cinghiale abbattuto vengono fatte analizzare le carni prima di dividerlo tra i cacciatori della squadra.

    Lascia un commento:


  • fulviogp
    ha risposto
    Re: Trichinellosi in Toscana

    Fate i prelievi del caso alle carni dell'animale (un pezzo di muscolo di diaframma) e fate fare gli esami all'ASL, non dovrebbe costare un capitale, se non erro meno di 20 € e così sarete sicuri e potrete consumarla come meglio si crede.
    Penso ne valga la pena.

    Lascia un commento:


  • 7x64
    ha risposto
    Re: Trichinellosi in Toscana

    Grazie per la segnalazione sergiom!!! Personalmente consumo la selvaggina solo dopo averla cotta.

    Lascia un commento:


  • sergiom
    ha iniziato la discussione Trichinellosi in Toscana

    Trichinellosi in Toscana

    Più di venti casi di trichinellosi per aver consumato carni di cinghiale cruda. Occhio amici cacciatori!

    Mangiano salsicce crude di cinghiale Ventisei casi di trichinellosi - Corriere Fiorentino

Pubblicita STANDARD

Comprimi

Ultimi post

Comprimi

Unconfigured Ad Widget

Comprimi
Sto operando...
X