annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Petti d'alzavola allo Scirocco

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (44%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • VolkFra
    ha risposto
    Grazie per questa ricetta! Provata e squisita!

    Lascia un commento:


  • SciroccoRM
    ha risposto
    Originariamente inviato da fabio d.t. Visualizza il messaggio
    In questa gustosissima ricetta, il vento non c'entra nulla, ma il titolo al piatto è una mia dedica a Scirocco rm, alias Stefano che ne è l'ideatore e ha potuto deliziare i commensali al chiaro d.t. con la benedizione di chef simon84.

    Dovrebbe postare direttamente l'ideatore questa semplice e gustosa ricetta, ma lo faccio io nella speranza che se dovessi sbagliare qualche passo lui stesso mi corregga.

    Importante per mettere in pratica il piatto sono loro .... le garganelle. Dovranno essere asportati i petti, tolta la pelle, per ogni petto farne 2 fettine schiacciate con la semplice pressione del palmo della mano. Si prepare l'uovo sbattuto aromatizzato con un pochino di polvere d'aglio, prezzemolo, origano, pepe o qualsiasi profumo si voglia dare. Spolverata di parmigiano ... ma anche pecorino non guasta e si mettono a marinare così i petti in frigo per qualche ora ( max un giorno ). al momento della cottura si mette a scaldare abbondante olio di semi di girasole ( sarebbe meglio balsamo d'oliva, ma deve essere abbondante ... e costa )
    si infarinano i petti si ripassano nell'uovo e poi in pan grattato di mais ... si mettono nell'olio caldo e si friggono girandoli finchè la panatura sarà dorata. Dentro rimarranno morbidi, fuori croccanti ... una prelibatezza da far apprezzare anche a chi non gusta la selvaggina ... basta dirgli dopo di cosa si tratta.
    Per il vino di accompagnamento mi piacerebbe avere suggerimenti.

    Grazie Scirocco Rm
    Grazie a te Fabio per averla postata. Purtroppo non riesco sempre a mantenere un ritmo continuo di presenza sul forum ma piano piano sto dedicando sempre più tempo )
    Allora come diceva Fabio, quelle che abbiamo mangiato erano fatte dai petti delle alzavole, ma ho fatto esattamente la stessa cosa anche con anatre maggiori ed addirittura con le Oche cacciate all'estero.
    L'unica accortezza è tagliare finemente i petti, non più di 1cm di altezza. Essendo la cottura rapida, in questo modo si cuociono alla perfezione pur mantenendo al loro interno un po' di umidità.
    Importante la marinatura, più lunga è miglior sapore avrà la cotoletta. Nel caso voleste eliminare del tutto il sapore del selvatico, a me non dispiace, mettete prima le fettine in acqua e aceto per una mezz'oretta e poi nella marinatura potete aggiungere anche una bacca dì ginepro, non di più, schiacciato è tagliato finemente.
    Provate per credere )
    Buon appetito e W la caccia!

    Ps: stasera sto preparando il germano ripieno. Appena posso posto anche quest'ultima ricetta.

    Lascia un commento:


  • erchiappetta
    ha risposto
    Aoh....er fornello e' quello del Dt lake....lo riconosco ! Quindi 'sto piatto e' a km meno de zero !?! ' Tacci vostri ......i cannibali dell'emisfero australe



    a voi ve spicciano casa.......ma gle sparate prima..... si ?!? O le spellate vive ! Beati voi cmq.

    Lascia un commento:


  • suzigargano
    ha risposto
    Originariamente inviato da fabio d.t. Visualizza il messaggio
    In questa gustosissima ricetta, il vento non c'entra nulla, ma il titolo al piatto è una mia dedica a Scirocco rm, alias Stefano che ne è l'ideatore e ha potuto deliziare i commensali al chiaro d.t. con la benedizione di chef simon84.

    Dovrebbe postare direttamente l'ideatore questa semplice e gustosa ricetta, ma lo faccio io nella speranza che se dovessi sbagliare qualche passo lui stesso mi corregga.

    Importante per mettere in pratica il piatto sono loro .... le garganelle. Dovranno essere asportati i petti, tolta la pelle, per ogni petto farne 2 fettine schiacciate con la semplice pressione del palmo della mano. Si prepare l'uovo sbattuto aromatizzato con un pochino di polvere d'aglio, prezzemolo, origano, pepe o qualsiasi profumo si voglia dare. Spolverata di parmigiano ... ma anche pecorino non guasta e si mettono a marinare così i petti in frigo per qualche ora ( max un giorno ). al momento della cottura si mette a scaldare abbondante olio di semi di girasole ( sarebbe meglio balsamo d'oliva, ma deve essere abbondante ... e costa )
    si infarinano i petti si ripassano nell'uovo e poi in pan grattato di mais ... si mettono nell'olio caldo e si friggono girandoli finchè la panatura sarà dorata. Dentro rimarranno morbidi, fuori croccanti ... una prelibatezza da far apprezzare anche a chi non gusta la selvaggina ... basta dirgli dopo di cosa si tratta.
    Per il vino di accompagnamento mi piacerebbe avere suggerimenti.

    Grazie Scirocco Rm



    Buonissimi sti petti.........volendo si potrebbe barattare col capretto/porcini secchi e non podolici?......h.d.t...........suzi........

    Lascia un commento:


  • fabio d.t.
    ha iniziato la discussione Petti d'alzavola allo Scirocco

    Petti d'alzavola allo Scirocco

    In questa gustosissima ricetta, il vento non c'entra nulla, ma il titolo al piatto è una mia dedica a Scirocco rm, alias Stefano che ne è l'ideatore e ha potuto deliziare i commensali al chiaro d.t. con la benedizione di chef simon84.

    Dovrebbe postare direttamente l'ideatore questa semplice e gustosa ricetta, ma lo faccio io nella speranza che se dovessi sbagliare qualche passo lui stesso mi corregga.

    Importante per mettere in pratica il piatto sono loro .... le garganelle. Dovranno essere asportati i petti, tolta la pelle, per ogni petto farne 2 fettine schiacciate con la semplice pressione del palmo della mano. Si prepare l'uovo sbattuto aromatizzato con un pochino di polvere d'aglio, prezzemolo, origano, pepe o qualsiasi profumo si voglia dare. Spolverata di parmigiano ... ma anche pecorino non guasta e si mettono a marinare così i petti in frigo per qualche ora ( max un giorno ). al momento della cottura si mette a scaldare abbondante olio di semi di girasole ( sarebbe meglio balsamo d'oliva, ma deve essere abbondante ... e costa )
    si infarinano i petti si ripassano nell'uovo e poi in pan grattato di mais ... si mettono nell'olio caldo e si friggono girandoli finchè la panatura sarà dorata. Dentro rimarranno morbidi, fuori croccanti ... una prelibatezza da far apprezzare anche a chi non gusta la selvaggina ... basta dirgli dopo di cosa si tratta.
    Per il vino di accompagnamento mi piacerebbe avere suggerimenti.

    Grazie Scirocco Rm



Pubblicita STANDARD

Comprimi

Ultimi post

Comprimi

Unconfigured Ad Widget

Comprimi
Sto operando...
X