annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Tempo di olive fritte

Comprimi

Sostieni Mygra per la stagione venatoria 2020/21 - Offrici un caffè

Comprimi
Ciao, Ospite! Subito per te l'attivazione automatica dell' Account Premium per tutto l'anno! A partire dal N/A Ora: N/A
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Tempo di olive fritte

    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   OLIVE FRITTE.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 76.4 KB 
ID: 1711595

    Olive fritte!



    Un'antica e povera ricetta dei contadini che durante la raccolta delle olive sceglievano le migliori per cucinarle direttamente nei campi o anche arrostirle sotto le ceneri del fuoco allestito per scaldarsi.
    E' molto semplice una manciata di olive fresche, olio extravergine,uno spicchio d'aglio in camicia schiacciato e del peperoncino... fate scaldare l'olio con l'aglio e il peperoncino poi aggiungete le olive e fatele rosolare per alcuni minuti, salate al gusto e servite....ottime come aperitivo!
    sigpic
    Alcuni dei cibi che mangiamo non sono semplicemente cibi. Sono storie. Storie complesse e affascinanti di donne e uomini che lavorano sfidando il Sole, la Terra e le legislazioni che non aiutano. Sono queste storie che danno un sapore ai cibi."...R.I.P..A.FACENNA....

  • #2
    Saluti a tutti! Questa è stata per me una bella scoperta, mi piacciono molto per il gusto e la semplicità a tavola stanno sempre bene.
    Claudio.
    ....a caccia come nella vita, nella vita come a caccia....

    COMMENTA


    • #3
      Ne ho imparata una nuova pure oggi...
      Sono sempre diffidente delle persone a cui non piacciono i cani mentre mi fido tantissimo del cane quando non gli piace una persona.

      COMMENTA


      • #4
        Questa non la sapevo! Mario è una scoperta ogni volta...!
        Il cane è il miglior amico dell'uomo, ma l'uomo è il miglior amico del cane?

        COMMENTA


        • #5
          Questa è nuova, sapevo delle olive sotto la cenere, ma fritte no!!! Voglio provarla!!!

          COMMENTA


          • #6
            Originariamente inviato da prete Visualizza il messaggio
            Ne ho imparata una nuova pure oggi...
            Nicola bada bene ke devi chiedere delle olive dolci, e usare il sale doppio tritato con la bottiglia prime di sevire,io personalmente ce ne metto tre o quatto di spicchi d'aglio xche' alla fine lo mangio insieme alle olive,se nn ho incontri ravvicina<ti capisci a me.......H.D.V.T.........SUZI...,.

            P.S....SI POSSONO FARE ANCHE CON OLIVE SUPER MATURE DI ALTRE VARIETA'..DICIAMO DI GENNAIO

            - - - Aggiornato - - -

            Originariamente inviato da sterminator Visualizza il messaggio
            Questa è nuova, sapevo delle olive sotto la cenere, ma fritte no!!! Voglio provarla!!!
            sono passate nell'olio caldo fino a quando si aprono tutte..quello e' il momento di servirle...un abbraccio suzi....
            sigpic
            Alcuni dei cibi che mangiamo non sono semplicemente cibi. Sono storie. Storie complesse e affascinanti di donne e uomini che lavorano sfidando il Sole, la Terra e le legislazioni che non aiutano. Sono queste storie che danno un sapore ai cibi."...R.I.P..A.FACENNA....

            COMMENTA


            • #7
              Originariamente inviato da suzigargano Visualizza il messaggio
              [ATTACH=CONFIG]64626[/ATTACH]

              Olive fritte!



              Un'antica e povera ricetta dei contadini che durante la raccolta delle olive sceglievano le migliori per cucinarle direttamente nei campi o anche arrostirle sotto le ceneri del fuoco allestito per scaldarsi.
              E' molto semplice una manciata di olive fresche, olio extravergine,uno spicchio d'aglio in camicia schiacciato e del peperoncino... fate scaldare l'olio con l'aglio e il peperoncino poi aggiungete le olive e fatele rosolare per alcuni minuti, salate al gusto e servite....ottime come aperitivo!
              Specifica quali olive vanno bene per friggerle............non so come si chiamano in italiano noi le chiamiamo "alije amel" (olive a mela).........sono tonde, dolci e morbide e una volta fritte si schiacciamo con un pezzetto di pane di altamura piuttosto che di laterza e si mangiano............volendo, appena raccolte si possono surgelare ed usare tutto l'anno.
              ENZO.

              La sinistra solo per sparare...sono mancino.

              COMMENTA


              • #8
                Mai provate...vedremo di rimediare.
                Ottimo come al solito Marione
                Più buio che a mezzanotte non viene

                COMMENTA


                • #9
                  Queste si che sono buone!!![emoji3]
                  Una volta mia mamma ha comprato su un negozio di prodotti pugliesi...
                  Beh ricordo che erano talmente buone che son durate poco!!!
                  Mi ricordo che ci sono 2 buone qualità per le olive fritte...
                  Una è la Regina e l'altra non me la ricordo!!!
                  Mario tu dovresti sapere...[emoji6]
                  Comunque se avete l'occasione assaggiatele sono davvero buone[emoji772]

                  COMMENTA


                  • #10
                    Spettacolari!.... Hdt
                    PRIMA DI SPARARE.................PENSA!!!!!!!!!!!
                    CIAO PA'...............X sempre con me!!
                    BARONE ROSSO

                    COMMENTA


                    • #11
                      Olive dolci, da mensa






                      Drupa di forma ovale, di colore verde durante lo sviluppo e nera a maturazione avvenuta.

                      Le olive vanno avviate alla lavorazione entro 48 ore dalla raccolta, il sistema di lavorazione è quello detto “in salamoia al naturale o alla greca”. Le olive subiscono un processo di conservazione in salamoia piuttosto lento; si distinguono 2 fasi: quella iniziale o tumultuosa, della durata di 20-30 giorni durante i quali il prodotto in salamoia all’ 8-10% subisce un lento processo di deamarizzazione e di fermentazione aerobica.
                      Nella seconda fase le olive vengono conservate in contenitori chiusi dove la fermentazione anaerobica procede lentamente e consente il completamento del processo di deamarizzazione. La conservazione delle olive in forma intera, snocciolata, farcita o condita, avviene in contenitori della capacità massima di 10 Kg. Possono essere utilizzati ingredienti facoltativi quali: sale, aceto, olio extra vergine di oliva, spezie, erbe ed estratti naturali.

                      La varietà Termite di Bitetto è una varietà autoctona come attestato in antichi documenti curiali e notarili rinvenuti. Uno di essi risale all’inizio del secondo millennio, essendo stato emesso il 6 maggio 1186 anno XXI del regno di Guglielmo il Buono, pubblicato col numero CXXXI nel Codice Diplomatico Normanno di Alfonso Gallo; trattasi di una dichiarazione di riconoscimento di proprietà di alcuni appezzamenti di terreno situati nell’agro di Bitetto e nella quale più volte è riportata la parola latina “Termitum” in riferimento alla varietà di alberi ivi coltivati.

                      Queste olive sono anche chiamate "Mele di Bitetto o ualie dolc".Questa e' l'oliva che consiglio BUONISSIMA,Si mangiano, ancora belle calde, direi quasi bollenti, schiacciate e "strofinate" sul pezzo di pane semmai bruskettato/ agliato...H.D.T........ SUZI........

                      Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   DOLCE DI ROSSANO.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 100.4 KB 
ID: 1692033...un'altra nota e' LA DOLCE DI ROSSANO......INOLTRE LA NOLCA-.....Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   NOLCHE.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 89.0 KB 
ID: 1692034
                      sigpic
                      Alcuni dei cibi che mangiamo non sono semplicemente cibi. Sono storie. Storie complesse e affascinanti di donne e uomini che lavorano sfidando il Sole, la Terra e le legislazioni che non aiutano. Sono queste storie che danno un sapore ai cibi."...R.I.P..A.FACENNA....

                      COMMENTA


                      • #12
                        Originariamente inviato da suzigargano Visualizza il messaggio
                        [ATTACH=CONFIG]64626[/ATTACH]

                        Olive fritte!



                        Un'antica e povera ricetta dei contadini che durante la raccolta delle olive sceglievano le migliori per cucinarle direttamente nei campi o anche arrostirle sotto le ceneri del fuoco allestito per scaldarsi.
                        E' molto semplice una manciata di olive fresche, olio extravergine,uno spicchio d'aglio in camicia schiacciato e del peperoncino... fate scaldare l'olio con l'aglio e il peperoncino poi aggiungete le olive e fatele rosolare per alcuni minuti, salate al gusto e servite....ottime come aperitivo!

                        COMMENTA


                        • #13
                          Da provare subito.....Grazie Mario!!!
                          CHI AMA LA CACCIA VIVE LA NATURA sigpic

                          COMMENTA


                          • #14
                            Ottima ricetta con la varietà Taggiasca! Il solo problema è che devo farne poche per volta...se no mi mangio anche la padella

                            COMMENTA


                            • #15
                              Mmmmmmmmh!!!!!!!.........le parole te le dirò dopo aver provate.......
                              Sicuramente in positivo......

                              COMMENTA

                              Pubblicita STANDARD

                              Comprimi

                              Ultimi post

                              Comprimi

                              Unconfigured Ad Widget

                              Comprimi
                              Sto operando...
                              X