annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Passione surf casting

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (44%) dei costi necessari.
Questa è una discussione evidenziata.
X
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • E' vero che i serra sono poco commestibili?

    Comunque, serra a parte, voglio spartire con voi una storia e una foto risalente all'Agosto del 1987, a Kodiak. Uscii con la mia Mako da 19 piedi e Suzuki 4-cilindri da 140 cavallucci. A bordo avevo mia moglie e mia cognata, Mio cognato era andato con un mio amico, direttore generale della locale cooperativa elettrica, in aereo a vedere l'impianto idroelettrico di Terror Lake. Il giorno precedente avevamo preso 8 halbut (il limite era due a testa) ma tutte piccole, intorno ai 10 kg l'una, e mio cognato, che avtrebbe voluto prenderne una bella grossa, era rimasto deluso e aveva deciso di non venire. Andammo parecchio lontano dal porto, in mare aperto, vicino William's Reef, su un fondale di 16 fathoms (un fathom e' 6 piedi, un metro e 84) ma sull'orlo di uno strapiombo che scendeva fino a 40 fathoms. Passammo un'ora senza che l'esca (un pezzo di tentacolo di polpo gigante e mezza aringa sull'amo) neanche fosse leccata da nessun pesce, neanche un merluzzo o un Irish Lord, una spece di grosso ghiozzo o coda di rospo, che in genere ci rompevano sempre le palle rimanendo allamati o rubabdo l'esca. Poi mia moglie mi disse: "Mi sono incagliata sul fondo." Il fondo li' e' sabbioso e ghiaioso, ma attraversato da lingue di roccia, basse scogliere che emergono dalla sabbia. Se l'amo o il piombo si incastrano fra le fessure, l'unico modo di staccarsi dal fondo e' attorcigliare la lenza (filo Dacron intrecciato da 80 o 100 libbre) intorno ad un apposito paletto infilato in uno dei fori poggiacanna e coperto da un pezzo di camera d'aria da bici perche' il legno non abrada la lenza e tirare con la barca. O si riesce a disincagliare il tutto, o si perde piombo e amo. Prima di ricorrere ad estreme misre, prendo la lenza in mano e tiro su. Invece della resistenza secca, dura, di una roccia sento un po' di cedimento, ma poco. Il Dacron non si allunga come il Nylon, non cede. Sapevo bene che cosa stava succedendo. Dissi a mia moglie: "preparati ad una lunga battaglia. Hai un grosso halibut attaccato all'amo. Ferra!" Con la canna da traino da tonni, piu' un manico di scopa che una canna, poco flessibile e resistentissima, lei diede tre o quattro tirate poderose e brusche. E la lenza comincio' a muoversi parallela alla barca, verso la prua, mentre la canna sussultava nelle sue mani. Se avete mai visto un halbut o un rombo che nuota, saprete che la testa va su e giu'.Anche l'halbut nuota cosi' e il movimento della testa fa sussultare la canna. Non c'e' mai dubbio di che pesce si tratti quando hai un halibut, anche piccolo, all'estremita' della lenza. La lenza si allontano' dalla barca mentre la frizione del Penn 6/0 strideva. Dissi a mia moglie di stringerla un po'. Con quella lenza pesante non c'era possibilita' che la spezzasse, a meno che non arrivasse alla fine di essa e spezzasse il nodo intorno alla bobina. Meglio cercare di non cedere troppa lenza. Ma anche dopo un paio di giri orari della frizione a stella la lenza continuava ad uscire. "Stringi di piu'!" E lei obbedi'. Ma c'erano rimasti si e no cinquanta metri di lenza nel Penn. Ma con la frizione ormai stretta al massimo, l'halibut comincio' a vincere l'inerzia della barca e a trainarla. La mia Mako era una barca molto pesante. Fibra di vetro, doppio fondo ripieno di schiuma sintetica per galleggaiamento serbatoi che pieni portavano 54 galloni di benzina (un gallone e' quasi 4 litri), attrezzatura varia, un fuoribordo che per essere montato sulla barca aveva richiesto un grosso verricello elettrico attaccato ad una piccola gru, e tre persone pesanti a bordo. E quell'halibut ci stava trainando, e ci traino' per un bel pezzo. finche' stanco (o dovrei dire "stanca," perche' solo le femmine raggiungono grosse dimensioni) non si fermo' di botto. Io avviai il motore e mi avvicinai mentre mia moglie riavvolgeva la lenza sul mulinello il piu' velocemente possibile per mantenere tensione sulla lenzaA quel punto fu come tirare su un sacco di patate, che pero' ogni tanto, dopo essere venuto su una decina di metri poi si riabbassava fino al fondo, e non c'era verso di impedirglielo. Poi, piano piano cominciammo ad ottenere risultati. Mia moglie pero' era stanca, e cominciai ad aiutarla. Io tiravo su la canna con la mano, e lei girava il mulinello per guadagnare lenza. Poi finalmente io mi affacciai dal lato della barca e viidi questa sagoma scura sotto la superficie. Rimasi a bocca aperta. Mi girai e scherzando dissi a mia moglie, "Hey, una bestiaccia del genere non la voglio sulla mia barca. Dammi il coltello che taglio la lenza!" E mia moglie immediatamente rispose con l'equivalente americano di "col *****!" La feci sedere sul sedile di mezzo, quello davanti alla console, e dissi a mia cognata di darmi l'amo da pescecane, un amo veramente enorme, che tenevo legato a sei o sette metri di cima legata a sua volta alla bitta dell'ancora. Con una mano tirai la lenza su piano piano, fino a quando la testa del mostro non fosse bene fuori dall'acqua. La bocca, aperta era larga piu' di un secchiello da spiaggia. Infilai la curva dell'amo da pescecane quanto piu' profondamente in quella boccaccia, lo inclinai per dirigerne la punta verso la parte ossea in mezzo agli occhi (gli occhi dell'halibut sono sullo stesso lato della testa, quello superiore) e diedi una strapponata all'amo con tutta la mia forza. La punta trafisse il palato e punta ed ardiglione spuntarono ben fuori dal sommo della testa. Lasciai immediatamente andare l'amo, e la bestiaccia comincio' una sarabanda infernale che ci copri' di spruzzi. Adesso pero' con quell'amo piantato attraverso la testa e quello della lenza ancora infilato nell'angolo della bocca non sarebbe mai riuscita a slamarsi. Aspettai che si calmasse un po' ne tirai l'intera testa fuori dall'acqua fino alle branchie e con una Ruger Mark II cal. .22 LR sparai otto colpi nella zona dove supponevo fosse il minuscolo cervello dell'halibut. Perche' 8 colpi? Perche' volevo vuotare il caricatore per non avere una pistola col colpo in canna sul ponte quando ancora non s'era tirato su il pesce. Di certo non volevo perdere tempo a scaricarla. Il pesce adesso era ben rilassato, ma le pinne ancora si muovevano. Sono pesci primitivi, come le anguille, anche col cervello distrutto possono ancora muoversi e divincolarsi. Un pesce di tale taglia che comincia a dibattersi sul ponte puo' rompere cose e spezzare gambe. percio' bisogna "accaprettarli." Chiesi a mia cognata di prendere un pezzo di cima e passarla intorno alla coda del pesce mentre lo tiravo su con la cima dell'amo da pescecane. Tiro su che ti tiro su, e chiedo a mia cognata se fosse riuscita a buttarne un cappio intorno alla coda. Mi risponde, "Ma se nemmanco ancora la vedo, la coda!" Mia moglie ed io dovemmo issare il pesce quasi interamente fuori dall'acqua, con la testa in grembo a mia moglie per legarne la coda. Poi passai l'altra estremita della cima dentro una branchia e fuori dalla bocca, e in tre issammo il pesce sul ponte, dove io immediatamente tirai la cima di nuovo verso la coda piegando il pesce a ferro di cavallo, perche' non potesse sbattere la coda e dibattersi sul ponte. A questo punto tirammo tutti un sospiro di sollievo, tosi dalla bocca del pesce sia l'amo al quale aveva abboccato che l'amo da pescecane, e tornai al porto a tutta callara, a quasi 50 kmh. Arrivati alla rampa del porto e trainata col verricello barca e pesce sul carrello, lo issammo a fatica sull'apposita forca per le foto d'occasione, ed ecco, piu' giu', la foto. Vi faccio presente che mia moglie (a quell'epoca incinta di nostra figlia e con molti kg di troppo guadagnati durante la gravidanza e perduti a fatica dopo il parto e mesi di dieta) e' alta un fathom--sei piedi--un metro e 84. No, la foto non e' un fotomontaggio. E mia moglie non e' neanche dietro il pesce, in secono piano, per farlo apparire piu' grosso come fanno tanti. No, e' anzi un pochino piu' avanti della bestiaccia.
    Quanto pesava? Non mia moglie eh? ma l'halibut! 350 libbre!








    CHI SE FA PECORA OBBEDISCE AR PECORARO!

    COMMENTA


    • CHI SE FA PECORA OBBEDISCE AR PECORARO!

      COMMENTA


      • Originariamente inviato da giovannit. Visualizza il messaggio
        E' vero che i serra sono poco commestibili?

        Comunque, serra a parte, voglio spartire con voi una storia e una foto risalente all'Agosto del 1987, a Kodiak. Uscii con la mia Mako da 19 piedi e Suzuki 4-cilindri da 140 cavallucci. A bordo avevo mia moglie e mia cognata, Mio cognato era andato con un mio amico, direttore generale della locale cooperativa elettrica, in aereo a vedere l'impianto idroelettrico di Terror Lake. Il giorno precedente avevamo preso 8 halbut (il limite era due a testa) ma tutte piccole, intorno ai 10 kg l'una, e mio cognato, che avtrebbe voluto prenderne una bella grossa, era rimasto deluso e aveva deciso di non venire. Andammo parecchio lontano dal porto, in mare aperto, vicino William's Reef, su un fondale di 16 fathoms (un fathom e' 6 piedi, un metro e 84) ma sull'orlo di uno strapiombo che scendeva fino a 40 fathoms. Passammo un'ora senza che l'esca (un pezzo di tentacolo di polpo gigante e mezza aringa sull'amo) neanche fosse leccata da nessun pesce, neanche un merluzzo o un Irish Lord, una spece di grosso ghiozzo o coda di rospo, che in genere ci rompevano sempre le palle rimanendo allamati o rubabdo l'esca. Poi mia moglie mi disse: "Mi sono incagliata sul fondo." Il fondo li' e' sabbioso e ghiaioso, ma attraversato da lingue di roccia, basse scogliere che emergono dalla sabbia. Se l'amo o il piombo si incastrano fra le fessure, l'unico modo di staccarsi dal fondo e' attorcigliare la lenza (filo Dacron intrecciato da 80 o 100 libbre) intorno ad un apposito paletto infilato in uno dei fori poggiacanna e coperto da un pezzo di camera d'aria da bici perche' il legno non abrada la lenza e tirare con la barca. O si riesce a disincagliare il tutto, o si perde piombo e amo. Prima di ricorrere ad estreme misre, prendo la lenza in mano e tiro su. Invece della resistenza secca, dura, di una roccia sento un po' di cedimento, ma poco. Il Dacron non si allunga come il Nylon, non cede. Sapevo bene che cosa stava succedendo. Dissi a mia moglie: "preparati ad una lunga battaglia. Hai un grosso halibut attaccato all'amo. Ferra!" Con la canna da traino da tonni, piu' un manico di scopa che una canna, poco flessibile e resistentissima, lei diede tre o quattro tirate poderose e brusche. E la lenza comincio' a muoversi parallela alla barca, verso la prua, mentre la canna sussultava nelle sue mani. Se avete mai visto un halbut o un rombo che nuota, saprete che la testa va su e giu'.Anche l'halbut nuota cosi' e il movimento della testa fa sussultare la canna. Non c'e' mai dubbio di che pesce si tratti quando hai un halibut, anche piccolo, all'estremita' della lenza. La lenza si allontano' dalla barca mentre la frizione del Penn 6/0 strideva. Dissi a mia moglie di stringerla un po'. Con quella lenza pesante non c'era possibilita' che la spezzasse, a meno che non arrivasse alla fine di essa e spezzasse il nodo intorno alla bobina. Meglio cercare di non cedere troppa lenza. Ma anche dopo un paio di giri orari della frizione a stella la lenza continuava ad uscire. "Stringi di piu'!" E lei obbedi'. Ma c'erano rimasti si e no cinquanta metri di lenza nel Penn. Ma con la frizione ormai stretta al massimo, l'halibut comincio' a vincere l'inerzia della barca e a trainarla. La mia Mako era una barca molto pesante. Fibra di vetro, doppio fondo ripieno di schiuma sintetica per galleggaiamento serbatoi che pieni portavano 54 galloni di benzina (un gallone e' quasi 4 litri), attrezzatura varia, un fuoribordo che per essere montato sulla barca aveva richiesto un grosso verricello elettrico attaccato ad una piccola gru, e tre persone pesanti a bordo. E quell'halibut ci stava trainando, e ci traino' per un bel pezzo. finche' stanco (o dovrei dire "stanca," perche' solo le femmine raggiungono grosse dimensioni) non si fermo' di botto. Io avviai il motore e mi avvicinai mentre mia moglie riavvolgeva la lenza sul mulinello il piu' velocemente possibile per mantenere tensione sulla lenzaA quel punto fu come tirare su un sacco di patate, che pero' ogni tanto, dopo essere venuto su una decina di metri poi si riabbassava fino al fondo, e non c'era verso di impedirglielo. Poi, piano piano cominciammo ad ottenere risultati. Mia moglie pero' era stanca, e cominciai ad aiutarla. Io tiravo su la canna con la mano, e lei girava il mulinello per guadagnare lenza. Poi finalmente io mi affacciai dal lato della barca e viidi questa sagoma scura sotto la superficie. Rimasi a bocca aperta. Mi girai e scherzando dissi a mia moglie, "Hey, una bestiaccia del genere non la voglio sulla mia barca. Dammi il coltello che taglio la lenza!" E mia moglie immediatamente rispose con l'equivalente americano di "col *****!" La feci sedere sul sedile di mezzo, quello davanti alla console, e dissi a mia cognata di darmi l'amo da pescecane, un amo veramente enorme, che tenevo legato a sei o sette metri di cima legata a sua volta alla bitta dell'ancora. Con una mano tirai la lenza su piano piano, fino a quando la testa del mostro non fosse bene fuori dall'acqua. La bocca, aperta era larga piu' di un secchiello da spiaggia. Infilai la curva dell'amo da pescecane quanto piu' profondamente in quella boccaccia, lo inclinai per dirigerne la punta verso la parte ossea in mezzo agli occhi (gli occhi dell'halibut sono sullo stesso lato della testa, quello superiore) e diedi una strapponata all'amo con tutta la mia forza. La punta trafisse il palato e punta ed ardiglione spuntarono ben fuori dal sommo della testa. Lasciai immediatamente andare l'amo, e la bestiaccia comincio' una sarabanda infernale che ci copri' di spruzzi. Adesso pero' con quell'amo piantato attraverso la testa e quello della lenza ancora infilato nell'angolo della bocca non sarebbe mai riuscita a slamarsi. Aspettai che si calmasse un po' ne tirai l'intera testa fuori dall'acqua fino alle branchie e con una Ruger Mark II cal. .22 LR sparai otto colpi nella zona dove supponevo fosse il minuscolo cervello dell'halibut. Perche' 8 colpi? Perche' volevo vuotare il caricatore per non avere una pistola col colpo in canna sul ponte quando ancora non s'era tirato su il pesce. Di certo non volevo perdere tempo a scaricarla. Il pesce adesso era ben rilassato, ma le pinne ancora si muovevano. Sono pesci primitivi, come le anguille, anche col cervello distrutto possono ancora muoversi e divincolarsi. Un pesce di tale taglia che comincia a dibattersi sul ponte puo' rompere cose e spezzare gambe. percio' bisogna "accaprettarli." Chiesi a mia cognata di prendere un pezzo di cima e passarla intorno alla coda del pesce mentre lo tiravo su con la cima dell'amo da pescecane. Tiro su che ti tiro su, e chiedo a mia cognata se fosse riuscita a buttarne un cappio intorno alla coda. Mi risponde, "Ma se nemmanco ancora la vedo, la coda!" Mia moglie ed io dovemmo issare il pesce quasi interamente fuori dall'acqua, con la testa in grembo a mia moglie per legarne la coda. Poi passai l'altra estremita della cima dentro una branchia e fuori dalla bocca, e in tre issammo il pesce sul ponte, dove io immediatamente tirai la cima di nuovo verso la coda piegando il pesce a ferro di cavallo, perche' non potesse sbattere la coda e dibattersi sul ponte. A questo punto tirammo tutti un sospiro di sollievo, tosi dalla bocca del pesce sia l'amo al quale aveva abboccato che l'amo da pescecane, e tornai al porto a tutta callara, a quasi 50 kmh. Arrivati alla rampa del porto e trainata col verricello barca e pesce sul carrello, lo issammo a fatica sull'apposita forca per le foto d'occasione, ed ecco, piu' giu', la foto. Vi faccio presente che mia moglie (a quell'epoca incinta di nostra figlia e con molti kg di troppo guadagnati durante la gravidanza e perduti a fatica dopo il parto e mesi di dieta) e' alta un fathom--sei piedi--un metro e 84. No, la foto non e' un fotomontaggio. E mia moglie non e' neanche dietro il pesce, in secono piano, per farlo apparire piu' grosso come fanno tanti. No, e' anzi un pochino piu' avanti della bestiaccia.
        Quanto pesava? Non mia moglie eh? ma l'halibut! 350 libbre!







        Tutto il pesce di mare e" commestibile devi solo saperlo cucinare a modo, e se lo hai assaggiato da chi lo sa veramente cucinare, spigole ed altro ti assicuro che possono passare in secondo piano, anche pesce di terza categoria come le sarde, se fatte freschissime alla brace e condite sono divine, come le ope marinate o la pasta con il gronco alla Ponzese, poi bisogna essere anche un po" intenditori
        walker960walker, teufel.35 e luigi76 piace questo post.

        COMMENTA


        • Che qualcuno che bazzica nelle zone di Taranto e d'intorni vorrei sapere se qualche serra sta uscendo visto che SN gia4 uscite senza vedere una tocca

          COMMENTA


          • Originariamente inviato da onyx Visualizza il messaggio

            Tutto il pesce di mare e" commestibile devi solo saperlo cucinare a modo, e se lo hai assaggiato da chi lo sa veramente cucinare, spigole ed altro ti assicuro che possono passare in secondo piano, anche pesce di terza categoria come le sarde, se fatte freschissime alla brace e condite sono divine, come le ope marinate o la pasta con il gronco alla Ponzese, poi bisogna essere anche un po" intenditori
            Sono d'accordo. Le sarde freschissime alla brace sono la mia passione. Peccato che qui non si trovano. In Italia ho mangiato quasi tutti i tipi di pesce di mare (o comprati o pescati da me) e a parte i cefali e le triglie di porto che sapevano di nafta mi sono piaciuti tutti. Ma i serra non li ho mai mangiati. Ho solo letto su qualche forum che non sono un granche'. Il grongo ha carne eccellente, se sai come spinarlo. A me piaceva molto il palombo. E la "torta" di alici fresche che faceva mamma era di una bonta' insuperabile: alici pulite, aperte in due e spinate messe a strati in una teglia con aglio e prezzemolo e intervallate con pane grattugiato e ben oliate con olio evo. Poi al forno fino a quando il pangrattato sulla superficie non era ben dorato, e a tavola. Calda o fredda era una leccornia! A me poi le sardone (non so veramente che cosa siano--sono sardine lunghe e grosse il doppio delle sardine normali) piacevano anche crude: tirate fuori dalla sciabica, decapitate e sbudellate, e mangiate mentre praticamente ancora guizzavano! E la pasta con le sarde alla siciliana e' una sciccheria! Qui io compro ogni settimana un kg e mezzo di filetti freschissimi di cefalo, spinati e squamati. Sono da cefali grossi un kg o piu', catturati in mare aperto nel Golfo del Messico, che e' a poco piu' di un'ora d'auto da casa mia. Me li faccio ordinare specialmente per me da un grosso supermercato locale. Arrivano belli sodi che odorano di mare. Li mangio freschi, o fritti, o alla mugnaia, o li affumico. Ho il surgelatore sopra il frigo mezzo pieno di filetti affumicati impacchettati a vuoto. Me li porto come "snack" quando vado a caccia. L'unico pesce di mare che mi piace poco e' proprio l'halibut--forse perche' ne ho mangiato troppo a Kodiak.
            Un pesce che ai tempi miei era poco apprezzato in Italia erano le tracine. Eppure sono ottime. Ma mangiavo anche volentieri pesce d'acqua dolce, se era d'acqua limpida e pulita. C'era un posto sulla Cassia, credo che fosse vicino Manziana, dove c'era un fiumicello con una bella cascata, dove girarono diversi films. Prendevo un cestino pieno di piccoli ciprinidi pescando "a frustare" con un amo piccolissimo e un solo bigattino, e anche qualche bel cavedano innescando cavallette acchiappate sul luogo. Ma i miei pesci d'acqua dolce preferiti erano le anguille. Le ho pescate anche a mare, al porto di Civitanova Marche, a fondo, lanciando verso il mare aperto dallo spartiacque che proteggeva il porto dalle mareggiate, innescando un grosso lombrico. Pescavo anche al Tevere, sotto l'ospedale Santo Spirito, vicino alla cloaca. Prendevo barbi, ruelle e cavedani, ma non li mangiavo di certo. Li davo ai gatti del cortile. Avresti dovuto vedere che cosa veniva giu' con la corrente... Flottiglie di preservativi usati, pezzi di garza, porcherie varie... Eppure c'erano tanti vecchi fiumaroli che pescavano li' e giuravano sulla bonta' di quei pesciacci magnamerda!
            CHI SE FA PECORA OBBEDISCE AR PECORARO!

            COMMENTA


            • ben tornati dalle ferie. ieri pom. tre orette di pesca spot focene acqua torbita, nessun pesce in compenso tante belle telline. stasera mega spagettone
              A luigi76, sterminator e 2 altri utenti piace questo post.

              COMMENTA


              • onyx
                onyx commentata
                Modifica di un commento
                Grande, io ho quasi esaurito la scorta, tocca fra un po" ricominciare a "zappare"!!! Pesca ho mollato da una ventina di giorni per impegni lavorativi, ma da settimana prossima si ricomincia a fare sul serio fino al primo Zip!!! Saluti

            • in attesa delle amate papere e qualche tordo. visionato il meteo mare ,per martedi giornata decisamente molto favorevole . grande scaduta,con marea ,comodissima per l orario intorno alle 12. sicuramente tenterò la sorte. vi darò notitzie in merito.
              luigi76 piace questo post.

              COMMENTA


              • Originariamente inviato da Michele ! Visualizza il messaggio
                in attesa delle amate papere e qualche tordo. visionato il meteo mare ,per martedi giornata decisamente molto favorevole . grande scaduta,con marea ,comodissima per l orario intorno alle 12. sicuramente tenterò la sorte. vi darò notitzie in merito.
                Non credo, martedì vento da nord/ovest, e mare mosso con onda di 1,30 cm, e poi Michele le orate stanno mangiando con mare calmo e sono grosse ciao

                COMMENTA


                • Ciao. Vento da nord ottimo . Domenica onda alta 2.50.lunedì spiana onda 1.30 per il vero surf casting. Con un mare così si catturano saraghi, spigole,e belle ombrine. Cmq capita anche l orata.
                  luigi76 piace questo post.

                  COMMENTA


                  • onyx
                    onyx commentata
                    Modifica di un commento
                    un" onda del genere e" ancora molto potente come forza, non e" un mare per me, se poi ci aggiungi con il vento N/w sempre (9 volte su 10) la presenza di alga, neanche gli spike tengono, comunque ognuno conosce il proprio spot- Ciao Michele

                • Ciao onyx sono completamente d'accordo con il tuo intervento ogni spot ha la sua prerogativa. Cmq ieri mattina località campo ascolano dalle 10 alle 14 hanno fatto 11 orate tutte sul kg.
                  onyx e erchiappetta piace questo post.

                  COMMENTA


                  • onyx
                    onyx commentata
                    Modifica di un commento
                    E che ti avevo detto? Anche più" grosse ahah saluti

                  • onyx
                    onyx commentata
                    Modifica di un commento
                    PS Alle 18,30 parto per battuta in notturna, per variare il menu," tento a mormore e serra con trancio Ciao

                • onyx

                  Con uno di questi la canna tiene anche con onde da mareggiata. Quello della foto e' lungo 36 pollici, e su una spiaggia sabbiosa se lo infili per due terzi nella sabbia non lo smuove niente. Uno uguale te lo puoi costruire facilmente da te con un pezzo di tubo PVC, segato obliquamente (tipo ago da siringa) ad un'estremita'.




                  CHI SE FA PECORA OBBEDISCE AR PECORARO!

                  COMMENTA


                  • onyx
                    onyx commentata
                    Modifica di un commento
                    La tenuta non e" la canna nel picchetto ci mancherebbe, ci sono picchetti in alluminio di tutti i tipi e varieta"anche migliori di quello in foto, la tenuta si intende il piombo sul fondo che deve restare fermo sfidando la corrente, ci sono varie forme i migliori piramidi e spike i quali hanno dei rampini per agganciarsi al fondo

                • picchetto troppo basso .....per mare mosso, va considerarta l altezza della canna per superare ( in altezza ) i primi frangenti delll onda .

                  COMMENTA


                  • Michele sei andato a pesca? Oggi mare veramente brutto con maestrale molto forte, la scaduta c"e" domani da primo pomeriggio che mette vento da sud e onda sui 50 cm, oggi al mare mentre ero al lavoro, ho preso una quaglia con le mani forse sbattuta da qualche parte non riusciva a volare, l"ho liberata fra le dune era una femmina!
                    snook team e luigi76 piace questo post.

                    COMMENTA


                    • Ciao si sono andato di mattina mare ottimo vento quasi assente .solo una spigoletta 500 gm . E diversi saraghi ma tutti fuori misura sabato ritento Ciao
                      erchiappetta e onyx piace questo post.

                      COMMENTA


                      • Da me mare in scaduta ma torbido da far schifo..
                        onyx piace questo post.

                        COMMENTA

                        Pubblicita STANDARD

                        Comprimi

                        Ultimi post

                        Comprimi

                        Unconfigured Ad Widget

                        Comprimi
                        Sto operando...
                        X