annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Richiami vivi,Anatre e Pavoncelle disposizioni Regione Lombardia.

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (21%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Richiami vivi,Anatre e Pavoncelle disposizioni Regione Lombardia.

    Richiami vivi: utilizzo anatre e pavoncelle.



    Disposizioni per la stagione venatoria 2014 - 2015. Deroga al divieto di utilizzo dei volatili appartenenti agli ordini degli Anseriformi e Caradriformi nell'attività venatoria.

    La Regione Lombardia ha confermato anche per la stagione venatoria 2014/2015 le misure sanitarie già adottate in merito alla deroga al divieto di utilizzo dei volatili appartenenti agli ordini degli Anseriformi e Caradriformi nell'attività venatoria.
    Nella stagione venatoria 2014 - 2015 potranno essere utilizzati come richiami vivi:

    1. i soggetti già autorizzati nelle precedenti stagioni venatorie (e quindi già individuati tramite apposita fascetta);
    2. i soggetti nati in allevamento nel corso del 2014 da soggetti già autorizzati nelle precedenti stagioni venatorie, la cui origine è da documentare con autocertificazione, che dovranno essere individuati tramite apposita fascetta;
    3. i soggetti che saranno acquistati nel corso del 2014 o acquisiti in seguito a cessione, il cui legittimo possesso dovrà essere documentato con il mod. 4 rilasciato dal venditore o da dichiarazione di cessione rilasciata dal vecchio proprietario (allegato 3), che dovranno essere individuati tramite apposita fascetta.

    La deroga è concessa a condizione che vengano rispettate le seguenti disposizioni sanitarie:

    • i richiami devono essere stabulati separatamente da altri volatili eventualmente allevati;
    • devono essere applicate tutte le misure di biosicurezza (pulizia, disinfezione, utilizzo di contenitori lavabili per il trasporto, ecc. ) atte a prevenire la trasmissione del virus dell'influenza aviaria;
    • in caso di morte dei richiami, gli stessi dovranno essere consegnati all'Istituto Zooprofilattico Sperimentale per gli accertamenti sanitari;
    • deve essere tempestivamente comunicata alla Provincia - Servizio Caccia - ogni smarrimento, furto o cessione a terzi;
    • ogni spostamento e/o evento che riguarda i richiami vivi deve essere annotato su un apposito registro rilasciato dalla Provincia.
    • il limite massimo complessivo dei richiami detenibili è di 100 esemplari, inclusi quindi quelli già posseduti negli anni precedenti.

    Modulistica:

    Modello per autodichiarazione detenzione richiami vivi (Allegato 1)
    Modello per la cancellazione dei richiami vivi dalla banca dati (Allegato 2)
    Modello per la cessione dei richiami vivi (Allegato 3)
    Tempistiche

    31 luglio 2014: termine ultimo per la consegna della documentazione atta al rilascio dell'autorizzazione e delle fascette richieste
    1 settembre 2014: data dalla quale è possibile rititrare autorizzazione e/o fascette Modalità presentazione domanda

    La documentazione deve essere presentata previ mano, entro il 31 luglio 2014, presso lo sportello del Servizio Caccia e Pesca della Provincia di Bergamo in via Monte Gleno 2/l a Bergamo. Oppure tramite fax allo 035.387582 o via mail al segreteria.cacciapesca@provincia.bergamo.it o all'indirizzo di posta certificata protocollo@pec.provincia.bergamo.it, in qualsiasi caso è fatto obbligo inviare copia di un documento di identità del richiedente. Modalità per il ritiro dell'autorizzazione e/o delle fascette:

    Le fascette potranno essere ritirate, personalmente o da un delegato munito di documento di riconoscimento e delega scritta, mediante:
    • esibizione di un documento di identità
    • marca da bollo da euro 16.42 da apporre sull'autorizzazione alla detenzione


    Per informazioni contattare il Servizio Caccia e Pesca della Provincia di Bergamo al numero verde 800.297.736 - oppure i numeri 035387458 o 035387687.
    Sono sempre diffidente delle persone a cui non piacciono i cani mentre mi fido tantissimo del cane quando non gli piace una persona.

  • #2
    A che serve la marca da bollo? I vecchi timbri non si usano più magnano su tutto,ma li mort..............ci loro.

    COMMENTA


    • #3
      allora adesso bisogna avere l'autorizzazione da parte dell'usl per poter trasportare animali , vaglia 10euri , poi si va all'usl con dichiarazione , dichiarazione prestampata compilata , poi fotocopia del libretto dell'autovettura , codice fiscale e fotocopia documento , misure adoperate x il portantino o gabbie , sia x ucelli che per i cani

      quel che mi vien da ridere è
      stamattino sono andato con tutte le carte all'usl , mi trovo una tipa che mi dice :
      guardi che art. 1 dice che non è obbligatorio farla
      io : come ??
      lei mi fa : fino adesso l'hanno mai fermata
      io : no , ma se mi dovessero fermare ??
      lei : sono problemi suoi , ( è penale con seguestro dell'autovettura ) noi facciamo le carte , poi bisogna vedere chi la ferma

      e poi ditemi se non cè da ridere ( ho da piangere ) nemmeno le misure delle gabbie ho del portantino sanno , và sempre dietro a chi ti ferma

      ma intanto usl i 10euri del vaglia se li son presi ( fate un pò di conti )

      massimo
      Nato cacciatore , morirò cacciatore

      COMMENTA

      Pubblicita STANDARD

      Comprimi

      Ultimi post

      Comprimi

      Unconfigured Ad Widget

      Comprimi
      Sto operando...
      X