annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Lucca: Piccioni all'attacco dei campi di soia

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (29%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Lucca: Piccioni all'attacco dei campi di soia

    Mercoledì 21 Maggio 2014

    La Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   cia_logo.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 1.6 KB 
ID: 1707850chiede l'apertura della caccia in deroga.

    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   Piccioni.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 92.0 KB 
ID: 1707851

    E' ancora allarme-piccioni nella Piana di Lucca. La Confederazione Italiana Agricoltori, infatti, ha raccolto, proprio in questi giorni, numerose segnalazioni di campi 'devastati' dal passaggio dei piccioni che hanno vanificato il lavoro degli agricoltori.

    “Questo è il momento della semina – spiega il coordinatore della zona di Lucca della CIA, Massimo Del Carlo – e, quindi, il momento più delicato: le segnalazioni che ci sono arrivate sono molto preoccupanti, perché, a quanto registrato, sembra che i piccioni abbiano spostato la loro attenzione dai girasoli alla soia. Il motivo è semplice: dopo gli scempi fatti negli anni scorsi, i nostri agricoltori non hanno più seminato i girasoli e, quindi, i piccioni hanno trovato altri semi da mangiare”.

    Per Del Carlo: “Quanto finora fatto ha in qualche misura arginato il problema – dice – ma non è ancora sufficiente, in quanto il problema si ripropone. I piccioni devono mangiare e, dopo i semi di girasole, adesso si stanno 'adattando' a mangiare la soia”.

    “Per questo motivo – conclude Del Carlo – invitiamo gli enti preposti a valutare se, per il nostro territorio, non sia il caso di inserire i piccioni in quelle specie per le quali è prevista l'apertura della caccia in deroga, come per gli storni, almeno per il tempo necessario per riportare la popolazione a un numero accettabile, gestibile e non più dannoso”.


    fonte:lagazzettadilucca.it
    CHI AMA LA CACCIA VIVE LA NATURA sigpic

  • #2
    Chiamiamo il Ferretti... vieni qua a Lucca ti ospito io..... !!!!!

    COMMENTA


    • #3
      Ho i miei dubbi che qualche ente pubblico si preoccupi più di tanto di concedere la caccia agli storni, visto che in maggioranza oramai sono animalisti.
      Saluti Franco

      COMMENTA


      • #4
        Originariamente inviato da ggramoli Visualizza il messaggio
        Ho i miei dubbi che qualche ente pubblico si preoccupi più di tanto di concedere la caccia agli storni, visto che in maggioranza oramai sono animalisti.
        Concordo e credo che parlare oggi di caccia sia diventato un'argomento da evitare.
        Nico

        COMMENTA


        • #5
          I piccioni a Lucca sono veramente tanti.
          Ma non sono di più o di meno degli anni passati, quindi tutta fuffa.
          Le cornacchie sono in aumento vertiginoso, quelle si, e si spingono vicino alle case ed alle auto, cosa che fino ad ora non facevano.
          Ma i piccioni sono sempre gli stessi. Abito esattamente al centro del triangolo tra tre molini storici. Ci saranno i piccioni?
          Ricaricare è un divertimento senza eguali, ma la sicurezza prima di tutto!

          COMMENTA


          • #6
            Oggi hanno bisogno di noi....all'apertura diventiamo delinquenti........


            Piccioncini mangiategli anche i coppi delle case.
            Il vero cacciatore ama gli animali a cui dà la caccia, forse anche perché li considera complici di questa passione in cui ritrova la sua origine esistenziale.
            Indro Montanelli


            Ciao Mauro,amico mio!

            COMMENTA


            • #7
              un rimedio ci sarebbe:animalisti,verdi,vegani e tutti quelli che sono contro la caccia,dall'alba al tramonto a fare gli spaventapasseri.Alternativa piombo del 5 a 450 m.al secondo

              COMMENTA


              • #8
                Originariamente inviato da Rudi4x4 Visualizza il messaggio
                Oggi hanno bisogno di noi....all'apertura diventiamo delinquenti........


                Piccioncini mangiategli anche i coppi delle case.
                infatti, e non solo i coppi "tegole" ecc. ecc. ma anche i trattori, rimorchi, trebbie e se vogliamo anche contadini, "non tutti però"

                COMMENTA


                • #9
                  anch'io sono del parere che la caca dei piccioni li deve ricoprire fino alla testa..............................in bocca al cocker!!!!!!!!!!!!!

                  COMMENTA


                  • #10
                    Effettivamente oggi ero in coda e mi è caduto un occhio su un campi di grano nei paraggi. Caxxo erano più i piccioni che gli steli. Forse devo rivedere le mie stime sui piccioni. Erano tanti ma tanti.
                    Ricaricare è un divertimento senza eguali, ma la sicurezza prima di tutto!

                    COMMENTA


                    • #11
                      Diversi anni fa in Provincia affrontarono il problema sovrappopolamento piccioni, qualche "SCIENZIATO" propose che lanciando corvi e cornacchie avrebbero risolto il problema, questi dannosi uccellacci avrebbero dovuto mangiare le uova di piccione.

                      Ma in realtà cosa accadde.........i piccioni stavano tranquilli in Città e continuavano a riprodursi, mentre le cornacchie e corvi giravano intorno alle mura a mangiare cavallette,topi, lucertole e uova di merlo.
                      Con il passare degli anni i piccioni sono aumentati e l'uccelli dannosi idem.....dei piccioni parla chiaramente l'articolo postato da Alberto, mentre le cornacchie adesso si sono estese su tutto il territorio della Provincia , non solo nella piana ma anche in tutte le colline e montagne e fanno un'infinità di danni.

                      Qualcuno in Provincia aveva proposto la sterilizzazione dei piccioni, ma non ne ho più sentito parlare (qualche animalista si deve essere opposto) comunque
                      Speriamo non esca fuori un'altro "Scienziato" , qui deve essere studiato e fatto un piano di abbattimento concreto.

                      I soldi dei cacciatori, versati con l' ATC devono essere spesi per il ripopolamento, per creare nuove aree di rip., per seminare colture a perdere, ecc... la maggior parte dei soldi spesi, sono per prevenire e risarcire i danni voluti da altri.
                      Purtroppo siamo in minoranza e non riusciamo mai a far valere le nostre ragioni a fondo , ogni stagione rimettiamo qualcosa, anno dopo anno ci restringono e ci limitano sempre più.

                      Saluti

                      COMMENTA

                      Pubblicita STANDARD

                      Comprimi

                      Ultimi post

                      Comprimi

                      Unconfigured Ad Widget

                      Comprimi
                      Sto operando...
                      X