annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Benessere animale,

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (42%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Benessere animale,

    BENESSERE ANIMALE, REGOLAMENTO DA CAMBIARE

    Pubblicato: Martedì, 13 Maggio 2014 14:05 | Stampa | Email
    Stravolte le direttive europee: raddoppiati i metri quadri previsti senza distinzione, chihuahua come gli alani. A rischio ogni detentore d’uno degli oltre 400 mila cani custoditi in Regione Toscana. La Confederazione Cacciatori Toscani chiede al presidente Rossi interventi urgenti
    E’ toccato ad una struttura gestita dai cacciatori, ma nel mirino potevano finire il singolo cittadino, le strutture di ricovero del volontariato, i canili comunali, cioè ogni detentore d’uno degli oltre 400 mila cani custoditi in Regione Toscana. I fatti: guardie dell’Enpa, dopo un controllo sulle condizioni di custodia di una muta di cani da cinghiale, in un ricovero esistente e funzionante da oltre 30 anni, hanno segnalato dimensioni inferiori a quanto previsto dal Regolamento applicativo della legge regionale 59/2009.

    “Vogliamo ricordare - si legge in una lettera che ha per primo destinatario il presidente della Regione Enrico Rossi ma inviata anche agli assessori all’agricoltura Salvadori e alla sanità Marroni e a tutte le forze politiche - che più volte è stato sollevata, e da più parti, l’assoluta arbitrarietà, non ancorata ad alcuna indicazione né tecnica né, tantomeno, scientifica, della definizione dei metri quadri fissati dal regolamento come minimi per ogni cane custodito. Il regolamento, che dice di voler operare “in analogia” alla direttiva europea, ne stravolge le previsioni, raddoppiando i metri quadri previsti e non facendo distinzione, come nella direttiva, alla taglia dei cani: un chihuahua diventa uguale ad una alano”. Dopo aver sottolineato come ad oggi nulla sia stato fatto, con conseguente clima di incertezza, la Confederazione Cacciatori Toscani chiede “risposte certe in questa materia particolarmente delicata, in assenza delle quali ci troveremo costretti alle iniziative di denuncia e di protesta nelle forme che valuteremo necessarie”.
    Firenze, 13 maggio 2014
    Confederazione dei Cacciatori Toscani
    (Federcaccia – Arcicaccia – ANUU)





  • #2
    il solito pastrocchio all'italiana.............in bocca al cocker!!!!!!!!!!

    COMMENTA


    • #3
      Hai detto tutto Ricca'..................
      Sono sempre diffidente delle persone a cui non piacciono i cani mentre mi fido tantissimo del cane quando non gli piace una persona.

      COMMENTA


      • #4
        tra un po dovremo mettere i cani in casa e andare noi nelle cucce tanto per le persone non è previsto un limite di metri quadri...

        COMMENTA


        • #5
          Lo dicevo io, quando hanno iniziato con i richiami, che verrà la volta anche dei cani, in poche parole siamo tutti nella stessa barca, altro che criticarci a vicenda, il capannista critica il cacciatore con il cane e viceversa, il cinghialaio con il padularo, ecc, ecc...

          COMMENTA


          • #6
            Ma secondo me sti signori dovrebbero prima di scrivere..pensare.... cos'è il benessere animale??Il benessere animale è quando l'animale sta bene,è in salute, vive in un ambiente sano e curato,non è stressato e negli occhi del cane si legge tutto.... a prescindere della metratura in cui vive..Dai....
            Very Bergamasc d.o.c.
            Solo e sempre pelo!!!!

            COMMENTA


            • #7
              Ma quanti metri quadri dovrebbe essere stò recinto? 150 metri quadri in attico nel centro storico basteranno?? ( a parte scherzi quanto è questa misura??)
              Oggi ho sentito una sentenza della trasmissione forum in cui il giudice diceva che i cani sono "persone non umane" e l'abbaio è un "diritto di espressione" del cane, quindi anche se abbaiano non devono dare noia, tra me e me pensavo "ma dove arriveremo?", come hanno già detto tra poco dovremo decidere se stare noi nelle cucce e i cani in casa, oppure andare noi direttamente in galera per maltrattamenti.. Mah che paese di merd...
              Detesto le tue idee ma mi farei uccidere per darti la possibilità di esprimerle (Voltaire)

              COMMENTA


              • #8
                qui a Massa si parla già di contravvenzioni per migliaia di euro, speriamo bene..........in bocca al cocker!!!!!

                COMMENTA

                Pubblicita STANDARD

                Comprimi

                Ultimi post

                Comprimi

                Unconfigured Ad Widget

                Comprimi
                Sto operando...
                X