annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Lombardia e richiami vivi. Fabio rolfi (lega nord): “limiti ai controlli

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (44%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Alberto 69
    ha risposto
    Anuu Migratoristi Intervista a Grandini

    https://www.youtube.com/watch?v=2ICNGB_26-E

    Lascia un commento:


  • oldarin
    ha risposto
    Originariamente inviato da prete Visualizza il messaggio
    Come detto in altro post Daniele e' stato fatto un lavoro oscuro dietro le quinte delle Associazioni, in particolare Brescia e Bergamo che han portato a questo, ora vedremo un attimo il proseguio.
    certo nicola..e con l'aiuto di qualche cacc_atore ....anche ingenuamente ma purtroppo abbiamo anche questi..
    ciao

    Lascia un commento:


  • Alberto 69
    ha risposto
    Intervista a Fabio Rolfi Lega Nord del 28 marzo 2014 - YouTube

    Lascia un commento:


  • Alberto 69
    ha risposto
    Lombardia: Avviato procedimento modifica della legge Regionale 26/93

    Martedì 01/04/2014

    Lombardia: avviato procedimento di ulteriore modifica della legge Comunitaria Regionale 26/93 sull’art. 15.

    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   Alessandro Sorte.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 5.9 KB 
ID: 1679237

    Al fine di una puntuale applicazione della legge Comunitaria Regionale e di dare certezze della sua interpretazione al mondo venatorio lombardo, il vice capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale, Alessandro Sorte, intende avviare la procedura necessaria al fine di emendare l’articolo 15 nei commi 5bis, 5ter e 5quater, nonché al comma 6bis dell’art. 48 relativi alla vigilanza, alla manipolazione dei richiami vivi e della banca dati ad essi connessa. Quanto sopra per venire incontro alle richieste a lui giunte dalla maggioranza delle associazioni venatorie che hanno avuto modo di visionare i contenuti di quanto approvato in Consiglio martedì 25 marzo 2014, esprimendogli le proprie fondate riserve. Le associazioni confidano che tale modifica sia posta in essere in tempi adeguati, al fine di dare ai propri iscritti regole che non diano adito a contenziosi in materia e comunque prima della prossima stagione venatoria. Questa materia in particolare riguarda circa quaranta mila cacciatori, che esercitano in Lombardia la forma di caccia da appostamento fisso, fortemente radicata nelle provincie di Bergamo e Brescia. Questa revisione sarà posta in essere nell’ambito della modifica in programma della legge regionale 26/93 nelle prossime settimane.

    Alessandro Sorte Coordinatore provinciale Forza Italia Bergamo

    fonte:associazionecacciatorilombardi.it

    Lascia un commento:


  • prete
    ha risposto
    Originariamente inviato da sassellino Visualizza il messaggio
    Ottima cosa..finalmente qualcuno che ci tutela un pò..anche se a dire il vero, più che tutelarci, non fà altro che fare le cose giuste.
    Come detto in altro post Daniele e' stato fatto un lavoro oscuro dietro le quinte delle Associazioni, in particolare Brescia e Bergamo che han portato a questo, ora vedremo un attimo il proseguio.

    Lascia un commento:


  • sassellino
    ha risposto
    Ottima cosa..finalmente qualcuno che ci tutela un pò..anche se a dire il vero, più che tutelarci, non fà altro che fare le cose giuste.

    Lascia un commento:


  • viki63
    ha risposto
    E VAII ..finalmente qualche personaggio politico si interessa di noi cacciatori ...speriamo che non duri fino a fine maggio e poi dopo le elezioni si cambi tutto e anche costui smentisca tutto ...io son come tommaso non ci credo fin che non ci metto il naso ..ahahahah...ciaoo a tutti

    Lascia un commento:


  • cicalone
    ha risposto
    Gia' il fatto di piazzarsi davanti alle gabbie e' sinonimo di rottura di palle per i richiami che smettono di fare il loro dovere, se poi dovessero mettere le mani dentro le gabbie e manipolarli si rischia che il richiamo possa prendere paura e nei casi piu' estremi anche morire...in tal caso una denuncia al personaggio in questione non la toglierebbe nessuno e poi vediamo chi ha ragione e chi torto....

    Lascia un commento:


  • prete
    ha risposto
    Ben detto Stefano, ben venga per noi, ottima notizia, anche se il marchio politico e' stato pubblicizzato e di cui viste le precedenti qui a Bergamo pfv etc....vado con i piedi di piombo, cmq una nuova che e' un toccasana per i capannisti in materia.Piu' avanti conosceremo dettagli precisi in merito e ne trarremo ulteriori considerazioni.

    Lascia un commento:


  • stefano63
    ha risposto
    speriamo visto che questa gente appena puo' trova la maniera di romperci le scatole ciao

    Lascia un commento:


  • albarossa
    ha risposto
    Da adesso invece si fornisce uno strumento capace di dire basta ad episodi che hanno visto guardie arrivare ai capanni ed aprire le gabbie a loro piacimento, causando i problemi esposti in precedenza.

    Ma perchè ci sono state guardie oltre ha fare un controllo al capanno aprivano le gabbie ??? Con me sarebbe stata dura ...cmq per chi ha i capanni è una cosa positiva ....

    Lascia un commento:


  • francesco70
    ha risposto
    Ottima cosa, da noi a dire il vero non mi hanno mai controllato i richiami..

    Lascia un commento:


  • Lombardia e richiami vivi. Fabio rolfi (lega nord): “limiti ai controlli

    Martedì 25/03/2014

    LOMBARDIA E RICHIAMI VIVI. FABIO ROLFI (LEGA NORD): “LIMITI AI CONTROLLI DELLE GUARDIE VENATORIE”.

    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   Richiamo.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 37.1 KB 
ID: 1706517
    Approvato emendamento alla Legge comunitaria regionale che sancisce il divieto di manipolazioni, e pratiche invasive nei controlli, da parte delle guardie venatorie per quanto attiene i richiami vivi. Nel merito è intervenuto il propositore e vice capogruppo del Carroccio a Palazzo Pirelli, Fabio Rolfi.
    “Si tratta di un provvedimento importante - spiega l’esponente leghista - che per la prima volta va a sancire un limite all’esercizio dell’attività di controllo delle guardie venatorie. È capitato infatti che questi corpi abbiano spesso esercitato tale attività in modo troppo invasivo, perpetrando manipolazioni dei richiami vivi, in modo lesivo del principio del benessere animale, proprio come più volte evidenziato dagli stessi cacciatori. In certe situazioni particolari, è capitato inoltre che venissero arrecati anche gravi danni agli stessi animali oggetto del controllo. Da adesso invece si fornisce uno strumento capace di dire basta ad episodi che hanno visto guardie arrivare ai capanni ed aprire le gabbie a loro piacimento, causando i problemi esposti in precedenza.
    A questo punto - conclude Fabio Rolfi - spetterà ora alle Province, nell’ambito delle proprie disposizioni regolamentari, andare a declinare questo principio in modo concreto, prevedendo anche le necessarie sanzioni per i trasgressori.”

    fonte:ladeadellacaccia.it

Pubblicita STANDARD

Comprimi

Ultimi post

Comprimi

Unconfigured Ad Widget

Comprimi
Sto operando...
X