annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Ferita per lo scontro con il cinghiale; ma il giudice dà ragione alla Provincia

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (55%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Bregoscia
    ha risposto
    Poteva anche andargli peggio...potevano condannarla per aver investito il cinghiale dato che era stata avvisata dai cartelli....
    Scherzi a parte l'importante che non abbia avuto conseguenze poi le macchine si riparano certo che se non si deve pagare di tasca è meglio.

    Lascia un commento:


  • darkmax
    ha risposto
    qui da me ormai i cartelli sono ovunque e quindi .....
    la cosa assurda e che per decidere se aveva ragione il cinghiale o la signora son passati otto anni

    Lascia un commento:


  • barone rosso
    ha risposto
    prima o poi si farà male qualche personaggio illustre con i cinghiali.......e poi li faranno distruggere!!!!!!!!!!!!!

    Lascia un commento:


  • Ferita per lo scontro con il cinghiale; ma il giudice dà ragione alla Provincia

    Sabato 15/02/2014

    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   images.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 7.2 KB 
ID: 1706203

    La Spezia, 12 febbraio 2014 - Un cinghiale, sbucato dalla boscaglia, era finito contro un’auto in transito. Erano le 5,30 di un mattino di agosto del 2006 lungo la strada provinciale che porta a Beverino. Nell’incidente rimase ferita una donna. Dopo la sentenza di primo grado che aveva dato ragione alla donna, con il giudice di pace Gian Carlo Del Santo che aveva condannato la Provincia della Spezia e la Regione Liguria in via solidale al risarcimento dei gravi danni patiti dalla donna, Roberta B. (nell’auto era presente Loris B., proprietario del veicolo, Ndr) residente a Beverino, la Provincia ha impugnato ricorso in appello attraverso il suo legale, avvocato Roberto Benvenuto.

    E il Tribunale, nella persona del giudice Laura Rotolo, le ha dato ragione ritenendo che non sussista il nesso causale tra il danno subito e la responsabilità colposa della Provincia. La strada infatti era dotata di cartelli indicanti il pericolo di animali e di lampade idonee per la illuminazione, secondo quanto riferito dai testimoni. Nella sentenza si legge che «non appare possibile recintare le zone boschive e apporre delle barriere, vista la loro estensione».

    La Provincia perciò è riuscita a provare il caso fortuito e le domande risarcitorie sono state integralmente rigettate. Il giudice ha anche compensato le spese legali vista la complessità della materia e la continua evoluzione giurisprudenziale al riguardo.

    Il Tribunale non ha ritenuto di esaminare neppure l’appello incidentale proposto dalla Regione Liguria con gli avvocati Tullio Truppa e Marina Crovetto essendo le argomentazioni provinciali sufficienti per l’annullamento della sentenza di primo grado.

    L’auto aveva riportato danni al motore e alla carrozzeria per oltre duemilaottocento euro. Sul luogo erano intervenuti i Carabinieri che avevano ascoltato i testimoni e redatto il verbale dell’accaduto. Nella sentenza di primo grado, il dottor Del Santo aveva suddiviso il risarcimento del danno tra i due enti individuando nella Regione la responsabilità in qualità di gestore della fauna selvatica e nella Provincia per la gestione della strada dove nulla aveva fatto per evitare in concreto l’attraversamento degli animali.

    fonte:lanazione.it

Pubblicita STANDARD

Comprimi

Ultimi post

Comprimi

Unconfigured Ad Widget

Comprimi
Sto operando...
X