annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Manifestazione dei Cacciatori del Veneto - 25 Gennaio 2014

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (55%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Alberto 69
    ha risposto
    Stival, “sul piano venatorio si tenta di distorcere la realta"

    Martedì 28/01/2014

    Comunicato stampa N° 222 del 28/01/2014

    “Fa piacere sapere e vedere che tanti cacciatori si interessano e sono partecipi a tutte le manifestazioni che trattano gli argomenti inerenti la loro passione venatoria. Quello che dispiace è sentire alcuni dirigenti venatori e qualche politico raccontare mezze verità e mezze bugie dette con lo scopo di distorcere la realtà”.
    Lo sottolinea l’assessore regionale alla caccia Daniele Stival, in merito alle polemiche di questi giorni sul Piano Venatorio Regionale.
    “Fortunatamente – prosegue Stival -il popolo dei cacciatori, se correttamente informato, sa da solo tirare le sue conclusioni. Comprendo che nell’avvicinarsi delle elezioni europee, in mancanza di risultati a favore della caccia, per qualcuno ci sia il bisogno di distrarre l'attenzione del popolo delle doppiette o in mancanza di proposte concrete e non cassabili sull'argomento deroghe non ci sia stata nessuna proposta scritta”.
    “Si vuole però offendere l'intelligenza dei cacciatori – aggiunge l’assessore - pensando che basti manipolare le informazioni per attaccare il nuovo piano faunistico venatorio,come ad esempio con le quote associative, perché se è vero che oggi gli ambiti di caccia possono aumentare la quota associativa fino a tre volte, ed i comprensori alpini fino a sei volte, è anche vero che la nuova proposta uniforma entrambe le realtà con la possibilità, non l'obbligo, di aumentare di sei volte. Possibilità sulla quale decide ora e deciderà domani l'Ambito attraverso il suo Cda, il cui presidente è un cacciatore come la sua Assemblea dei soci e' composta da cacciatori".
    “Qualcuno pensa che siano degli irresponsabili?– conclude Stival -Vogliamo lasciare i cacciatori decidere del loro territorio in piena autonomia? Io sono convinto di si!”

    fonte:regione.veneto.it

    Lascia un commento:


  • Alberto 69
    ha risposto
    Grande Successo

    Associazione Cacciatori Veneti - Comunicati Stampa

    Lascia un commento:


  • uncacciatore
    ha risposto
    causa festa compleanno bimba non ho potuto partecipare.
    ho letto quanto scritto sul giornale di vicenza..
    qualcuno che ha partecipato può dire qualcosa di più..
    risultati? quanti politici regionali presenti?
    grazie 1000

    - - - Aggiornato - - -

    ho trovato questo sul sito cacciatori veneti

    Thiene, li 27 gennaio 2014
    GRANDE SUCCESSO DELLA MANIFESTAZIONE DEI CACCIATORI
    TENUTASI A VICENZA IL 25 GENNAIO 2014
    
    Grande successo della manifestazione dei cacciatori del Veneto, organizzata per
    sabato 25 gennaio u.s. presso la Fiera di Vicenza dall’Associazione Cacciatori
    Veneti-CONFAVI, dall’Associazione Enalcaccia Pesca e Tiro, dall'Associazione per
    la difesa e la promozione della Cultura Rurale, dalla Fondazione per la Cultura
    Rurale-Onlus.
    Più di 2.500 cacciatori sono accorsi per assistere all'iniziativa organizzata per
    illustrare a tutte le forze politiche la determinata contrarietà dei cacciatori nei
    confronti della nuova proposta di Piano Faunistico Venatorio Regionale adottato
    dalla Giunta regionale del Veneto su proposta dell'assessore leghista Daniele Stival.
    Non è bastata la capiente sala Palladio della Fiera di Vicenza a contenere tutte le
    persone accorse per dare sostegno agli organizzatori di questa bella e partecipatissima
    manifestazione.
    Vista la massiccia affluenza di pubblico, gli organizzatori hanno dovuto chiedere
    all'Ente Fiera di mettere a disposizione altre due sale attigue con altrettanti
    maxischermi per permettere di seguire l'evento a tutti coloro che non erano riusciti ad
    entrare nella sala principale.
    Dopo l'introduzione all'incontro da parte della Presidente dell'Associazione Cacciatori
    Veneti-Confavi Maria Cristina Caretta e del Presidente dell'Associazione Enalcaccia
    P.T. Tarcisio De Franceschi, che hanno spiegato le motivazioni che li hanno spinti ad
    organizzare l'evento di Vicenza, è intervenuto l'on. Sergio Berlato in qualità di
    Presidente nazionale della Fondazione per la Cultura Rurale-Onlus. L'on. Sergio
    Berlato, avvalendosi dei maxi schermi della sala Palladio e delle sale adiacenti, ha
    proiettato il testo della proposta di nuovo Piano Faunistico Venatorio Regionale,
    evidenziandone alcuni dei principali contenuti che, se approvati in legge dal
    Consiglio regionale, comporterebbero la decimazione dei rimanenti cacciatori del
    Veneto. Nel ricordare che in questa singolare proposta di nuovo Piano Faunistico
    Venatorio Regionale presentato dalla Giunta regionale del Veneto, è previsto, tra le
    tante nefandezze, l’aumento della quota associativa a carico dei cacciatori, fino a sei
    volte l’attuale, per pagare i danni provocati dalla fauna selvatica; la drastica riduzione
    del territorio cacciabile; l’innalzamento degli indici di densità venatoria con la
    conseguente espulsione di un numero notevole di cacciatori dagli attuali ATC e
    Comprensori alpini; l’esautorazione dei cacciatori dal diritto di partecipare
    all’assemblea dei soci degli ATC; l’applicazione di nuove, ulteriori ed inaccettabili
    restrizioni all’esercizio dell'attività venatoria, l'on. Sergio Berlato non ha esitato a
    definire la proposta di Nuovo Piano Faunistico Venatorio come immonda ed
    irricevibile, invitando la Giunta regionale a ritirarla ed a spendere meglio i 183.000
    euro sottratti ai cacciatori del Veneto per pagare alcuni consulenti di fiducia
    dell'assessore Stival che hanno predisposto una proposta che, oltre a non piacere a
    nessun cacciatore, corre il rischio di compromettere la corretta gestione del
    patrimonio faunistico in Veneto.
    L'invito dell'on. Sergio Berlato alla Regione di ritirare la proposta di PFVR è stato
    sottolineato da un forte boato di approvazione da parte delle migliaia di cacciatori
    presenti all'evento.
    A seguito dell'intervento dell'on. Sergio Berlato, ha preso la parola il vice presidente
    nazionale di Enalcaccia, prof. Pietro Saldan, il quale ha tenuto una articolata ma
    interessantissima relazione su come molti comitati direttivi degli ATC e Comprensori
    Alpini usano in modo non sempre trasparente i soldi versati dai cacciatori.
    Oltre all'esame ed all'illustrazione dei contenuti della proposta della Giunta regionale
    di nuovo PFVR, i relatori hanno chiesto a gran voce che la Regione del Veneto
    applichi correttamente il regime di deroga esplicitamente previsto dalla Direttiva
    2009/147/CE, cosi come ribadito dall'art. 26 della Comunitaria 2013 recentemente
    approvata dal Parlamento italiano.
    E' stato chiesto altresì che si proceda celermente alla semplificazione delle normative
    in materia di appostamenti ad uso venatorio, dal momento che la Regione, nonostante
    l'approvazione di ben tre leggi regionali e tre delibere di Giunta, non è ancora riuscita
    a trovare adeguata soluzione a questo fastidiosissimo ed onerosissimo problema.
    I rappresentanti delle forze politiche presenti, sia di maggioranza che di opposizione,
    hanno dichiarato pubblicamente di essersi convinti della bontà delle richieste
    avanzate dagli organizzatori della manifestazione, condividendo e facendo proprie le
    preoccupazioni espresse dai numerosissimi cacciatori presenti e dai loro
    rappresentanti.
    Per questo motivo hanno assicurato il loro impegno per impedire l'approvazione della
    proposta della Giunta regionale di nuovo Piano Faunistico Venatorio Regionale, per
    restituire ai cacciatori il diritto di cacciare in deroga nel rispetto delle Direttive
    comunitarie e nazionali e per trovare definitiva soluzione al problema degli
    appostamenti ad uso venatorio.
    Ufficio stampa
    Associazione Cacciatori

    Lascia un commento:


  • Alberto 69
    ha risposto
    Locandina Manifestazione

    http://www.associazionecacciatoriven.../Manifesto.pdf

    Lascia un commento:


  • samuele83
    ha risposto
    Se passa e' la fine..

    Lascia un commento:


  • palomas49
    ha risposto
    Originariamente inviato da Bekea Visualizza il messaggio
    Rudi speriamo che siano in tanti a leggerlo specialmente quelli che sono meno informati dai loro dirigenti venatori.E ricordiamoci che se viene approvato questo PFVR sarà la fine della caccia in Veneto per TUTTI indipendentemente dalla AV di appartenenza.
    l'ho letto tutto più volte,anche se sono del lazio,devo constatare che se passa siete alla fine!!già avete il super onorevole eurodeputato Zanoni...ma non credete tutta l'italia è messa cosi...mi sbaglierò,mi voglio sbagliare, ma se dico che entro 5 anni la caccia in italia chiude mi sbaglio?

    Lascia un commento:


  • Bekea
    ha risposto
    Rudi speriamo che siano in tanti a leggerlo specialmente quelli che sono meno informati dai loro dirigenti venatori.E ricordiamoci che se viene approvato questo PFVR sarà la fine della caccia in Veneto per TUTTI indipendentemente dalla AV di appartenenza.

    Lascia un commento:


  • Rudi4x4
    ha risposto
    Se volete leggervi un riassunto......


    NOTE SULLA PROPOSTA DI PIANO FAUNISTICO VENATORIO REGIONALE 2014/2019 PRESENTATO DALLA GIUNTA REGIONALE DEL VENETO

    Già nella premessa la proposta di PFVR 2014/2019 presentato dalla Giunta regionale palesa una serie di stridenti incongruenze:
    nella proposta di PFVR la Giunta afferma che “ è da sottolineare il forte coordinamento tra PFVR e Piani faunistico venatori provinciali, affermazione che potrebbe essere classificata come “falso ideologico” dal momento che molte amministrazioni provinciali hanno visto stravolgere le proprie proposte di pianificazione.
    La Giunta regionale, per giustificare lo stravolgimento delle proposte provinciali, si nasconde dietro al Protocollo d’intesa sottoscritto con le province che ha dato vita al DPI (Documento Preliminare di Indirizzo).
    Nella proposta di PFVR si continua poi con affermazioni di principio che lasciano presagire l’applicazione di concetti che, nella loro gravità, corrono il rischio di decimare i praticanti dell’attività venatoria in Veneto, quali “l’equità in termini di superfici per singolo cacciatore” e rispetto dei vincoli di sostenibilità (indici venatori).
    Foriera di nefasti presagi l’affermazione contenuta a pagina 8 che prevede - un utilizzo “evoluto” , per certi versi più coraggioso, di taluni istituti, quali ad esempio le aree di rispetto ed i fondi sottratti –
    Sempre a pagina 8 della proposta di PFVR si affronta il tema del “mancato coinvolgimento degli ATC nella delicata questione dei danni da fauna” , premessa inequivocabile a ciò che nel proseguo della proposta di PFVR sarà l’attribuzione agli ATC dell’onere di pagare i danni provocati dalla fauna selvatica. Se a questo sui aggiunge la mancata definizione dell’attribuzione della personalità giuridica dell’ATC se ne deduce che i componenti dei Comitati direttivi degli ATC potranno essere chiamati in solido a rispondere del mancato risarcimento dei danni provocati dalla fauna selvatica o alle colture agricole o al patrimonio boschivo.
    In compenso agli ATC, per pagare i danni provocati dalla fauna selvatica, viene data la possibilità di aumentare, a carico dei cacciatori, fino a sei volte la quota di accesso agli ATC.
    Si affronta anche il tema del’”ingessamento voluto a carico delle aree di rispetto (art. 21, comma 13, della l.r. 50/1993), lasciando trasparire il più volte respinto tentativo di utilizzare questi istituti, concepiti come possibilità di creare delle “aree cuscinetto” attorno agli istituti di protezione, trasformandoli in veri e propri sistemi di aggiramento delle normative vigenti per abbassare la percentuale di territorio cacciabile sul quale calcolare la residua densità venatoria.
    Non merita commento il riferimento ai “ criteri già espressi nella Conferenza i Rio de Janeiro nel 1992 “ per giustificare azioni che, se approvate dal Consiglio regionale del Veneto, protrebbero produrre effetti nefasti non solo sui praticanti l’attività venatoria ma anche sull’intero sistema di gestione del patrimonio faunistico.
    Non meno foriero di problematiche per il mondo venatorio del Veneto il principio affrontato a pagina 9 della proposta di PFVR quanto si esplicita la necessità di “una riduzione dei contingenti di selvaggina immessi sul territorio provenienti da allevamento e comunque dall’estero, principio che se in linea astrattamente di principio può trovare una cera condivisione, confligge apertamente con il modo in cui questo principio vuole essere concretamente attuato dalla Giunta regionale.
    Meritevole di nota l’intendimento da parte della Giunta regionale di “salvaguardare il naturale ritorno dei grandi carnivori sulle Alpi”.
    Tralasciando le altre amenità inserite nella proposta di PFVR da parte della Giunta regionale, a pagina 13 ci troviamo di fronte ad un altro passaggio che potrebbe configurarsi come falso ideologico, dove, per giustificare le proprie scelte, la Giunta regionale afferma che le proposte approvate dalla Provincia di Padova “è risultata tuttavia non condivisa dalla quasi totalità delle associazioni venatorie”.
    Pericolosissimo il tentativo da parte della Giunta regionale di imporre nuovi divieti all’attività venatoria inserendo subdolamente nuovi valichi montani interessati dalle rotte di migrazione dell’avifauna.
    Forse non avendo il coraggio di classificare direttamente come valichi montani alcune aree del territorio veneto, la Giunta regionale prevede di applicare divieti di caccia nei valichi “qualora dalle attività di monitoraggio dei valichi emergessero dati di transito osservato pari o superiore a 800-1000 uccelli giorno e/o a 20.000 uccelli /10 giorni.
    A qualsiasi persona dotata di un minimo di conoscenza tecnico scientifica risulta evidente che un transito simile di uccelli migratori si registra in prossimità di qualsiasi area collinare o montana e non solo in corrispondenza dei principali valichi montani.
    Si registra a pagina 20 della proposta di PFVR il tentativo di estendere l’area di divieto della caccia in prossimità dell’area demaniale del Cansiglio, forse per estendere l’area di protezione dei “bambi”.
    Si registra poi il tentativo di scorporare l’area dell’oasi centro lago di Garda dal computo della percentuale delle aree protette approvate nei precedenti PFVR , scelta che, se approvata dal Consiglio regionale , comporterebbe una ulteriore individuazione di aree sottratte all’attività venatoria per compensare la zona già individuata come oasi nel Lago di Garda.
    A pagina 27 della proposta di PFVR emerge poi un altro tentativo paradossale di espropriare i soci degli ATC del diritto di esprimere la loro opinione e di partecipare alla vita democratica dell’ATC.
    In effetti la Giunta regionale prevede “la possibilità, per l’assemblea dei soci, di dare vita ad un’assemblea di rappresentanti dei soci all’uopo designati ed eletti”.
    Da notare che questi rappresentanti dei soci sono nominati, come prevede la proposta di PFVR a pagina 28, in questo modo.” Entro 30 giorni dall’entrata in vigore del PFVR 2014/2019 la Giunta regionale definisce i criteri e le modalità di designazione ed elezione dei rappresentanti dei soci nonché le modalità di insediamento e funzionamento dell’assemblea dei rappresentanti”.
    Una delega in bianco decisamente inaccettabile!!!
    La Giunta regionale, sempre a pagina 27 della propria proposta di PFVR, si contraddice clamorosamente nel giro di poche righe, affermando dapprima che “si è registrata una conflittualità legata ai criteri di valutazione della rappresentatività delle associazioni venatorie, criteri che hanno penalizzato le componenti a ridotta rappresentanza a livello regionale ma significativamente presenti in alcuni contesti territoriali” proponendo di inserire il criterio di “selezione delle associazioni venatorie, ai fini della nomina dei componenti del Comitato direttivo, in base alla rappresentatività misurata a livello provinciale” per poi proporre di estromettere dal diritto di essere rappresentate nei comitati direttivi degli ATC e CA , associazioni riconosciute a livello regionale che hanno una elevata rappresentatività in tutte le province del Veneto.
    Degno di nota negativa il tentativo da parte della Giunta regionale di politicizzare ulteriormente i comitati degli ATC attraverso l’inserimento (contro legge) di un rappresentante della Regione in ogni comitato direttivo.
    Va sottolineato che nella proposta di PFVR da parte della Giunta regionale si evidenzia che, dall’entrata in vigore del nuovo PFVR tutte le domande di ammissione agli ATC saranno “assimilabili a tutti gli effetti a domande di nuova iscrizione”.
    A pagina 36 la Giunta regionale tenta di superare i parametri imposti dalle normative vigenti per il calcolo dell’indice di densità venatoria e le stesse modalità di accesso agli ATC.
    Appare del tutto evidente che le nuove modalità che la Giunta regionale intenderebbe imporre contro legge non sono altro che il tentativo di legalizzare la volontà di alcuni dirigenti venatori di ridurre drasticamente la possibilità di accesso agli ATC da parte dei cacciatori.
    Degno di nota poi il tentativo di affidare al presidente dell’ATC il diritto di rilasciare permesso d’ospite in base alla sua completa discrezionalità, affidandogli di fatto un strumento dalle prevedibili conseguenze clientelari.
    A pagina 44 e 45 della proposta di nuovo PFVR non si capisce quali siano le motivazioni che spingono la Giunta regionale a proporre l’ulteriore riduzione della possibilità di cacciare in TLV (Territorio Lagunare e Vallivo) con restrizioni che non trovano giustificazione né sotto il profilo delle normative vigenti e nemmeno dal punto di vista tecnico scientifico.
    Stesse valutazioni vanno fatte per il territorio deltizio della provincia di Rovigo.
    Incongruente poi l’affermazione della Giunta che dapprima prende ad esempio le AFV vallive per la loro grande valenza faunistica, frutto di un’oculata gestione, per poi voler determinare ulteriori limitazioni e restrizioni all’esercizio dell’attività venatoria oltre a quelle già previste dalle normative vigenti.
    Estremamente pericolosa per i praticanti l’attività venatoria quanto previsto dalla proposta di PFVR da parte della Giunta regionale che, oltre a prevedere la conferma degli attuali ATC, prevede la creazione al loro interno di una serie di scatole cinesi quali i “distretti venatori” e le ACS ( Aree a Caccia Specifica) , invenzioni che non possono che comportare inevitabilmente che a nuove restrizioni e penalizzazioni per le diverse forme di caccia praticate.
    Va segnalato a pagina 57 della proposta di PFVR anche il divieto di immissione di selvaggina effettuato dal parte dei privati e da parte delle associazioni venatorie, così come il divieto di immissione di selvaggina al di sopra degli 800 s.l.m..
    Con tutta la problematica tutt’ora irrisolta relativa alla questione “appostamenti ad uso venatorio”, la Giunta regionale liquida l’argomento con 8 (otto) righe, eludendo la questione e lasciando i cacciatori in balìa dei soggetti che sono chiamati ad applicare, secondo la loro interpretazione, le confuse normative vigenti.
    Capitolo a parte per le Zone Addestramento Cani con sparo previste a pagina 71 della proposta di PFVR da parte della Giunta regionale che impone “l’obbligo della recinzione delle ZAC e del recupero della selvaggina lanciata al termine della sessione di allenamento/addestramento”.
    A pagina 72, 73, 74 e 75 risulta singolare la previsione del risarcimento danni da parte degli ATC e dei Comprensori Alpini dei danni effettuati dalla fauna selvatica.
    Singolare anche il corposo tentativo da parte della Giunta regionale di modificare le normative vigenti a livello regionale e di eludere le normative vigenti a livello nazionale per attuare i propri discutibili intendimenti.
    Osservazione di carattere generale:
    Il Piano Faunistico Venatorio Regionale, in quanto strumento di indirizzo, dovrebbe limitarsi a fornire indirizzi invece assume la veste di un regolamento minuzioso, con norme di dettaglio, talora non condivisibili o impraticabili.
    Basti pensare che la proposta di PFVR della Giunta regionale stabilisce addirittura il limite di calibro non inferiore ai 6mm nei prelievi di selezione, nonostante la legge statale 157/92 ammetta come mezzi di caccia tutti i calibri rigati purché non inferiori al 5,6 con bossolo a vuoto di 40mm.
    La proposta di PFVR presentata dalla Giunta regionale, prevede anche che il prelievo selettivo possa essere effettuato solo dall’altana, nonostante in pianura esistano poste naturali che possono garantire la stessa sicurezza dell''altana.
    Basti pensare poi che la stessa proposta prevede che, durante l''attività di cerca e quindi nello spostamento alla ricerca degli animali, l''arma dovrà essere conservata scarica e in custodia e che l''estrazione della stessa dovrà avvenire solamente nel posto scelto per l''eventuale abbattimento.
    Nel riservarci di effettuare un’analisi più approfondita anche di altre parti della proposta di PFVR presentata dalla Giunta regionale del Veneto, ci limitiamo a dichiarare la più completa avversione da parte dell’Associazione Cacciatori Veneti – CONFAVI a questa proposta di Piano Faunistico Venatorio Regionale, preannunciando ogni utile iniziativa per sensibilizzare i cacciatori del Veneto affinchè si uniscano nel rigettare una proposta che, nonostante le consulenze utilizzate dalla Giunta regionale, si è rivelata una proposta decisamente inaccettabile.
    Segreteria regionale
    Associazione Cacciatori Veneti-CONFAVI

    Lascia un commento:


  • TheTozz86
    ha risposto
    Presente anch'io! Doverosa la partecipazione data la situazione…
    Se il piano faunistico passasse così com'è con le relative conseguenze quanti di quelli rimasti a casa poi diranno "Azz… Forse era il caso di andare a fare un giro un paio d'ore…"??? Ma la macchina del tempo purtroppo non esiste…

    Lascia un commento:


  • gianni6
    ha risposto
    Originariamente inviato da magasso111 Visualizza il messaggio
    la presenza di più o meno cacciatori a queste manifestazioni ... non conta nulla intanto quello che vogliono fare lo faranno lo stesso
    non credere sia proprio cosi i politici guardano a queste cose perchè alla fine siamo voti tanti cacciatori tanti voti pochi cacciatori pochi voti
    io il 25 ci sono andarci non mi costa niente se porta qualche risultato ci guadagno tanto

    Lascia un commento:


  • magasso111
    ha risposto
    la presenza di più o meno cacciatori a queste manifestazioni ... non conta nulla intanto quello che vogliono fare lo faranno lo stesso

    Lascia un commento:


  • Bekea
    ha risposto
    X capriolo : mi dispiace per la tua ignoranza ( non conoscenza dell'argomento ) ma le cose sono differenti. Il piano faunistico venatorio, se approvato come proposto, non ti farà più andare a caccia come fai adesso o per sempre. Quindi informati e non scrivere le solite cose sulla politica, qui si discuterà del futuro della caccia in Veneto per i prossimi 5 anni. Non ti costa tanto sacrificio venire a Vicenza e sentire di cosa si parla sulla sorte della caccia in Veneto, ti aspetto.

    Lascia un commento:


  • capriolo.maschio
    ha risposto
    Si avvicina il voto per il parlamento europeo e tutti i parlamentari vogliono essere rieletti politicanti del c.....o parole,parole,parole e niente altro.

    Lascia un commento:


  • gianni6
    ha risposto
    gente lo so che i ne ga menà pal culo diverse volte ma sa molemo stavolta la ze finia la politica la me fa schifo anca a mi pero purtroppo sono loro che prendono le decisioni bisogna andare a vicenza in tanti magari anca de più per provare a farghe cambiare idea se no ciao se pica el s'ciopo al ciodo se lo scriveva zanoni un piano faunistico el fazeva manco danni

    Lascia un commento:


  • xebo
    ha risposto
    Originariamente inviato da Tilo86 Visualizza il messaggio
    Io ci sarò, il più grande male del mondo venatorio è la disinformazione che in molti casi diventa malainformazione.
    Hai ragione..ma sono ancor più convinto che il male della caccia sia la politica..leggi fatte da gente che di caccia e territorio nn capisce niente..

    Lascia un commento:

Pubblicita STANDARD

Comprimi

Ultimi post

Comprimi

Unconfigured Ad Widget

Comprimi
Sto operando...
X