annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Campania : Incostituzionalità per la legge regionale 26, oggi modificata

Comprimi
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Campania : Incostituzionalità per la legge regionale 26, oggi modificata

    Martedì 17/12/2013



    Con sentenza depositata lo scorso 13 dicembre, la Corte Costituzionale ha dichiarato la parziale illegittimità della Legge regionale sulla caccia 26 del 9 agosto 2012 censurando alcuni contenuti che la Regione aveva già corretto con le modifiche apportate alla legge il 6 settembre 2013. Di seguito le censure della Corte:

    1) l’art. 5, comma 13 nella parte in cui non prevedeva che l’autorizzazione per l’impianto di appostamento fisso potesse essere richiesta da coloro che ne erano in possesso nell’annata venatoria 1989-1990 e, solo nel caso in cui si fosse verificata una capienza, dagli ultrasessantenni.

    2) dell’art. 9, comma 1, lettera a), della medesima legge regionale, nella parte in cui non prevedeva che laquota di territorio agro-silvo-pastorale regionale destinata a protezione della fauna selvatica dovesse essere non inferiore al venti per cento del totale;

    3) dell’art. 9, comma 1, lettera c) limitatamente alle parole «ivi comprese le aree contigue dei parchi nazionali e regionali» (che onsentiva di destinare anche le aree contigue dei parchi nazionali e regionali a forme di gestione programmata della caccia);

    4) dell’art. 10, comma 5, nella parte in cui prevedeva che la Giunta regionale individuasse nel piano faunistico da essa proposto al Consiglio regionale anche l’indice minimo di densità venatoria regionale;

    5) dell’art. 16, comma 5 nella parte in cui non prevedeva che la Giunta regionale potesse autorizzare piani di abbattimento di animali inselvatichiti di specie domestiche solo previa verifica dell’inefficacia di metodi ecologici di controllo selettivo, su parere dell’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (ISPRA);

    6) dell’art. 24, comma 5 che consentiva l’addestramento dei cani da ferma, da cerca e da seguita, nei territori ove non sussista il divieto di caccia e non vi siano colture in atto, per quarantacinque giorni nei due mesi precedenti il mese di apertura della caccia, ad esclusione del martedì e venerdì.

    7) dell’art. 25, comma 1, lettera l) nella parte in cui vietava di cacciare nelle zone boschive colpite in tutto o in parte da incendio per i dodici mesi, anziché per i dieci anni successivi all’incendio;

    8) dell’art. 36, comma 2 nella parte in cui consentiva ad ogni cacciatore iscritto in un ambito territoriale di caccia (ATC) della Regione Campania l’esercizio venatorio su avifauna migratoria in tutto il territorio agro-silvo-pastorale;

    Infine la Corte ha dichiarato non fondata la questione di legittimità costituzionale dell’art. 20 "mezzi per l’esercizio dell’attività venatoria", portato in giudizio perchè non prevedeva che il cacciatore dovesse recuperare i bossoli delle cartucce, conformemente a quanto stabilito dall’art. 13, comma 3, della legge n. 157 del 1992. L’art. 20, tuttavia, dice la Corte, richiama espressamente il menzionato art. 13 per la definizione dei mezzi per l’esercizio dell’attività venatoria; inoltre, l’art. 42, comma 5, della medesima legge reg. n. 26 del 2012, stabilisce che «Per tutto quanto non previsto nella presente legge si applicano le norme contenute nella legge 157/1992».




    File allegati
    CHI AMA LA CACCIA VIVE LA NATURA sigpic

  • #2
    Quindi ora che succede?

    COMMENTA


    • #3
      Questa discussione aperta più di una settimana fa non sta trovando molto interesse negli utenti...Direi che questa discussione è emblematica perché quando è aperta la caccia molti si disinteressano della "politica" venatoria salvo poi "sbraitare" in estate quando leggono il proprio calendario venatorio....Prima di intervenire ero curioso di osservare quanti cacciatori avrebbero chiesto spiegazioni in merito....solo uno!
      Questa sentenza (insieme a quella della Corte Costituzionale in merito alla Regione Abruzzo), al punto 8) postato da Alberto, segna una svolta (in negativo) per quelle Regioni come la mia (Puglia) dove ogni cacciatore iscritto ad un' ATC poteva esercitare l'attività venatoria alla migratoria in tutta la Regione. Dal prossimo anno prevedo che le due sentenze della Corte Costituzionale porteranno delle modifiche che non saranno sicuramente positive...E dall'esame della sentenza non penso si possa fare moltissimo per evitare che ciò accada...Non voglio assolutamente essere disfattista o pessimista però purtroppo il punto 8) non lascia molto spazio a interpretazioni ottimistiche.
      CIAO MAURE’!!! TI VOGLIO BENE!!!!

      Avv. Luca Cecinati

      "Sono un uomo che preferisce perdere piuttosto che vincere con modi sleali e spietati. Grave colpa da parte mia! E il bello è che ho la sfacciataggine di difendere tale colpa, di considerarla quasi una virtù" Pier Paolo Pasolini

      COMMENTA


      • #4
        art 9: perché mai la parte di territorio destinato alla protezione dovrebbe essere inferiore al 20% ?
        art 16 : vorrete mica abbattere cani e gatti così da finire sul giornale prestando il fianco alle ass animaliste ? lasciate che questo lavoro lo faccia la forestale.
        art 25 : in tutta Italia il limite e 10 anni che io porterei a 100 eliminando anche la partecipazione agli spegnimenti dei volontari.
        art 20 : perché non dovreste raccogliere i bossoli sparati ?
        art 36 : mai potuto andare a caccia in altro atc ( che qui si chiama diversamente) se non invitato .

        ciao
        L' Alpinismo è salire per la via più facile alla vetta, tutto il resto è acrobazia*

        COMMENTA


        • #5
          Sicuramente i verdastri faranno tesoro di questa sentenza, chissa' la prossima stagione venatoria che sorprese ci riservera', poveri noi.

          COMMENTA


          • #6
            Originariamente inviato da darkmax Visualizza il messaggio
            art 9: perché mai la parte di territorio destinato alla protezione dovrebbe essere inferiore al 20% ?
            art 16 : vorrete mica abbattere cani e gatti così da finire sul giornale prestando il fianco alle ass animaliste ? lasciate che questo lavoro lo faccia la forestale.
            art 25 : in tutta Italia il limite e 10 anni che io porterei a 100 eliminando anche la partecipazione agli spegnimenti dei volontari.
            art 20 : perché non dovreste raccogliere i bossoli sparati ?
            art 36 : mai potuto andare a caccia in altro atc ( che qui si chiama diversamente) se non invitato .

            ciao
            Infatti se leggi bene ciò che ho scritto la questione riguarda alcune Regioni d'Italia dove è consentito cacciare la migratoria in tutta la Regione ed è su questo punto che pongo l'attenzione. Ti invito pertanto a rileggerti il mio messaggio.
            Grazie.
            CIAO MAURE’!!! TI VOGLIO BENE!!!!

            Avv. Luca Cecinati

            "Sono un uomo che preferisce perdere piuttosto che vincere con modi sleali e spietati. Grave colpa da parte mia! E il bello è che ho la sfacciataggine di difendere tale colpa, di considerarla quasi una virtù" Pier Paolo Pasolini

            COMMENTA


            • #7
              non volevo far polemica ....
              ogni regione ha i suoi problemi che difficilmente verranno risolti senza un azione comune.
              una legge per tutti ! a parer mio ovviamente
              saluti
              L' Alpinismo è salire per la via più facile alla vetta, tutto il resto è acrobazia*

              COMMENTA


              • #8
                Originariamente inviato da darkmax Visualizza il messaggio
                non volevo far polemica ....
                ogni regione ha i suoi problemi che difficilmente verranno risolti senza un azione comune.
                una legge per tutti ! a parer mio ovviamente
                saluti
                Se scorgi un tono polemico nel mio messaggio non era assolutamente mia intenzione. Detto ciò condivido quanto da te detto nel messaggio. L'azione comune è ciò che serve.
                CIAO MAURE’!!! TI VOGLIO BENE!!!!

                Avv. Luca Cecinati

                "Sono un uomo che preferisce perdere piuttosto che vincere con modi sleali e spietati. Grave colpa da parte mia! E il bello è che ho la sfacciataggine di difendere tale colpa, di considerarla quasi una virtù" Pier Paolo Pasolini

                COMMENTA


                • #9
                  Scusa Luca noi in E.Romagna abbiamo una legge Regionale che lo prevede, un pacchetto di 15 giornate da svolgere nei vari A.T.C. dei comuni della Regione, previa teleprenotazione, che e' sicuramente molto semplice e pratica......con questa sentenza dobbiamo anche noi temere.....domanda..?....ciao e grazie..un abbraccio Davide....
                  ...meglio far credere di essere stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio...

                  COMMENTA


                  • #10
                    Nelle Marche l'accesso agli ATC diversi da quello di residenza in Regione, per la caccia alla migratoria, avviene previo richiesta assolta barrando delle caselle contestualmente al versamento della quota di accesso al proprio ATC. Pertanto in qualche modo c'è una richiesta e una tacita accettazione da parte degli ATC sulla base di regolamenti concordati. Nessuno ha mai obbiettato nulla.
                    Caccia libera in territorio libero!

                    COMMENTA


                    • #11
                      Originariamente inviato da ferretti davide Visualizza il messaggio
                      Scusa Luca noi in E.Romagna abbiamo una legge Regionale che lo prevede, un pacchetto di 15 giornate da svolgere nei vari A.T.C. dei comuni della Regione, previa teleprenotazione, che e' sicuramente molto semplice e pratica......con questa sentenza dobbiamo anche noi temere.....domanda..?....ciao e grazie..un abbraccio Davide....
                      Caro Davide prima di tutto tanti carissimi auguri con immensa stima ed affetto!
                      Francamente le ripercussioni di questa sentenza è difficile prevederli e quindi mi risulta molto difficile rispondere alla tua domanda. Noi pugliesi ad esempio con il pagamento dell'atc di appartenenza possiamo cacciare la migratoria in tutta la Regione. Quindi noi rischiamo molto così come rischiano molto quelle Regioni che hanno una disciplina identica a quella pugliese in merito alla migratoria. Caro Davide bisognerà vedere cosa accadrà il prossimo anno perché sicuramente ho il sentore che i nostri nemici ci daranno filo da torcere....
                      Un abbraccio grande anche a te!
                      CIAO MAURE’!!! TI VOGLIO BENE!!!!

                      Avv. Luca Cecinati

                      "Sono un uomo che preferisce perdere piuttosto che vincere con modi sleali e spietati. Grave colpa da parte mia! E il bello è che ho la sfacciataggine di difendere tale colpa, di considerarla quasi una virtù" Pier Paolo Pasolini

                      COMMENTA


                      • #12
                        Originariamente inviato da avvocatocb Visualizza il messaggio
                        Caro Davide prima di tutto tanti carissimi auguri con immensa stima ed affetto!
                        Francamente le ripercussioni di questa sentenza è difficile prevederli e quindi mi risulta molto difficile rispondere alla tua domanda. Noi pugliesi ad esempio con il pagamento dell'atc di appartenenza possiamo cacciare la migratoria in tutta la Regione. Quindi noi rischiamo molto così come rischiano molto quelle Regioni che hanno una disciplina identica a quella pugliese in merito alla migratoria. Caro Davide bisognerà vedere cosa accadrà il prossimo anno perché sicuramente ho il sentore che i nostri nemici ci daranno filo da torcere....
                        Un abbraccio grande anche a te!
                        Ciao Luca, sapevo di questa sentenza e ne temo molto le conseguenze, ma ciò che non mi è chiaro è l'incostituzionalità , non dovrebbe essere incostituzionale ciò che limita la libertà di circolazione sul territorio italiano e non ciò che la favorisce?
                        Sopra ogni cosa combatti l'ignoranza.

                        martino de michele

                        " La Caccia è affascinante ed emozionante ANCHE quando la selvaggina scarseggia....e tu, nonostante tutto, ti diverti lo stesso perchè sei a Caccia."
                        Un Cacciatore.

                        COMMENTA


                        • #13
                          Ivan Adinolfi
                          quando da tempo andavo dicendo, per la motivazione di seguito riportata, che i cacciatori residenti nel Cilento avevano poco da gioire per la momentanea riserva personale che gli era stata concessa, nessuno mi ascoltava e molti sghignazzavano....ora è sopraggiunto per voi il momento per piangere:

                          La lettera c) del medesimo art. 9, comma 1, nel ricomprendere le aree contigue
                          dei parchi nazionali e regionali nel territorio agro-silvo-pastorale regionale destinato a
                          forme di gestione programmata della caccia, confliggerebbe, a sua volta, con l’art. 32,
                          comma 3, della legge 6 dicembre 1991, n. 394 (Legge quadro sulle aree protette),
                          secondo il quale le Regioni, all’interno delle aree contigue, possono disciplinare
                          l’esercizio della caccia soltanto nella forma della caccia controllata, riservata ai residenti
                          dei comuni dell’area naturale protetta e dell’area contigua.

                          COMMENTA


                          • #14
                            cio che vuol dire scusate la mia ignoranza.

                            COMMENTA


                            • #15
                              Originariamente inviato da vincenzo2010 Visualizza il messaggio
                              cio che vuol dire scusate la mia ignoranza.

                              che la regione ora per forza deve applicare la sentenza della corte costituzionale quindi l'atc sa2 aree contigue deve sparire perchè illeggittimo(come da legge quadro sulle aree protette 394\91) e nelle stesse aree si deve fare solo caccia controllata(e non programmata come nel restante territorio campano)gestita però dall'ente parco più non si potranno fare ripopolamenti,quindi se per caso il presidente e anticaccia(e si presume) può anche aprire solo un mese la caccia e alle specie e tempi che dice lui....praticamente al massimo solo il cinghiale faranno sparare.....quindi adesso e finita la pacchia per i cilentani che si credevano di avere la riserva personale.....con il svi chiederemo alla regione l'applicazione immediata della norma!!!!


                              Art. 32 - Aree contigue

                              1. Le regioni, d'intesa con gli organismi di gestione delle aree naturali protette e con gli enti locali interessati, stabiliscono piani e programmi e le eventuali misure di disciplina della caccia, della pesca, delle attività estrattive e per la tutela dell'ambiente, relativi alle aree contigue alle aree protette, ove occorra intervenire per assicurare la conservazione dei valori delle aree protette stesse.
                              2. I confini delle aree contigue di cui al comma 1 sono determinati dalle regioni sul cui territorio si trova l'area naturale protetta, d'intesa con l'organismo di gestione dell'area protetta.
                              3. All'interno delle aree contigue le regioni possono disciplinare l'esercizio della caccia, in deroga al terzo comma dell'articolo 15 della legge 27 dicembre 1977, n. 968, soltanto nella forma della caccia controllata, riservata ai soli residenti dei comuni dell'area naturale protetta e dell'area contigua, gestita in base al secondo comma dello stesso articolo 15 della medesima legge.
                              4. L'organismo di gestione dell'area naturale protetta, per esigenze connesse alla conservazione del patrimonio faunistico dell'area stessa, può disporre, per particolari specie di animali, divieti riguardanti le modalità ed i tempi della caccia.
                              5. Qualora si tratti di aree contigue interregionali, ciascuna regione provvede per quanto di propria competenza per la parte relativa al proprio territorio, d'intesa con le altre regioni ai sensi degli articoli 8 e 66, ultimo comma, del decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1977, n. 616. L'intesa è promossa dalla regione nel cui territorio è situata la maggior parte dell'area naturale protetta.

                              COMMENTA

                              Chi ha letto questa discussione negli ultimi 10 giorni:

                              Video in Rilievo

                              Comprimi

                              Pubblicita STANDARD

                              Comprimi

                              Trending

                              Comprimi

                              Unconfigured Ad Widget

                              Comprimi

                              Tag nuvola

                              Comprimi

                              Ultimi post

                              Comprimi

                              Sto operando...
                              X