annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Calendari venatori legittimi per l'ue: Coinvolta la conferenza stato regioni

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (69%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Calendari venatori legittimi per l'ue: Coinvolta la conferenza stato regioni

    Venerdì 29/11/2013

    Face Italia e Arci Caccia scrivono ad Errani e Nardoni: fare certezza sulla stesura dei calendari venatori.



    Gianluca Dall’Olio nella veste di coordinatore di Face Italia (Anlc, Anuu, Enalcaccia e Fidc) e il presidente dell’Arci Caccia Osvaldo Veneziano hanno scritto a Vasco Errani, presidente della Conferenza Stato Regioni e a Fabrizio Nardoni, coordinatore della Commissione Politiche Agricole della Conferenza Stato Regioni per sottoporre all’attenzione dell’organismo istituzionale che rappresentano la questione dei calendari venatori italiani e dell’utilizzo della decade di sovrapposizione anche in riferimento alle posizioni assunte recentemente dalla Commissione Europea allorché il commissario Potocnik, rispondendo ad alcune interrogazioni dell’eurodeputato Andrea Zanoni, ha stabilito “dopo un esame di vari calendari venatori regionali italiani, che le stagioni di caccia instaurate ed i limiti di prelievo in atto per le specie di uccelli rispettano in pieno la Direttiva Uccelli”. Il commissario Potocnik peraltro ha sottolineato che le stagioni rispettano la direttiva anche grazie alla decade di sovrapposizione e che la Guida interpretativa nella sua interezza è lo strumento applicativo della Direttiva Uccelli.
    Per Face Italia e per Arci caccia si può dunque “concludere che le Regioni italiane possono stabilire calendari venatori (così come alcuni hanno già fatto) per le specie di uccelli selvatici in armonia con la legge 157/92, i Key Concepts e la Guida interpretativa, così come proposto puntualmente da Face Italia e Arcicaccia ed in questo modo rispettano completamente gli obblighi internazionali di tutela e di corretta gestione prescritti dalla Direttiva Uccelli”.
    Face Italia ed Arci Caccia hanno dichiarato la disponibilità “a un qualsiasi confronto su questa così come su altre questioni legate all’attualità venatoria che sono state fonte di ricorsi e problemi di varia natura alle pubbliche amministrazioni (danni da fauna selvatica, impiego di munizioni alternative al piombo, controllo delle specie aliene e opportuniste, per fare alcuni esempi), al fine di ristabilire al più presto, se fosse possibile, un clima di condivisa certezza nella stesura dei calendari venatori in armonia con gli indirizzi europei”.
    Ecco il testo integrale della lettera.
    Dott. Vasco Errani, Presidente Conferenza Stato Regioni
    Dott. Fabrizio Nardoni, Coordinatore della Commissione Politiche Agricole della Conferenza Stato Regioni
    ———————————————————
    Roma, 27 Novembre 2013
    Oggetto: posizione Unione Europea su calendari venatori italiani e utilizzo decade di sovrapposizione
    Come noto dall’anno 2010 la stesura dei calendari venatori in Italia è stata caratterizzata da un clima di incertezza dovuta ai continui ricorsi al Tar messi in atto da varie associazioni anticaccia. Ciò ha comportato forti problematiche per il normale e il legittimo svolgimento dell’attività venatoria da parte dei cacciatori italiani. Questi problemi sono sorti a seguito di nuove posizioni prese dall’ISPRA che proponevano riduzioni alla stagione e alle specie cacciabili più restrittive rispetto a quanto consentito dal documento europeo Ornis Key Concepts e della Guida alla disciplina della caccia europea (Guida interpretativa).
    Uno dei più importanti argomenti che l’Ispra non ha recepito nelle proprie posizioni è l’utilizzo della decade di sovrapposizione all’inizio della migrazione prenuziale o alla fine del periodo riproduttivo, nonostante questa decade di tolleranza sia esplicitamente prevista nella Guida interpretativa ai paragrafi 2.7.2 e 2.7.9. e sia inoltre utilizzata in moltissimi Stati membri dell’Unione Europea. Un altro aspetto riguarda l’utilizzo di dati regionali a supporto di scostamenti dal dato KC nazionale, come previsto dalla Guida Interpretativa al paragrafo 2.7.10.
    Il documento allegato chiarisce finalmente in modo definitivo queste questioni in una risposta scritta del Commissario europeo Potoĉnik, fornita a seguito di tre interrogazioni dell’Eurodeputato Andrea Zanoni sulla mancata rispondenza dei calendari venatori italiani alle direttive europee. Il Commissario Potoĉnik stabilisce, dopo un esame di vari calendari venatori regionali italiani, che le stagioni di caccia instaurate ed i limiti di prelievo in atto per le specie di uccelli rispettano in pieno la Direttiva Uccelli.
    Il Commissario Potoĉnik chiarisce che le stagioni rispettano la Direttiva anche grazie all’utilizzo della decade di sovrapposizione, legittimandone quindi l’uso da parte delle Regioni italiane a differenza di quanto invece sostiene l’ISPRA.
    Per il Commissario Europeo la Guida interpretativa nella sua interezza è lo strumento applicativo della Direttiva Uccelli, di conseguenza anche il paragrafo 2.7.10, applicato da varie regioni italiane, fra cui il Veneto, oggetto di una delle interrogazioni, risulta legittimo da parte delle regioni italiane. Si può quindi concludere che le Regioni italiane possono stabilire calendari venatori (così come alcuni hanno già fatto) per le specie di uccelli selvatici in armonia con la legge 157/92, i Key Concepts e la Guida interpretativa, così come proposto puntualmente da Face Italia e Arcicaccia ed in questo modo rispettano completamente gli obblighi internazionali di tutela e di corretta gestione prescritti dalla Direttiva Uccelli.
    Ci dichiariamo pertanto disponibili fin da ora a un qualsiasi confronto su questa così come su altre questioni legate all’attualità venatoria che sono state fonte di ricorsi e problemi di varia natura alle pubbliche amministrazioni (danni da fauna selvatica, impiego di munizioni alternative al piombo, controllo delle specie aliene e opportuniste, per fare alcuni esempi), al fine di ristabilire al più presto, se fosse possibile, un clima di condivisa certezza nella stesura dei calendari venatori in armonia con gli indirizzi europei.

    Per il Coordinamento di FACE Italia (Anlc, Anuu, Enalcaccia, Fidc) Gian Luca Dall’Olio


    Il Presidente Arcicaccia Osvaldo Veneziano


    letteraerrani


    fonte:arcicaccia.it
    CHI AMA LA CACCIA VIVE LA NATURA sigpic

Pubblicita STANDARD

Comprimi

Ultimi post

Comprimi

Unconfigured Ad Widget

Comprimi
Sto operando...
X