annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Veneto: Nuove disposizioni in materia di appostamenti

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (50%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Veneto: Nuove disposizioni in materia di appostamenti

    Caccia. giunta veneta approva disposizioni in materia di appostamenti
    Comunicato stampa N° 1987 del 28/10/2013



    La Giunta regionale del Veneto, su proposta dell’assessore alla caccia Daniele Stival, ha approvato nella sua seduta odierna le disposizioni in materia di appostamenti per la caccia e nello specifico gli indirizzi applicativi in materia di titoli edilizio e paesaggistico per la realizzazione di strutture adibite ad appostamento per l’esercizio della caccia, che si è inteso emanare a seguito della recente Legge Regionale numero 23 del 24 settembre scorso.
    “Era necessario intervenire – ha esordito Stival – e procedere alla definizione urgente di un intervento legislativo regionale in grado di fornire una cornice di riferimento il più possibile esaustiva in ordine alle incombenze autorizzative legate all’allestimento e alla permanenza in situ dei manufatti costituenti appostamento di caccia, sotto il duplice profilo edificatorio e paesaggistico. In questo modo abbiamo rimediato ad un sostanziale vuoto normativo che esponeva Istituzioni e privati cittadini ad una incertezza di diritto con pesanti conseguenze in termini di violazioni di legge con risvolti anche di natura penale”.
    Le strutture regolamentate sono le seguenti: strutture precarie/temporanee; strutture soggette ad apposita disciplina a seconda del tipo di caccia o della tipologia di appostamento che comprendono le strutture per la caccia da appostamento agli ungulati e ai colombacci, gli appostamenti di caccia in territorio a gestione programmata vallivo lagunare e le strutture per caccia da appostamento integralmente rimosse al termine della giornata venatoria (appostamenti giornalieri); strutture fisse (permanenti, ovvero non precarie); appostamenti che non costituiscono opera edilizia.

    Nelle seguenti tabelle si riassume il contenuto della disciplina in questione :

    TIPOLOGIA DI APPOSTAMENTO TITOLO EDILIZIO TITOLO PAESAGGISTICO
    Struttura per appostamento precaria/temporanea ai sensi dell’articolo 3 della L.R. 23/2013 Struttura rimossa entro 90 giorni dall’allestimento: comunicazione al Comune;
    Struttura rimossa oltre i 90 giorni dall’allestimento: DIA Autorizzazione paesaggistica: procedimento semplificato ai sensi dell’allegato 1, punto 39, del decreto del Presidente della Repubblica 9 luglio 2010, n. 139

    TIPOLOGIA DI APPOSTAMENTO TITOLO EDILIZIO TITOLO PAESAGGISTICO
    Struttura per la caccia da appostamento agli ungulati, purché in presenza dei requisiti di cui all’articolo 20 bis, comma 3, della L.R. 50/1993
    Comunicazione al Comune Non occorre l’autorizzazione paesaggistica
    I requisiti dettati dall’articolo 20 bis, comma 3, della L.R. 50/1993 prevedono che dette strutture siano realizzate interamente in legno, abbiano il piano di calpestio, ovvero di appoggio, posto al massimo a nove metri dal piano di campagna, abbiano l’altezza massima all’eventuale estradosso della copertura pari a dodici metri e abbiano una superficie del piano di calpestio o di appoggio non superiore ai tre metri quadrati, siano privi di allacciamenti e di opere di urbanizzazione e comunque non siano provvisti di attrezzature permanenti per il riscaldamento.

    TIPOLOGIA DI APPOSTAMENTO TITOLO EDILIZIO TITOLO PAESAGGISTICO
    Struttura per la caccia da appostamento ai colombacci
    Comunicazione al Comune purché in presenza dei requisiti di cui all’articolo 20 bis, comma 3bis, della L.R. 50/1993, che prevedono che le strutture siano correttamente mimetizzate e siano realizzate, secondo gli usi e le consuetudini locali, in legno e metallo, di altezza non superiore il limite frondoso degli alberi e che siano prive di allacciamenti e di opere di urbanizzazione e che comunque non siano provviste di attrezzature permanenti per il riscaldamento.
    Autorizzazione paesaggistica:

    1) procedimento semplificato ai sensi dell’allegato 1, punto 39, del decreto del Presidente della Repubblica 9 luglio 2010, n. 139 qualora la struttura abbia i requisiti di precarietà e temporaneità di cui ai punti 1 e 2 della lettera A) del presente allegato (Strutture precarie/ temporanee);

    2) procedura ordinaria qualora la struttura abbia carattere fisso; in tale caso si richiama quanto previsto alla lettera C) del presente allegato.

    TIPOLOGIA DI APPOSTAMENTO TITOLO EDILIZIO TITOLO PAESAGGISTICO
    Struttura per appostamento di caccia in territorio a gestione programmata vallivo lagunare Comunicazione al Comune competente Nessuna autorizzazione

    TIPOLOGIA DI APPOSTAMENTO TITOLO EDILIZIO TITOLO PAESAGGISTICO
    Struttura per appostamento rimossa giornalmente Nessuna autorizzazione né comunicazione Nessuna autorizzazione

    Appostamenti che non costituiscono opera edilizia
    Non costituiscono struttura/opera edilizia e pertanto non sono assoggettati alla disciplina vigente in materia edilizia e paesaggistica, quegli appostamenti approntati esclusivamente mediante l’assemblaggio di elementi vegetali naturali (rami, frasche, canne), senza l’impiego di alcun materiale costruttivo (metallo, mattone,ecc.) appoggiati e non ancorati al terreno e privi di qualsiasi basamento

    Strutture fisse.
    Le strutture per la caccia da appostamento che non rientrano né tra le strutture precarie/temporanee, né tra le strutture soggette ad apposita disciplina (ungulati, colombacci, appostamenti in territorio a caccia programmata lagunare vallivo, appostamenti giornalieri), né tra gli appostamenti che non costituiscono opera edilizia, si configurano quali interventi soggetti alle disposizioni vigenti in materia edilizia e, nel caso ricadano in aree tutelate dal Decreto Legislativo n.42/2004, alle disposizioni vigenti in materia paesaggistica.

    Regione Veneto - Home
    Il vero cacciatore ama gli animali a cui dà la caccia, forse anche perché li considera complici di questa passione in cui ritrova la sua origine esistenziale.
    Indro Montanelli


    Ciao Mauro,amico mio!

Pubblicita STANDARD

Comprimi

Ultimi post

Comprimi

Unconfigured Ad Widget

Comprimi
Sto operando...
X