annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Lazio, ricorso dalla Lav per impugnare il calendario venatorio

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (29%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Lazio, ricorso dalla Lav per impugnare il calendario venatorio

    16/09/2013

    Annuncio di Ceccarelli (Libera Caccia) in attesa della decisione del Tar prevista per mercoledì prossimo
    A rischio sospensione l’apertura della caccia nella regione Lazio. La Lav, Lega anti vivisezione, ha impugnato il calendario venatorio presentando ricorso al Tar, Tribunale amministrativo regionale del Lazio, che si pronuncerà mercoledì 18 settembre.
    Lo rende noto Massimo Ceccarelli, segretario nazionale della Libera caccia Anlc, che spiega: “Oggi si torna a caccia, ma attenzione, schiena dritta e occhi aperti, il bastone e la corota. Vige, infatti, sulla testa dei cacciatori di qualche regione la spada di damocle, e tra queste il Lazio. I nostri amici storici della Lav anti vivisezione hanno fatto ricorso al Tar per impugnare il calendario venatorio, chiedendo la posticipazione del prelievo all’1ottobre, cioè: apertura il primo ottobre, chiusura il 10 gennaio sui tordi, chiusura il 31 gennaio sulla beccaccia, più la chiusura dell’attività venatoria sulla Zps e Sic per la mancanza di valutazione d’incidenza”.
    Così, il calendario delle attività di caccia potrebbe essere modificato se il ricorso presentato dall’associazione animalista venisse accolto dal tribunale amministrativo regionale.
    “Forse non sanno – prosegue il segretario nazionale Anlc -, che la nostra regione è in proroga legislativa sul piano faunistico che sta in itinere.
    Contestano la decade di sovrapposizione, sostengono che i dati cambiano in base alla nuova legge.
    Il ricorso fa tutta una disquisizione sul disturbo, sul rischio di confusione, già tutto superato nel calendario e dalle precedenti sentenze.
    Chiedono anche la sospensione di 19 specie spek e il contingentamento dei carnieri relativo, già ottemperato dalla regione, sostenendo coerenza, motivazione e pretestuosa con abuso di potere”.


    Servizio integrale nel Corriere di Viterbo del 15 settembre
    a cura di Lia Saraca


    http://www.corriereviterbo.it
    CHI AMA LA CACCIA VIVE LA NATURA sigpic

Pubblicita STANDARD

Comprimi

Ultimi post

Comprimi

Unconfigured Ad Widget

Comprimi
Sto operando...
X