annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Zanoni: Lombardia deve fare passo indietro

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (69%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Spadino
    ha risposto
    Quest' Anno si svolgeranno le elezioni Europee.....basta solamente non votarlo e se ne andrà a cuccia come il suo ex capo.....sparito !!!

    Quindi amici, nelle circoscrizioni dove si presenterà, basterà ignorarlo, voi pensate a fare contropropaganda..

    Saluti

    Gianni

    Lascia un commento:


  • Diego
    ha risposto
    Esatto.
    Se decidono di mantenere il calendario in legge non devono pubblicare assolutamente nulla, visto che la legge è sempre in vigore dal 2004 e tale resterà finchè il Consiglio Regionale non provvederà ad aventuali modifiche o abrogazione.

    Lascia un commento:


  • Turdus
    ha risposto
    Correggimi se sbaglio: con la prima soluzione anche col ricorso alla corte costituzionale per quest'anno non dovrebbero esserci intoppi, con la seconda saremmo più esposti a sospensive del TAR. In qualsiasi caso penso che sia da emanare al + presto il C.V. per avere il tempo di rispondere ad eventuali ricorsi.

    Lascia un commento:


  • Diego
    ha risposto
    Originariamente inviato da Turdus Visualizza il messaggio
    Cioè di andare avanti come fatto gli anni passati?
    Esatto (anche se ciò vorrebbe dire ricorso certo alla Corte, quindi comunque sia sarebbe l'ultimo anno con il calendario in legge), anche se sia l'Avvocatura che i Funzionari del Settore stanno spingendo per adottare già da subito il calendario in delibera...staremo a vedere.

    Lascia un commento:


  • Turdus
    ha risposto
    Cioè di andare avanti come fatto gli anni passati?

    Lascia un commento:


  • Diego
    ha risposto
    Sicuramente Sandro...infatti pare che la "linea politica" sia quella.

    Lascia un commento:


  • IL TACCI
    ha risposto
    Diego in realtà è ormai appurato che la Corte Costituzionale, attraverso ripetute sentenze, ha sancito la necessità di emettere Calendari venatori regionali attraverso delibere amministrative...

    Ma nello specifico della tua Regione, in assenza di una sentenza che la riguarda, NON è assolutamente necessario che ciò avvenga...

    Per cui Maroni, se vuole, può strafregarsene di Zanoni, continuare con il calendario per legge regionale in attesa che qualcuno (non le Associazioni Ambientaliste) tiri in ballo la Corte Costituzionale.....e questa si pronunci..

    Ribadisco il...se vuole..

    Un saluto

    Sandro

    Lascia un commento:


  • prete
    ha risposto
    Per me il tizio ti legge qui sul forum Diego e in base a quello che scrivi e spieghi in maniera sempre dettagliata agisce di conseguenza...... va be dai a parte gli scherzi andiamo avanti, anzi se continuiamo cosi' sempre piu' indietro.........

    - - - Aggiornato - - -

    Originariamente inviato da solengo Visualizza il messaggio
    Ma quando una persona (Zanoni) non è capace di parlare d'altro e soprattutto di proporre cose nuove al di là della caccia, che è il suo chiodo fisso, vuol dire che non è in grado di proporre nulla, sicuramente ha un quoziente intellettivo molto basso per cui procede come un rullo compressore senza se e ma. Dobbiamo augurarci tutti, di qualsiasi schieramento politico facciamo parte, di mandarlo a casa alle prossime elezioni europee come del resto abbiamo mandato a casa il suo capo.
    Solo Dio,Solengo, puo' provvedere con certi personaggi................sono come l'erba gramegna ....................

    Lascia un commento:


  • solengo
    ha risposto
    Ma quando una persona (Zanoni) non è capace di parlare d'altro e soprattutto di proporre cose nuove al di là della caccia, che è il suo chiodo fisso, vuol dire che non è in grado di proporre nulla, sicuramente ha un quoziente intellettivo molto basso per cui procede come un rullo compressore senza se e ma. Dobbiamo augurarci tutti, di qualsiasi schieramento politico facciamo parte, di mandarlo a casa alle prossime elezioni europee come del resto abbiamo mandato a casa il suo capo.

    Lascia un commento:


  • albert
    ha risposto
    Originariamente inviato da Rudi4x4 Visualizza il messaggio
    Complimenti a Zanoni che non perde un colpo.....è come un avvoltoio cazzarola......
    be' . è molto facile fare politica cosi' . il difficile è fare le cose giuste e non riguardano caccia o altre cavolate varie .
    lavoro ? sociale ? sicurezza ? no no, *****, lo storno .... questa si che è una priorita'..........

    Lascia un commento:


  • Rudi4x4
    ha risposto
    Complimenti a Zanoni che non perde un colpo.....è come un avvoltoio cazzarola......

    Lascia un commento:


  • botahv79
    ha risposto
    e' un paio di anni che si sa oramai che i calendari fatti con legge non son costituzionali.

    Lascia un commento:


  • duel
    ha risposto
    Diego quando vuoi...tanto io so benissimo che ti sbagli raramente.....poverini se lo facciamo per legge il calendario non possono fare i loro ricorsetti al tar...e certo come fanno a far passare la giornata se no....no comment.......diego mai una volta che posti qualcosa di positivo...forse perchè non ce ne sono mai di post positivi?

    Lascia un commento:


  • Diego
    ha iniziato la discussione Zanoni: Lombardia deve fare passo indietro

    Zanoni: Lombardia deve fare passo indietro

    La Corte Costituzionale boccia il calendario venatorio della Toscana. Zanoni: «Ora anche la Lombardia deve fare un passo indietro»

    • Comunicato del 27 Maggio 2013


    Il 20 maggio 2013, la Corte Costituzionale ha dichiarato illegittimo il Calendario Venatorio della Toscana, perché approvato con Legge regionale e non con delibera amministrativa. L’eurodeputato Andrea Zanoni ha affermato: «Alla luce di quanto stabilito dalla Corte, il Presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, provveda immediatamente a predisporre il calendario venatorio della prossima stagione di caccia con atto amministrativo e ritiri quello in vigore».
    Il 20 maggio 2013, la Corte Costituzionale, presieduta dal giudice Franco Gallo, con sentenza numero 90/2013, ha decretato l’illegittimità della Legge Regionale della Toscana numero 20 del 2002, laddove prevede che il calendario venatorio sia approvato con legge di durata pluriennale piuttosto che con atto deliberativo annuale. In particolare, la Corte ha dichiarato illegittimo l’articolo 7 della Legge Regionale del 10 giugno 2002 numero 20 recante “Calendario venatorio e modifiche alla legge regionale 12 gennaio 1994, numero 3” (Recepimento della legge 11 febbraio 1992, n. 157 “Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio”). Il calendario venatorio, infatti, è stato approvato non con un provvedimento amministrativo, ma attraverso un atto avente forza di legge, sganciato dal riferimento ad un arco temporale proprio del provvedimento amministrativo annuale. Nel 2010, WWF, LIPU, ENPA, LAC, LAV, Legambiente e Animalisti Italiani presentarono un ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale (TAR) della Toscana contro il calendario venatorio della Provincia di Firenze. Il TAR, con ordinanza del 20 ottobre 2011 numero 267, ha sollevato la questione di illegittimità costituzionale, ritenendo fondata la richiesta delle Associazioni e ha sottoposto la norma regionale toscana a valutazione da parte della Corte Costituzionale. La Corte ha confermato che le Associazioni hanno ragione, sia su questo punto, sia su altri due punti: caccia agli ungulati su terreno innevato e per periodi diversi rispetto a quelli indicati dalla legge quadro e non necessità di utilizzo del tesserino venatorio nelle aziende agrituristico venatorie. Su questi due punti, la Regione Toscana ha già modificato le norme impugnate e dichiarate illegittime dalla Corte. Adesso, però, la Regione dovrà procedere anche alla modifica del Calendario venatorio da Legge in delibera annuale. L’eurodeputato Andrea Zanoni, vice Presidente dell’Intergruppo per il Benessere degli Animali al Parlamento europeo ha affermato: «Approvare un calendario venatorio con una legge anziché con un atto amministrativo agli occhi dei profani può sembrare differenza di poco conto. In realtà, è un aspetto importantissimo per la tutela della fauna selvatica. Il calendario con validità annuale permette di poter adeguare le scelte di gestione faunistica alle situazioni e, quindi, di poterle tempestivamente modificare per problemi che singole specie possono incontrare per vari motivi o per difficoltà della fauna dovute a situazioni climatiche. Ora, la Regione Toscana deve fare marcia indietro e correggere il madornale errore. Alla luce della sentenza della Corte Costituzionale, chiedo alla Lombardia e al Presidente Roberto Maroni di ritirare immediatamente il calendario venatorio approvato il 2 agosto 2004 con Legge regionale numero 17, quindi illegittimo. Va inoltre ricordato che, mentre un calendario venatorio approvato per legge risulta blindato, ovvero non può essere impugnato al TAR, se approvato con delibera può essere facilmente impugnato davanti ad un Tribunale amministrativo da una o più associazioni animaliste e/o ambientaliste». Ufficio Stampa On. Andrea Zanoni

    - - - Aggiornato - - -

    Aldo che ti dicevo? mi devi un giro

Pubblicita STANDARD

Comprimi

Ultimi post

Comprimi

Unconfigured Ad Widget

Comprimi
Sto operando...
X