annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

ATC MC 2 parte un progetto per il ripristino delle siepi

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (29%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • ATC MC 2 parte un progetto per il ripristino delle siepi

    Nelle campagne maceratesi, come nel resto dell’Italia, con la scomparsa della mezzadria ed il conseguente utilizzo di macchine agricole di dimensioni sempre più grandi, di fatto, ha comportato la scomparsa dalla campagna di tutte quelle siepi che dividevano le varie proprietà.
    Questo ha provocato conseguenze negative per tutta la piccola avifauna, sia dal punto di vista della nidificazione che da quello alimentare. Pertanto il Comitato di Gestione dell’ATC MC 2 anche quest’anno, in collaborazione con alcuni agricoltori ed i cacciatori ha acquistato numerose piante di alloro, biancospino, prugnolo, per ripristinarte, in zone vocate per la piccola fauna selvatica, delle siepi, che sicuramente verranno utilizzate in futuro per la nidificazione e come risorse trofiche specialmente nel periodo invernale.
    Il ripristino ambientale è una delle condizioni essenziali se rivogliamo avere sul nostro territorio fauna selvatica sia cacciabile che protetta; indispensabile il contributo di tutti: agricoltori, cacciatori, ambientalisti, uniti per ricreare le condizioni idonee alla sosta e alla nidificazione di tutta la piccola avifauna.
    Chiaramente l’ATC eroga dei contributi a tutti i proprietari e conduttori dei fondi che collaborano a questa iniziativa denominata “PROGETTO ALLORO“.
    Chiunque fosse interessato al progetto può telefonare all’ATC MC 2 tel. 0733/283106 per concordare le modalità di messa a dimora delle essenze arboree oggetto del progetto.
    Il Presidente ATC MC 2
    Pio Chiaramoni
    CHI AMA LA CACCIA VIVE LA NATURA sigpic

  • #2
    Sono da anni e anni che io dico questo,fino a 40 anni fa' questo delle siepi,usate anche come delimitazioni di confini era una tipicita' della nostra campagna,ma a tutt'ora continuano a fare scempi della natura,con massacri veri e propri di siepi, boschetti con ruspe enormi....insomma un ambiente creatosi in tanti anni distrutto in poche ore.......complimenti ai cacciatori e agli agricoltori del Maceratese,sperando che serva come insegnamento in futuro per tutta l'Italia.....ciao Davide....
    ...meglio far credere di essere stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio...

    COMMENTA


    • #3
      Quello della scomparsa delle siepi in Agricoltura è un fenomeno riconducibile a due grandi fattori:
      1-la scomparsa della mezzadria e dei piccoli fondi non più economici e produttivi,
      2-la necessità di eliminare le siepi per poter lavorare la terra con macchine agricole di certe dimensioni, che danno maggior produttività e minor lavoro.
      Questo ha comportato un grosso svantaggio per la piccola fauna selvatica che è rimasta vittima del progresso in Agricoltura.
      Onestamente non vedo come sia possibile tornare a 40-50 anni fa in tutta Italia, significherebbe rinnegare il progresso agricolo e i suoi benefici.
      Il discorso è analogo a quasi tutte le modifiche fatte in Agricoltura, per incentivare la produttività e il benessere umano, che difficilmente si conciliano con le esigenze di determinati tipi di animali selvatici.
      Saluti Franco

      COMMENTA


      • #4
        la vedo una cosa positiva,creare l'habitat per li animali e' sempre un fattore che favorisce la loro sosta e utile per la riproduzione..................................... ciao padelloni

        COMMENTA


        • #5
          una cosa molto positiva speriamo ci riescano sarebbe un ottimo inizio
          hasta la vittoria siempre

          COMMENTA


          • #6
            Pienamente d'accordo e interessantissimo agli esiti di questo progetto.Ciao.
            sigpicPESCACCIATORE PER SEMPRE

            COMMENTA


            • #7
              Speriamo bene pero' poi ai contadini gli si dovrebbe togliere i trattori e darlgi i buio con l' aratro . Demoliscono tutto se trovano una querci secolare nel campo a furia di passargli a raso la seccano spianano tutto a zero arrivano a ribaltarsi nei fossi per poter lavorare qualche metro in piu' che ******** sti contadini si ammazzano sui loro trattori , gli ambientalisti a volte hanno anche ragione
              NON PASSA LO STRANIERO......

              COMMENTA


              • #8
                Speriamo che progetti come questo servano da spunto anche al resto del Paese.
                Bravi maceratesi

                COMMENTA

                Pubblicita STANDARD

                Comprimi

                Ultimi post

                Comprimi

                Unconfigured Ad Widget

                Comprimi
                Sto operando...
                X