annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

tavolo caccia,ecco come stanno le cose

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (69%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 0 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (0) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • tavolo caccia,ecco come stanno le cose

    Tavolo delle regioni: come stanno esattamente le cose
    13/07/2011



    Cerchiamo di fare sintesi e chiarezza definitiva in merito alla posizione delle Associazioni venatorie aderenti al Coordinamento di FACE Italia (ANLC, ANUUMigratoristi, Enalcaccia e FIDC) rispetto alla questione calendari venatori affrontata al Tavolo delle Regioni coordinato dall’Assessore Dario Stefano. ANLC, ANUUMigratoristi, Enalcaccia e FIDC hanno portato al Tavolo delle Regioni un contributo serio, scientificamente e giuridicamente ineccepibile, considerando e rispettando pienamente i limiti attualmente posti dai dati scientifici di riferimento a livello comunitario per il nostro Paese (i famosi K.C. del documento Ornis) ed anche le disposizioni della Direttiva Uccelli e della sua Guida interpretativa, nonché le disposizioni della L. n. 157/92 per quanto attiene a ruoli e competenze dello Stato, delle Regioni e dell’ISPRA nell’emanazione dei calendari venatori. Si è inoltre ribadita la nostra totale contrarietà alle indicazioni ulteriormente ed inutilmente restrittive contenute nelle così dette “linee guida” fornite lo scorso anno dall’ISPRA (sulle quali a suo tempo fornimmo un preciso documento di analisi e controdeduzione) sottolineando innanzitutto che tali linee guida non risultano in alcun modo vincolanti per le Regioni che possono pubblicare i loro calendari venatori senza richiedere alcun parere preventivo a detto Istituto, fatta eccezione per i casi in cui si vogliano modificare i termini temporali stabiliti per il prelievo venatorio dal comma 1 dell’art. 18 della L. n. 157/92, anticipando l’apertura o posticipando la chiusura ad alcune specie nel rispetto dei K.C. di riferimento e di quanto stabilito dall’art. 18, comma 2 della stessa Legge n. 157/92 così come modificato dall’art. 42 della Legge Comunitaria 2009. Il documento che è stato “diramato” da Tavolo delle Regioni, oltre a non tener in alcun conto le nostre posizioni e proposte documentali, propone invece impostazioni penalizzanti e inutilmente restrittive, con date di apertura e chiusura per specie e modalità di esercizio venatorio che, ancora una volta, ribadiamo non essere state condivise da nessuna Associazione venatoria aderente a FACE Italia. Anzi, come da noi espressamente richiesto, il Tavolo delle Regioni prima di ufficializzare qualsiasi documento avrebbe dovuto sottoporlo all’attenzione di tutte le componenti rappresentate al Tavolo ed ottenerne la validazione con sottoscrizione dello stesso, cosa che non è mai avvenuta. Per noi, quindi, oggi valgono unicamente i contenuti delle nostre proposte documentali che sono state presentate al Tavolo, mentre nessun altro documento è da noi condiviso e riconosciuto. E per questo abbiamo invitato nuovamente l’Assessore Stefano a formalizzare pubblicamente il ritiro del documento circolato senza la nostra condivisione ed autorizzazione.

  • #2
    Re: tavolo caccia,ecco come stanno le cose

    E le ultime 2 righe le approvo al 100%...... .
    Ciao,Paolo.
    Arriverà il giorno in cui non riconoscerò un germano in volo........ecco,quello sarà l'ultimo giorno della mia vita.

    COMMENTA


    • #3
      Re: tavolo caccia,ecco come stanno le cose

      Nonostante le vostre ripetute richieste l'assessore Stefano non ha nessuna intenzione di ritirare il suo documento, e allora cosa decidiamo di fare?
      Saluti Franco

      COMMENTA


      • #4
        Re: tavolo caccia,ecco come stanno le cose

        Originariamente inviato da ggramoli
        Nonostante le vostre ripetute richieste l'assessore Stefano non ha nessuna intenzione di ritirare il suo documento, e allora cosa decidiamo di fare?
        Accettiamo consigli.......
        Ciao,Paolo.
        Arriverà il giorno in cui non riconoscerò un germano in volo........ecco,quello sarà l'ultimo giorno della mia vita.

        COMMENTA


        • #5
          Re: tavolo caccia,ecco come stanno le cose

          Mi sembra che quando si tratta di parlare, chiedere, protestare, ecc. siamo tutti pronti (le AAVV per prime) quando si tratta di agire tutti si danno a gambe.
          Saluti Franco

          COMMENTA


          • #6
            Re: tavolo caccia,ecco come stanno le cose

            Franco....non è così......per fortuna non è così.
            Molti nostri colleghi si danno da fare non poco per queste cose.......anche se è pur vero che molti facenti parte del "popolino" (cioè non responsabili di assoc. venat. di provincie e/o regioni) se ne sbattono altamente i cogl...ioni,ed in questo caso ti quoto.
            Ciao,Paolo.
            Arriverà il giorno in cui non riconoscerò un germano in volo........ecco,quello sarà l'ultimo giorno della mia vita.

            COMMENTA


            • #7
              Re: tavolo caccia,ecco come stanno le cose

              Originariamente inviato da ggramoli
              Mi sembra che quando si tratta di parlare, chiedere, protestare, ecc. siamo tutti pronti (le AAVV per prime) quando si tratta di agire tutti si danno a gambe.

              vediamo di metterci d'accordo,se non fanno niente ci lamentiamo,se provano a fare qualcosa non va bene ugualmente.a me sembra che in questo contesto le AAVV di FACE stanno lavorando e anche bene.

              COMMENTA


              • #8
                Re: tavolo caccia,ecco come stanno le cose

                Ottimo comunicato, qualche fratello veneto dovrebbe farlo leggere molto attentamente a Stival
                Più buio che a mezzanotte non viene

                COMMENTA


                • #9
                  Re: tavolo caccia,ecco come stanno le cose

                  Comunque gia' che si parli di tavolo e' un buon inizio se pensiamo che l'assessore Valentini della regione lazio degli anni passati faceva dei comunicati stampa nei quali dichiarava che i calendari venatori erano stati emanati di concerto con le associazioni venatorie mentre invece le AAVV si ritenevano molto insoddisfatte.Questo a riprova che la caccia deve rimanere lontano dalla falsa politica, solo l'indipendenza puo'unire i cacciatori

                  COMMENTA

                  Pubblicita STANDARD

                  Comprimi

                  Ultimi post

                  Comprimi

                  Unconfigured Ad Widget

                  Comprimi
                  Sto operando...
                  X