annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Assicurazione

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (44%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Assicurazione

    Salve a tutti se uno vuole fare un assicurazione per i cavoli suoi senza passare per le ass. Ven. Quanto verrebbe piu' o meno un assicurazione silver?
    Ringrazio chi puo' aiutarmi.
    saluti Enrico

  • #2
    Ci sono di tutti i prezzi. Dipende dall'assicurazione.
    So che alcuni fanno la base con AXA e pagano circa 30 euro l'anno.
    Se fai il cinghiale ti consiglio coperture maggiori o specifiche.
    ENRICO1976 piace questo post.
    Tullio

    COMMENTA


    • #3
      Controllate bene i massimali prima di fare c@zzate.....con 30 euro devi sperare di non fare mai male a nessuno sennò son c@zzi....
      SPARTANO e riccà piace questo post.
      Ottobre è.....

      COMMENTA


      • #4
        attenzione con 30 euro difficilmente avrai coperture sufficienti a garantire eventuali risarcimenti a terzi...........mi sembra addirittura che esistano dei minimi di legge......basta poco per trovarsi in mezzo ai guai o con qualche centinaio di migliaia di euro da tirar fuori di propria tasca...........impallina per sbaglio un manager in carriera (purtroppo i risarcimenti in italia seguono anche l'eventuale capacità reddituale) e sono sorci verdi...........in bocca al cocker!!!!!!!!!!!!
        SPARTANO piace questo post.

        COMMENTA


        • #5
          Originariamente inviato da ENRICO1976 Visualizza il messaggio
          Salve a tutti se uno vuole fare un assicurazione per i cavoli suoi senza passare per le ass. Ven. Quanto verrebbe piu' o meno un assicurazione silver?
          Ringrazio chi puo' aiutarmi.
          Se fosse una questione di ripicca, cambia "parrocchia" non ti conviene diventare "ateo". Anche se risparmi qualche decina di euro l'assicurazione privata non potrà mai darti quello che in caso di bisogno potrà darti un'associazione venatoria. All'assicurazione privata potrai rivolgerti per pagare e per fare denuncia, da questa assicurazione non avrai nessuna informazione in riguardo alla caccia, non ti aiuteranno a fare domande o richieste di qualsiasi genere. Pensaci.

          COMMENTA


          • #6
            Io la sceglierei privata con massimali adeguati e ben oltre il minimo di Legge.
            Se fossi meno indolente.... farei cosi.

            COMMENTA


            • #7
              Originariamente inviato da A.le Visualizza il messaggio
              Io la sceglierei privata con massimali adeguati e ben oltre il minimo di Legge.
              Se fossi meno indolente.... farei cosi.
              E così si fa.

              Le notizie riguardo alla caccia si prendono dalla legge e dal calendario. Non c'è bisogno di nessun altro.
              Tullio

              COMMENTA


              • #8
                Schifato dalla politica delle associazioni romane, anch'io ho sempre pensato di rivolgermi alla privata, ma poi, quando l'anno scorso ho dovuto rinnovare il pda, l'appoggio dato, l'organizzazione per la visita offerta dal mio circolo, mi ha fatto riflettere e rimanere nell'ambito dell'associazionismo, perchè quei 20 o 30 euro in più son ben spesi e risparmiati solo di giri alle usl seppur ogni 6 anni. Poi non vorrei dimenticare quanto fatto dagli uffici tecnici delle nostre aavv a livello nazionale per produrre documenti che ci consentono di cacciare secondo quanto dettato dalle norme comunitarie e non dal ministro di turno o dall'ispra. Nei tribunali amministrativi ci vanno i legali delle riconosciute o meno, non certo quelli dell'axa o delle generali. Certo, che i personaggi incollati da anni su alcune poltrone, sono impresentabili nonchè interessati a se stessi e non certo alla nostra passione, ma tra 2 mali, bisognerebbe cercare quello che ci permette comunque di curarci. Secondo me, bisogna comunque scegliere. Le associazioni sono ( purtroppo ) tante, se si è delusi da una, se ne faccia un'altra. Se poi si và sulla privata, bisognerebbe avere l'educazione di non criticare ciò che fanno ( o non fanno ) i sindacati di categoria.
                ozannagh e setterman1 piace questo post.
                sigpic

                ..... cci vostra, quanto ve vojo bene !!!


                COMMENTA


                • setterman1
                  setterman1 commentata
                  Modifica di un commento
                  Poi da soli non si va da nessuna parte. Le associazioni sono come i Comuni: un male necessario che se non ci fossero andrebbero inventati.
                  setterman1

              • #9
                Ok , grazie per i consigli , le assicurazioni delle varie associazioni sono tutte allo stesso prezzo oppure cambiano tra di loro?
                saluti Enrico

                COMMENTA


                • fabio d.t.
                  fabio d.t. commentata
                  Modifica di un commento
                  Più o meno sono tutte allineate. Cerca un circolo che ti faccia partecipare alla vita associativa, ciò che per esempio manca al mio, tanto che, personalmente, seppur intenzionato a rimnanere nella libera caccia, forse quest'anno, dopo 20 anni cambierò circolo.
                  ENRICO1976 e jagher1 piace questo post.

                • jagher1
                  jagher1 commentata
                  Modifica di un commento
                  in umbria non ti assiste per niente.....
                  ENRICO1976 piace questo post.

              • #10
                Originariamente inviato da fabio d.t. Visualizza il messaggio
                Schifato dalla politica delle associazioni romane, anch'io ho sempre pensato di rivolgermi alla privata, ma poi, quando l'anno scorso ho dovuto rinnovare il pda, l'appoggio dato, l'organizzazione per la visita offerta dal mio circolo, mi ha fatto riflettere e rimanere nell'ambito dell'associazionismo, perchè quei 20 o 30 euro in più son ben spesi e risparmiati solo di giri alle usl seppur ogni 6 anni. Poi non vorrei dimenticare quanto fatto dagli uffici tecnici delle nostre aavv a livello nazionale per produrre documenti che ci consentono di cacciare secondo quanto dettato dalle norme comunitarie e non dal ministro di turno o dall'ispra. Nei tribunali amministrativi ci vanno i legali delle riconosciute o meno, non certo quelli dell'axa o delle generali. Certo, che i personaggi incollati da anni su alcune poltrone, sono impresentabili nonchè interessati a se stessi e non certo alla nostra passione, ma tra 2 mali, bisognerebbe cercare quello che ci permette comunque di curarci. Secondo me, bisogna comunque scegliere. Le associazioni sono ( purtroppo ) tante, se si è delusi da una, se ne faccia un'altra. Se poi si và sulla privata, bisognerebbe avere l'educazione di non criticare ciò che fanno ( o non fanno ) i sindacati di categoria.
                Quello che dici Fabio non è vero. È verissimo.
                Però poi - per quanto mi riguarda - mi cadono le braccia a terra quando vedi che dopo oltre 2 anni questi fantastici sindacati non riescono a far cambiare neanche due parole sul recupero dell'animale dopo "l'avvenuto abbattimento"... oppure quando non sanno essere nella maniera più assoluta "propositive" - vedi la faccenda degli opportunisti..dei nocivi - ma pensano esclusivamente ad una azione di facciata che le porti ad appiattirsi e ad essere tutte uguali.
                Allora mi chiedo che senso abbia alimentare... foraggiare... dar da mangiare a qualcuno che mi fa sopravvivere e non vivere ? Boh non so magari mi sbaglio ma è mia impressione che se in alcuni casi le associazioni venatorie non ci fossero state sicuramente saremmo stati meglio....
                jzcia e piace questo post.

                COMMENTA


                • #11
                  il problema è che le associazioni.v. prendono soldi e basta non fanno nulla per i nostri diritti ecco perché cerco in primis se possibile di risparmiare e poi mi hanno veramente scocciato . vai a fare l assicurazione e ti chiedono 15 euro per il sostegno per l associazione, magari gli dici che con te non ce li hai i 15 euro e glieli riporti e loro che fanno .... non ti danno il versamento e la relativa polizza....e ti conoscono da sempre .........

                  saluti Enrico

                  COMMENTA


                  • #12
                    Originariamente inviato da ENRICO1976 Visualizza il messaggio
                    il problema è che le associazioni.v. prendono soldi e basta non fanno nulla per i nostri diritti ecco perché cerco in primis se possibile di risparmiare e poi mi hanno veramente scocciato . vai a fare l assicurazione e ti chiedono 15 euro per il sostegno per l associazione, magari gli dici che con te non ce li hai i 15 euro e glieli riporti e loro che fanno .... non ti danno il versamento e la relativa polizza....e ti conoscono da sempre .........
                    Secondo te, chi ha prodotti i dati tecnico/scentifici per permettere di cacciare turdidi ed acquatici sino al 31 gennaio in molte regioni ? Senza quei dati, oggi la preapertura non esisterebbe .... in tutte le regioni e non solo in quelle politicamente vicine all'ideologia animalista. Enrico, pensi che se tutti seguissero l'indicazione di assicurarsi privatamente, le nostre associazioni avrebbero risorse per contrastare legalmente chi ci vuole morti ?
                    sigpic

                    ..... cci vostra, quanto ve vojo bene !!!


                    COMMENTA


                    • ENRICO1976
                      ENRICO1976 commentata
                      Modifica di un commento
                      forze hai ragione sicuramente , però io non ho visto fare molto da parte di alcune aavv specialmente la mia, forze la tua è differente ma quello che mi fa incazzare è che ho scoperto poco fa che nello stessa aavv che ho , il circolo di mio suocero ,anche lui facente parte della stessa , non chiede i 15 euro per il circolo stesso mentre nel mio circolo si. questo lo scritto anche a un altro collega del forum. è IL DISCORSO CHE CITAVI TU PRIMA.

                    • fabio d.t.
                      fabio d.t. commentata
                      Modifica di un commento
                      Ti garantisco che io sono molto inca@@ato con la mia associazione, ma più che altro per un fattore locale dovuto a dirigenti indegni di ricoprire un ruolo rappresentativo ed il modus operandi da carbonari. Sto tentando di cambiare squadra per essere partecipe alla vita associativa e se fallisce anche questo tentativo, vestirò altra casacca, ma piuttosto che una privata, mi rivolgerò, magari, ad una " non riconosciuta ", ma sempre associazione che sia rappresentativa della mia passione come cacciatore e non come automobilista

                  • #13
                    Certo che ne vengono scritte di ca**ate ...... E poi non chiedetevi come mai noi e le nostre aavv andiamo a rotoli.... la risposta siete voi stessi, sono le parole di Mirko sempre valide, come il discorso di Fabio.
                    Le norme i calendari come i piani faunistici venatorie PER legge hanno bisogno delle rappresentanze dei pro dei contro degli agricoltori ecc. Premesso che ognuno può fare i cavoli suoi, ma deve almeno conoscere e sapere quello che dice, si da il caso che qui in Toscana accanto alla parola "abbattimento c'è accertato" il che ha una logica, è andato tutto liscio NO ci sono stati dei verbali SI i ricorsi fatti dalla associazione venatoria sono stati vinti, pensa un po, a breve ci sarà un incontro il 1° di agosto per questo problema:
                    Sul problema delle procedure autorizzative per gli appostamenti di caccia ricadenti nelle Aree Natura 2000, la Confederazione Cacciatori Toscani fa sapere che il prossimo 1 agosto incontrerà gli assessori regionali Marco Remaschi (Agricoltura, caccia e pesca) e Federica Fratoni (Ambiente).

                    Diversi cacciatori, infatti, una volta richiesta, agli Uffici della Regione Toscana, la possibilità di istallare un nuovo appostamento o un eventuale spostamento dello stesso, all’interno delle aree interessate dalla rete Natura 2000, si vedono costretti a presentare una documentazione tecnica che prevede persino la Valutazione di Incidenza Ambientale (VIA).
                    Mi permetto di dire: Giovani cercate di impegnarvi, le cose non arrivano per grazia ricevuta.

                    COMMENTA


                    • #14
                      Questa è una diatriba vecchia.......e non si riesce ancora a scindere le realtà locali....troppo spesso inguardabili...dallo scenario nazionale,in cui anche l'assicurazione venatoria ricade.
                      MAI come nell'ultimo decennio le AAVV sono state determinanti nella tutela dei nostri diritti di cacciatori. Magari avessero avuto questa determinazione anche nel trentennio precedente....
                      Ogni ricorso ai TAR degli ultimi anni...e chi legge e chi si informa sa bene quanti sono stati....sono stati affrontati degli uffici legali legati all'associazionismo venatorio. E quasi tutti sono stati vinti, grazie all'incredibile...e tardivo...immenso lavoro degli uffici tecnici.
                      Uno è libero di fare cio' che crede...ci mancherebbe. Poi però...x onestà...dovrebbe riporre le proprie aspettative verso coloro ai quali affida i propri quattrini.
                      Ottobre è.....

                      COMMENTA


                      • #15
                        Originariamente inviato da ENRICO1976 Visualizza il messaggio
                        .. vai a fare l assicurazione e ti chiedono 15 euro per il sostegno per l associazione, magari gli dici che con te non ce li hai i 15 euro e glieli riporti e loro che fanno .... non ti danno il versamento e la relativa polizza....e ti conoscono da sempre .........
                        Ma i 15 euro che ti chiedono non è per il sostegno all'associazione piuttosto sono per il circolo.
                        A mio avviso si tratta di un atteggiamento alquanto fastidioso e faresti bene a cambiare circolo e a informare dell'accaduto la sede regionale dell'associazione. In poche parole fanno tesseramento all'associazione solo dietro versamento di una "tassa" non dovuta.
                        Se non fai vita di circolo e se non sfrutti i possibili servizi erogati (e non lo vuoi sostenere economicamente), il circolo credo sia tenuto lo stesso ad assicurarti perché altrimenti danneggia direttamente l'associazione.

                        E poi io sono anni che sto chiedendo a tutti coloro che inneggiano all'assicurazione privata di condividere le loro polizze per capire se effettivamente c'è un vantaggio o meno nell'assicurarsi privatamente ... sono anni e nessuno si è mai fatto vivo. La relatà è che paghi meno solo perché HAI meno. Basta essere consapevoli di questo ...
                        Ciao
                        Stefano

                        ____________________
                        Una sors coniungit

                        COMMENTA


                        • ENRICO1976
                          ENRICO1976 commentata
                          Modifica di un commento
                          si scusa hai ragione perchè ho scoperto poco fa che nello stessa aavv che ho , il circolo di mio suocero ,anche lui facente parte della stessa , non chiede i 15 euro per il circolo stesso mentre nel mio circolo si.

                      Pubblicita STANDARD

                      Comprimi

                      Ultimi post

                      Comprimi

                      Unconfigured Ad Widget

                      Comprimi
                      Sto operando...
                      X