annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Lombardia. Agricoltori abilitati potranno abbattere cinghiali tutto l’anno

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (44%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Lombardia. Agricoltori abilitati potranno abbattere cinghiali tutto l’anno



    La Regione Lombardia ha approvato oggi, su proposta dell’assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi, una delibera per contrastare il proliferare di cinghiali, soprattutto a tutela della sicurezza e della salvaguardia delle colture agricole.

    E’ una decisione forte – ha detto l’assessore – che vuole essere una risposta concreta alla situazione di esasperazione che molti agricoltori sono costretti a vivere. Con questo atto diamo la possibilita’ agli agricoltori, provvisti di regolare licenza, di abbattere tutto l’anno i cinghiali. Si tratta di un ampliamento dell’attivita’ di contenimento finora riservata solo alla polizia provinciale e ai cacciatori”.

    DANNI PER 1,7 MILIONI DI EURO – Nel quinquennio 2013/2017, sul territorio regionale, il cinghiale ha arrecato danni alle colture agricole per 1.669.989 euro di indennizzi erogati da Regione Lombardia, corrispondenti a 2.807 eventi di danno denunciati e ha provocato 384 sinistri stradali denunciati, con erogazione di risarcimenti 606.664 euro complessivi.

    CONTRASTARE INCREMENTO INCRONTROLLATO – “Vogliamo – ha continuato l’assessore – contrastare l’incremento incontrollato di una specie che danneggia colture e che rappresenta un pericolo anche per la sicurezza delle persone. La Regione Lombardia ha gia’ chiesto a Ispra anche una maggiore elasticita’, soprattutto nella possibilita’ di utilizzo della tecnica della braccata per permettere una attivita’ di contenimento piu’ incisiva. Puntiamo anche a una classificazione del territorio in zone vocate e non vocate affinche’ si possano concentrare gli interventi laddove necessario”.

    La delibera attua quanto disposto dall’art. 4, comma 3 della Legge regionale 19/2017 in ordine all’autorizzazione rivolta ai proprietari o conduttori dei fondi per l’effettuazione del controllo del cinghiale, ove siano stati accertati danni.

    Vengono definiti i requisiti per i richiedenti, nonche’ le prescrizioni che l’autorizzazione deve contenere, con particolare riferimento alla sicurezza, al coordinamento con le Polizie provinciali e agli accertamenti igienico-sanitari da condurre sui cinghiali abbattuti.



    Fonte:regione.lombardia.it
    MENGA, erri68 e andrea m1 piace questo post.
    CHI AMA LA CACCIA VIVE LA NATURA sigpic

  • #2
    era ora che aprissero gli occhi e smettessero di prendere per i fondelli chi dice che il contenimento si fà con la forestale o con le gabbie, mancano mezzi e personale e soldi che già anno speso. basta altrimenti mi arrabbio.

    COMMENTA


    • #3
      Sarà un provvedimento molto discutibile... per gli animalisti. Comunque non tutti i contadini o proprietari di terreni hanno il P.D. come faranno? A chi si rivolgeranno?
      Ciao Mauretto, sarai sempre nei miei pensieri.
      Sta il cacciator fischiando
      sull'uscio a rimirar..........

      COMMENTA


      • #4
        Ci sono i selecontrollore per gli abbattimenti alcune regioni come la Toscana li ha se ci sono problemi con i cinghiali attuano la battuta con metodo della girata

        COMMENTA


        • #5
          Sono pienamente d'accordo con questa normativa, anzi, era ora!!
          ENJOY HUNTER
          Quando ti è andata male,
          Pensa che sarebbe potuta andare anche peggio.

          COMMENTA

          Pubblicita STANDARD

          Comprimi

          Ultimi post

          Comprimi

          Unconfigured Ad Widget

          Comprimi
          Sto operando...
          X