annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

ISPRA ATTO III

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (44%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • ISPRA ATTO III

    ISPRA atto III

    Eccoci al terzo atto, come promesso, sull’analisi dei dati rilevati dai nostri cugini francesi sul periodo di ripasso pre-nuziale della fauna migratoria La nostra Associazione, per chiudere il cerchio e smentire lo studio degli
    scienziati pseudo-ornitologi nostrani, ha voluto analizzare gli studi effettuati dall’Institut Méditeranéen du Patrimoine Cynégétique et Faunistique per quanto riguarda gli uccelli acquatici. Questo per dimostrare ancora
    una volta, se ce ne fosse ancora bisogno, le ennesime e fantasiose considerazioni errate dell’Istituto di Bologna (ex INFS) riguardo la migrazione pre e post nuziale in Italia e nel bacino del Mediterraneo.
    Partiamo dalla metodologia utilizzata, la radar, la bioacustica e la conta visiva. Ben tre metodi di riscontro che uniti riescono a dare risultati più che corretti per una attenta formulazione di conclusioni al fine di gestire tutto il patrimonio
    faunistico. Già dalla prefazione della pubblicazione la conclusione è quanto di più lapidaria: Nei siti monitorati (tra l’altro è compresa la Corsica e intere regioni a stretto confine con l’Italia) si è osservato che la migrazione Pre-
    Nuziale inizia nel periodo compreso tra la 2 decade di Febbraio e la 3 decade dello stesso mese. E che la stessa è strettamente influenzata dalle condizioni meteo che la possono posticipare verso Marzo. Altro fattore da non
    sottovalutare è la scelta del “corridoio” oggetto di studio e analisi, cioè quello Mediterraneo, che interessa anche il suolo italiano.
    C’è un passaggio fondamentale nel testo in oggetto che riguarda la direttiva europea 79/409/CEE che prevede l’obbligo per gli Stati membri di proteggere la fauna nei delicati periodi di migrazione pre-nuziale e nei periodi riproduzione.
    Bene, in Francia grazie a questa pubblicazione che prosegue oramai da oltre 5 anni, si sono avuti enormi successi in sede Europea, il che conferma della BONTA’ e della VERIDICITA’ del testo in esame.
    …”In Francia, la chiusura della caccia per gli uccelli acquatici è stata fissata con decreto ministeriale del 17 gennaio 2005 al 31 gennaio per la maggior parte delle specie, ed il 10 febbraio per i Turdidi e il Colombaccio.
    I cacciatori nei dipartimenti dell'arco mediterraneo, tuttavia, possono cacciare i Turdidi (ordinanza Ministeriale 31 gennaio 2006) e il Colombaccio (decreto ministeriale del 19 gennaio 2009) fino al 20 Febbraio, grazie alla ricerca condotta da IMPCF…”
    Abbiamo omesso di pubblicare l’analisi completa di tutti i dati con relativi grafici per questioni di spazio, ma che vi consigliamo di consultare molto facilmente seguendo questo indirizzo web:
    http://www.impcf.fr/MIGRATIONRETOUROISE ... MO2009.pdf
    Le conclusioni finali sono che tutti gli uccelli acquatici effettuano la “prima mossa” pre-nuziale, esclusivamente dopo la 2 decade di Febbraio, arrivando addirittura alla 3 decade di febbraio o la 1 decade di marzo.
    Per l’ennesima volta siamo di fronte a fatti concreti avallati da anni di studi con mezzi tecnici all’avanguardia e costosissimi. La dimostrazione che il nostro ISPRA (ex INFS) , con la collaborazione di terze forze, esegue studi e
    conclusioni difformi da quelle degli altri Stati membri dell’Europa è sotto gli occhi di tutti. Potremmo capire la difformità delle affermazioni se avessimo preso in considerazione risultati della Norvegia o dell’Inghilterra, stati
    geograficamente molto lontani e diversi dal nostro. La Francia nonostante la sua estensione è interessata in parte dal nostro stesso flusso migratorio e ci chiediamo quindi come sia possibile arrivare, da parte dell’ISPRA, a conclusioni
    talmente differenti. Fermo restando il nostro rispetto per questo Istituto e soprattutto per i “cervelli italiani” che vi lavorano, ci torna però difficile pensare sulla effettiva correttezza dell’interpretazione dei dati raccolti viste le enormi difformità da altre pubblicazioni. Siamo italiani e se da una parte è un vanto essere italiani, c’è un lato oscuro che purtroppo è inserito nel nostro Dna: il “capo” ha ragione anche quando ha torto.
    FACE ITALIA ha ora in mano degli strumenti importanti per controbattere nelle sedi opportune le tesi di ambientalisti e ISPRA. L’immobilismo non è accettato in alcun modo, le divisioni su questo argomento non sono
    prese in considerazione, la precedenza è obbligatoria. Nel momento in cui la questione in oggetto sarà dipanata e messa nero su bianco, si potrà guardare in avanti. Il momento socio-politico in Italia è quanto mai in fermento, una
    possibile-probabile destituzione di un Governo a favore di un altro potrebbe essere pericolosissimo nonostante i nemici della caccia siano trasversali e soprattutto si siano dimostrati un vero e proprio Cavallo di Troia.
    Saluti Franco

  • #2
    Re: ISPRA ATTO III

    Bene, sarebbe ora che questi risultati scientifici il Partito od una AAVv li inviasse UFFICIALMENTE TUTTI alla Presidenza ed a tutti i Consiglieri di amministrazione di Ispra, nonchè al Ministero dell'Ambiente, con una chiosa finale:
    - quando l'Ispra diventerà FINALMENTE un ente scientifico serio e credibile, super partes veramente, senza prevenzioni pretestuose e senza alcun indirizzo politico predeterminato, ricercando equilibrio, giustizia e verità x tutti ?? Ci vogliamo ispirare all'Europa, alle sue leggi, ai suoi metodi o vogliamo continuare ad essere in mano all' "italiota" metodo politico di mantenere la gente nell'ignoranza ??
    Cordialmente dallo "yankee" - 58beppe

    "Tale il carattere, tale il discorso" - "Chi si loda, presto trova chi lo deride" - "Studia prima la scienza e poi seguita la pratica nata da essa" - "Riprendi l'amico in segreto e lodalo in palese".

    COMMENTA


    • #3
      Re: ISPRA ATTO III

      Originariamente inviato da 58beppe
      Bene, sarebbe ora che questi risultati scientifici il Partito od una AAVv li inviasse UFFICIALMENTE TUTTI alla Presidenza ed a tutti i Consiglieri di amministrazione di Ispra, nonchè al Ministero dell'Ambiente, con una chiosa finale:
      - quando l'Ispra diventerà FINALMENTE un ente scientifico serio e credibile, super partes veramente, senza prevenzioni pretestuose e senza alcun indirizzo politico predeterminato, ricercando equilibrio, giustizia e verità x tutti ?? Ci vogliamo ispirare all'Europa, alle sue leggi, ai suoi metodi o vogliamo continuare ad essere in mano all' "italiota" metodo politico di mantenere la gente nell'ignoranza ??
      Purtroppo in Italia nostro rammarico non avverà mai. Troppe disomogeneità anche tra di noi e tra quelli che dovrebbero tutelarci. Saluti

      COMMENTA


      • #4
        Re: ISPRA ATTO III

        Con questi 3 atti inconfutabili,saebbe l'ora che qualcuno si muovesse!
        Ma si!!!!!
        Figuriamoci!
        Tutte le cacce hanno pari dignita`e meritano pari rispetto.

        COMMENTA


        • #5
          Re: ISPRA ATTO III

          Caro colombaccio51,
          cerco di fare una previsione, la migliore possibile che in questo momento mi sento di fare.
          Qualche AAVV si muoverà quasi sicuramente, ma solo a livello politico. Il tutto per far vedere che sono dalla parte dei cacciatori e che hanno anche potere politico. Il fine te lo immafini già è quello di cercare di fare più tessere.
          Saluti Franco

          COMMENTA


          • #6
            Re: ISPRA ATTO III

            Da quello che so io si sta muovendo tanto....
            Entro 4 mesi...in teoria...dovrebbero uscire i calendari regionali....i giochi si decidono adesso....
            Almeno qui da noi c'è parecchio fermento....
            Ottobre è.....

            COMMENTA


            • #7
              Re: ISPRA ATTO III

              Originariamente inviato da ggramoli
              Caro colombaccio51,
              cerco di fare una previsione, la migliore possibile che in questo momento mi sento di fare.
              Qualche AAVV si muoverà quasi sicuramente, ma solo a livello politico. Il tutto per far vedere che sono dalla parte dei cacciatori e che hanno anche potere politico. Il fine te lo immafini già è quello di cercare di fare più tessere.
              Che dire caro Franco?
              Continueranno sicuramente nel loro scopo che e`quello che hai detto.
              In altri Paesi con studi alla mano si cerca di migliorare la caccia senza dire bischerate,in Italia invece si cerca di migliorare quello che piu`sappiamo fare,accaparrarsi dinero il piu`possibile senza disturbare nessuno.
              Tutte le cacce hanno pari dignita`e meritano pari rispetto.

              COMMENTA


              • #8
                Re: ISPRA ATTO III

                Originariamente inviato da 58beppe
                Bene, sarebbe ora che questi risultati scientifici il Partito od una AAVv li inviasse UFFICIALMENTE TUTTI alla Presidenza ed a tutti i Consiglieri di amministrazione di Ispra, nonchè al Ministero dell'Ambiente, con una chiosa finale:
                - quando l'Ispra diventerà FINALMENTE un ente scientifico serio e credibile, super partes veramente, senza prevenzioni pretestuose e senza alcun indirizzo politico predeterminato, ricercando equilibrio, giustizia e verità x tutti ?? Ci vogliamo ispirare all'Europa, alle sue leggi, ai suoi metodi o vogliamo continuare ad essere in mano all' "italiota" metodo politico di mantenere la gente nell'ignoranza ??
                Concordo in pieno, il discorso è che fino a quando avremo alla Camera e al Senato persone come la Brambilla anche con dati inconfutabili e schiaccianti alla mano non si farà a mio parere mai niente di buono, anche perché del resto sappiamo tutti come agiscono le AA.VV che si smuovono soltanto se sanno di essere a rischio tesseramenti e penso e spero che ultimamente molti cacciatori dalla venatoria saranno passati all'assicurazione privata. In ogni caso alla luce di quanto del resto si sapeva e si è sempre fatto (si vedano i calendari degli anni passati dove un tempo sì che si poteva cacciare tutto e nei tempi giusti e i cacciatori erano più abbondanti e la selvaggina stabile da quanto so), spero che come dice l'articolo l'immobilismo e le divisioni in merito vengano superate e coloro che stanno sulle poltrone si diano da fare, dalla nostra parte possiamo solo stare attenti a coloro che votiamo e con i quali ci tesseriamo, ad esempio spero che nessuno o pochi diano voti a PDL o si tesserino ancora con associazioni come Arcicaccia
                La caccia è l'unico sport che racchiuda in sé il respiro degli orizzonti senza fine, la voce del mare, la poesia dei boschi, il sibilo dei venti, la potenza degli elementi della natura poiché essa stessa è un elemento della natura. (Nino Cantalamessa)

                Il cane è l'anima della caccia
                César François Adolphe d'Houdetot, Il cacciatore rustico, 1848


                MAURO, FAGLI VEDERE AGLI ANGELI COME SI VA A CACCIA!

                MARY, SARAI SEMPRE NEL MIO CUORE

                COMMENTA


                • #9
                  Re: ISPRA ATTO III

                  Originariamente inviato da colombaccio51
                  Con questi 3 atti inconfutabili,saebbe l'ora che qualcuno si muovesse!
                  Ma si!!!!!
                  Figuriamoci!
                  La caccia è l'unico sport che racchiuda in sé il respiro degli orizzonti senza fine, la voce del mare, la poesia dei boschi, il sibilo dei venti, la potenza degli elementi della natura poiché essa stessa è un elemento della natura. (Nino Cantalamessa)

                  Il cane è l'anima della caccia
                  César François Adolphe d'Houdetot, Il cacciatore rustico, 1848


                  MAURO, FAGLI VEDERE AGLI ANGELI COME SI VA A CACCIA!

                  MARY, SARAI SEMPRE NEL MIO CUORE

                  COMMENTA


                  • #10
                    Re: ISPRA ATTO III

                    Dico solo : le nostre associazioni che fanno in merito? Pensano solo ad arricchirsi con le nostre tessere.

                    COMMENTA


                    • #11
                      Re: ISPRA ATTO III

                      Originariamente inviato da peppe976
                      Dico solo : le nostre associazioni che fanno in merito? Pensano solo ad arricchirsi con le nostre tessere.

                      Io non capisco perche' uno si ostina a NON fare l'assicurazione privata. Solo cosi' possiamo dare un segnale della nostra insofferenza. Le associazioni venatorie lo volete capire che NON servono e non serviranno piu'. L'interesse a tutelarci non c'è.Cordialità

                      COMMENTA


                      • #12
                        Re: ISPRA ATTO III

                        Originariamente inviato da rusticola
                        Originariamente inviato da peppe976
                        Dico solo : le nostre associazioni che fanno in merito? Pensano solo ad arricchirsi con le nostre tessere.

                        Io non capisco perche' uno si ostina a NON fare l'assicurazione privata. Solo cosi' possiamo dare un segnale della nostra insofferenza. Le associazioni venatorie lo volete capire che NON servono e non serviranno piu'. L'interesse a tutelarci non c'è.Cordialità
                        condivido pienamente quanto da te affermato ma come già detto in altre occasione noi cacciatori siamo una massa di pecoroni ci svegliamo solo quando esce il calendario poi tutto come prima. Comunque io già da due anni ho abbandonato le AAVV

                        COMMENTA


                        • #13
                          Re: ISPRA ATTO III

                          Originariamente inviato da pointer06
                          Originariamente inviato da rusticola
                          Originariamente inviato da peppe976
                          Dico solo : le nostre associazioni che fanno in merito? Pensano solo ad arricchirsi con le nostre tessere.

                          Io non capisco perche' uno si ostina a NON fare l'assicurazione privata. Solo cosi' possiamo dare un segnale della nostra insofferenza. Le associazioni venatorie lo volete capire che NON servono e non serviranno piu'. L'interesse a tutelarci non c'è.Cordialità
                          condivido pienamente quanto da te affermato ma come già detto in altre occasione noi cacciatori siamo una massa di pecoroni ci svegliamo solo quando esce il calendario poi tutto come prima. Comunque io già da due anni ho abbandonato le AAVV
                          Benissimo...

                          COMMENTA


                          • #14
                            Re: ISPRA ATTO III

                            Che dire caro Franco?
                            Continueranno sicuramente nel loro scopo che e`quello che hai detto.
                            In altri Paesi con studi alla mano si cerca di migliorare la caccia senza dire bischerate,in Italia invece si cerca di migliorare quello che piu`sappiamo fare,accaparrarsi dinero il piu`possibile senza disturbare nessuno.[/quote]


                            ---------------------------------------------------------
                            come non quotarti!!!
                            Ciao Mauretto, sarai sempre nei miei pensieri.
                            Sta il cacciator fischiando
                            sull'uscio a rimirar..........

                            COMMENTA


                            • #15
                              Re: ISPRA ATTO III

                              Originariamente inviato da peppe976
                              Dico solo : le nostre associazioni che fanno in merito? Pensano solo ad arricchirsi con le nostre tessere.
                              Mah ...mi sa che con le ns tessere ci si arrichiscono in pochi...
                              Tuttalpiù qualcuno si paga lo stiupendio...
                              Cmq...giusto x precisare e giusto x vedere qualche volta anche grigio ( e non solo nerissimo come fate in tanti)....
                              - Se nei prossimi anni si caccerà ancora la pavoncella è xchè qualcuno...all'interno di una AV... ha fornito dati inconfutabili sulla sua buona salute....sennò saremmo andati incontro ad una sospensione "provvisoria" di 5 anni.....e tutti sappiamo..penso...cosa voglkia dire sospendere "provvisoriamente"....
                              - Se i turdidi si son cacciati ovunque la scorsa stagione fino al 31/01 e se...da quello che so...si farà uguale anche quest anno è xchè qualcuno...all'interno di una AV....ha fornito validi dati che hanno sbugiardato le analisi faziose dell'ISPRA...
                              Di questo nessuno dice niente....
                              non è un problema...continuerò a farlo io e chi vorrà come me dare a Cesare quello che è di Cesare...
                              Ciao a tutti!!!
                              Ottobre è.....

                              COMMENTA

                              Pubblicita STANDARD

                              Comprimi

                              Ultimi post

                              Comprimi

                              Unconfigured Ad Widget

                              Comprimi
                              Sto operando...
                              X