annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

sospesa caccia lazio

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (21%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • sospesa caccia lazio

    è vero che hanno sospeso la caccia nel lazio?
    "Credo che l'amore per la caccia sia innato e che scateni un'attrazione misteriosa solo in poche persone, attrazione che non è facile a definirsi con le parole; so solo che sboccia come un fiore nella corte del canile o sui fianchi delle montagne. Quando è stato piantato nessuno lo sa, ma una volta fissato nel cuore di un uomo nulla lo può sradicare."

    William Arkwright

  • #2
    Re: sospesa caccia lazio

    Originariamente inviato da falco8
    è vero che hanno sospeso la caccia nel lazio?
    Si proprio così:

    Verdi: Tar sospende Cal.Venatorio del Lazio

    Bonelli (Verdi): “Tar sospende calendario venatorio, sconfitta per Polverini e cacciatori”

    verdiREGIONE – (12 novembre) “Oggi il Tar del Lazio ha sospeso il calendario venatorio della Regione, per cui ora nel Lazio la caccia è sospesa. – afferma il Presidente dei Verdi Angelo Bonelli – Questa è una splendida vittoria della vita contro la morte rappresentata dalle doppiette. Nello specifico il Tar del Lazio ha sospeso il calendario venatorio perché viola le normative nazionali ed europee in materia di specie protette. È una bella notizia per gli animali del Lazio che sconfigge l’arroganza della giunta Polverini”.

    Ecco le motivazione dell’ordinanza del Tar Lazio ( n. 4908/2010) che di fatto sospende la caccia nel Lazio, in grassetto le parti della sospensione:

    “(…) Considerato, ad una prima e sommaria delibazione del ricorso in epigrafe propria della presente fase cautelare, che, come il Giudice delle Leggi ha più volte sottolineato: oggetto della caccia è la fauna selvatica, bene ambientale di notevole rilievo, la cui tutela rientra nella materia “tutela dell’ambiente e dell’ecosistema”, affidata alla competenza legislativa esclusiva dello Stato, che deve provvedervi assicurando un livello di tutela, non “minimo”, ma «adeguato e non riducibile», restando salva la potestà della Regione di prescrivere, purché nell’esercizio di proprie autonome competenze legislative, livelli di tutela più elevati (sent. n.193 del 2010); «la disciplina statale che delimita il periodo venatorio [...] è stata ascritta al novero delle misure indispensabili per assicurare la sopravvivenza e la riproduzione delle specie cacciabili, rientrando in quel nucleo minimo di salvaguardia della fauna selvatica ritenuto vincolante anche per le Regioni speciali e le Province autonome» e che «le disposizioni legislative statali che individuano le specie cacciabili» hanno carattere di norme fondamentali di riforma economico-sociale (sentenza n. 227 del 2003 che richiama la sentenza n. 323 del 1998); mentre secondo la giurisprudenza costante della Corte le disposizioni relative alla tutela della fauna selvatica contenute nella cennata legge statale hanno carattere di norme di grande riforma economico-sociale (sentenze n. 4 del 2000, n. 210 del 2001); il fondamento di tale competenza esclusiva statale si rinviene nell’esigenza insopprimibile di garantire su tutto il territorio nazionale soglie di protezione della fauna che si qualificano come «minime», nel senso che costituiscono un vincolo rigido sia per lo Stato sia per le Regioni – ordinarie e speciali – a non diminuire l’intensità della tutela. Quest’ultima può variare, in considerazione delle specifiche condizioni e necessità dei singoli territori, solo in direzione di un incremento, mentre resta esclusa ogni attenuazione, comunque motivata (sent. n. 237 del 2008); considerato che le date di chiusura della stagione venatoria risultano, nell’atto impugnato, fissate nell’ambito dei termini disciplinati dall’art.18 della legge n.157 del 1992; considerato, pertanto, alla luce di tali parametri direttivi nonché in considerazione del dato normativo di cui all’art.1 della legge n.157 del 1992 (il quale considera la fauna selvatica quale patrimonio indisponibile dello Stato), che deve riscontrarsi l’assenza in atto di una normativa statale che permetta di dare concreta attuazione alla norma del comma 1 bis dell’art.18 della legge n.157 del 1992; considerato, con riguardo agli specifici contenuti della doglianza prospettata nell’ultimo mezzo di gravame, che le ZPS sono quei territori (facenti parte della Rete ecologica europea denominata “Natura 2000”) funzionali alla conservazione di alcune specie dell’avifauna stanziali o migratorie che nidificano ovvero che, durante la migrazione, sostano per approvvigionarsi in tali territori e che la Comunità europea ha inteso tutelare attraverso la c.d. direttiva “uccelli” 79/409 CEE (oggi sostituita dalla dir. 2009/147/Ue) prevedendo, all’art.4, l’obbligo per gli Stati membri di adottare misure idonee a prevenire l’inquinamento o il deterioramento degli habitat, nonché le perturbazioni dannose agli uccelli.

    Le misure di protezione sono date dalla valutazione di incidenza cui rimane soggetto qualsiasi piano o progetto che possa avere incidenza significativa sulla Zona (art.7 della Direttiva Habitat del 1992 che ha esteso le misure di protezione previste per i Sic anche alle ZPS); la direttiva habitat ha trovato attuazione nell’Ordinamento interno col d.P.R. n.357 del 1997 il cui art.5 assoggetta a valutazione di incidenza il piano faunistico venatorio e non anche il calendario venatorio: piano, peraltro, già approvato dalla Regione Lazio nel 1998 (e dunque dopo l’entrata in vigore del d.P.R. n.357 del 1997) e non oggetto di specifica impugnativa; e tanto fermo restando che il Calendario contiene, con riguardo all’attività venatoria consentita nelle Z.P.S. specifiche e più stringenti disposizioni; considerato quanto ai pareri resi dall’Ispra che l’art.7 comma 1, della l. n. 157/1992, qualifica tale istituto come “organo scientifico e tecnico di ricerca e consulenza per lo Stato, le Regioni e le Province”, la cui funzione istituzionale non può, pertanto, essere quella di sostituirsi alle Amministrazioni nel compimento delle proprie scelte in materia di caccia, ma quello di supportarla sotto il profilo squisitamente tecnico.

    Sotto tale profilo va, incidentalmente, rilevato come l’istituto abbia carattere nazionale, cosicché può verificarsi la necessità di valutare le specifiche realtà regionali. Ne deriva che, applicando i principi generali in materia di rapporto tra provvedimento finale ed attività consultiva a carattere di obbligatorietà e non di vincolatività, il parere reso da tale organo sul calendario venatorio può essere disatteso dall’Amministrazione regionale, la quale ha, però, l’onere di farsi carico delle osservazioni procedimentali e di merito e, pertanto, di esprimere le valutazioni, che l’hanno portata a disattendere il parere; considerato, con riguardo alle date di apertura e chiusura della caccia previste in calendario in dissonanza con le indicazioni dell’Ispra, che tale dissonanza non rileva, nella presente sede cautelare, con riguardo alle date di apertura del periodo di caccia (essendo ormai superata anche quella, posticipata rispetto al Calendario, suggerita dall’Ispra); mentre acquista rilevanza con riguardo alle date di chiusura che nel Calendario risultano posticipate rispetto a quelle proposte dall’Istituto predetto; considerato che, sebbene nell’atto impugnato siano menzionati i pareri Ispra (al pari degli altri numerosi documenti che si assumono valutati istruttoriamente ai fini della redazione del Calendario), deve rilevarsi l’assenza di ogni utile supporto motivazionale volto a dare contezza, sotto il profilo indicato nel precedente periodo, della non praticabilità e/o superabilità del parere Ispra (supporto che, invero e senza entrare nel merito della relativa fondatezza o meno, trova svolgimento nella sola memoria difensiva della resistente amministrazione regionale); al che accede la fondatezza, in parte qua, della doglianza in trattazione: fondatezza che impone il riesame del Calendario venatorio impugnato nella parte in cui dispone date di chiusura dell’attività venatoria posticipate rispetto a quelle proposte dall’Ispra senza darne adeguato supporto motivazionale (significando, si aggiunge ovviamente per ragioni di completezza, che in caso di inottemperanza dell’amministrazione regionale, l’attività venatoria dovrà ritenersi non consentita nei periodi compresi tra le date di chiusura proposte dall’Ispra e quelle, posticipate, previste nel Calendario).

    P.Q.M.

    Accoglie, nei sensi di cui in motivazione, l’istanza cautelare in epigrafe al fine del riesame dell’atto impugnato. Compensa tra le parti, alla luce della peculiarità dell’istanza cautelare in trattazione, le spese della presente fase del giudizio.

    La presente ordinanza sarà eseguita dall’Amministrazione ed è depositata presso la segreteria del tribunale che provvederà a darne comunicazione alle parti. Così deciso in Roma nella camera di consiglio del giorno 11 novembre 2010 con l’intervento dei magistrati”.

    Linda Sandulli, Presidente

    Tratto da http://www.ontuscia.it
    Ciao da VITO
    Il piacere è peccato, e talvolta il peccato è un piacere.
    Albert Einstein

    COMMENTA


    • #3
      Re: sospesa caccia lazio

      credo riguardi solo la proroga per beccaccie e tordi, non credo vi sara' sospensione, attendiamo comunicato dell'assesorato.
      Non c'è mondo per me aldilà delle mura di Verona: c'è solo purgatorio, c'è tortura, lo stesso inferno; bandito da qui, è come fossi bandito dal mondo, e l'esilio dal mondo vuol dir morte.

      COMMENTA


      • #4
        Re: sospesa caccia lazio

        In sostanza non ci dovrebbe essere sospensione,la sentenza è diversa da quella del tar della Calabria.
        Ciao Mauretto, sarai sempre nei miei pensieri.
        Sta il cacciator fischiando
        sull'uscio a rimirar..........

        COMMENTA


        • #5
          Re: sospesa caccia lazio

          Speriamo di non incontrare guardie venatorie mal informate domani mattina!!!!


          Dunkan.

          COMMENTA


          • #6
            Re: sospesa caccia lazio

            Lazio: Birindelli, la caccia non e’ sospesa

            La Birindelli risponde a Bonelli: “La caccia continua secondo le regole”

            REGIONE – (12 novembre) “Le dichiarazioni del presidente dei Verdi, Angelo Bonelli, sulla sospensione del calendario venatorio del Lazio, sono strumentali e inesatte”. E’ quanto dichiara l’assessore alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali, Angela Birindelli (foto), sulla sospensione del calendario venatorio da parte del Tar del Lazio.

            “Occorre – aggiunge l’assessore – documentarsi meglio prima parlare a sproposito e accusare la Giunta Polverini di agire con arroganza. L’arroganza è un modo di fare che non è stato, non è e non sarà mai proprio di questa giunta, ma a quanto pare, è proprio di chi fa certe affermazioni.

            Il calendario venatorio della Regione Lazio non è assolutamente sospeso e l’attività venatoria continua nel rispetto delle regole”.
            Non c'è mondo per me aldilà delle mura di Verona: c'è solo purgatorio, c'è tortura, lo stesso inferno; bandito da qui, è come fossi bandito dal mondo, e l'esilio dal mondo vuol dir morte.

            COMMENTA


            • #7
              Re: sospesa caccia lazio

              http://www.ilcacciatore.com/2010/11/12/ ... e-sospesa/

              NON E' VERO

              COMMENTA


              • #8
                Re: sospesa caccia lazio

                Ho appena chiamato il CFS e mi hanno detto che molto probabilmente e' una bufala a loro non e' arrivato nulla e comunque servono i giorni affinche' gli organi di stampa informino tutti quanti, e' una bufala di Bonelli spero che schiatti dalla rabbia lui e tutti i verdi
                Un oca che guazza nel fango, un cane che abbaia a comando, la pioggia che cade e non cade, le nebbie striscianti che svelano e velano strade..........Autunno Francesco Guccini

                COMMENTA


                • #9
                  Re: sospesa caccia lazio

                  Originariamente inviato da Fede84TO
                  http://www.ilcacciatore.com/2010/11/12/lazio-birindelli-la-caccia-non-e-sospesa/

                  NON E' VERO


                  Bella gnocca la Birindelli mi ci vorrebbe domattina nel capanno
                  Un oca che guazza nel fango, un cane che abbaia a comando, la pioggia che cade e non cade, le nebbie striscianti che svelano e velano strade..........Autunno Francesco Guccini

                  COMMENTA


                  • #10
                    Re: sospesa caccia lazio

                    A voi...
                    La caccia non ha bisogno di mediazioni politiche, ma ha bisogno di essere difesa con forza!

                    COMMENTA


                    • #11
                      Re: sospesa caccia lazio

                      Grazie Marco sempre preciso
                      Un oca che guazza nel fango, un cane che abbaia a comando, la pioggia che cade e non cade, le nebbie striscianti che svelano e velano strade..........Autunno Francesco Guccini

                      COMMENTA


                      • #12
                        Re: sospesa caccia lazio

                        siamo alla frutta,sospensioni di qua sospensioni di la, vere o presunte...bah
                        ” When you want more than you have, you think you need
                        When you think more than you want, your thoughts begin to bleed
                        I think I need to find a bigger place
                        When you have more than you think, you need more space

                        Hope you’re not lonely, without me”

                        COMMENTA


                        • #13
                          Re: sospesa caccia lazio

                          Sono andato sul sito della regione lazio e c'è un documento a firma Assessore Birindelli dove dice a chiare note che la caccia nel lazio non à sospesa , ma continua come prima. Il provvedimento del tar del Lazio si riferisce al provvedimento di chiusura della beccaccia e del tordo che in primis si era detto il 20 gennaio e successivamente la regione con un altro provvedimento lo aveva portato al 31 gennaio ora sembrerebbe che il tar ha ripristinato il 20 gennaio. Un doveroso chiarimento per non alimentare ulteriore confusione.
                          peccato che quest'anno come l'anno scorso sia mancata la materia prima ( i Tordi).

                          COMMENTA


                          • #14
                            Re: sospesa caccia lazio

                            Il ricorso al tar è sul calendario di agosto, che menziona la chiusura della beccaccia e del tordo al 20/1 invece del 31/12 per la beccaccia e 10/1 per il tordo (date indicate dall'Ispra). Pertanto sono state sospese le date di chiusura, che dovranno( spero di no) riportate come indicate. Chiaramente la mozione votata il 14/10 in Regione, per il prolungamento al 31/1 chiaramente va a farsi fottere.Io l'ho interpretata cosi. Vi prego smentitemi.
                            BECCAFICO

                            COMMENTA


                            • #15
                              Re: sospesa caccia lazio

                              Scusate oggi mi è arrivata un mail con questo allegato:
                              http://www.cacciainfiera.it/dettaglio_news.php?id=4403
                              Sapete spiegarmi che succede?
                              Grazie.

                              COMMENTA

                              Pubblicita STANDARD

                              Comprimi

                              Ultimi post

                              Comprimi

                              Unconfigured Ad Widget

                              Comprimi
                              Sto operando...
                              X