annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

legge venatoria sardegna

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (53%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #61
    Re: legge venatoria sardegna

    Caccia: in Sardegna deroga di un mese, sì al fucile con canna rigata

    La Regione Sardegna potrà adottare le deroghe, di durata non superiore a un mese, per l’esercizio della caccia, nell’interesse della salute, della sicurezza pubblica e della sicurezza aerea o per prevenire gravi danni alle colture, al bestiame, ai boschi, alla pesca e alle acque, ai fini di ricerca, insegnamento, ripopolamento e reintroduzione delle specie. E’ quanto prevede la legge di modifica dell’attività venatoria nell’Isola, approvata oggi dal Consiglio regionale, con i soli voti della maggioranza dopo un voto segreto per il passaggio agli articoli al termine della discussione generale. La nuova normativa prevede che l’Assessore regionale dell’Ambiente adotti le deroghe, sentito l’Istituto regionale per la fauna selvatica (Irfs) o, se non ancora istituito, come nel caso della Sardegna, un Comitato tecnico-scientifico composto da tre esperti nominati con delibera della Giunta regionale. Un passaggio criticato dall’opposizione che ha richiesto maggiori garanzie sull’organismo terzo e indipendente che deve effettuare la consulenza tecnico-scientifica sulle deroghe. La nuova disciplina introduce anche la possibilità di utilizzare il fucile con canna rigata, uniformando la normativa regionale a quanto già previsto in proposito dalla legge nazionale.

    COMMENTA


    • #62
      Re: legge venatoria sardegna

      Originariamente inviato da Leppiri90
      Caccia: in Sardegna deroga di un mese, sì al fucile con canna rigata

      La Regione Sardegna potrà adottare le deroghe, di durata non superiore a un mese, per l’esercizio della caccia, nell’interesse della salute, della sicurezza pubblica e della sicurezza aerea o per prevenire gravi danni alle colture, al bestiame, ai boschi, alla pesca e alle acque, ai fini di ricerca, insegnamento, ripopolamento e reintroduzione delle specie. E’ quanto prevede la legge di modifica dell’attività venatoria nell’Isola, approvata oggi dal Consiglio regionale, con i soli voti della maggioranza dopo un voto segreto per il passaggio agli articoli al termine della discussione generale. La nuova normativa prevede che l’Assessore regionale dell’Ambiente adotti le deroghe, sentito l’Istituto regionale per la fauna selvatica (Irfs) o, se non ancora istituito, come nel caso della Sardegna, un Comitato tecnico-scientifico composto da tre esperti nominati con delibera della Giunta regionale. Un passaggio criticato dall’opposizione che ha richiesto maggiori garanzie sull’organismo terzo e indipendente che deve effettuare la consulenza tecnico-scientifica sulle deroghe. La nuova disciplina introduce anche la possibilità di utilizzare il fucile con canna rigata, uniformando la normativa regionale a quanto già previsto in proposito dalla legge nazionale.



      Si vabbe' ma in soldoni, riapre o e' un ipotesi da valutare anno per anno, e dai risposte piu' chiare ragazzi?
      Un oca che guazza nel fango, un cane che abbaia a comando, la pioggia che cade e non cade, le nebbie striscianti che svelano e velano strade..........Autunno Francesco Guccini

      COMMENTA


      • #63
        Re: legge venatoria sardegna

        Originariamente inviato da thehunter2
        Originariamente inviato da ilario
        turismo venatorio...??? no grazie...! siamo contenti così...pochi ma buoni (più o meno)...e Cicalone (che è in regola) è il benvenuto :wink:
        Certo te sarai contento, ma chiedilo ai tuoi concittadini pastori o titolari di agriturismo cosa ne pensano, con l'opportunità di vendere posti letto, pranzi, cene, caciotte, maialini, abbacchi e mirto!


        Nessun problema ci sono gia' io che faccio scorta per quando torno a casa, e il resto lo venderanno l'estate ai milioni di turisti che vengono sull'isola
        Un oca che guazza nel fango, un cane che abbaia a comando, la pioggia che cade e non cade, le nebbie striscianti che svelano e velano strade..........Autunno Francesco Guccini

        COMMENTA


        • #64
          Re: legge venatoria sardegna

          Cicalò...
          Ci prendono per il culo. Betatamente per il culo.
          Leggiti la legge approvata e come si esercitano le deroghe. Praticamente impossibile. E anche quando fattibili non sono caccia ma prelievo per ragioni sanitarie, ambientali... con ritiro di tesserino speciale presso il comune, niente cane, autorizzazione dell'IRFS (che non c'è ancora). E soprattutto con una macroscopica violazione delle norme nazionali e comunitarie. Prima o poi qualcuno mangerà la foglia e qualcun'altro dovrà rispondere delle sanzioni europee (tipo il taglio degli aiuti in agricoltura o all'ambiente) per le cose fatte a membro di segugio...
          La caccia è caccia. Come ***** si fa a dire che apriamo per motivi ambientali o sanitari o di protezione delle colture se i tordi non ci sono e colture in corso anche meno...

          COMMENTA


          • #65
            Re: legge venatoria sardegna

            Originariamente inviato da Scotti
            Originariamente inviato da andreap68
            ho scritto in mp a scotti....sentiamo cosa ci risponde...o ci manda a f......o tutti quanti...ahahahahah
            Fare una disamina sulla differenza di pericolosità fra le palle asciutte dell’anima liscia e i proiettili di carabina, non è semplice se la abbiniamo alla caccia al cinghiale.
            La sicurezza dipende anche da tanti altri fattori, quali la disposizione delle poste, dal buonsenso e dalla prudenza di ciascun cacciatore.
            Spesso l’età media avanzata dei postatoli, fa si che la pericolosità aumenti esponenzialmente, in quanto tutti sappiamo che a 60 anni e oltre non si hanno i riflessi e la velocità di pensiero di un 20enne, questo è inconfutabile.
            Esaminando palle per il rigato e per anima liscia, abbiamo pro e contro in termini di sicurezza:
            La palla da carabina è molto più sicura in termini di rimbalzo, anche se dobbiamo tenere conto che l’utilizzo di palle dure o monolitiche presentano comunque un discreto pericolo di rimbalzo, in particolare in tiri la cui inclinazione sia veramente poca (tiri quasi radenti).
            La palla per la canna liscia, invece rimbalza sicuramente di più perché la velocità media d’esercizio è di molto inferiore a quelle delle palle da carabina, ma a suo favore possiamo annotare il fatto che su tiro “libero” ha una portata decisamente inferiore, nell’ordine di almeno un quarto rispetto alle palle di carabina.
            Ciao
            --------------------------------------------
            grazie dell'esaustiva spiegazione
            ciao andrea

            COMMENTA


            • #66
              Re: legge venatoria sardegna

              Nessun problema ci sono gia' io che faccio scorta per quando torno a casa, e il resto lo venderanno l'estate ai milioni di turisti che vengono sull'isola[/quote]
              -------------------------------------------------------------------------------

              COMMENTA


              • #67
                Re: legge venatoria sardegna

                Originariamente inviato da Cascavellu
                Cicalò...
                Ci prendono per il culo. Betatamente per il culo.
                Leggiti la legge approvata e come si esercitano le deroghe. Praticamente impossibile. E anche quando fattibili non sono caccia ma prelievo per ragioni sanitarie, ambientali... con ritiro di tesserino speciale presso il comune, niente cane, autorizzazione dell'IRFS (che non c'è ancora). E soprattutto con una macroscopica violazione delle norme nazionali e comunitarie. Prima o poi qualcuno mangerà la foglia e qualcun'altro dovrà rispondere delle sanzioni europee (tipo il taglio degli aiuti in agricoltura o all'ambiente) per le cose fatte a membro di segugio...
                La caccia è caccia. Come ca**o si fa a dire che apriamo per motivi ambientali o sanitari o di protezione delle colture se i tordi non ci sono e colture in corso anche meno...



                Scusa ma la violazione delle norme nazionali e comunitarie di cosa, in Grecia, Francia ( Corsica) Spagna, Portogallo etcc etcc il tordo e' aperto fino a fine febbraio e non dice nulla nessuno e da noi la vogliono chiudere al 20 gennaio e se una o piu' regioni si ribellano gli altri dicono che non rispettiamo le regole? e allora in Veneto che sparano alle pispole cosa dovrebbero dire? Dammi retta la sardegna ha tutte le carte in regole per poter derogare e spero lo facciano al meglio
                Un oca che guazza nel fango, un cane che abbaia a comando, la pioggia che cade e non cade, le nebbie striscianti che svelano e velano strade..........Autunno Francesco Guccini

                COMMENTA


                • #68
                  Re: legge venatoria sardegna

                  Lì non hanno la legge nazionale che parla di 31 Gennaio.
                  In Francia il Consiglio di Stato già diverse volte ha bocciato i calendari venatori di alcune province, compresa la Corsica, dove si è comunque praticata la caccia al tordo con infrazione, e spesso solo fino al 10 febbraio, con gli strascichi di ricorsi e controricorsi noti anche in Sardegna. Gli anni scorsi il Consiglio di Stato ha più volte sospeso il calendario corso all'8-9 febbraio.
                  Le cose bisogna farle bene, non prendendo per il culo la gente.
                  In Puglia, Lazio, Toscana non vorrebbero andare a caccia a febbraio?
                  Certo che si.
                  E allora, in Sardegna, nelle altre regioni e a Roma smettano di prendere per il culo. Provino a fare le cose per bene se ci riescono e se si può. Senza dare di volta in volta la colpa ai verdi, ai destri ai sinistri, a Pecoraro e a Prestigiacomo, all'opposizione porca e al governo ladro, ai burocrati.
                  Ma che maniera è quella di tirare ogni volta le cose all'ultimo secondo, con le illusioni del piffero e le smentite, gli scaricabarile e gli escamotages?
                  Se tutto si potesse fare per bene non ci sarebbe bisogno di escamotages. O no?
                  Invece siamo così ******** che consideriamo un Dio quello che la spara più grossa e dà la colpa agli altri. Siamo un paese da Cetto la Qualunque. Se arriva un ******** che dice tutti a caccia al tordo fino a maggio, ci son molti che gli credono e dicono bravo. Tutti a dire: che bravo l'onorevoli Orsi, aveva fatto proprio una bella proposta di legge. Ma chi cavolo gliel'ha bocciata se non i suoi compagni di maggioranza? Non poteva consultarli prima? Si faccia una legge a prova di bomba. E se non si può, amen. Se si può, allora perché la fanno male, a Roma e a Cagliari?
                  La verità è che non c'è un tordo qui in Sardegna e pure in Spagna andavano a far mattanze e mo' son contenti con 25-30 tordi al giorno pagando a peso d'oro. O in Corsica 250 euro al giorno per 15 tordi.
                  Poi arriveranno i furbi che diranno perchè non pagare e andarli a sparare in Scandinavia? E sarà un'altra fine. Come per le beccacce, le tortore, le quaglie, le anatre....
                  E poi ci sono i GRANDI GENI. Quelli che: "la caccia è un valore della tradizione delle nostre genti che dobbiamo salvaguardare e diffondere..." e che contemporaneamente dicono: "l'ambiente non può essere solo ambiente, va valorizzato per il turismo con il Piano Casa, con un uso sostenibile delle coste e delle campagne... (cioè, case, cento, recinti e recinzioni).
                  Già, e il tordo quando passa fa: bella la Sardegna l'hanno valorizzata.

                  COMMENTA


                  • #69
                    Re: legge venatoria sardegna

                    Mi scuserai se dissento dal tuo discorso, ma a parte il fatto che in Corsica si caccia ogni anno fino al 20 febbraio e che si caccia al sud 5 giorni a settimana e al nord 7 ma che c'entra il resto? La Sardegna e' una regione autonoma e a me francamente se qualcuno si da' da fare per riaprire la caccia in febbraio e' cosa che mi interessa, c'e' la legge nazionale che chiude il 31 gennaio? Benissimo e allora non ci rompessero i cojoni con i divieti dal 20 gennaio in poi e con le cazzate dei Key Concept etcc etcc se i verdi fanno come gli pare e' giusto che prendano calci nel culo....ci sono regioni che riaprono la caccia pispole, fringuelli e storni, la sardegna a Oristano permette lo sparo ai cormorani che falcidiano gli staghi salati, e non si puo' dare ai cacciatori qualche giorno in piu' a una selvaggina che e' sparata tranquillamente in tutta Europa? Ma andassero a dar via el ciappet i verdi e le loro cavolate!
                    Un oca che guazza nel fango, un cane che abbaia a comando, la pioggia che cade e non cade, le nebbie striscianti che svelano e velano strade..........Autunno Francesco Guccini

                    COMMENTA


                    • #70
                      Re: legge venatoria sardegna

                      Guarda che io non difendo i verdi, tutt'altro.
                      Però non comandano mica loro. Né a Roma e né a Cagliari.
                      Va bene che la prenda sempre in culo l'ortolano ma qui le responsabilità hanno nomi e cognomi che non sono certo verdi.
                      Non sono i verdi che hanno fatto la modifica costituzionale che tiene in capo allo stato la competenza primaria in materia di ambiente, e quindi di caccia. Lo statuto speciale qui non ci viene incontro, purtroppo.
                      Febbraio 2008 mi pare, ero in Corsica per un matrimonio. Il Consiglio di Stato chiuse la caccia il 9 febbraio.

                      COMMENTA


                      • #71
                        Re: legge venatoria sardegna

                        Originariamente inviato da Cascavellu
                        Guarda che io non difendo i verdi, tutt'altro.
                        Però non comandano mica loro. Né a Roma e né a Cagliari.
                        Va bene che la prenda sempre in culo l'ortolano ma qui le responsabilità hanno nomi e cognomi che non sono certo verdi.
                        Non sono i verdi che hanno fatto la modifica costituzionale che tiene in capo allo stato la competenza primaria in materia di ambiente, e quindi di caccia. Lo statuto speciale qui non ci viene incontro, purtroppo.
                        Febbraio 2008 mi pare, ero in Corsica per un matrimonio. Il Consiglio di Stato chiuse la caccia il 9 febbraio.

                        E quest'anno e' riaperta fino al 20 febbraio 7 giorni su 7 quindi la Sardegna rimane sempre e comunque indietro....continuo a non capire pero', invece di essere felice perche' la regione riapre a febbraio per la migratoria continui a remargli contro, non credo che i tuoi colleghi isolani siano contrari a questa cosa, forse a te non interessa la migratoria ma a molti di noi invece si.....
                        Un oca che guazza nel fango, un cane che abbaia a comando, la pioggia che cade e non cade, le nebbie striscianti che svelano e velano strade..........Autunno Francesco Guccini

                        COMMENTA


                        • #72
                          Re: legge venatoria sardegna

                          Originariamente inviato da Cascavellu
                          Guarda che io non difendo i verdi, tutt'altro.
                          Però non comandano mica loro. Né a Roma e né a Cagliari.
                          Va bene che la prenda sempre in culo l'ortolano ma qui le responsabilità hanno nomi e cognomi che non sono certo verdi.
                          Non sono i verdi che hanno fatto la modifica costituzionale che tiene in capo allo stato la competenza primaria in materia di ambiente, e quindi di caccia. Lo statuto speciale qui non ci viene incontro, purtroppo.
                          Febbraio 2008 mi pare, ero in Corsica per un matrimonio. Il Consiglio di Stato chiuse la caccia il 9 febbraio.
                          Scusate se mi intrometto ma in Corsica il tordo non viene sparato in deroga ed è possibile spararlo fino al venti febbraio perchè i kc francesi lo permettono,diverso è il discorso per la spagna,lì a febbraio viene sparato in deroga(i kc spagnoli arrivano a fino gennaio)e per far ciò hanno usato uno studio in cui si afferma che in alcune regioni vedi extremadura non vi è passo post-nunziale rilevante e quindi non vengono cacciati è lo stesso discorso che usa malta per sparare le tortore in primavera ,lì dicono che durante il ripasso post-nunziale il loro territorio non è sulla rotta di migrazione; c'erano dei contenziosi su ricorsi alla corte europea da parte dei soliti ambientalisti su queste situazioni e la deroga spagnola è risultata leggittima e mi sembra di aver letto da qualche parte che anche quella maltese lo sia, se ritrovo la sentenza la metto.
                          Ciao.

                          COMMENTA


                          • #73
                            Re: legge venatoria sardegna

                            Piccola precisazione per la caccia primaverile a malta, la sentenza è stata di condanna per il mancato rispetto rigoroso dell'art 9 della direttiva sulle deroghe ,ma non è stato esclusa la possibilità di cacciare in primavera tanto che dopo due anni di stop nel 2010 è stata autorizzata in forma rigida e controllata sulla falsa riga del provvedimento della regione veneto.
                            Metto il commento di risposta della commissione e il numero della causa.
                            Il 10 settembre 2009 la Corte di giustizia dell'Unione europea si è pronunciata nella causa
                            principale (causa C-76/08) relativa al principio generale della caccia primaverile a Malta. La
                            Corte ha ritenuto che la pratica della caccia alla quaglia e alla tortora durante la migrazione di
                            primavera nel periodo 2004-2007 fosse contraria alla direttiva "uccelli"1, 2009/147/CE, ed in
                            particolare alle disposizioni dell'articolo 9. La sentenza, tuttavia, non ha escluso la possibilità
                            futura di aprire a Malta una stagione di caccia primaverile limitata e rigorosamente
                            controllata, purché le condizioni previste all'articolo 9, paragrafo 1, lettera c) siano rispettate
                            (segnatamente uccelli in piccole quantità, in modo selettivo e in condizioni rigidamente
                            controllate).
                            La Commissione può confermare che si sta esaminando insieme al governo maltese la
                            questione dell'esecuzione della sentenza della Corte e della necessità che qualsiasi deroga alla
                            caccia primaverile ottemperi alle condizioni poste dalla sentenza e agli obblighi derivanti
                            dalla direttiva "uccelli". La Commissione sta esaminando da vicino la situazione e si impegna
                            ad assicurare il pieno rispetto della direttiva "uccelli" e della sentenza della Corte.

                            COMMENTA


                            • #74
                              Re: legge venatoria sardegna

                              Sono un migratorista e mi piace andare a caccia a febbraio.
                              Non mi piaccioni i fuebi e quelli che prendono per il culo.
                              Io voglio andare a caccia non fare il selecontrollore del tordo per motivi sanitari, di pubblica sicurezza o di salvataggio delle colture... Tutte cazzate. Che vanno bene per i cormorani, non per il tordo, non adesso, non così.
                              Si chiama dignità. Le passioni non possono travalicare tutto.
                              Ripeto, si può fare una buona legge? La si faccia. Il resto mi pare un ricatto dei politicanti sempre all'ultimo secondo e fatto male per tenerci stretti per le palle....

                              COMMENTA


                              • #75
                                Re: legge venatoria sardegna

                                Originariamente inviato da Cascavellu
                                Sono un migratorista e mi piace andare a caccia a febbraio.
                                Non mi piaccioni i fuebi e quelli che prendono per il culo.
                                Io voglio andare a caccia non fare il selecontrollore del tordo per motivi sanitari, di pubblica sicurezza o di salvataggio delle colture... Tutte cazzate. Che vanno bene per i cormorani, non per il tordo, non adesso, non così.
                                Si chiama dignità. Le passioni non possono travalicare tutto.
                                Ripeto, si può fare una buona legge? La si faccia. Il resto mi pare un ricatto dei politicanti sempre all'ultimo secondo e fatto male per tenerci stretti per le palle....


                                La buona legge non si puo' fare, il calendario e' nazionale e in linea di massima bisogna attenercisi, l'unica soluzione e' varare un escamotage che puo' essere quella varata dalla regione sardegna per l'apertura a febbraio dei danni che fanno gli animali, quindi se ti preme la caccia ai tordi di febbraio puoi solo apprezzare questa mossa fatta per noi altrimenti non potrebbe aprire mai e poi mai, bisogna rendersene conto.
                                Un oca che guazza nel fango, un cane che abbaia a comando, la pioggia che cade e non cade, le nebbie striscianti che svelano e velano strade..........Autunno Francesco Guccini

                                COMMENTA

                                Pubblicita STANDARD

                                Comprimi

                                Ultimi post

                                Comprimi

                                Unconfigured Ad Widget

                                Comprimi
                                Sto operando...
                                X