annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

lombardi

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (55%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Re: lombardi

    Originariamente inviato da MarcoHunter
    Originariamente inviato da frankly
    ma non abbiamo proprio più nessuna possibilità?
    Nemmeno tramite delibera?

    Si, ci sono delle possibilità...1.mettersi il cuore in pace 2.fregarsene e sparare lostesso 3.sperare di non essere beccati mentre lo si fa 4.rassegnarsi e fare i corretti...

    io facilmente opterò per i punti 2 e 4...
    Io opto per i punti 1 2 e 3 poi il quattro vien da sè
    l'è mia colpa de le cartuce, se ta gà tiret mia n'de le pene i vè mia zò

    COMMENTA


    • Re: lombardi

      Originariamente inviato da clgrassi
      Originariamente inviato da Marcus Phoenix
      Anche io cerco una risposta in merito ma credo che questa proposta di legge venga discussa il 27/9 ....[

      Ok grazie.Teniamoci aggiornati
      Ciao la legge regionale sulla permanenza negli ambiti è passata!!!!

      COMMENTA


      • Re: lombardi

        Milano, 28 set – Via libera in Consiglio regionale della Lombardia al provvedimento (relatore Mauro Parolini del Pdl, primo firmatario Carlo Saffioti del Pdl) che introduce alcune modifiche alla legge regionale n.26/93 che regola l’attivita’ venatoria lombarda, in particolare per quanto concerne gli ambiti territoriali di caccia e i comprensori alpini.

        Con le modifiche introdotte oggi, spiega una nota regionale, i cacciatori residenti in Lombardia, gia’ iscritti nella stagione precedente a un ambito territoriale o comprensorio alpino di caccia regionale diverso da quello di residenza anagrafica, avranno ora diritto alla permanenza associativa, confermando la propria iscrizione attraverso il solo pagamento della quota entro il 31 marzo di ogni anno.

        ”In questo modo – ha spiegato Parolini – consolidiamo e stabilizziamo la situazione esistente, dando regole certe e chiare e concedendo nuove possibilita’ di mobilita’ ai giovani”. Infatti i neo cacciatori avranno diritto a essere associati nello stesso ambito territoriale o comprensorio alpino di caccia e a esercitare la stessa specializzazione venatoria dell’accompagnatore, mantenendo nelle stagioni successive il diritto di permanenza negli stessi luoghi.

        Soddisfazione e’ stata espressa dal presidente della Commissione ”Agricoltura” Carlo Saffioti (Pdl), che ha evidenziato la bonta’ del provvedimento che ”con la nuova formulazione evita il rischio di interpretazioni difformi tra le varie provincie lombarde, riconoscendo i diritti dei cacciatori nel rispetto degli equilibri territoriali di caccia, mentre viene finalmente superata una anacronistica visione feudale della pratica venatoria”.

        Tra le altre novita’ della nuova legge, prosegue la nota, nell’esercizio della pratica venatoria l’equiparazione delle strade agrosilvopastorali con quelle poderali e interpoderali: ora sara’ quindi possibile praticare la caccia anche a distanza inferiore a cinquanta metri dalle strade classificate come agrosilvopastorali, nonche’ sparare nella loro direzione con fucile a canna liscia anche a distanza inferiore ai 150 metri. Via libera anche a due emendamenti presentati da Roberto Pedretti (Lega Nord) con i quali si estende la validita’ dell’autorizzazione per la caccia da appostamento fisso a 10 anni (attualmente erano 3) e si autorizzano centri di recupero per la fauna selvatica gestiti anche da enti locali e associazioni agricole e venatorie riconosciute (”finora tali centri erano appannaggio esclusivo di associazioni ambientaliste”, ha evidenziato Pedretti).

        Approvato inoltre a maggioranza un ordine del giorno a firma Parolini, Saffioti e Riparbelli che chiede alla Giunta di istituire un Tavolo Stato/Regioni con lo scopo di stabilire nel piu’ breve tempo possibile le concrete modalita’ con le quali sia possibile l’esercizio della caccia alle specie in deroga, e sollecita il Ministero competente affinche’ l’Ispra fornisca i dati necessari per motivare il prelievo in deroga.

        Il provvedimento approvato oggi, conclude la nota, entrera’ in vigore gia’ il giorno successivo alla sua pubblicazione sul Burl. Raccogliendo le indicazioni emerse dagli interventi in Aula, il presidente della Commissione ”Agricoltura” Carlo Saffioti (Pdl) ha infine auspicato che si possa procedere quanto prima a una revisione generale della legge n.26. ”Questo provvedimento – ha aggiunto Saffioti – contribuisce comunque, seppur in minima parte, ad attenuare la giusta delusione del mondo venatorio per la mancata approvazione delle deroghe”

        COMMENTA


        • Re: lombardi

          queste si che sono belle notizie.... uno mantiene i richiami tutto l'anno ci spende tempo e DENARO e poi al 28 di settembre lo prendiamo sistematicamente nell'orifizio anale....
          a volte capisco la poca sportività di chi usa i richiami elettronici, poca soddisfazione, fuorilegge, tutto quello che volete.....ma almeno non hanno lo sbattimento di mantenere per tutto l'anno peppole fringuelli frosoni, pispole, storni rovinandosi anche le ferie, perchè come voi sapete se avete in gabbia anche solo un canarino e non gli date da bere ogni 3, massimo 4 giorni muore e, se non abbiamo la fortuna di avere un'amico fidato o un parente che accudisca i nostri amici pennuti, non possiamo andare in ferie...
          probabilmente i nostri politici preferiscono avere i giovani che vanno a spaccarsi il cervello con cocaina e pastiglie in discoteca, piuttosto che vadano a caccia......
          mi sta passando la voglia di continuare a tenere i richiami, se vanno avanti così apro lo sportello a tutti e gli do la libertà....
          probabilmente quest'anno sparerò a tutto lo stesso,quando prenderò una multa se avrò i soldi la pagherò, altrimenti faro 6 mesi....
          SCUSATE PER LO SFOGO MA NE HO VERAMENTE PIENI I CO....NI DI FARMI TIRARE PER IL C..O TUTTI GLI ANNI
          ...MAURIZIO...

          COMMENTA


          • Re: lombardi

            una morte annunciata gia da tempo ...
            Ciao Maure ...



            Paolo

            COMMENTA


            • Re: lombardi

              In Veneto è delibera...
              Perchè non fanno delibera anche in Lombardia?
              Perchè nessuna protesta da parte delle varie associazioni venatorie?
              ORA BASTA, PRETENDIAMO UNA RISPOSTA DEFINITIVA!!

              COMMENTA


              • Re: lombardi

                la risposta c'è già....non si vuole fare
                carlo arcangeli

                COMMENTA


                • Re: lombardi

                  mha......secondo me,dobbiamo ribllarci e presentarci in qualche migliaio non al pirellone,ma alla sede della lega.....e visto che è uno di loro che potrebbe fare la delibera,fargli capire a chiare lettere che rischiano grosso....molto grosso,ed alle prossime elezioni non perdoniamo nulla questa volta!
                  tutti cacciambiente.
                  ciao Ste

                  COMMENTA


                  • Re: lombardi

                    Perchè nessuna protesta da parte delle varie associazioni venatorie?

                    prova ad immaginare perche ... perche le aavv nn ne hanno un tornaconto ..sembra assurdo ma è cosi ..
                    Ciao Maure ...



                    Paolo

                    COMMENTA


                    • Re: lombardi

                      Ritengo strano di non vedere proteste efficaci sul fatto che il Veneto ha già emesso la delibera mentre per la Lombardia ancora niente..
                      Ma siamo ancora in tempo? Cosa stanno aspettando?

                      COMMENTA


                      • Re: lombardi

                        stanno aspettando che un giorno mi possa alzare e in preda a non so quale stato di tormento invece di andare al bait vada da qualche altra parte e faccia piazza pulita di tutta quella merda che c'è in regione
                        ne ho proprio piene le scatole ed ora che vengano anche le nostre amate forestali "romane" avran pane per i loro denti........
                        Casadur de la festa o chel piof o chel tempesta

                        COMMENTA


                        • Re: lombardi

                          Qualcuno di quelli che ha contatti sa qualcosa in merito alle deroghe?

                          COMMENTA


                          • Re: lombardi

                            Originariamente inviato da danimago
                            Qualcuno di quelli che ha contatti sa qualcosa in merito alle deroghe?
                            Per la legge io ormai metterei il cuore in pace (anche se ufficiosamente trapela che stiano aspettando il parere dell'avvocatura regionale), per l'eventuale delibera (anche se sappiamo che con il Tar di Brescia avrebbe i giorni contati) ora la palla passa all'Assessore leghista......purtroppo vedo solo molto fumo e poco pochissimo arrosto.
                            Più buio che a mezzanotte non viene

                            COMMENTA


                            • Re: lombardi

                              Dimenticavo, un "plauso" a certi geni che ultimamente partoriscono queste trovate in terra orobica (non bastava la porcata dei 2 giorni fissi al capanno fino alle 13?) ...per la serie non siamo già "bastonati" abbastanza

                              Bergamo, approvate sanzioni accessorie

                              Bergamo – Caccia, sanzioni accessorie proposte proprio dai cacciatori

                              Arrivano sanzioni accessorie per gli illeciti commessi dai cacciatori e la novità è che la richiesta è avanzata dai cacciatori stessi. Dopo il passaggio in Giunta, il Consiglio provinciale nella seduta di lunedì 27 settembre 2010 ha approvato il regolamento per l’adozione di provvedimenti disciplinari a carico dei trasgressori alle disposizioni in materia di caccia, con sanzioni disciplinari che saranno accessorie e non pecuniarie.

                              «Un atto di altissima nobiltà da parte del mondo venatorio – dichiara l’assessore alla Caccia, Alessandro Cottini -. Sono infatti le associazioni dei cacciatori che hanno chiesto alla Provincia un regolamento che renda operative delle sanzioni accessorie. Sanzioni in più, quindi, rispetto alle norme che già oggi insistono sui cacciatori che compiono degli illeciti».

                              La Provincia di Bergamo e quella di Como diventano così le sole due province in Lombardia e le uniche in tutto il nord Italia a prevedere pene più severe. «È un passaggio importante perché da l’idea di quanto il mondo venatorio ami l’ambiente e la fauna selvatica e di quanto li voglia proteggere – prosegue l’assessore Cottini -, tanto da volersi dare un codice di autodisciplina e di autoregolamentazione».

                              «L’atto finale tiene dunque conto delle richieste fatte dalle associazioni e anche di alcune modifiche importanti presentate come emendamenti. Il Consiglio provinciale, infine, è compartecipe con l’approvazione di una delibera che non è di semplice disciplina ma nobilita tutto il mondo venatorio e anche l’Amministrazione pubblica».

                              http://www.ecodibergamo.it
                              Più buio che a mezzanotte non viene

                              COMMENTA


                              • Re: lombardi

                                Evidentemente gli piace tirarsi la zappa sui piedi!!!

                                COMMENTA

                                Pubblicita STANDARD

                                Comprimi

                                Ultimi post

                                Comprimi

                                Unconfigured Ad Widget

                                Comprimi
                                Sto operando...
                                X