annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

lombardi

Comprimi

Sostieni Mygra per la stagione venatoria 2020/21 - Offrici un caffè

Comprimi
Ciao, Ospite! Subito per te l'attivazione automatica dell' Account Premium per tutto l'anno! A partire dal N/A Ora: N/A
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #16
    Re: lombardi

    Bergamo: sconcerto del Cupav sulle deroghe

    mercoledì 21 luglio 2010
    Attraverso il suo portavoce Fortunato Busana, il Coordinamento Unitario Provinciale delle Associazioni Venatorie (Cupav) di Bergamo esprime sconcerto per quanto accaduto in commissione in merito all'iter delle deroghe. La maggioranza avrebbe infatti disertato i lavori pregiudicando il buon esito della legge stessa. Un gesto che pare vada di pari passo con la preannunciata intenzione della Lega Nord regionale di non voler dar corso quest'anno alle deroghe per evitare ulteriori sanzioni da parte dell'Unione europea.

    Il Cupav di Bergamo, che aveva monitorato con la massima attenzione l'iter approvativo delle cacce in deroga in Regione Lombardia, prende atto di tali comportamenti e annuncia una seduta straordinaria per organizzare iniziative in merito. “Ancora una volta veniamo colpiti da fuoco amico – scrive Busana - cioè, da chi abbiamo sostenuto alle ultime consultazioni elettorali. Quella delle deroghe è una decisione politica e come tale chi l'ha adottata se ne deve prendere tutte le responsabilità”.

    Secondo il portavoce del Cupav bergamasco la sentenza recentemente emessa dall'Unione Europea riguardo alle leggi di alcune regioni riferite a diverse annate non avrebbe dovuto influire in termini negativi sull'iter della legge in Commissione e in Consiglio regionale.

    “E' doveroso sottolineare – dichiara Busana - che da tempo le Associazioni venatorie stanno sollecitando il Governo ad attuare una modifica delle legge 157/92 al fine di armonizzarla al resto d'Europa. Tra queste modifiche vi sono anche quelle relative all'articolo 19 bis della stessa legge e di altre che recepissero le disposizioni e le direttive richieste dall'Unione Europea. E' auspicabile quindi che, senza indugio, lo Stato ed il Parlamento italiano apportino quelle modifiche necessarie per allinearci all'Europa, rendendo inattaccabili le leggi in materia venatoria nel metodo e nel merito”.
    A SanSimu',sarlode a svultulu'... Morti e santi,in culo ai uselanti...

    COMMENTA


    • #17
      Re: lombardi

      ciao ciao deroghe......ed un ringraziamento a tutti coloro che han votato la lega.....che come ho detto in un precedente messaggio in un altra regione invece sta spingendo per le deroghe.......coerenza...votate votate cacciatori...
      Casadur de la festa o chel piof o chel tempesta

      COMMENTA


      • #18
        Re: lombardi

        Originariamente inviato da duel
        ciao ciao deroghe......ed un ringraziamento a tutti coloro che han votato la lega.....che come ho detto in un precedente messaggio in un altra regione invece sta spingendo per le deroghe.......coerenza...votate votate cacciatori...
        come dice qualcuno, forse e' il giusto prezzo per aver preso a pedate Vanni.Mi spiace.
        Non c'è mondo per me aldilà delle mura di Verona: c'è solo purgatorio, c'è tortura, lo stesso inferno; bandito da qui, è come fossi bandito dal mondo, e l'esilio dal mondo vuol dir morte.

        COMMENTA


        • #19
          Re: lombardi

          Originariamente inviato da botahv79
          Originariamente inviato da duel
          ciao ciao deroghe......ed un ringraziamento a tutti coloro che han votato la lega.....che come ho detto in un precedente messaggio in un altra regione invece sta spingendo per le deroghe.......coerenza...votate votate cacciatori...
          come dice qualcuno, forse e' il giusto prezzo per aver preso a pedate Vanni.Mi spiace.
          vero Mirco peccato che nessuno rimpiangerà il Vanni anzi i nuovi signori seduti daran colpa alla sua legge bocciata dall'europa (ovviamente è falso) per giustificare il fatto di non legiferare le deroghe.........
          Casadur de la festa o chel piof o chel tempesta

          COMMENTA


          • #20
            Re: lombardi

            Per certi versi son contento,alla fine è quello che ci meritiamo....

            COMMENTA


            • #21
              Re: lombardi

              el sire apò a primò!

              COMMENTA


              • #22
                Re: lombardi

                Originariamente inviato da botahv79
                Originariamente inviato da duel
                ciao ciao deroghe......ed un ringraziamento a tutti coloro che han votato la lega.....che come ho detto in un precedente messaggio in un altra regione invece sta spingendo per le deroghe.......coerenza...votate votate cacciatori...
                come dice qualcuno, forse e' il giusto prezzo per aver preso a pedate Vanni.Mi spiace.
                hai ragione!!!

                COMMENTA


                • #23
                  Re: lombardi

                  Lombardia, ecco le novita

                  LOMBARDIA/CACCIA: COMMISSIONE APPROVA NUOVE REGOLE PER AMBITI

                  (ASCA) – Milano, 21 lug – Via libera in Commissione Agricoltura presieduta da Carlo Saffioti (Pdl) al provvedimento (relatore Dario Bianchi della Lega Nord) che consente l’utilizzo di richiami vivi della stessa specie, purche’ provenienti da allevamenti in cattivita’ o precedentemente catturati e inanellati dalle Province, e dalle stesse distribuite ai cacciatori.

                  Complessivamente potranno essere utilizzabili a tale scopo 1.548 esemplari di allodola, 11.318 di cesena, 4.206 di merlo, 21.060 di bottaccio e 10.444 di sassello, per un numero complessivo di richiami pari in Lombardia a 48.576 (quasi seimila in meno rispetto alla precedente stagione). La parte del leone spetta alla provincia di Brescia con 20 mila esemplari complessivi, seguita da Bergamo con 18.105 capi, Lecco Sondrio con 4.900, Como con 1.650 e Varese con 1.450.

                  La Commissione ha approvato con i soli voti contrari di Giovanni Pavesi e Francesco Prina (Pd) anche due emendamenti presentati dal Consigliere regionale Mauro Parolini (Pdl) che introducono alcune modifiche alla legge regionale n.26/93 che regola l’attivita’ venatoria lombarda, in particolare per quanto concerne gli ambiti territoriali di caccia e i comprensori alpini.

                  I cacciatori residenti in Lombardia, gia’ iscritti nella stagione precedente ad ambiti territoriali o comprensori alpini di caccia regionali diversi da quello di residenza anagrafica, avranno ora diritto alla permanenza associativa, confermando la propria iscrizione attraverso il solo pagamento della quota entro il 31 marzo di ogni anno.

                  ”In particolare per la stagione venatoria 2010-2011 – ha spiegato Parolini – i cacciatori lombardi soci nella stagione venatoria precedente di ambiti o comprensori alpini di caccia regionali diversi da quello di residenza, manterranno il diritto alla permanenza associativa procedendo al versamento della quota entro 15 giorni dalla pubblicazione della legge.
                  In questo modo – ha concluso Parolini – consolidiamo e stabilizziamo la situazione esistente, dando regole certe e chiare e concedendo nuove possibilita’ di mobilita’ solo ai nuovi cacciatori e ai giovani”. Infatti i neo cacciatori avranno diritto a essere associati nello stesso ambito territoriale o comprensorio alpino di caccia e a esercitare la stessa specializzazione venatoria dell’accompagnatore, mantenendo nelle stagioni successive il diritto di permanenza negli stessi luoghi. I figli di associati non residenti hanno sempre il diritto di cacciare insieme al genitore, nella stessa specializzazione e negli stessi luoghi di ammissione.

                  Soddisfazione e’ stata espressa dal presidente Carlo Saffioti (Pdl), che ha evidenziato la bonta’ del provvedimento che ”con la nuova formulazione evita il rischio di interpretazioni difformi tra le varie provincie lombarde, riconoscendo i diritti dei cacciatori nel rispetto degli equilibri territoriali di caccia”. Su sollecitazione di Gian Antonio Girelli (Pd) e Valerio Bettoni (Udc), Saffioti si e’ poi impegnato a chiedere all’Ufficio di Presidenza che il provvedimento approvato oggi in Commissione possa essere iscritto all’ordine del giorno del Consiglio regionale gia’ nella prima seduta utile di fine luglio successiva alla sessione di bilancio, senza attendere la seduta del 14 settembre. Dario Bianchi (Lega Nord) e Mario Barboni (Pd) hanno infine auspicato una revisione generale della legge n.26, ”tenendo conto che risale al lontano 1993 e va quindi aggiornata alla luce delle mutate esigenze e richieste manifestate dal mondo venatorio lombardo”.

                  Rinvio a settembre invece per il progetto di legge (relatore il capogruppo dell’Udc Gianmarco Quadrini) che disciplina le regole per l’esercizio dell’attivita’ venatoria lombarda per la stagione 2010-2011, frutto di un progetto di legge presentato e sottoscritto dallo stesso Quadrini, da Valerio Bettoni (Udc) e dal presidente della Commissione Carlo Saffioti (Pdl), il cui obiettivo era quello di regolamentare e autorizzare la caccia in deroga.

                  Dopo l’illustrazione del relatore, e’ infatti venuto meno il numero legale per il permanere sui banchi della Commissione dei soli Carlo Saffioti (Pdl), Valerio Bettoni e Gianmarco Quadrini (Udc), Gian Antonio Girelli e Mario Barboni (Pd).

                  Una situazione che ha dato luogo ha un duro intervento del Consigliere Valerio Bettoni, che ha accusato i Consiglieri di maggioranza, in particolare quelli della Lega Nord, di ”grave mancanza di serieta”’ e di non mantenere le promesse fatte in campagna elettorale. Sulla stessa lunghezza d’onda anche gli interventi di Quadrini, Girelli e Barboni, che, pur apprezzando l’atteggiamento del presidente Saffioti, hanno pero’ accusato la maggioranza di non volersi prendere le proprie responsabilita’ preferendo abbandonare i lavori senza confrontarsi sui problemi. ”Il Veneto guidato dal leghista e ex ministro Zaia – ha detto Barboni – ha approvato ieri la legge sulla caccia in deroga, perche’ la Lombardia si rifiuta di fare altrettanto?”.

                  Il presidente Carlo Saffioti, tra i firmatari del progetto di legge, ha auspicato che una soluzione condivisa e positiva possa essere trovata per l’inizio di settembre: ”Da una decina di anni a questa parte – ha detto Saffioti – Regione Lombardia ha sempre garantito l’esercizio della caccia in deroga. Alla luce delle sentenze europee intervenute, ora pero’ occorre forse un momento di riflessione e approfondimento tecnico: abbiamo il tempo per le valutazioni e gli approfondimenti del caso, mi auguro che si possa arrivare a portare in Consiglio regionale per la seduta del 14 settembre un provvedimento condiviso che superi ogni eventuale dubbio di legittimita”’.

                  res/mcc/alf

                  (Asca)

                  res/mcc/alf

                  (Asca)

                  http://www.asca.it
                  Il vero cacciatore ama gli animali a cui dà la caccia, forse anche perché li considera complici di questa passione in cui ritrova la sua origine esistenziale.
                  Indro Montanelli


                  Ciao Mauro,amico mio!

                  COMMENTA


                  • #24
                    Re: lombardi

                    a questo punto aspettiamo fiduciosi la seduta del 14 settembre

                    COMMENTA


                    • #25
                      Re: lombardi

                      sperate non tocchino la legge regionale.....se lo fanno questi in accordo col pd son solo danni...
                      Non c'è mondo per me aldilà delle mura di Verona: c'è solo purgatorio, c'è tortura, lo stesso inferno; bandito da qui, è come fossi bandito dal mondo, e l'esilio dal mondo vuol dir morte.

                      COMMENTA


                      • #26
                        Re: lombardi

                        Personalmente non sono stupito dell'atteggiamento del cosidetto partito "amico delle tradizioni", sono mesi che vado ripetendo che quest'anno per noi lombardi le deroghe sarebbero state solo un utopia.
                        Permettetemi però di togliermi un sassolino dalla scarpa...qualcuno dovrebbe ricordare al dott. Busana che la sua sua associazione venatoria (ACL) è stata una delle artefici del boicottaggio politico di Vanni in favore della lega e in particolare della trota figlio di papà. Ora mi sembra quanto meno "incoerente" (per non usare altri termini ben più pesanti) cercare di fare marcia indietro e scaricare su altri questo fallimento.
                        Dimenticavo, ce ne sarebbe anche per gli amici della FIDC, visto che ieri insieme a tutto il gruppo Lega ha abbondonato l'Aula anche il Consigliere Parolini.
                        Più buio che a mezzanotte non viene

                        COMMENTA


                        • #27
                          Re: lombardi

                          Originariamente inviato da Diego
                          Personalmente non sono stupito dell'atteggiamento del cosidetto partito "amico delle tradizioni", sono mesi che vado ripetendo che quest'anno per noi lombardi le deroghe sarebbero state solo un utopia.
                          Permettetemi però di togliermi un sassolino dalla scarpa...qualcuno dovrebbe ricordare al dott. Busana che la sua sua associazione venatoria (ACL) è stata una delle artefici del boicottaggio politico di Vanni in favore della lega e in particolare della trota figlio di papà. Ora mi sembra quanto meno "incoerente" (per non usare altri termini ben più pesanti) cercare di fare marcia indietro e scaricare su altri questo fallimento.
                          Dimenticavo, ce ne sarebbe anche per gli amici della FIDC, visto che ieri insieme a tutto il gruppo Lega ha abbondonato l'Aula anche il Consigliere Parolini.

                          di cosa ti meravigli Diego?Il quadro di quei personaggi era gia' dipinto da mesi...
                          Non c'è mondo per me aldilà delle mura di Verona: c'è solo purgatorio, c'è tortura, lo stesso inferno; bandito da qui, è come fossi bandito dal mondo, e l'esilio dal mondo vuol dir morte.

                          COMMENTA


                          • #28
                            Re: lombardi

                            Infatti caro non mi meraviglio di nulla..sono mesi che lo sostengo (prendendomi del pessimista)
                            Più buio che a mezzanotte non viene

                            COMMENTA


                            • #29
                              Re: lombardi

                              Originariamente inviato da Diego
                              Infatti caro non mi meraviglio di nulla..sono mesi che lo sostengo (prendendomi del pessimista)
                              o cacchio vuoi vedere che è il Diego che... ..lo iettatore... ..ridiamoci su........
                              Casadur de la festa o chel piof o chel tempesta

                              COMMENTA


                              • #30
                                Re: lombardi

                                Lombardia, Lega e Pdl lasciano l’aula
                                Caccia, sorpresa in Regione – La maggioranza lascia l’aula
                                IL DIBATTITO. Commissione movimentata sulle «deroghe» dopo il richiamo europeo e il rischio sanzioni per la Lombardia. Lega e Pdl abbandonano la seduta all’inizio della relazione. Rischio di slittamento a settembre se non ci sarà una mediazione

                                Brescia. La maggioranza in Aventino. Un curioso caso di ostruzione al contrario. È successo ieri durante la Commissione regionale agricoltura che doveva affrontare due questioni decisive per regolamentare la prossima stagione venatoria. Lega e Pdl hanno abbandonato l’aula rifiutando il confronto con i consiglieri di Pd e Udc e lasciando la commissione senza il numero legale. Dopo il via libera al provvedimento per l’utilizzo dei richiami vivi e alle nuove regole negli ambiti di caccia (queste ultime legate a due emendamenti presentate dal consigliere bresciano Mauro Parolini), non è stato possibile affrontare compiutamente il capitolo della caccia in deroga. Ora il rischio è che la questione slitti a settembre.
                                QUANDO il consigliere bresciano, Gianmarco Quadrini, ha iniziato a illustrare il provvedimento, infatti, i partiti di maggioranza se ne sono andati. In aula, oltre al presidente Carlo Saffiotti (Pdl) solo Udc e Pd. Il nodo, secondo i consiglieri rimasti, non sarebbe tuttavia da ricondurre ad uno scontro con Bruxelles – che nei giorni scorsi si era espresso contro le normative lombarde – (di fatto, secondo Quadrini, già risolto con le correzioni regolamentari dell’ultimo quinquennio) ma alla latitanza dell’Ispra, l’ex istituto nazionale per la fauna selvatica. Quindi ad uno scontro politico in atto nella maggioranza.
                                «Un gesto inaudito e irresponsabile – è stato definito dai Consiglieri dell’Unione di Centro al Pirellone, Gianmarco Quadrini e Valerio Bettoni -: perchè la maggioranza ha la responsabilità di affrontare e governare i problemi». «Di fronte alla nostra proposta di legge ? hanno spiegato – chi in campagna elettorale ha speso parole e promesse verso il mondo venatorio ha preferito nascondersi senza motivare la scelta e, proprio a ridosso del’inizio della stagione venatoria, ha lasciato alle associazioni dei cacciatori lombardi un grave vuoto normativo. Un comportamento paradossale e irrispettoso che pone Regione Lombardia in ritardo rispetto ad altre Regioni italiane che hanno già trovato un quadro normativo soddisfacente e condiviso».
                                L’INTENZIONE di non entrare in una partita politica che vede una spaccatura locale e nazionale nella maggioranza sembra chiara anche secondo la ricostruzione di Gianni Girelli, consigliere regionale Pd e componente della commissione che a margine della seduta ha spiegato: «Sul primo provvedimento dei richiami Ue è strano che non sia stato messo all’ordine del giorno dei consigli di luglio. È stato chiesto da noi che venisse messo in discussione nei consigli di fine mese». Il nodo è quindi tutto politico: «facciamo nuovamente i conti con l’incapacità della maggioranza di sviluppare un discorso trasversale per una soluzione condivisa» ha aggiunto Girelli, che rilancia: «sul discorso delle deroghe abbiamo dato la disponiblità pur con la difficoltà che in maniera trasversale coinvolge tutti i gruppi». Il rischio di far slittare tutto a settembre a questo punto può essere evitato soltanto con una mediazione che anticipi i tempi e porti la discussione al consiglio regionale. Per questo è chiaro il monito di Quadrini che lascia le porte aperte: «siamo ancora in tempo».
                                Giovanni Armanini

                                http://www.bresciaoggi.it
                                A SanSimu',sarlode a svultulu'... Morti e santi,in culo ai uselanti...

                                COMMENTA

                                Pubblicita STANDARD

                                Comprimi

                                Ultimi post

                                Comprimi

                                Unconfigured Ad Widget

                                Comprimi
                                Sto operando...
                                X