annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Sanzioni amministrative nella caccia

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (50%) dei costi necessari.
Questa è una discussione evidenziata.
X
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Sanzioni amministrative nella caccia

    Con regolamenti venatori cosi ferrei credo che sia d'obbligo conoscere, in caso di infrazione, l'esatto ammontare delle sanzioni amministrative a cui potremmo andare in contro nel caso di:
    • Abbattimento di una specie protetta
      Abbattimento di una specie Particolarmente protetta
      Abbattimento di una specie cacciabile, nelle modalità e nei tempi non previsti dal calendario Venatorio. ( Es Capriolo non di selezione, Beccaccia allo Sfollo, Merlo in gennaio etc..)
      Mancata annotazione della giornata venatoria.
      Mancata raccolta dei bossoli.
      Attraversamento di un fondo chiuso
      Caccia in zone di divieto
      Utilizzo di un calibro non consentito ( Es Cal 22)
      Caccia fuori orario
      Utilizzo di apparecchi acustici ai fini di richiamo
      Creazione di un capanno temporaneo con flora protetta
      Caccia in aree coltivate
      Caccia senza rinnovo o PDA
    marino graziani piace questo post.
    La caccia non ha bisogno di mediazioni politiche, ma ha bisogno di essere difesa con forza!

  • #2
    Re: Sanzioni amministrative nella caccia

    Ottima idea Marco.
    Immagino che la tua sia una richiesta, a qualche esperto di leggi, di elencare le ammende previste per ciascuno dei reati sopra elecati.
    Grazie di nuvo e ciao.
    Saluti Franco

    COMMENTA


    • #3
      Re: Sanzioni amministrative nella caccia

      Ottimo....penso che il nostro avvocato Apache dovrebbe mettersi all'opera...compatibilmente con i suoi impegni.
      ENZO.

      La sinistra solo per sparare...sono mancino.

      COMMENTA


      • #4
        Re: Sanzioni amministrative nella caccia

        Si, logicamente devono essere dati veritieri e non parziali o teorici.
        Se qualcuno ha qualche libretto con le leggi e i regolamenti, magari qualche G.V iscritta al forum... puo' aiutarci.
        Io ho un vecchio vademecum con delle sanzioni espresse in lire. Appena risalta fuori inserisco un po' di dati.

        Questo TOPIC è interessante, una volta completato sara' convertito come guida e portato in rilirevo nel BLOG, quindi credo che debba essere curato e letto con attenzione.
        "Il Regolamento venatorio è molto restrittivo e persino un fuoco acceso puo' essere sanzionabile"

        Credo che sotto questo aspetto dovremmo tutelarci il piu' possibile, anche perche' ci sono delle giornate che qualche agente di viglianza, sembra venire proprio per battere cassa, stile Autovelox nascosti dietro i bidoni dell' immondizia.

        Premetto inoltre che molti illeciti oltre che alla sanzione prevedono anche il ritiro del Fucile, del tesserino e del P.D.A forzandoci ad uno stop a volte anche di anni. Quindi è bene essere informati su tutto. Compresi i nostri diritti durante un controllo.
        La caccia non ha bisogno di mediazioni politiche, ma ha bisogno di essere difesa con forza!

        COMMENTA


        • #5
          Re: Sanzioni amministrative nella caccia

          Direi indispensabile, bravo ancora admin...
          Orgoglioso di essere nato cacciatore

          COMMENTA


          • #6
            Re: Sanzioni amministrative nella caccia

            Ottima idea davvero!
            Ciao Dome,
            LA caccia è passione

            COMMENTA


            • #7
              Re: Sanzioni amministrative nella caccia

              Inoltre, credo sia utilissimo conoscere se le sanzioni amministrative, hanno ripercussioni sul rinnovo del PDA, e se si in che modo.
              "Lo stile è il baluardo contro cui si infrange la babele
              delle razze che non valeva la pena di selezionare
              per tornare a confondere"
              Giulio Colombo

              COMMENTA


              • #8
                Re: Sanzioni amministrative nella caccia

                Bell'idea Marco molto utile, sperando che non ce ne sia mai bisogno!!!


                ---scric---
                Caccia Caccia Caccia Caccia Caccia Caccia Caccia Caccia Caccia Caccia Caccia Caccia Caccia Caccia Caccia Caccia Caccia Caccia Caccia Caccia Caccia Caccia Caccia Caccia Caccia Caccia Caccia Caccia Caccia Caccia

                COMMENTA


                • #9
                  Re: Sanzioni amministrative nella caccia

                  Bella idea!
                  Umile son ed umiltà me basta, dragon diventerò se alcun me tasta!

                  COMMENTA


                  • #10
                    Re: Sanzioni amministrative nella caccia

                    Bravi ragazzi! Penso sia utilissimo per tutti....
                    Ancora un grazie a tutti Voi.

                    COMMENTA


                    • #11
                      Re: Sanzioni amministrative nella caccia

                      Allora questo quello che ho trovato:
                      Le cifre sono espresse in Lire
                      SANZIONI PENALI
                      • Caccia in periodo di divieto Generale: Ammenda da 1.800.000 a 5.000.000
                        Caccia nei parchi Nazionali, Riserve naturali, Oasi, Zone Ripopolamento e cattura, Parchi e giardini, terreni adibiti ad attività sportive da 900.000 a 3.000.000
                        Uccellagione da 1.500.000 a 4.000.000
                        Caccia nei giorni di Silenzio venatorio Ammenda fino a 1.000.000
                        Abbattimento di fringillidi in numero superiore a 5, esercizio della caccia con mezzi vietati, Utilizzo di richiami vivi vietati ammenda fino a 3.000.000
                        Caccia da Autoveicoli o natanti Ammenda fino a 4.000.000


                      SANZIONI AMMINISTRATIVE
                      • Caccia in una forma diversa da quella prescelta Ammenda da 400 a 2.400.000
                        Caccia senza polizza di assicurazione da 200 a 1.200.000
                        Caccia senza versamento delle tasse di concessione governativa o regionale da 300 a 1.800.000
                        Caccia senza autorizzazione all' interno di Aziende Faunistico venatorie da 300 a 1.800.000
                        Caccia in un Fondo chiuso da 200 a 1.200.000
                        Caccia in orario non consentito, abbattimento di Fringillidi non superiore a 5 da 200 a 1.200.000
                        Utilizzo di richiami vivi non autorizzati da 300 a 1.800.000
                        Mancanza di annotazioni sul tesserino da 150 a 900.000
                        Importazione di fauna selvatica dall'estero da 150 a 900.000 a Capo
                        Mancanza di esibizione della licenza tesserino polizza assicurativa e versamenti da 50 a 300.000 La sanzione è ridotta al minimo se l'interessato esibisce il documento entro 5 giorni


                      Oltre alle sanzioni amministrative applicate, in alcuni casi sono previsti anche la sospensione della licenza del porto di fucile per uso caccia.
                      NEI PROSSIMI GIORNI INSERIRO' LA RESTANTE DOCUMENTAZIONE
                      La caccia non ha bisogno di mediazioni politiche, ma ha bisogno di essere difesa con forza!

                      COMMENTA


                      • #12
                        Re: Sanzioni amministrative nella caccia

                        Ottima ed utilissima idea,veramente tanti complimenti.

                        COMMENTA


                        • #13
                          Re: Sanzioni amministrative nella caccia

                          Mi ero ripromesso di fare una specie di "prontuario" ( tra l'atro , oltre che esperto in materia venatoria e di armi, sono anchio una GG.VV. ).
                          avevo anche in mente di fare un sunto delle principali leggi regionali , solo che Marco mi deve insegnare come si fa un blog. ( sono veramente un imbranatao del computer).

                          X Marco.
                          Concludi il tuo specchietto inserendo l'art.32 , che molti cacciatori non conoscono e che comporta le serie sanzioni accessorie amministrative.mi permetto un suggerimento: visto che nella Home page c'è il testo della legge guadro sulla caccia, perchè non ne trasferisci una copia anche in questo forum?
                          apache -

                          COMMENTA


                          • #14
                            Re: Sanzioni amministrative nella caccia

                            Provo ad incollare gli articoli della 157 che riguardano le sanzioni penali ed amministarative vediamo se ci riesco:

                            Articolo 30

                            (Sanzioni penali)

                            1. Per le violazioni delle disposizioni, della presente legge e delle leggi regionali si applicano le seguenti sanzioni:

                            a) l'arresto da tre mesi ad un anno o l'ammenda da lire 1.800.000 a lire 5.000.000 per chi esercita la caccia in periodo di divieto generale, intercorrente tra la data di chiusura e la data di apertura fissata dall'articolo 18;

                            b) l'arresto da due a otto mesi o l'ammenda da lire 1.500.000 a lire 4.000.000 per chi abbatte, cattura o detiene mammiferi o uccelli compresi nell'elenco di cui all'articolo 2;

                            c) l'arresto da tre mesi ad un anno e l'ammenda da lire 2.000.000 a lire 12.000.000 per chi abbatte, cattura o detiene esemplari di orso, stambecco, camoscio d'Abruzzo, muflone sardo;

                            d) l'arresto fino a sei mesi e l'ammenda da lire 900.000 a lire 3.000.000 per chi esercita la caccia nei parchi nazionali, nei parchi naturali regionali, nelle riserve naturali, nelle oasi di protezione, nelle zone di ripopolamento e cattura, nei parchi e giardini urbani, nei terreni adibiti ad attività sportive;

                            e) l'arresto fino ad un anno o l'ammenda da lire 1.500.000 a lire 4.000.000 per chi esercita l'uccellagione;

                            f) l'arresto fino a tre mesi o l'ammenda fino a lire 1.000.000 per chi esercita la caccia nei giorni di silenzio venatorio;

                            g) l'ammenda fino a lire 6.000.000 per chi abbatte, cattura o detiene esemplari appartenenti alla tipica fauna stanziale alpina, non contemplati nella lettera b), della quale sia vietato l'abbattimento;

                            h) l'ammenda fino a lire 3.000.000 per chi abbatte, cattura o detiene specie di mammiferi o uccelli nei cui confronti la caccia non è consentita o fringillidi in numero superiore a cinque o per chi esercita la caccia con mezzi vietati. La stessa pena si applica a chi esercita la caccia con l'ausilio di richiami vietati di cui all'articolo 21, comma 1, lettera r). Nel caso di tale infrazione si applica altresì la misura della confisca dei richiami (Nota 7);

                            i) l'arresto fino a tre mesi o l'ammenda fino a lire 4.000.000 per chi esercita la caccia sparando da autoveicoli, da natanti o da aeromobili;

                            l) l'arresto da due a sei mesi o l'ammenda da lire 1.000.000 a lire 4.000.000 per chi pone in commercio o detiene a tal fine fauna selvatica in violazione della presente legge. Se il fatto riguarda la fauna di cui alle lettere b), c) e g), le pene sono raddoppiate.

                            2. Per la violazione delle disposizioni della presente legge in materia di imbalsamazione e tassidermia si applicano le medesime sanzioni che sono comminate per l'abbattimento degli animali le cui spoglie sono oggetto del trattamento descritto. Le regioni possono prevedere i casi e le modalità di sospensione e revoca dell'autorizzazione all'esercizio dell'attività di tassidermia e imbalsamazione.

                            3. Nei casi di cui al comma 1 non si applicano gli articoli 624, 625 e 626 del codice penale (Nota 8). Salvo quanto espressamente previsto dalla presente legge, continuano ad applicarsi le disposizioni di legge e di regolamento in materia di armi.

                            4. Ai sensi dell'articolo 23 del testo unico delle leggi costituzionali concernenti lo statuto speciale per il Trentino-Alto Adige, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 31 agosto 1972, n. 670, le sanzioni penali stabilite dal presente articolo si applicano alle corrispondenti fattispecie come disciplinate dalle leggi provinciali (Nota 9).

                            Articolo 31

                            (Sanzioni amministrative)

                            1. Per le violazioni delle disposizioni della presente legge e delle leggi regionali, salvo che il fatto sia previsto dalla legge come reato, si applicano le seguenti sanzioni amministrative:

                            a) sanzione amministrativa da lire 400.000 a lire 2.400.000 per chi esercita la caccia in una forma diversa da quella prescelta ai sensi dell'articolo 12, comma 5;

                            b) sanzione amministrativa da lire 200.000 a lire 1.200.000 per chi esercita la caccia senza avere stipulato la polizza di assicurazione; se la violazione è nuovamente commessa, la sanzione è da lire 400.000 a lire 2.400.000;

                            c) sanzione amministrativa da lire 300.000 a lire 1.800.000 per chi esercita la caccia senza aver effettuato il versamento delle tasse di concessione governativa o regionale; se la violazione è nuovamente commessa, la sanzione è da lire 500.000 a lire 3.000.000;

                            d) sanzione amministrativa da lire 300.000 a lire 1.800.000 per chi esercita senza autorizzazione la caccia all'interno delle aziende faunistico-venatorie, nei centri pubblici o privati di riproduzione e negli ambiti e comprensori destinati alla caccia programmata; se la violazione è nuovamente commessa, la sanzione è da lire 500.000 a lire 3.000.000; in caso di ulteriore violazione la sanzione è da lire 700.000 a lire 4.200.000. Le sanzioni previste dalla presente lettera sono ridotte di un terzo se il fatto è commesso mediante sconfinamento in un comprensorio o in un ambito territoriale di caccia viciniore a quello autorizzato;

                            e) sanzione amministrativa da lire 200.000 a lire 1.200.000 per chi esercita la caccia in zone di divieto non diversamente sanzionate; se la violazione è nuovamente commessa, la sanzione è da lire 500.000 a lire 3.000.000;

                            f) sanzione amministrativa da lire 200.000 a lire 1.200.000 per chi esercita la caccia in fondo chiuso, ovvero nel caso di violazione delle disposizioni emanate dalle regioni o dalle province autonome di Trento e di Bolzano per la protezione delle coltivazioni agricole; se la violazione è nuovamente commessa, la sanzione è da lire 500.000 a lire 3.000.000;

                            g) sanzione amministrativa da lire 200.000 a lire 1.200.000 per chi esercita la caccia in violazione degli orari consentiti o abbatte, cattura o detiene fringillidi in numero non superiore a cinque; se la violazione è nuovamente commessa, la sanzione è da lire 400.000 a lire 2.400.000;

                            h) sanzione amministrativa da lire 300.000 a lire 1.800.000 per chi si avvale di richiami non autorizzati, ovvero in violazione delle disposizioni emanate dalle regioni ai sensi dell'articolo 5, comma 1; se la violazione è nuovamente commessa, la sanzione è da lire 500.000 a lire 3.000.000;

                            i) sanzione amministrativa da lire 150.000 a lire 900.000 per chi non esegue le prescritte annotazioni sul tesserino regionale;

                            l) sanzione amministrativa da lire 150.000 a lire 900.000 per ciascun capo, per chi importa fauna selvatica senza l'autorizzazione di cui all'articolo 20, comma 2; alla violazione consegue la revoca di eventuali autorizzazioni rilasciate ai sensi dell'articolo 20 per altre introduzioni;

                            m) sanzione amministrativa da lire 50.000 a lire 300.000 per chi, pur essendone munito, non esibisce, se legittimamente richiesto, la licenza, la polizza di assicurazione o il tesserino regionale; la sanzione è applicata nel minimo se l'interessato esibisce il documento entro cinque giorni.

                            2. Le leggi regionali prevedono sanzioni per gli abusi e l'uso improprio della tabellazione dei terreni.

                            3. Le regioni prevedono la sospensione dell'apposito tesserino di cui all'articolo 12, comma 12, per particolari infrazioni o violazioni delle norme regionali sull'esercizio venatorio.

                            4. Resta salva l'applicazione delle norme di legge e di regolamento per la disciplina delle armi e in materia fiscale e doganale.

                            5. Nei casi previsti dal presente articolo non si applicano gli articoli 624, 625 e 626 del codice penale.

                            6. Per quanto non altrimenti previsto dalla presente legge, si applicano le disposizioni della legge 24 novembre 1981, n. 689, e successive modificazioni (Nota 10).

                            Articolo 32

                            (Sospensione, revoca e divieto di rilascio della licenza di porto di fucile per uso di caccia. Chiusura o sospensione dell'esercizio)

                            1. Oltre alle sanzioni penali previste dall'articolo 30, nei confronti di chi riporta sentenza di condanna definitiva o decreto penale di condanna divenuto esecutivo per una delle violazioni di cui al comma 1 dello stesso articolo, l'autorità amministrativa dispone:

                            a) la sospensione della licenza di porto di fucile per uso di caccia, per un periodo da uno a tre anni, nei casi previsti dal predetto articolo 30, comma 1, lettere a), b), d), ed i), nonché, relativamente ai fatti previsti dallo stesso comma, lettere f), g) e h), limitatamente alle ipotesi di recidiva di cui all'articolo 99, secondo comma, n. 1, del codice penale;

                            b) la revoca della licenza di porto di fucile per uso di caccia ed il divieto di rilascio per un periodo di dieci anni, nei casi previsti dal predetto articolo 30, comma 1, lettere c) ed e), nonché, relativamente ai fatti previsti dallo stesso comma, lettere d) ed i), limitatamente alle ipotesi di recidiva di cui all'articolo 99, secondo comma, n. 1, del codice penale;

                            c) l'esclusione definitiva della concessione della licenza di porto di fucile per uso di caccia, nei casi previsti dal predetto articolo 30, comma 1, lettere a), b), c) ed e), limitatamente alle ipotesi di recidiva di cui all'articolo 99, secondo comma, n. 1, del codice penale;

                            d) la chiusura dell'esercizio o la sospensione del relativo provvedimento autorizzatorio per un periodo di un mese, nel caso previsto dal predetto articolo 30, comma 1, lettera l); nelle ipotesi di recidiva di cui all'articolo 99, secondo comma, n. 1, del codice penale, la chiusura o la sospensione è disposta per un periodo da due a quattro mesi.

                            2. I provvedimenti indicati nel comma 1 sono adottati dal questore della provincia del luogo di residenza del contravventore, a seguito della comunicazione del competente ufficio giudiziario, quando è effettuata l'oblazione ovvero quando diviene definitivo il provvedimento di condanna.

                            3. Se l'oblazione non è ammessa, o non è effettuata nei trenta giorni successivi all'accertamento, l'organo accertatore dà notizia delle contestazioni effettuate a norma dell'articolo 30, comma 1, lettere a), b), c), d), e) ed i), al questore, il quale può disporre la sospensione cautelare ed il ritiro temporaneo della licenza a norma delle leggi di pubblica sicurezza.

                            4. Oltre alle sanzioni amministrative previste dall'articolo 31, si applica il provvedimento di sospensione per un anno della licenza di porto di fucile per uso di caccia nei casi indicati dallo stesso articolo 31, comma 1, lettera a), nonché, laddove la violazione sia nuovamente commessa, nei casi indicati alle lettere b), d), f) e g) del medesimo comma. Se la violazione di cui alla citata lettera a) è nuovamente commessa, la sospensione è disposta per un periodo di tre anni.

                            5. Il provvedimento di sospensione della licenza di porto di fucile per uso di caccia di cui al comma 4 è adottato dal questore della provincia del luogo di residenza di chi ha commesso l'infrazione, previa comunicazione, da parte dell'autorità amministrativa competente, che è stato effettuato il pagamento in misura ridotta della sanzione pecuniaria o che non è stata proposta opposizione avverso l'ordinanza-ingiunzione ovvero che è stato definito il relativo giudizio.

                            6. L'organo accertatore dà notizia delle contestazioni effettuate a norma del comma 4 al questore, il quale può valutare il fatto ai fini della sospensione e del ritiro temporaneo della licenza a norma delle leggi di pubblica sicurezza.
                            se vuoi che l'amicizia si mantenga..... una mano vada e l'altra venga

                            COMMENTA


                            • #15
                              Re: Sanzioni amministrative nella caccia

                              Quali sono le sanzioni aggiornate in questi casi?

                              Abbattimento di una specie protetta
                              Abbattimento di una specie Particolarmente protetta
                              Abbattimento di una specie cacciabile, nelle modalità e nei tempi non previsti dal calendario Venatorio. ( Es Capriolo non di selezione, Beccaccia allo Sfollo, Merlo in gennaio etc..)

                              COMMENTA

                              Pubblicita STANDARD

                              Comprimi

                              Ultimi post

                              Comprimi

                              Unconfigured Ad Widget

                              Comprimi
                              Sto operando...
                              X