annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Per un furto di 38 anni fa gli fu negato il porto d’armi. Il Tar accoglie il ricorso

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2020

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (6%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Per un furto di 38 anni fa gli fu negato il porto d’armi. Il Tar accoglie il ricorso



    Il cacciatore, dopo che per anni aveva rinnovato senza difficoltà il porto d’armi nell’ottobre del 2017 si era visto rigettare la domanda dalla Questura.

    Motivo: fu condannato per furto il 27 giugno del 1980 con pena di 15 giorni di reclusione e 15.000 lire di multa. La vicenda penale si era chiusa con un provvedimento di riabilitazione nel maggio del 1987.

    Quella condanna era però ricomparsa in un provvedimento amministrativo molti anni dopo in seguito ad un’intepretazione più restrittiva data dal Consiglio di Stato sui reati ostativi al rinnovo indicati dall’articolo 43 del Tulps. Il ricorso al Tar del cacciatore, difeso dagli avvocati Andrea Antolini e Andrea Valorzi, è stato però accolto.

    In sentenza il Tar è tornato ad esprimersi su un argomento già più volte trattato in passato. In questo caso i giudici rilevano che, «poiché nel caso ora in esame la condanna del ricorrente risale al 1980, ossia a data antecedente l’entrata in vigore della legge numero 689/1981, un’interpretazione costituzionalmente orientata del quadro normativo di riferimento induce ad escludere il carattere automaticamente ostativo della stessa e a postulare una valutazione in ordine alla ricorrenza dei presupposti per applicare il beneficio della conversione previsto dalla predetta legge».

    In ragione della tenuità del fatto (furto di due o tre litri di benzina) il diniego al rinnovo del porto d’armi non doveva essere automatico, ma valutato per verificare «se il ricorrente desse o meno “affidamento di non abusare delle armi”, tenendo conto non solo della condanna, ma anche di elementi quali l’epoca remota della stessa, la riabilitazione nel frattempo intervenuta e la condotta complessiva successivamente tenuta dall’interessato». Il ricorso è stato dunque accolto. Ora l’amministrazione dovrà rivalutare la domanda di rinnovo.



    Fonte:ladige.it
    CHI AMA LA CACCIA VIVE LA NATURA sigpic

  • #2
    Per me chi ruba "2-3 litri di benzina" non merita il pda, io la gente che ruba non la sopporto minimamente
    Sennò è inutile vantarsi tanto tipo "ho il pda quindi sono lindo e onesto come un bimbo"
    diego av e giovannit. piace questo post.
    colombaccio a curata............erezione assicurata!

    COMMENTA


    • #3
      Concordo che chi ruba,ha rubato non debba avere il pda .....penoso che gli venga tolto nel 2017 per un reato del 1980 ! Non gle lo dovevano dare allora...ma se la legge lo consentiva dopo l'archiviazione in quegli anni e non ha commesso reati in quest'ultimi 30... mi sembra una stupida applicazione della restrizione su' i reati ostativi per un furto di qualche litro di benzina e 15 giorni di condanna e 15.000 lire di multa ! Le cazzate tipo questa che potevan comportar una denuncia potremmo averle fatte piu' o meno tutti in gioventu',specie se s'e' cresciuti in un quartiere popolare...chi e' stato beccato e ha pagato il conto con la giustizia per una mela o giu' di li' ok...ma che poi gli si presenti un ulteriore conto dopo quasi 40anni .....mi pare eccessivo ! Facessero piu' attenzione a chi rilasciano i nuovi pda....magari !?! Un saluto.
      livia1968 e walker960walker piace questo post.

      "e si cara bella gente,staro' li' a sogna' beatamente....perche' in fonno de 'sto poro monno,ormai,nun me ne po' proprio piu' frega'niente!

      Anzi....mo' ve lo dico: con grande gioia rincontrero' n'Amico!"

      CIAO MAURE' !!!

      Tributo al piu' grande.......clicca sotto !!!
      https://www.youtube.com/watch?v=bYTJ-MzxkkY

      COMMENTA


      • #4
        Concordo con Achille in tutto e per tutto..... se no la riabilitazione a che serve? E poi per cose così lievi! E come dire; faccio un incidente con la macchina a torto e non mi danno più la patente.
        livia1968 e erchiappetta piace questo post.
        Ciao Mauretto, sarai sempre nei miei pensieri.
        Sta il cacciator fischiando
        sull'uscio a rimirar..........

        COMMENTA


        • #5
          sarà...
          ma c'era, nel 1984, un giovane Cimbellatore a cui un simpatico e da riabilitare figlio di P fregò il Bravino (tanto "meritato" per quanto "sudato" sui libri di scuola)
          il Cimbellatore di ora non avrebbe problemi oggi a rinchiudere cent'anni quel ladro in una galera africana, anche dopo 34 anni
          e nessun problema a rinchiudere cent'anni quello che si è fottuto lo scooter nel 2003, o quelli del mì onestissimo babbo per tre volte nell'arco di una trentina d'anni
          di tutti questi discorsi lo sapete cos'è che resiste di più, cos'è che resta? LE RATE. Quelle non te le ruba nessuno.
          colombaccio a curata............erezione assicurata!

          COMMENTA


          • #6
            Gianlu'........nel tuo caso parliamo di furto d'un motorino ! Quindi un reato "serio" diciamo.....come quello dello scooter del 2003...se c'e' condanna ok..se non c'e' riabilitazione ok...nessuna licenza: ne allora ..ne mai !
            Qua' stamo a parla' de qualche litro de benzina nell'80...e gl'avevano dato la riabilitazione ,...non aveva commesso piu' reati,aveva poi conseguito la licenza di caccia e gl'hanno tolta nel 2017....kafkiano direi !

            Cmq se il bravo di cui parli era questo



            e' stato meglio cosi'.....e' sempre stato lo "sfigato" tra tutti i Piaggio anni '80...avresti potuto avere problemi adoscenziali !

            Ciao .....scherzo : pure a me han fregato l' R4 nell'88 e ancora mi ci rode il cu@o !
            Michele !, walker960walker e livia1968 piace questo post.

            "e si cara bella gente,staro' li' a sogna' beatamente....perche' in fonno de 'sto poro monno,ormai,nun me ne po' proprio piu' frega'niente!

            Anzi....mo' ve lo dico: con grande gioia rincontrero' n'Amico!"

            CIAO MAURE' !!!

            Tributo al piu' grande.......clicca sotto !!!
            https://www.youtube.com/watch?v=bYTJ-MzxkkY

            COMMENTA


            • #7
              Io da piccina ho rubato una gomma da cancellare in una cartoleria. Mi piaceva il profumo. Accompagnavo mia madre a comprare L attrezzatura per la scuola. Vabbè non mi hanno mai beccata, però oggi non riruberei! Lo giuro!
              erchiappetta piace questo post.
              "Ci fu un'epoca in cui, se si incontravano altri esseri, non si sapeva con certezza se erano animali o dèi o signori di una specie o demoni o antenati. O semplicemente uomini. Un giorno, che durò molte migliaia di anni, Homo fece qualcosa che nessun altro ancora aveva tentato. Cominciò a imitare quegli stessi animali che lo perseguitavano: i predatori. E diventò cacciatore" Roberto Calasso

              COMMENTA


              • #8
                Ho un amico che nel 1971 e dico 1971, in una discarica, dopo 3 mesi che lo vedeva sempre nel solito posto, prelevò un carburatore da un motorino. Venne preso è condannato ad un mese. Nel 1973 gli venne data la licenza di caccia e dopo 10 anni ottenne anche la riabilitazione. L'anno scorso al momento del rinnovo della licenza gli è stata negata, Questa è giustizia. Credo di no. I casi sono due o, non doveva essergli stata data allora, o adesso è solo perchè è un cacciatore. La legge dice che il prefetto e il Questore nel rilasciare le licenze di loro competenza, hanno la facoltà di negare o meno dette licenze, ad eccezione di quelle per il rilascio dei porto d'armi per uso caccia che devono essere negate, W L'ITALIA.
                erchiappetta piace questo post.
                ognuno è artefice della propria fortuna

                COMMENTA


                • #9
                  E j'ha detto puro bbene che nun abbita in un paese mussurmano, che senno' je tajaveno la mano destra. Poi magara puro se te riabbilitano doppo un po' de anni, la mano spiccata mica te la riattaccheno.
                  CHI SE FA PECORA OBBEDISCE AR PECORARO!

                  COMMENTA


                  • #10
                    Per me i reati che dovrebbero essere considerati ostativi alla concessione del pda dovrebbero essere solo quelli di sangue o che minacciano quella gravità. Una persona che ha rubato, o condannato per fallimento, omicidio colposo a seguito di incidente stradale su che basi lo consideri pericoloso per l'integrità altrui? E' una legge stupida che sostanzia il decoro più che la reale pericolosità di un individuo. Oltre a contenere precetti di epoca monarchica e, dulcis in fondo, quelli dell'antiterrorismo sconfitto e debellato da oltre 40. Tanto poi vedi il criminale o il pazzoide armi da fuoco o no il modo di uccidere lo trova.
                    setterman1

                    COMMENTA


                    • #11
                      Quindi a Corona glielo daresti il pda ?
                      mi sembra giusto .... non ha ucciso nessuno ....
                      L' Alpinismo è salire per la via più facile alla vetta, tutto il resto è acrobazia*

                      COMMENTA


                      • #12
                        Certo. Non solo non ha ucciso ma non ha nemmeno minacciato di farlo. Per quel che ne so io. La caccia è una passione viscerale che ti congiunge con il creato. Senza la caccia non saremmo gli uomini (homo sapiens) che siamo oggi. E gli dovremmo negare questo bisogno istintivo? Corona è servito a tanti benpensanti.
                        Setterman1

                        COMMENTA


                        • #13
                          Ecco spiegato perche' a tanti politici non gli interessa la caccia....
                          eppure sono convinto cha a loro sarebbe concesso il pda...

                          COMMENTA


                          • #14
                            C'è chi può e chi no. La vita è questa. Non siamo uguali. E chi ha impostato i suoi ideali politici su questa aspirazione culturale è fallito miseramente. Basta vedere la sx. Sparita dai radar. E di danni ne ha fatti tanti.
                            setterman1

                            COMMENTA

                            Pubblicita STANDARD

                            Comprimi

                            Ultimi post

                            Comprimi

                            Unconfigured Ad Widget

                            Comprimi
                            Sto operando...
                            X