annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Pubblicita 600x70

Comprimi

!

Comprimi
Ciao, Ospite! Oggi è il N/A Sono le ore N/A

Galletti e &, politici per tutte le stagioni.

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Zoom Testo
    #1

    Galletti e &, politici per tutte le stagioni.

    http://www.federcacciatoscana.it/att...ni%2029.10.pdf

    Renzi:Berlusconi=Galletti:M.V. Brambilla

    Un governo oligarchico, un dispotismo di un ristretto numero di persone che non devono rendere conto a nessuno, anche volutamente incompetenti e devote solo ai Sondaggi, in poche parole la politica dei nuovi, anche ex rottamatore.

  • Zoom Testo
    #2
    Che vuoi farci, sono incompetenti e cala braghe d'avanti alla commissione europea. Non si spiega il motivo (anzi si spiega benissimo) per cui la Francia e la Spagna vadano anche a Febbraio.
    Ciao Mauretto, sarai sempre nei miei pensieri.
    Sta il cacciator fischiando
    sull'uscio a rimirar..........

    COMMENTA


    • Zoom Testo
      #3
      Originariamente inviato da osservatore romano Visualizza il messaggio
      http://www.federcacciatoscana.it/att...ni%2029.10.pdf

      Renzi:Berlusconi=Galletti:M.V. Brambilla

      Un governo oligarchico, un dispotismo di un ristretto numero di persone che non devono rendere conto a nessuno, anche volutamente incompetenti e devote solo ai Sondaggi, in poche parole la politica dei nuovi, anche ex rottamatore.
      c'ho messo un pò a capire il linguaggio dei segni .... alla fine un'applauso e grazie di avermi fatto tornare a scuola dove primeggiavo con equazioni e numeri.
      sigpic

      ..... cci vostra, quanto ve vojo bene !!!


      COMMENTA


      • Zoom Testo
        #4
        Originariamente inviato da walker960walker Visualizza il messaggio
        Che vuoi farci, sono incompetenti e cala braghe d'avanti alla commissione europea. Non si spiega il motivo (anzi si spiega benissimo) per cui la Francia e la Spagna vadano anche a Febbraio.

        Invece studiandoci sopra si capisce bene ...i key concept loro ce l'hanno aggiornati e non come noi che ce l'abbiamo vecchi come il cucco e poi loro per stare aperti fino a febbraio in alcune regioni si aprono la caccia un mese dopo e quindi vanno fino a un mese dopo rispettando gli stessi kc e sopratutto hanno politici che capiscono che la caccia porta soldi e lavoro mentre noi abbiamo politici senza palle che si calano le mutande davanti a quelli che l'hanno votati e gli garantiscono di continuare a magna' alla grande
        Un oca che guazza nel fango, un cane che abbaia a comando, la pioggia che cade e non cade, le nebbie striscianti che svelano e velano strade..........Autunno Francesco Guccini

        COMMENTA


        • Zoom Testo
          #5
          Originariamente inviato da osservatore romano Visualizza il messaggio
          404 Not Found

          renzi:berlusconi=galletti:m.v. Brambilla

          un governo oligarchico, un dispotismo di un ristretto numero di persone che non devono rendere conto a nessuno, anche volutamente incompetenti e devote solo ai sondaggi, in poche parole la politica dei nuovi, anche ex rottamatore.
          [ATTACH=CONFIG]65085[/ATTACH]...........h.d.t............suzi.......
          sigpic
          Alcuni dei cibi che mangiamo non sono semplicemente cibi. Sono storie. Storie complesse e affascinanti di donne e uomini che lavorano sfidando il Sole, la Terra e le legislazioni che non aiutano. Sono queste storie che danno un sapore ai cibi."...R.I.P..A.FACENNA....

          COMMENTA


          • Zoom Testo
            #6
            quello che non capisco è perchè anche la CEE continui a rompere i cocomeri, e solo a noi
            sicuramente i nostri colleghi d'oltralpe sono meglio rappresentati, sarà forse per questo?
            Dai per scontato che ciò che dai per scontato è sbagliato

            COMMENTA


            • Zoom Testo
              #7
              Originariamente inviato da lupozoppo Visualizza il messaggio
              quello che non capisco è perchè anche la CEE continui a rompere i cocomeri, e solo a noi
              sicuramente i nostri colleghi d'oltralpe sono meglio rappresentati, sarà forse per questo?
              La comunità europea non rompe i ******** a noi così per fare .... ma è fomentata dal nostro falso ambientalismo. La procedura Pilot è stata aperta su richiesta dell'associazionismo animalista italiano ed una volta aperta ..... con legambiente a portar bandiera .... è stato incitato il ministero dell'ambiente ad intervenire contro le regioni per l'adeguamento dei calendari .... senza dare la risposta richiesta dall'europa .... forse tutta proprio con la preventiva regia del Galletti stesso che s'è scelto bene i complici. Ora, una volta ritirato il decreto, perchè dimostratosi tutt'altro che in linea con quanto richiesto, il ministro si sta prodigando per la modifica della 157 con adeguamento ai vecchi, e bugiardi kc. Ragioniamo pure su chi siano i complici del ministro e soprattutto con chi questi si divertono a fare doppio gioco.
              sigpic

              ..... cci vostra, quanto ve vojo bene !!!


              COMMENTA


              • Zoom Testo
                #8
                I tragici fatti di Parigi, così terribili, danno una dimensione diversa, minima, a tutto il resto. I nostri popoli, la civile Europa che da oltre mezzo secolo vive in pace e in democrazia, inorridiscono di fronte a tanta barbarie. Tutti noi dobbiamo rivolgere le nostre particolari attenzioni a capire questi inquietanti fenomeni e adoperarci per combatterli e vincerli. Sarebbe tuttavia un grande errore se ci chiudessimo a riccio nella paura. Dobbiamo reagire, dobbiamo continuare con la nostra vita di tutti i giorni, con coraggio, senza piegarci alle turpi minacce. Non demordiamo, affrontiamo con lo stesso impegno e la stessa passione anche i problemi che ci stanno a cuore, anche quelli della caccia. E' la migliore risposta che possiamo dare a queste vili aggressioni che umiliano l'umanità.


                Veniamo a noi, dunque. Il 30 ottobre il Ministro dell'Ambiente incontra un'autorevolissima delegazione formata dai Parlamentari Europei Renata Briano (già assessore all'ambiente della Regione Liguria, oggi vicepresidente della Commissione per la pesca al Parlamento UE), Paolo De Castro (già Ministro dell'Agricoltura e Presidente della Commissione EU per l'Agricoltura, oggi coordinatore S&D alla Commissione Agricoltura e Sviluppo Rurale), David Sassoli (Capo delegazione del PD al Parlamento EU) e Damiano Zoffoli (membro della commissione ambiente del Parlamento EU).

                L'incontro (che verte sulle diverse problematiche riguardanti la caccia: dai rapporti con la Commissione europea a quelli con le Regioni, dai calendari venatori ai procedimenti EU Pilot, dallo storno ai richiami vivi, dalla revisione dei Key Concepts ai dati scientifici dell'ISPRA), sembra positivo, tanto che la Briano sente l'obbligo di ringraziare per scritto il Ministro a nome di tutti i componenti la delegazione, convinti che sulle questioni affrontate, relative alla necessaria armonizzazione dei calendari europei riuscirà "a trovare le migliori soluzioni possibili prendendo una precisa posizione dinnanzi alla Commissione UE/Env., in modo che siano meglio armonizzate le decisioni tra i vari Paesi europei (per esempio, calendari venatori francesi)." La Briano si spinge addirittura a scrivere: "Apprezziamo vivamente la proposta per definire il problema “non problema” sulla chiusura della stagione di caccia al 31 gennaio per alcune specie con la convocazione delle Regioni per chiarire le singole posizioni sulla base dei molti dati raccolti che legittimano quanto richiesto. Quelli trasmessi nel passato alla Commissione sono alquanto datati nel tempo e incompleti essendo venuta a mancare quella necessaria collaborazione tra ISPRA e le istituzioni preposte a vario livello".

                "E così - prosegue in quella lettera la Briano - anche il problema Storno deve trovare per ora una corretta soluzione “italo-italiana”, essendo realizzabile un prelievo in piccola quantità, senza creare una conflittualità permanente che non porta tranquillità al settore".

                Infine, - conclude - siamo stati tranquillizzati, anche tramite gli Uffici, sulla definizione del rifornimento dei richiami vivi secondo l’o.d.g. votato il 23/07/2015 in Senato a corollario del testo dell’art. 21 della L. 115/015 predisposto fin dall’inizio dal Ministero col quale vogliamo concretamente collaborare, quale trait d’union, con la Commissione UE per eliminare un'immagine che il nostro Paese non si merita." Punto.

                Evidentemente, o il ministro ha cambiato idea, o in quell'incontro ci sono stati imbarazzanti equivoci, se il 13 novembre scorso, gli stessi parlamentari europei, piuttosto contrariati, gli indirizzano una nuova missiva per protestare per l'annuncio di provvedimenti di tutt'altro tenore rispetto a quelli per cui - a loro dire - si era impegnato.
                "Dopo l’incontro presso il tuo ufficio del 30/09/2015 - gli scrivono - che avevamo ritenuto proficuo per uno scambio trasparente dei vari problemi, e facendo seguito alla precedente email che puoi trovare di seguito e che puntualizzava i temi trattati, rimaniamo fortemente stupiti del successivo evolversi della situazione, pur comprendendo il tuo non facile ruolo per trovare le migliori soluzioni possibili".

                "Riceviamo dalle Regioni e dalle associazioni venatorie - proseguono i parlamentari europei - forti segnali di preoccupazione in merito soprattutto alla questione dei calendari venatori. Avevamo compreso la tua volontà di incontrare gli Assessori regionali per discutere e concordare con loro strategie di raccolta ed elaborazione dati al fine di adeguare i cosiddetti Key Concepts (KC) italiani a quelli degli altri paesi europei con le stesse caratteristiche ambientali (Francia, Spagna, Grecia, ad esempio). A tal proposito ti segnaliamo che esiste un documento della Commissione europea (trasmesso in copia. n.d.r.) in cui si indicano le procedure da seguire per la rivalutazione dei KC, sia a livello nazionale che europeo. La strada da seguire potrebbe essere, quindi, quella di creare un gruppo di lavoro indipendente che coinvolga tutti coloro che fanno ricerche sull'avifauna, incluse le associazioni venatorie nazionali, come dice tale documento".

                "Abbiamo saputo, invece - scrivono senza mezzi termini i quattro parlamentari europei - che sarebbe intenzione del Ministero da un lato incontrare direttamente le Regioni nella conferenza Stato/Regioni sul calendario venatorio 2015/2016 senza aver prima concordato un percorso condiviso, dall'altro inserire nella futura cosiddetta legge comunitaria una modifica della nostra legge 157 che imporrebbe il 20 gennaio (anziché il 31) come data di chiusura obbligatoria per alcune specie. Questo avverrebbe prima di aver portato avanti il percorso di rielaborazione dei KC. Sinceramente non ne capiamo il senso e riteniamo che tale posizione non possa essere capita e accettata da una categoria che si sente discriminata rispetto ai cacciatori degli altri paesi europei. Fra l'altro in questo caso risulterebbe evidente la responsabilità tutta italiana di tale scelta. Per quanto riguarda lo storno, nonostante il lavoro svolto nel collegato ambientale, purtroppo il problema resta irrisolto. Continuiamo a essere convinti che la soluzione sia la cosiddetta "piccola quantità", così come discusso nella riunione del 30 settembre. Infine quello relativo al rifornimento dei richiami vivi resta un altro problema non risolto." Punto e firma a quattro mani.

                ...........................

                Questo è quanto e non ha bisogno di commenti. Ci sentiamo solo di aggiungere, come cacciatori e come cittadini, che purtroppo, se così stanno le cose, quando si parla di caccia, la chiarezza e la correttezza nei rapporti istituzionali lasciano molto a desiderare. E se, in un mondo dove certi valori sembrano appartenere ormai a un lontano passato, così appare che ci si comporti nei piccoli problemi come l'attività venatoria da parte di chi ci dovrebbe governare, figuriamoci cosa ci dovremmo aspettare quando si affrontano le grandi questioni nazionali.


                Nel merito, corre l'obbligo di ricordare al Ministro (e agli esimi scienziati dell'ISPRA) che se il nostro paese è inadempiente rispetto all'Europa, ben altre sono le pendenze, che pesano pure dal punto di vista economico (97, per la precisione, di cui 21 solo per l'ambiente; la più recente - Corte di Giustizia dell'Unione Europea, Lussemburgo, Comunicato del 16 luglio 2015 - riguarda l'Inesatta applicazione dei rifiuti in Campania, che ci vede comminata una multa di 20milioni di Euro e una penalità di 120mila Euro per ciascun giorno di ritardo). Lo sa il Ministro???.

                COMMENTA


                • Zoom Testo
                  #9
                  Io del galletto, finché non vedo nero su bianco, non mi fido assolutamente....
                  Più buio che a mezzanotte non viene

                  COMMENTA


                  • Zoom Testo
                    #10
                    Senza dubbio Diego.... gente tosta spinge .....come quasi sempre....
                    Sono sempre diffidente delle persone a cui non piacciono i cani mentre mi fido tantissimo del cane quando non gli piace una persona.

                    COMMENTA


                    • Zoom Testo
                      #11
                      I CACCIATORI DENUNCIANO LA COMMISSIONE EUROPEA AL TRIBUNALE DI PRIMO GRADO DELL’UE

                      Pubblicato: Martedì, 17 Novembre 2015 11:56 | Stampa | Email
                      La Commissione Europea finisce nel mirino della Confederazione Cacciatori Toscani che chiede al Tribunale di primo grado dell’UE di sanzionare la disparità di trattamento riservata allo Stato Italiano in materia di gestione della fauna. Il tema va ben oltre le rivendicazioni, peraltro ben fondate dei cacciatori e mette in luce comportamenti illegittimi di gravità rilevante che la CCT chiede adesso vengano sanzionati per la patente violazione dei trattati, a tutto sfavore di uno stato membro e dei suoi cittadini. Una battaglia di giustizia e di equità, che travalica lo specifico contenuto e che è stata condivisa anche dai cacciatori della Liguria.
                      L’iniziativa, la prima in assoluto di questo genere, arriva dopo la mancata risposta dei burocrati di Bruxelles alla istanza con cui i cacciatori avevano diffidato la Commissione a sanare le incongruenze esistenti nella valutazione dei calendari venatori di Paesi appartenenti ad aree omogenee.
                      Beccacce, tordi e cesene, come spiegano gli etologi e gli studiosi della materia, hanno tempi di migrazione analoghi in Italia e Francia ma Bruxelles ha deciso che si debbano applicare regole diverse, quanto ai tempi del prelievo, in questi paesi.
                      La Commissione Europea ha fin qui avvalorato le tesi di quanti affermano che le beccacce corse, spagnole, portoghesi, francesi si attardano fino a quasi fine febbraio mentre quelle sarde, liguri o maremmane, forse decisamente più frettolose e soggette a nostalgia di casa, sentono l’irrefrenabile bisogno di partirsene già entro la metà del mese di gennaio. La questione non ha rilevanza esclusivamente ornitologica: il tema, sollevato in sede comunitaria dalla Confederazione dei Cacciatori Toscani, riveste una significativa importanza economica, ha a che vedere con la protezione della fauna e, al tempo stesso, prospetta un disparità di trattamento tra Stati, decisamente inammissibile e incomprensibile. La direttiva comunitaria che si prende cura degli uccelli migratori stabilisce che le specie per le quali è consentita la caccia non possano essere prelevate durante la riproduzione e nelle fasi di ritorno ai loro quartieri d’origine: o i Paesi confinanti che cacciano sino a fine febbraio contravvengono alle direttive comunitarie, recando grave danno alle politiche di salvaguardia delle specie migratorie, o i dati utilizzati dalla stessa Commissione per i calendari venatori italiani sono da rivedere.
                      In questo contesto anche il Governo italiano ci mette del suo: una semplice richiesta di informazioni, questo è il significato delle cosiddette procedure EU Pilot, viene utilizzata per chiedere una ingiustificata chiusura anticipata ad alcune specie, come già avvenuto lo scorso anno.
                      Una forzatura ed una mortificazione del ruolo e delle competenze delle regioni che la CCT auspica possa essere respinta.

                      Firenze, 17 novembre 2015
                      Confederazione Cacciatori Toscani
                      (Federcaccia – Arcicaccia – Anuu)




                      COMMENTA

                      Accedi o Registrati

                      Comprimi

                      Pubblicita STANDARD

                      Comprimi

                      Ultimi post

                      Comprimi

                      Sto operando...
                      X