annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Cacce in deroga, l’On. Berlato risponde a Zanoni

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (55%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Cacce in deroga, l’On. Berlato risponde a Zanoni

    Vicenza,06/08/2013

    l’On. Sergio Berlato risponde ad andrea zanoni sulle cacce in deroga
    Non è la prima volta che l’on.Andrea Zanoni strumentalizza a proprio piacimento le posizioni di una ben nota funzionaria della Commissione europea sulle cacce in deroga.
    Com’è facilmente desumibile dalla formale risposta fornita dalla Commissione ad una mia recente interrogazione presentata presso le istituzioni comunitarie, la Commissione europea ribadisce la piena legittimità dell’applicazione del regime di deroga esplicitamente previsto all’art. 9 della Direttiva 2009/147/CE che ha ripetuto pedissequamente quanto già previsto nella precedente Direttiva 79/409/CEE.
    Non è vero quindi che la Commissione abbia stoppato l’applicazione delle deroghe in Italia ma ha solo ricordato che le stesse deroghe devono essere applicate correttamente e nel pieno rispetto di quanto esplicitamente previsto nel sopracitato art. 9 della Direttiva 2009/147/CE.
    Per quanto riguarda il Veneto, la Commissione ha semplicemente dato il suo parere negativo ad una maldestra proposta avanzata recentemente dalla Regione, invitandola a riformulare una proposta più corretta e più rispettosa delle Direttive comunitarie.
    Banale il tentativo dell’on. Zanoni di spaventare gli amministratori regionali minacciandoli di far loro applicare le sanzioni pecuniarie conseguenti alle condanne europee, dal momento che l’Italia non è mai stata chiamata a pagareneppure un euro da parte dell’Europa a causa dei cacciatori del Veneto.
    Continuare ad affermare strumentalmente che l’Italia rischia di venire multata dall’Europa a causa delle cacce in deroga è come ricordare ogni mattina, a tutti gli automobilisti che si accingono ad usare i loro veicoli, il pericolo di venire multati per le possibili violazioni del codice della strada. La soluzione per evitare che vengano multati gli automobilisti non consiste nel vietare a tutti loro la circolazione stradale ma nell’imporre loro il rispetto del codice della strada.
    Non a caso il Parlamento italiano, aderendo alle richieste dell’Unione europea di garantire un maggior controllo delle Direttive comunitarie da parte dell’Italia, il 31 luglio u.s. ha approvato la “Comunitaria 2013” con la quale, all’art. 26, nello stabilire maggiori strumenti di controllo nei confronti delle regioni italiane, ha ribadito la piena legittimità dell’applicazione del regime di deroga, proprio come ribadito anche dalla Commissione europea.
    La fortuna degli Zanoni di turno è quella di avere a che fare con amministratori regionali i quali, o forse per scarso coraggio e forse per palese incapacità, preferiscono venir meno ai loro doveri, trincerandosi dietro i fantomatici divieti dell’Unione europea.



    on. Sergio Berlato
    Deputato italiano al Parlamento europeo
    CHI AMA LA CACCIA VIVE LA NATURA sigpic

  • #2
    Come ogni cosa si gioca a "rimpiattino" e nessuno fà il suo dovere. Ormai è vecchia la solfa.

    COMMENTA


    • #3
      Originariamente inviato da Dalai Lama Visualizza il messaggio
      Come ogni cosa si gioca a "rimpiattino" e nessuno fà il suo dovere. Ormai è vecchia la solfa.
      te ghe rason
      ci sedemmo dalla parte del torto,visto che tutti gli altri posti erano occupati

      COMMENTA


      • #4
        Come al solito in questi comunicati si leggono delle "mezze verità"....
        Infatti il testo della "Comunitaria 2013" citata dall'on. Berlato dice anche che le "modiche quantità" che sono il principio basilare delle deroghe x caccie tradizionali sono a GIUDIZIO INSINDACABILE DELL'ISPRA...
        Ora se non vado errato l'ISPRA vi ha bocciato nel recente passato tutte le delibere riguardo le deroghe proprio xchè non era in grado di quantificare queste "piccole quantità"...
        Inoltre..oltre all'obbligo da parte delle Regioni di emanare con atto amministrativo...il Governo italiano si è riservato il diritto di giudicarne la legittimità o meno...
        Concordo sull'incapacità di tanti dei ns dirigenti regionali ma l'on. Berlato dovrebbe anche spiegare come...a suo giudizio...sia possibile uscire dall'empasse che si è creato in materia di deroga...empasse che è aumentato con l'approvazione della "Comunitaria 2013"....
        Ottobre è.....

        COMMENTA


        • #5
          Andrea concordo sulla tua linea di pensiero ma ti correggo sulle ultimate tue righe: tu dici che con la nuova Comunitaria è aumentato l'empasse sulle deroghe...io invece dico che è proprio finita (parlo di deroghe secondo il comma C).
          Più buio che a mezzanotte non viene

          COMMENTA


          • #6
            Purtroppo x voi Diego temo tu abbia ragione.
            L'unica via d'uscita sarebbe che l'ISPRA facesse cio' che un Istituto di ricerca dovrebbe fare...sfornare dati su dati.
            Ma credo sia più facile che un melone maturi a Gennaio.
            Ottobre è.....

            COMMENTA

            Pubblicita STANDARD

            Comprimi

            Ultimi post

            Comprimi

            Unconfigured Ad Widget

            Comprimi
            Sto operando...
            X