annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

50000 firme per rifondare la caccia

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (29%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • 50000 firme per rifondare la caccia

    http://www.bighunter.it/tabid/204/mi...8/Default.aspx

    "Dopo il successo dello scorso anno ad Orvieto, presenteremo la nostra proposta di legge di iniziativa popolare volta a modificare la legge 157". Lo dichiara in una nota il presidente nazionale di Italia Federale, Aldo Tracchegiani presentando il prossimo appuntamento sul tema Rifondiamo la caccia, dopo il successo dello scorso anno ad Orvieto.

    La riforma in particolare si basa su tre punti: la possibilità di cacciare la selvaggina migratoria su tutto il territorio nazionale, l’eliminazione degli Atc e la gestione diretta del territorio da parte dei cacciatori. "Questo il nostro intendimento - sottolinea Tracchegiani - che presenteremo a febbraio nel corso dell’incontro che abbiamo in animo, e che vedrà l’avvio della raccolta delle 50mila firme necessarie per ottenere questo storico risultato".

    CHE NE PENSATE?
    La caccia è l'unico sport che racchiuda in sé il respiro degli orizzonti senza fine, la voce del mare, la poesia dei boschi, il sibilo dei venti, la potenza degli elementi della natura poiché essa stessa è un elemento della natura. (Nino Cantalamessa)

    Il cane è l'anima della caccia
    César François Adolphe d'Houdetot, Il cacciatore rustico, 1848


    MAURO, FAGLI VEDERE AGLI ANGELI COME SI VA A CACCIA!

    MARY, SARAI SEMPRE NEL MIO CUORE

  • #2
    Re: 50000 firme per rifondare la caccia

    Magari!!! Sono pronto a firmare.
    CHI AMA LA CACCIA VIVE LA NATURA sigpic

    COMMENTA


    • #3
      Re: 50000 firme per rifondare la caccia

      Che di firme ne avevamo raccolto a tempesta ancora anni fa ..... vedasi iniziativa Berlato-ACV.

      Qua SE NON SI RACCOLGONO 800.000 FIRME COME X UN REFERENDUM ..... ERGO LA TOTALITà DEI CACCIATORI E DELLE AAVV CHE COSì DIMOSTREREBBERO DI BATTERE FINALMENTE UN COLPO ALL'UNISONO ..... SI PERDE TEMPO CON QUEL NUMERO RIDICOLO SU SCALA NAZIONALE.

      INOLTRE SE PRIMA NON CI SI ACCORDA SU POCHI E QUALIFICATI ASPETTI DI REVISIONE SU CUI SI CONCORDA SENZA EGOISMI E CON NEGOZIAZIONE-RINUNCIE ...... DIVENTA TOTALMENTE UTOPIA.

      SE UNO PENSA A RIPRISTINARE LA CACCIA AI FINCHI, UN ALTRO AI TORDI IN FEBBRAIO, QUELL'ALTRO AD APRIRE AD AGOSTO, CHI A RIDURRE LE PENE ED ELIMINARE I GIORNI DI SILENZIO VENATORIO ..... VUOLE DIRE CHE è LONTANO DALLA POSSIBILE REALIZZAZIONE DI QUALSIASI MODIFICA DELLA 157-92 E DALLA REALTà POLITICA E MEDIATICA.

      STORNO, DEPENALIZZAZIONE DI ALCUNI REATI CON GRANDE INASPRIMENTO PERò PECUNIARIO DELLE SANZIONI, ORA IN PIù LA SERA DA APPOSTAMENTO, CONFISCA DI ARMI E LICENZE X BRACCONIERI E CHI COMPIE REATI GRAVI, GESTIONE PIù ELASTICA X SPECIE DEI CALENDARI (OGGI SIAMO PIENI DI OCHE E PIVIERI, OLTRE CHE STORNI, RISPETTO AL PASSATO, SPECIE CACCIABILI IN FRANCIA, ..... E NON SI CAPISCE XCHè NON DOVREBBERO ESSERE CACCIABILI SULLA BASE DI CENSIMENTI E DATI TRIENNALI; COSì COME POTREBBERO VENIRE CHIUSE ALTRE X 3 ANNI TIPO MORETTA), DIVIETO X AAVV E AMBIENTALISTI DI FARE I GUARDIACACCIA MA SOLO LE GGVV AMBIENTALI, ALMENO 3 GIORNATE OBBLIGATORIE DI VOLONTARIATO AMBIENTALE X I CACCIATORI X RINNOVARE LA LICENZA SUL PROPRIO TERRITORIO, COSTITUZIONI DI GRUPPI DI VOLONTARIATO SOCIALE TIPO ANTINCENDIO-RICERCA-CALAMITà-ECC., POTREBBERO INVECE ESSERE TEMI DI RIFLESSIONE E MODIFICA.
      Cordialmente dallo "yankee" - 58beppe

      "Tale il carattere, tale il discorso" - "Chi si loda, presto trova chi lo deride" - "Studia prima la scienza e poi seguita la pratica nata da essa" - "Riprendi l'amico in segreto e lodalo in palese".

      COMMENTA


      • #4
        Re: 50000 firme per rifondare la caccia

        Fino a quando non si arriverà ad una gestione faunistica come in tutto il resto dell' EUROPA,la selvaggina in Italia non ci sarà mai!
        é perfettamente inutile altra forma di gestione,nel nostro paese siamo in troppi a andiamo a caccia troppo,cerchiamo di capire o meglio datemi una plausibile spiegazione del perchè all' estero la selvaggina è sempre presente mentre nella nostra penisola.......
        e non veniamo fuori con zone inospitali,terreni non idonei ecc.all' estero tordi colombi germani ecc. dimorano anche in città,addirittura ho visto di persona una becca e lepri in un parco pubblico...come ve lo spiegate?

        COMMENTA


        • #5
          Re: 50000 firme per rifondare la caccia

          Originariamente inviato da 58beppe Visualizza il messaggio
          Che di firme ne avevamo raccolto a tempesta ancora anni fa ..... vedasi iniziativa Berlato-ACV.

          Qua SE NON SI RACCOLGONO 800.000 FIRME COME X UN REFERENDUM ..... ERGO LA TOTALITà DEI CACCIATORI E DELLE AAVV CHE COSì DIMOSTREREBBERO DI BATTERE FINALMENTE UN COLPO ALL'UNISONO ..... SI PERDE TEMPO CON QUEL NUMERO RIDICOLO SU SCALA NAZIONALE.

          INOLTRE SE PRIMA NON CI SI ACCORDA SU POCHI E QUALIFICATI ASPETTI DI REVISIONE SU CUI SI CONCORDA SENZA EGOISMI E CON NEGOZIAZIONE-RINUNCIE ...... DIVENTA TOTALMENTE UTOPIA.

          SE UNO PENSA A RIPRISTINARE LA CACCIA AI FINCHI, UN ALTRO AI TORDI IN FEBBRAIO, QUELL'ALTRO AD APRIRE AD AGOSTO, CHI A RIDURRE LE PENE ED ELIMINARE I GIORNI DI SILENZIO VENATORIO ..... VUOLE DIRE CHE è LONTANO DALLA POSSIBILE REALIZZAZIONE DI QUALSIASI MODIFICA DELLA 157-92 E DALLA REALTà POLITICA E MEDIATICA.

          STORNO, DEPENALIZZAZIONE DI ALCUNI REATI CON GRANDE INASPRIMENTO PERò PECUNIARIO DELLE SANZIONI, ORA IN PIù LA SERA DA APPOSTAMENTO, CONFISCA DI ARMI E LICENZE X BRACCONIERI E CHI COMPIE REATI GRAVI, GESTIONE PIù ELASTICA X SPECIE DEI CALENDARI (OGGI SIAMO PIENI DI OCHE E PIVIERI, OLTRE CHE STORNI, RISPETTO AL PASSATO, SPECIE CACCIABILI IN FRANCIA, ..... E NON SI CAPISCE XCHè NON DOVREBBERO ESSERE CACCIABILI SULLA BASE DI CENSIMENTI E DATI TRIENNALI; COSì COME POTREBBERO VENIRE CHIUSE ALTRE X 3 ANNI TIPO MORETTA), DIVIETO X AAVV E AMBIENTALISTI DI FARE I GUARDIACACCIA MA SOLO LE GGVV AMBIENTALI, ALMENO 3 GIORNATE OBBLIGATORIE DI VOLONTARIATO AMBIENTALE X I CACCIATORI X RINNOVARE LA LICENZA SUL PROPRIO TERRITORIO, COSTITUZIONI DI GRUPPI DI VOLONTARIATO SOCIALE TIPO ANTINCENDIO-RICERCA-CALAMITà-ECC., POTREBBERO INVECE ESSERE TEMI DI RIFLESSIONE E MODIFICA.
          800000 firme già son state raccolte , Orsi s'è messo al lavoro...risultato : COMUNITARIA CON PALETTI DELL'ISPRA
          Mejo che se stamo boni con firme e richieste , altrimenti ci tolgono ancora . Fin quando ci saranno in parlamento dei falsi amici tipo orsi , Carrara e quelli del tiro e della pesca , che hanno votato la comunitaria per non far cadere governo e POLTRONA , non si và da nessuna parte . Se noi chiediamo qualc'osa con 50000 firme loro con 10 animal friendly ci massacrano , perchè quei 10 stanno dove conta . Quindi prima si conta politicamente con persone serie interessate alla causa e non ai bunga-bunga e poi si chiede. Ricordiamocelo quando si và a votare , perchè anche 25000 voti fanno pendere l'ago a dx o sx ed anche 1 solo parlamentare può far cadere un governo o mandare in galera un collega ......
          sigpic

          ..... cci vostra, quanto ve vojo bene !!!


          COMMENTA


          • #6
            Re: 50000 firme per rifondare la caccia

            Sono d'accordo, in linea di principio,
            ma NON DIMENTICHIAMOCI CHE l'On, Orsi HA ANCHE TOPPATO POLITICAMENTE IN MOLTE PROPOSTE "CERVELLOTICHE E RETROGRADE IN SENSO VENATORIO" DI TEMPI PASSATI CHE NON TORNERANNO MAI PIù E SOPRATTUTTO NEL RAPPORTO CONFLITTUALE CON LE AAVV TRADIZIONALI ..... Federcaccia in primis, SU TEMI A FORTE SENSIBILITà STANZIALISTA E CINOFILA OLTRE CHE DI SELEZIONE.

            A mio parere:
            Le MODIFICHE alla 157/92 POTREBBERO ANCHE RAGGIUNGERSI SOLO MEDIANTE NEGOZIAZIONE-COMPROMESSO-MEDIAZIONE, OVVERO CEDENDO-RINUNCIANDO A QUALCOSA X OTTENERE QUALCOSA DI ALTRO IN OTTICA E CON PARAMETRI GIUSTIFICATIVI EUROPEI, MA SE SI PENSA AGLI UCCELLETTI, ALLE DEROGHE FISSE DI TALUNE SPECIE ISCRITTE IN CONVENZIONI STORICHE PRESSOCHè IMMODIFICABILI, AD AMPLIARE LA STAGIONE VENATORIA, AD AUMENTARE LE SPECIE CACCIABILI SENZA CENSIMENTI O DATI A SUPPORTO ..... SENZA PRIMA AVER RIVOLUZIONATO LA MISSION E LA COMPOSIZIONE DEL CDA DI ISPRA E SENZA AVER UN PROGETTO DI GESTIONE TERRITORIALE INSIEME AL MONDO AGRICOLO ..... CON AGGRAVIO CONSEGUENTE DELLE SPESE POI X TESSERINI ATC O ENTI SIMILI,
            SI INTUIVA BENE COME ANDAVA A FINIRE.
            Cordialmente dallo "yankee" - 58beppe

            "Tale il carattere, tale il discorso" - "Chi si loda, presto trova chi lo deride" - "Studia prima la scienza e poi seguita la pratica nata da essa" - "Riprendi l'amico in segreto e lodalo in palese".

            COMMENTA


            • #7
              Re: 50000 firme per rifondare la caccia

              Originariamente inviato da 58beppe Visualizza il messaggio
              A mio parere:
              Le MODIFICHE alla 157/92 POTREBBERO ANCHE RAGGIUNGERSI SOLO MEDIANTE NEGOZIAZIONE-COMPROMESSO-MEDIAZIONE, OVVERO CEDENDO-RINUNCIANDO A QUALCOSA X OTTENERE QUALCOSA DI ALTRO IN OTTICA E CON PARAMETRI GIUSTIFICATIVI EUROPEI, MA SE SI PENSA AGLI UCCELLETTI, ALLE DEROGHE FISSE DI TALUNE SPECIE ISCRITTE IN CONVEZIONI STORICHE PRESSOCHè IMMODIFICABILI, AD AMPLIARE LA STAGIONE VENATORIA, AD AUMENTARE LE SPECIE CACCIABILI SENZA CENSIMENTI O DATI A SUPPORTO ..... SENZA PRIMA AVER RIVOLUZIONATO LA MISSION E LA COMPOSIZIONE DEL CDA DI ISPRA E SENZA AVER UN PROGETTO DI GESTIONE TERRITORIALE INSIEME AL MONDO AGRICOLO ..... CON AGGRAVIO CONSEGUENTE DELLE SPESE POI X TESSERINI ATC O ENTI SIMILI,
              SI INTUIVA BENE COME ANDAVA A FINIRE.
              Parole sante beppe , l'Ispra oggi è nullo sul piano della ricerca , prevenuto nei confronti del mondo venatorio , la soluzione è la sua rivoluzione con inserimento di gente seria senza preconcetti !
              sigpic

              ..... cci vostra, quanto ve vojo bene !!!


              COMMENTA


              • #8
                Re: 50000 firme per rifondare la caccia

                ORGANO SCIENTIFICO E BASTA, IN COLLABORAZIONE E SECONDO STANDARD EUROPEI DI REDAZIONE DI DATI E DOCUMENTI, CON ANALISI DEI DATI EUROPEI E VERIFICA SU SCALA NAZIONALE DEGLI STESSI, ED ADATTAMENTO ATTRAVERSO GESTIONE ELASTICA DEI CALENDARI VENATORI (chiusura-riapertura elastica x specie laddove emergessero carenze croniche x oltre 3 anni di una specie, oppure un "supero" elevato delle medie di presenza nello stesso periodo; oppure limitazioni di carniere giornaliere ed annuo x specie; riduzione x territori particolarmente utili x lo svernamento di specie in sofferenza; creazione di aree invece di preparco a ridosso dei parchi ove cacciare animali in esubero rispetto alle densità medie o di corretta gestione; riduzione del numero di giornate venatorie in certe aree; limitazione delle presenze e del numero di colpi in altre; ecc.).

                CENSIMENTI DA FARE IN AREE CONCORDATE A LIVELLO NAZIONALE OD EUROPEO, DA PARTE DI AUTORITà PUBBLICHE (REGIONE-PROVINCE) E COL SUPPORTO DI RAPPRESENTANTI SIA DEL MONDO AMBIENTALISTA CHE VENATORIO.

                VISIONE GESTIONALE DEL TERRITORIO E CON CAPACITà DI PORRE FINANCHE VINCOLI AMBIENTALI E DI COLTIVAZIONE AGRICOLA O DELLE ACQUE-PESCA IN AREE DI PARTICOLARE PREGIO FAUNISTICO O SPECIALE.

                CDA PARITETICO TRA COMPONENTI VERDI E VENATORIE SOTTO COORDINAMENTO PUBBLICO NAZIONALE E DI COMPROVATA PROFESSIONALITà SPECIALISTICA (presidente e dg) ..... .

                Insomma TANTI BEI SOGNI: ma x me, QUI è e resta la chiave di volta della gestione territoriale della caccia x reimpostare la caccia ed il suo futuro.
                X la 157/92, occorrono modifiche condivise e mediate, PASSANDO DA UN SEVERO INASPRIMENTO DELLE PENE X I BRACCONIERI E CHI COMPIE ATTI GRAVI E MAGGIORE CHIAREZZA DELLE LEGGI x ridurre le INTERPRETAZIONI, oltre ad impostarla secondo standard più europei.
                Cordialmente dallo "yankee" - 58beppe

                "Tale il carattere, tale il discorso" - "Chi si loda, presto trova chi lo deride" - "Studia prima la scienza e poi seguita la pratica nata da essa" - "Riprendi l'amico in segreto e lodalo in palese".

                COMMENTA


                • #9
                  Re: 50000 firme per rifondare la caccia

                  DIREI CHE SEI UN LIBRO STAMPATO BEPPE.
                  si vede quando si unisce tanta passione e interesse della materia.
                  Davide
                  __________________________________________________ _________________________________________________
                  Appasionati di monti, amanti della natura...MALATI DI CACCIA!

                  COMMENTA


                  • #10
                    Re: 50000 firme per rifondare la caccia

                    Cercando di portare il mio contributo, dico che è essenza politica no venatoria, via via che la rappresentanza aveva un senso esisteva un minimo di tutela ed era la cosa giusta perchè funzionava, stranamente ma è realtà che nei momenti più bui come è storicamente provato, quindi senza evoluzione-crescita come nel nostro caso, si avverte un grande disagio, una frustrazione provata per la paura del futuro, che di fatto è reale perchè manca propio il nostro riferimento, si entra in una zona pericolosa (gestita dai soliti noti) dove la dignità prima che ogni altra cosa viene sistematicamente svenduta attaccata violata. La politica (negoziazione- compromesso-mediazione) cosa di per se nobile è provato che non paga, chiaramente è latitante o accondiscendente a suo tornaconto, perchè semplicemente il nostro mondo è poca cosa, che oltretutto procede in ordine sparso. Gli antagonisti tutti, hanno un unico scopo e sappiamo bene quale sia l' 'abolizione' non il confronto magari con un dialogo. La nostra malattia è la malattia dei nostri tempi, una parte politica piuttosto eversiva, razzista e mafiosa dedita all' evasione e a consolidarsi, una parte politica smidollata incapace e impotente con le sue macchiette o primedonne che rasentano una strada già nota e intanto gioiscono dei privilegi, una parte ancora più subdola (duri e puri) dove i legami non li riguardano superiori a ciò che è umano. Queste tre grandi linee hanno purtroppo in comune un dato di fatto che li accomuna, sono lontane dalla nostra realtà e non solo.

                    Romano

                    COMMENTA


                    • #11
                      Re: 50000 firme per rifondare la caccia

                      Ricomincia la campagna elettorale: mi raccomando abbocchiamo di nuovo!
                      Umile son ed umiltà me basta, dragon diventerò se alcun me tasta!

                      COMMENTA


                      • #12
                        Re: 50000 firme per rifondare la caccia

                        Concordo pienamente con 58Beppe, complimentandomi per ciascuno dei suoi interventi in questo post!
                        Saluti, Paolo.




                        COMMENTA


                        • #13
                          Re: 50000 firme per rifondare la caccia

                          Originariamente inviato da PaoloDS Visualizza il messaggio
                          Concordo pienamente con 58Beppe, complimentandomi per ciascuno dei suoi interventi in questo post!
                          Tu non puoi firmare! ....le "X" non valgono
                          Feldmaresciallo Brako Division
                          "DAL VENETO A LITTORIA SEMPRE FEDELI ALL'IDEA"
                          L'atomica farà pure un bel botto.....ma la bajla fà più male!!!
                          Maureeeeeeè sopraaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!

                          COMMENTA


                          • #14
                            Re: 50000 firme per rifondare la caccia

                            Credo che se vogliamo procedere secondo i validi concetti espressi da 58Beppe, serva come prima cosa formare due nutriti e determinati gruppi di cacciatori.

                            1)-Il primo si dovrà preoccupare di raccogliere 600.000 firme vidimate (il minimo per legge è 500.00) entro un tempo stabilito per legge.
                            2)-Il secondo dovrà preoccuparsi della stesura della nuova legge e dei contatti con le controparti (AAVV, Associazioni animaliste, Agricoltori, ecc.) e con la politica, perchè comunque la nuova legge dovrà essere approvata dai due rami del parlamento.

                            Personalmente sarei favorevole ma la vedo oltremodo dura.
                            Saluti Franco

                            COMMENTA


                            • #15
                              Re: 50000 firme per rifondare la caccia

                              Originariamente inviato da osservatore romano Visualizza il messaggio
                              Cercando di portare il mio contributo, dico che è essenza politica no venatoria, via via che la rappresentanza aveva un senso esisteva un minimo di tutela ed era la cosa giusta perchè funzionava, stranamente ma è realtà che nei momenti più bui come è storicamente provato, quindi senza evoluzione-crescita come nel nostro caso, si avverte un grande disagio, una frustrazione provata per la paura del futuro, che di fatto è reale perchè manca propio il nostro riferimento, si entra in una zona pericolosa (gestita dai soliti noti) dove la dignità prima che ogni altra cosa viene sistematicamente svenduta attaccata violata. La politica (negoziazione- compromesso-mediazione) cosa di per se nobile è provato che non paga, chiaramente è latitante o accondiscendente a suo tornaconto, perchè semplicemente il nostro mondo è poca cosa, che oltretutto procede in ordine sparso. Gli antagonisti tutti, hanno un unico scopo e sappiamo bene quale sia l' 'abolizione' non il confronto magari con un dialogo. La nostra malattia è la malattia dei nostri tempi, una parte politica piuttosto eversiva, razzista e mafiosa dedita all' evasione e a consolidarsi, una parte politica smidollata incapace e impotente con le sue macchiette o primedonne che rasentano una strada già nota e intanto gioiscono dei privilegi, una parte ancora più subdola (duri e puri) dove i legami non li riguardano superiori a ciò che è umano. Queste tre grandi linee hanno purtroppo in comune un dato di fatto che li accomuna, sono lontane dalla nostra realtà e non solo.

                              Romano
                              COMPLIMENTI, tanto di cappello, Bravo.
                              Mai come oggi c'e' tanta gente che scrive e cosi`poca che legge.

                              COMMENTA

                              Pubblicita STANDARD

                              Comprimi

                              Ultimi post

                              Comprimi

                              Unconfigured Ad Widget

                              Comprimi
                              Sto operando...
                              X