annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

50000 firme per rifondare la caccia

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (42%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Jago
    ha risposto
    Re: 50000 firme per rifondare la caccia

    beppe non trovo la faccina che applaude ma considerala digitata.. :-)

    Lascia un commento:


  • 58beppe
    ha risposto
    Re: 50000 firme per rifondare la caccia

    IL VOLONTARIATO AMBIENTALE O NEI CENSIMENTI CI DAREBBE GRANDISSIMA VISIBILITà SOCIALE E MERITOCRATICA AGLI OCCHI DELLA COLLETTIVITà E DEI MASS MEDIA.
    PULIRE GRATUITAMENTE X UNA MATTINA o POMERIGGIO x alcune ore, parchi-strade-boschi-fiumi ..... CI RENDEREBBE PIù SIMPATICI AL MONDO POLITICO E CITTADINO OVUNQUE, OLTRE AL RITORNO DI CONSENSO SOCIALE.
    DIVENTARE PIù BRAVI DEI VERDI SUL NS TERRITORIO CHE CONOSCIAMO MEGLIO XCHè NOI LO VIVIAMO INTENSAMENTE, PARTENDO DALLE COSE PIù VISIBILI-UTILI-SEMPLICI, COSA FACILLIMA A FARSI CON UN MINIMO DI IMPEGNO ED ORGANIZZAZIONE DI QUESTE COSE, è CIò CHE GIà CARATTERIZZATO E DISTINTO NETTAMENTE IL MONDO VENATORIO FRANCESE DA QUELLO ITALIANO.
    CHI GESTISCE Là RISERVE-OASI PREGIATE E FA I CENSIMENTI SOPRATTUTTO ?? il mondo venatorio.
    CHI è CONTROLLORE Là DI Sè STESSO BEN PIù DELLE GGVV ?? il mondo venatorio stesso.

    SE NON FACCIAMO E METABOLIZZIAMO QUESTO ..... X PRIMI, RIPETO X PRIMI, NON ARRIVEREMO MAIIIIIIIIIIII.
    NOI DOBBIAMO FARE IL "PRIMO PASSO" X SDOGANARCI DALLA ERRATA PERCEZIONE PUBBLICA E DI MAGGIORANZA: NOI SIAMO QUASI 800.000 ALIMENTATI DA PASSIONE AUTENTICA; CHI NON CE L'HA E PENSA SOLO AL CARNIERE OD A SPARARE x me ..... NON è UTILE AL MONDO VENATORIO ANZI è IL VERO PROBLEMA DELLA CACCIA. PIù DEI VERDI.
    NOI SE DIVENTIAMO PALADINI DEL MONDO AMBIENTALE INSIEME AL MONDO AGRICOLO, COME IN FRANCIA, ..... POSSIAMO DIFENDERCI E CREARE I PRESUPPOSTI X UNA CACCIA MENO TRADIZIONALE ED ANTISTORICA E PIù MODERNA, IN LINEA CON LE SPECIE DI OGGI, L'AMBIENTE ATTUALE, I VALORI LIBERTARI SOCIALI ATTUALI. A mio parere ovviamente ..... .

    Lascia un commento:


  • Jago
    ha risposto
    Re: 50000 firme per rifondare la caccia

    caro beppe! forse oggi sei fuori da ogni carica di rappresentaza perchè in Italia quando uno dice o cerca di fare cose sensate ...è la fine che fa e questo a tutti i livelli!
    concordo praticamente su tutto EGOISMO in primis...anche se ci sarebbero argomenti da sviscerare meglio vista la loro complessità e la loro soggettività... Una domanda però vorrei farla a tutti : quanti sarebbero disposti davvero a sacrificare non tre ma 7 giorni (e parlo di 8 ore al giorno) per pulizia ambientale, censimenti e quant'altro relativo alla nostra bella passione'??
    credo che se questi 7 giorni fossero una discriminante tra essere o no cacciatore(autorizzato) caro beppe rimarremmo in 2 gatti ad andare caccia...che come idea non mi farebbe nemmeno tanto skifo!
    Un saluto!

    Lascia un commento:


  • 58beppe
    ha risposto
    Re: 50000 firme per rifondare la caccia

    Essere negativi è LECITO, ed io in realtà lo sono da decenni e dagli anni 90 quando ho rimesso ogni carica di rappresentanza.
    Più volte in questi 2 decenni mi è stato chiesto di riprendere una attività di aiuto in aavv e non solo, ma CONOSCO la "malattia genetica" dei cacciatori tutti: l'egoismo e la visione individuale a scapito degli interessi generali e più grandi. L'orticello prima di tutto ..... e la posizione di rendita di chi li rappresenta.

    Io sono convinto che alla fine nel tempo "finiremo o in riserve a pagamento più o meno sociali" (es. quelle consorziali) ..... e con un impianto normativo che sarà l'opposto di quello attuale, tipico dei diritti minimali di minoranza: "la caccia è vietata in tutto il territorio nazionale, ad eccezione delle riserve" e poi via con vincoli e restrizioni molto superiori alle attuali; si salveranno un pò cinghialai e muccaroli ed in parte gli stanzialisti-cinofili.

    Però RISPETTO FORTEMENTE CHI OGGI TENTA O VORREBBE FARE QUALCOSA IN QUESTA AGONIA e cerco di dare idee o spunti di riflessione.
    Ho firmato la petizione popolare, l'ho fatta firmare ad amici e parenti anche NON cacciatori, e SE dovesse riaccadere lo RIFARò.

    MA FINO A QUANDO NON SI RIUSCIRà AD UNIRE PARTITO E AAVV SOTTO UN UNICO CAPPELLO ..... x me il ns. destino politico, già COMPROMESSO FORTEMENTE, sarà SEGNATO A PRIORI che è diverso da lottare e perdere con QUALCHE piccolo risultato ottenibile.

    MA DOBBIAMO ANCHE CAMBIARE NOI, SOPRATTUTTO QUELLI DELLA MIA GENERAZIONE E GLI SPARATUTTO ..... e se ciò NON avverrà, le macerie che abbiamo lasciato ai ns figli in termini di scarsità di lavoro, assenza di pensione, educazione familiare assente e senza valori, ignoranza di leggi e comportamenti da furbettini del quartierino a caccia e nella vita, ..... spacconerie da bar, ABBATTERà del tutto ogni speranza di ricambio MINIMO generazionale ed accellererà il ns comunque INELUTTABILE DECLINO.
    Siamo espressione di un mondo agricolo-rurale e di quei valori, fatto PRIMA a pezzi e superati da quelli cittadini ed industriali, ed OGGI disintegrati da quelli internazionali e dei servizi finanziari-professionali dal soldo e spesa facile ..... CUI LA POLITICA FA RIFERIMENTO.

    X me:
    Io x la ora in più la sera da appostamento COME IN TUTTA EUROPA cederei il silenzio venatorio la domenica pomeriggio.
    Io x sparare alle oche, abbondantissime oggi, rinuncerei alla moretta x 3-5anni, poi si vede.
    Io farei multe ai BRACCONIERI ED A CHI COMPIE REATI GRAVI VENATORI DA FAR IMPALLIDIRE EQUITALIA.
    Io OBBLIGHEREI i Cacciatori a 3 gg OBBLIGATORIE di pulizia ambientale o di gestione censimenti x avere la licenza.
    Io ANNULLEREI i decreti x la caccia alle ggvv verdi-ambientaliste.
    Io FAREI MULTE A CHI INQUINA DA FAR IMPALLIDIRE EQUITALIA.
    Io imporrei x certe specializzazioni i 2 colpi con doppietta OBBLIGATORIA (stanziale); una riduzione dei carnieri x certe specie; e così via.
    Io lo storno anche in deroga lo aprirei senza troppe pippe ..... .
    Io il piviere oggi e x 3 anni lo riaprirei con vincolo di carniere.
    Io NON consentirei di fare più di 3gg di caccia la settimana.
    Io in zone di pregio metterei giornate FISSE di caccia.
    Io chiarirei alcuni termini ed impostazioni delle norme e sanzioni x ridurre le INTERPRETAZIONI di giudicanti.
    E così via.

    Ma se dicessi ..... basta con la "solfa" degli uccelletti, di febbraio, di agosto, di chi sfora sistematicamente il carniere ad anatre o peggio a turdidi-allodole-pavoncelle ..... magari pure con spase e rastrelli ..... basta con gli spari in certe aree del sud a febbraio-marzo-aprile-..... basta coi register, basta con chi VUOLE cacciare tutti i giorni ..... MOLTI QUI, NEL RISPETTO DELLE PROPRIE TRADIZIONI DIVENTATE UTOPICHE NEL CONTESTO ATTUALE SOCIALE E VENATORIO - CHE NON TORNANO PIù Nè TORNERANNO MAI PIù SENZA SE E MA -, OPPURE IN LINEA CON QUANTO FANNO DI SOLITO X EGOISMO E TEMPO DISPONIBILE X CACCIARE, STORCEREBBERO IL NASO E SI LAMENTEREBBERO O GRIDEREBBERO CONTRO TUTTE LE AAVV E PARTITO ..... .
    ALLA FINE CHI SI FA PORTAVOCE DI QUESTE ISTANZE ESTREMISTICHE ED UTOPICHE HA GIà PERSO. PUNTO, ANCHE SE NON LO VUOL CAPIRE X CONVENIENZA SPICCIOLA DI GIORNATA OVVERO EGOISMO PERSONALE E NOI CACCIATORI SIAMO LA DIMOSTRAZIONE VIVENTE DI COSA SIGNIFICA "egoismo personale".
    Ibal a CHI vorrà tentare un qualcosa x la ns categoria, almeno il mio rispetto lo merita se NON la condivisione delle idee e proposte.
    Però io le idee -giuste o sbagliate che siano- le DICO PRIMA, NON DOPO ..... CRITICO PRIMA, NON DOPO, x trasparenza ed educazione.

    Lascia un commento:


  • Zio65
    ha risposto
    Re: 50000 firme per rifondare la caccia

    Originariamente inviato da osservatore romano Visualizza il messaggio
    Cercando di portare il mio contributo, dico che è essenza politica no venatoria, via via che la rappresentanza aveva un senso esisteva un minimo di tutela ed era la cosa giusta perchè funzionava, stranamente ma è realtà che nei momenti più bui come è storicamente provato, quindi senza evoluzione-crescita come nel nostro caso, si avverte un grande disagio, una frustrazione provata per la paura del futuro, che di fatto è reale perchè manca propio il nostro riferimento, si entra in una zona pericolosa (gestita dai soliti noti) dove la dignità prima che ogni altra cosa viene sistematicamente svenduta attaccata violata. La politica (negoziazione- compromesso-mediazione) cosa di per se nobile è provato che non paga, chiaramente è latitante o accondiscendente a suo tornaconto, perchè semplicemente il nostro mondo è poca cosa, che oltretutto procede in ordine sparso. Gli antagonisti tutti, hanno un unico scopo e sappiamo bene quale sia l' 'abolizione' non il confronto magari con un dialogo. La nostra malattia è la malattia dei nostri tempi, una parte politica piuttosto eversiva, razzista e mafiosa dedita all' evasione e a consolidarsi, una parte politica smidollata incapace e impotente con le sue macchiette o primedonne che rasentano una strada già nota e intanto gioiscono dei privilegi, una parte ancora più subdola (duri e puri) dove i legami non li riguardano superiori a ciò che è umano. Queste tre grandi linee hanno purtroppo in comune un dato di fatto che li accomuna, sono lontane dalla nostra realtà e non solo.

    Romano
    COMPLIMENTI, tanto di cappello, Bravo.

    Lascia un commento:


  • ggramoli
    ha risposto
    Re: 50000 firme per rifondare la caccia

    Credo che se vogliamo procedere secondo i validi concetti espressi da 58Beppe, serva come prima cosa formare due nutriti e determinati gruppi di cacciatori.

    1)-Il primo si dovrà preoccupare di raccogliere 600.000 firme vidimate (il minimo per legge è 500.00) entro un tempo stabilito per legge.
    2)-Il secondo dovrà preoccuparsi della stesura della nuova legge e dei contatti con le controparti (AAVV, Associazioni animaliste, Agricoltori, ecc.) e con la politica, perchè comunque la nuova legge dovrà essere approvata dai due rami del parlamento.

    Personalmente sarei favorevole ma la vedo oltremodo dura.

    Lascia un commento:


  • Brakoniere78
    ha risposto
    Re: 50000 firme per rifondare la caccia

    Originariamente inviato da PaoloDS Visualizza il messaggio
    Concordo pienamente con 58Beppe, complimentandomi per ciascuno dei suoi interventi in questo post!
    Tu non puoi firmare! ....le "X" non valgono

    Lascia un commento:


  • PaoloDS
    ha risposto
    Re: 50000 firme per rifondare la caccia

    Concordo pienamente con 58Beppe, complimentandomi per ciascuno dei suoi interventi in questo post!

    Lascia un commento:


  • emmedibi
    ha risposto
    Re: 50000 firme per rifondare la caccia

    Ricomincia la campagna elettorale: mi raccomando abbocchiamo di nuovo!

    Lascia un commento:


  • osservatore romano
    ha risposto
    Re: 50000 firme per rifondare la caccia

    Cercando di portare il mio contributo, dico che è essenza politica no venatoria, via via che la rappresentanza aveva un senso esisteva un minimo di tutela ed era la cosa giusta perchè funzionava, stranamente ma è realtà che nei momenti più bui come è storicamente provato, quindi senza evoluzione-crescita come nel nostro caso, si avverte un grande disagio, una frustrazione provata per la paura del futuro, che di fatto è reale perchè manca propio il nostro riferimento, si entra in una zona pericolosa (gestita dai soliti noti) dove la dignità prima che ogni altra cosa viene sistematicamente svenduta attaccata violata. La politica (negoziazione- compromesso-mediazione) cosa di per se nobile è provato che non paga, chiaramente è latitante o accondiscendente a suo tornaconto, perchè semplicemente il nostro mondo è poca cosa, che oltretutto procede in ordine sparso. Gli antagonisti tutti, hanno un unico scopo e sappiamo bene quale sia l' 'abolizione' non il confronto magari con un dialogo. La nostra malattia è la malattia dei nostri tempi, una parte politica piuttosto eversiva, razzista e mafiosa dedita all' evasione e a consolidarsi, una parte politica smidollata incapace e impotente con le sue macchiette o primedonne che rasentano una strada già nota e intanto gioiscono dei privilegi, una parte ancora più subdola (duri e puri) dove i legami non li riguardano superiori a ciò che è umano. Queste tre grandi linee hanno purtroppo in comune un dato di fatto che li accomuna, sono lontane dalla nostra realtà e non solo.

    Romano

    Lascia un commento:


  • miccia
    ha risposto
    Re: 50000 firme per rifondare la caccia

    DIREI CHE SEI UN LIBRO STAMPATO BEPPE.
    si vede quando si unisce tanta passione e interesse della materia.

    Lascia un commento:


  • 58beppe
    ha risposto
    Re: 50000 firme per rifondare la caccia

    ORGANO SCIENTIFICO E BASTA, IN COLLABORAZIONE E SECONDO STANDARD EUROPEI DI REDAZIONE DI DATI E DOCUMENTI, CON ANALISI DEI DATI EUROPEI E VERIFICA SU SCALA NAZIONALE DEGLI STESSI, ED ADATTAMENTO ATTRAVERSO GESTIONE ELASTICA DEI CALENDARI VENATORI (chiusura-riapertura elastica x specie laddove emergessero carenze croniche x oltre 3 anni di una specie, oppure un "supero" elevato delle medie di presenza nello stesso periodo; oppure limitazioni di carniere giornaliere ed annuo x specie; riduzione x territori particolarmente utili x lo svernamento di specie in sofferenza; creazione di aree invece di preparco a ridosso dei parchi ove cacciare animali in esubero rispetto alle densità medie o di corretta gestione; riduzione del numero di giornate venatorie in certe aree; limitazione delle presenze e del numero di colpi in altre; ecc.).

    CENSIMENTI DA FARE IN AREE CONCORDATE A LIVELLO NAZIONALE OD EUROPEO, DA PARTE DI AUTORITà PUBBLICHE (REGIONE-PROVINCE) E COL SUPPORTO DI RAPPRESENTANTI SIA DEL MONDO AMBIENTALISTA CHE VENATORIO.

    VISIONE GESTIONALE DEL TERRITORIO E CON CAPACITà DI PORRE FINANCHE VINCOLI AMBIENTALI E DI COLTIVAZIONE AGRICOLA O DELLE ACQUE-PESCA IN AREE DI PARTICOLARE PREGIO FAUNISTICO O SPECIALE.

    CDA PARITETICO TRA COMPONENTI VERDI E VENATORIE SOTTO COORDINAMENTO PUBBLICO NAZIONALE E DI COMPROVATA PROFESSIONALITà SPECIALISTICA (presidente e dg) ..... .

    Insomma TANTI BEI SOGNI: ma x me, QUI è e resta la chiave di volta della gestione territoriale della caccia x reimpostare la caccia ed il suo futuro.
    X la 157/92, occorrono modifiche condivise e mediate, PASSANDO DA UN SEVERO INASPRIMENTO DELLE PENE X I BRACCONIERI E CHI COMPIE ATTI GRAVI E MAGGIORE CHIAREZZA DELLE LEGGI x ridurre le INTERPRETAZIONI, oltre ad impostarla secondo standard più europei.

    Lascia un commento:


  • fabio d.t.
    ha risposto
    Re: 50000 firme per rifondare la caccia

    Originariamente inviato da 58beppe Visualizza il messaggio
    A mio parere:
    Le MODIFICHE alla 157/92 POTREBBERO ANCHE RAGGIUNGERSI SOLO MEDIANTE NEGOZIAZIONE-COMPROMESSO-MEDIAZIONE, OVVERO CEDENDO-RINUNCIANDO A QUALCOSA X OTTENERE QUALCOSA DI ALTRO IN OTTICA E CON PARAMETRI GIUSTIFICATIVI EUROPEI, MA SE SI PENSA AGLI UCCELLETTI, ALLE DEROGHE FISSE DI TALUNE SPECIE ISCRITTE IN CONVEZIONI STORICHE PRESSOCHè IMMODIFICABILI, AD AMPLIARE LA STAGIONE VENATORIA, AD AUMENTARE LE SPECIE CACCIABILI SENZA CENSIMENTI O DATI A SUPPORTO ..... SENZA PRIMA AVER RIVOLUZIONATO LA MISSION E LA COMPOSIZIONE DEL CDA DI ISPRA E SENZA AVER UN PROGETTO DI GESTIONE TERRITORIALE INSIEME AL MONDO AGRICOLO ..... CON AGGRAVIO CONSEGUENTE DELLE SPESE POI X TESSERINI ATC O ENTI SIMILI,
    SI INTUIVA BENE COME ANDAVA A FINIRE.
    Parole sante beppe , l'Ispra oggi è nullo sul piano della ricerca , prevenuto nei confronti del mondo venatorio , la soluzione è la sua rivoluzione con inserimento di gente seria senza preconcetti !

    Lascia un commento:


  • 58beppe
    ha risposto
    Re: 50000 firme per rifondare la caccia

    Sono d'accordo, in linea di principio,
    ma NON DIMENTICHIAMOCI CHE l'On, Orsi HA ANCHE TOPPATO POLITICAMENTE IN MOLTE PROPOSTE "CERVELLOTICHE E RETROGRADE IN SENSO VENATORIO" DI TEMPI PASSATI CHE NON TORNERANNO MAI PIù E SOPRATTUTTO NEL RAPPORTO CONFLITTUALE CON LE AAVV TRADIZIONALI ..... Federcaccia in primis, SU TEMI A FORTE SENSIBILITà STANZIALISTA E CINOFILA OLTRE CHE DI SELEZIONE.

    A mio parere:
    Le MODIFICHE alla 157/92 POTREBBERO ANCHE RAGGIUNGERSI SOLO MEDIANTE NEGOZIAZIONE-COMPROMESSO-MEDIAZIONE, OVVERO CEDENDO-RINUNCIANDO A QUALCOSA X OTTENERE QUALCOSA DI ALTRO IN OTTICA E CON PARAMETRI GIUSTIFICATIVI EUROPEI, MA SE SI PENSA AGLI UCCELLETTI, ALLE DEROGHE FISSE DI TALUNE SPECIE ISCRITTE IN CONVENZIONI STORICHE PRESSOCHè IMMODIFICABILI, AD AMPLIARE LA STAGIONE VENATORIA, AD AUMENTARE LE SPECIE CACCIABILI SENZA CENSIMENTI O DATI A SUPPORTO ..... SENZA PRIMA AVER RIVOLUZIONATO LA MISSION E LA COMPOSIZIONE DEL CDA DI ISPRA E SENZA AVER UN PROGETTO DI GESTIONE TERRITORIALE INSIEME AL MONDO AGRICOLO ..... CON AGGRAVIO CONSEGUENTE DELLE SPESE POI X TESSERINI ATC O ENTI SIMILI,
    SI INTUIVA BENE COME ANDAVA A FINIRE.

    Lascia un commento:


  • fabio d.t.
    ha risposto
    Re: 50000 firme per rifondare la caccia

    Originariamente inviato da 58beppe Visualizza il messaggio
    Che di firme ne avevamo raccolto a tempesta ancora anni fa ..... vedasi iniziativa Berlato-ACV.

    Qua SE NON SI RACCOLGONO 800.000 FIRME COME X UN REFERENDUM ..... ERGO LA TOTALITà DEI CACCIATORI E DELLE AAVV CHE COSì DIMOSTREREBBERO DI BATTERE FINALMENTE UN COLPO ALL'UNISONO ..... SI PERDE TEMPO CON QUEL NUMERO RIDICOLO SU SCALA NAZIONALE.

    INOLTRE SE PRIMA NON CI SI ACCORDA SU POCHI E QUALIFICATI ASPETTI DI REVISIONE SU CUI SI CONCORDA SENZA EGOISMI E CON NEGOZIAZIONE-RINUNCIE ...... DIVENTA TOTALMENTE UTOPIA.

    SE UNO PENSA A RIPRISTINARE LA CACCIA AI FINCHI, UN ALTRO AI TORDI IN FEBBRAIO, QUELL'ALTRO AD APRIRE AD AGOSTO, CHI A RIDURRE LE PENE ED ELIMINARE I GIORNI DI SILENZIO VENATORIO ..... VUOLE DIRE CHE è LONTANO DALLA POSSIBILE REALIZZAZIONE DI QUALSIASI MODIFICA DELLA 157-92 E DALLA REALTà POLITICA E MEDIATICA.

    STORNO, DEPENALIZZAZIONE DI ALCUNI REATI CON GRANDE INASPRIMENTO PERò PECUNIARIO DELLE SANZIONI, ORA IN PIù LA SERA DA APPOSTAMENTO, CONFISCA DI ARMI E LICENZE X BRACCONIERI E CHI COMPIE REATI GRAVI, GESTIONE PIù ELASTICA X SPECIE DEI CALENDARI (OGGI SIAMO PIENI DI OCHE E PIVIERI, OLTRE CHE STORNI, RISPETTO AL PASSATO, SPECIE CACCIABILI IN FRANCIA, ..... E NON SI CAPISCE XCHè NON DOVREBBERO ESSERE CACCIABILI SULLA BASE DI CENSIMENTI E DATI TRIENNALI; COSì COME POTREBBERO VENIRE CHIUSE ALTRE X 3 ANNI TIPO MORETTA), DIVIETO X AAVV E AMBIENTALISTI DI FARE I GUARDIACACCIA MA SOLO LE GGVV AMBIENTALI, ALMENO 3 GIORNATE OBBLIGATORIE DI VOLONTARIATO AMBIENTALE X I CACCIATORI X RINNOVARE LA LICENZA SUL PROPRIO TERRITORIO, COSTITUZIONI DI GRUPPI DI VOLONTARIATO SOCIALE TIPO ANTINCENDIO-RICERCA-CALAMITà-ECC., POTREBBERO INVECE ESSERE TEMI DI RIFLESSIONE E MODIFICA.
    800000 firme già son state raccolte , Orsi s'è messo al lavoro...risultato : COMUNITARIA CON PALETTI DELL'ISPRA
    Mejo che se stamo boni con firme e richieste , altrimenti ci tolgono ancora . Fin quando ci saranno in parlamento dei falsi amici tipo orsi , Carrara e quelli del tiro e della pesca , che hanno votato la comunitaria per non far cadere governo e POLTRONA , non si và da nessuna parte . Se noi chiediamo qualc'osa con 50000 firme loro con 10 animal friendly ci massacrano , perchè quei 10 stanno dove conta . Quindi prima si conta politicamente con persone serie interessate alla causa e non ai bunga-bunga e poi si chiede. Ricordiamocelo quando si và a votare , perchè anche 25000 voti fanno pendere l'ago a dx o sx ed anche 1 solo parlamentare può far cadere un governo o mandare in galera un collega ......

    Lascia un commento:

Pubblicita STANDARD

Comprimi

Ultimi post

Comprimi

Unconfigured Ad Widget

Comprimi
Sto operando...
X