annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Ecco cosa pensa della caccia il neo ministro costa

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (50%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Ecco cosa pensa della caccia il neo ministro costa



    Il neo Ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, intervistato da Alessandra Arachi per il Corriere della Sera (8 luglio 2018), ha espresso il suo pensiero alla domanda diretta se fosse o no favorevole alla caccia dichiarando: “per la caccia c’è una legge riconosciuta dallo Stato. Quindi, come Ministro della Repubblica, sto con la legge. Il cacciatore che si mantiene dentro la legge lo rispetto”, definendo bracconieri coloro che la legge non la rispettano e palesando la sua intenzione “di inasprire le p*** contro di loro innalzando il livello dei reati, passando da contravvenzionali a delitto”. E, inoltre, fa presente che nel programma di governo è prevista un’intensa attività di prevenzione, in primis un aumento pesante dei controlli tale da essere “vissuto dai bracconieri come deterrenza preventiva”. Per questo – ha continuato il Ministro – è necessario “aumentare la rete coinvolgendo le Polizie locali. Ovvero le Polizie municipali, provinciali, metropolitane. Anche i Carabinieri forestali che agiscono sul territorio”. E legge, legalità e rispetto è quello che gli italiani stanno chiedendo da tempo a gran voce e con forza. Rispetto per la caccia, per chi la pratica nei limiti di legge e lotta al bracconaggio è quanto è emerso dalle prime dichiarazioni del Ministro dell’Ambiente. E non poche domande si pone Viviana Bertocchi su Sentieri di Caccia di agosto 2018, per le quali ora non vi sono risposte concrete, attesa l’attuale struttura del suo Ministero – MATTM.

    Tratto da www.anuu.org
    CHI AMA LA CACCIA VIVE LA NATURA sigpic

  • #2
    cioè,ci sopporta obtorto collo,ma cercherà in ogni modo di stroncarci al benché minimo errore.bravi *****ni che avete votato per i 5stalle!

    COMMENTA


    • #3
      Perché non la può chiudere se no lo farebbe immediatamente
      panadero piace questo post.

      COMMENTA


      • #4
        Non ha detto niente contro la caccia, ma contro i tanti bracconieri o tali che si comportano da bracconieri, se vai a caccia rispettando le regole e gli altri cacciatori sei a posto, erano forse meglio Pecoraro Scanio o Galletti?
        Meglio un uomo di Legge che un animalista e poi se vogliamo la Legalita nella società civile la dovremmo volere anche per la caccia e chi sbaglia paga, bisogna diventare bravi a caccia non pistamentuccia che sparano a quello che vola senza sapere che è, gli animali non sono bersagli, sono esseri da tutelare per poter continuare ad andare a caccia, è un privilegio non per tutti, meritiamocelo.
        A jlspez, Retius2405 e 7 altri utenti piace questo post.
        O a Napoli in carrozza o alla macchia a far carbone.

        COMMENTA


        • #5
          Io sto' col ministro....ce mancherebbe ! Saluti.

          "e si cara bella gente,staro' li' a sogna' beatamente....perche' in fonno de 'sto poro monno,ormai,nun me ne po' proprio piu' frega'niente!

          Anzi....mo' ve lo dico: con grande gioia rincontrero' n'Amico!"

          CIAO MAURE' !!!

          Tributo al piu' grande.......clicca sotto !!!
          https://www.youtube.com/watch?v=bYTJ-MzxkkY

          COMMENTA


          • Gianni1°
            Gianni1° commentata
            Modifica di un commento
            Che ridi Chiappè, io depenalizzerei tutto, nemmeno una sanzione, ma se te becco a fare lo stronzo te levo la licenza seduta stante e per quella stagione hai chiuso, alla terza recidiva devi ridare gli esami per riavere la licenza, più democratico de cosi.

        • #6
          Io sono sostanzialmente d'accordo, a parte sul fatto di inasprire le pene, che secondo me, sono già anche troppo alte...

          Saluti

          COMMENTA


          • #7
            Sono d'accordo in parte col ministro, inasprire i controlli, ma anche depenalizzare alcune infrazioni ( tipo sconfinamenti in zone protette o altri atc non adeguatamente segnalati ). Se ci vantiamo di essere vergini con la legge, non dovremmo preoccuparci di rispettarla
            sigpic

            ..... cci vostra, quanto ve vojo bene !!!


            COMMENTA


            • #8
              io depenalizzerei tutto, nemmeno una sanzione, ma se te becco a fare lo stronzo te levo la licenza seduta stante e per quella stagione hai chiuso, alla terza recidiva devi ridare gli esami per riavere la licenza, più democratico de cosi.
              O a Napoli in carrozza o alla macchia a far carbone.

              COMMENTA


              • #9
                Originariamente inviato da Gianni1° Visualizza il messaggio
                io depenalizzerei tutto, nemmeno una sanzione, ma se te becco a fare lo stronzo te levo la licenza seduta stante e per quella stagione hai chiuso, alla terza recidiva devi ridare gli esami per riavere la licenza, più democratico de cosi.
                Questo cambierebbe l italia,non solo i cacciatori.....
                ".....popolate la terra.
                Governatela e dominate sui pesci del mare,
                sugli uccelli del cielo
                e su tutti gli animali".

                COMMENTA


                • #10
                  mi sembra che non dica nulla di contorto.

                  COMMENTA


                  • #11
                    Parole spese bene, il bracconaggio e i bracconieri fanno male alla caccia, NON IL CACCIATORE ONESTO.
                    LA follia sta nel fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi.(A.E.)

                    COMMENTA


                    • #12
                      Originariamente inviato da Gianni1° Visualizza il messaggio
                      Non ha detto niente contro la caccia, ma contro i tanti bracconieri o tali che si comportano da bracconieri, se vai a caccia rispettando le regole e gli altri cacciatori sei a posto, erano forse meglio Pecoraro Scanio o Galletti?
                      Meglio un uomo di Legge che un animalista e poi se vogliamo la Legalita nella società civile la dovremmo volere anche per la caccia e chi sbaglia paga, bisogna diventare bravi a caccia non pistamentuccia che sparano a quello che vola senza sapere che è, gli animali non sono bersagli, sono esseri da tutelare per poter continuare ad andare a caccia, è un privilegio non per tutti, meritiamocelo.
                      Non fa una piega Gianni se....: elimina gli pseudo organi di controllo volontari; autorizza solo gli organi di polizia giudiziaria ad effettuare i controlli; rende chiaree non interpretabili le norme che regolano l attività venatoria; obbliga alla tabellazione chiara e visibile tutte le aree protette, anche sic e zps,compresi i parchi nazionali laddove i confini non sono delimitati da strade facilmente riconoscibili .


                      Sopra ogni cosa combatti l'ignoranza.

                      martino de michele

                      " La Caccia è affascinante ed emozionante ANCHE quando la selvaggina scarseggia....e tu, nonostante tutto, ti diverti lo stesso perchè sei a Caccia."
                      Un Cacciatore.

                      COMMENTA


                      • #13
                        io parlo per le mie parti,dove le distanze tra strade,case,coltivi,ferrovia,stazzi e mazzi è sempre sul filo del rasoio se mi metti uno sempre pronto alla multa amen.se per esempio dopo due ore di appostamento gli unici due tordi passano dieci minuti dopo l'orario se vengo via prima tanto vale.se questo vuol dire essere un feroce bracconiere,beh confesso il mio crimine...

                        COMMENTA


                        • #14
                          personalmente sono in accordo con il Ministro...poi se dietro al suo credo cela mala fede allora e' un altro discorso...
                          Ci sarebbe da fare cmq precisazioni in merito al bracconaggio...un conto e' beccare uno,che per una volta sfora un orario,e un conto e beccare uno che nella sua vita ha sempre visto i cartelli delle riserve "senza scritte"...secondo Costa sono ambedue bracconieri ma noi sappiamo bene che non lo sono...
                          A quel punto sta' in chi ti controlla capire quale possa essere la buona e la cattiva fede...se gia' togliesse potere ai volontari espressamente anti caccia sarebbe gia' un bel passo avanti,dato che loro non conoscono il termina buona fede...
                          Pero',dato che pure lui ha scelto bene le persone con cui circondarsi e fidarsi,e Mamone Capria ne e' un fulgido esempio,non so' dove possa arrivare la purezza della sua disanamina....
                          Rimane cmq un ex comandante Forestale,senza dubbio uomo di legge e,speriamo,preparato in materia.
                          Dobbiamo cmq contare che decisioni di carattere venatorio, ammesso e non concesso che scansino pareri da parte del ministero delle politiche agricole,dovranno essere vidimate dal Senato e li Il Senatore Bruzzone non si fara' dicerto trovare impreparato..

                          COMMENTA


                          • #15
                            Originariamente inviato da sfiamma Visualizza il messaggio
                            personalmente sono in accordo con il Ministro...poi se dietro al suo credo cela mala fede allora e' un altro discorso...
                            Ci sarebbe da fare cmq precisazioni in merito al bracconaggio...un conto e' beccare uno,che per una volta sfora un orario,e un conto e beccare uno che nella sua vita ha sempre visto i cartelli delle riserve "senza scritte"...secondo Costa sono ambedue bracconieri ma noi sappiamo bene che non lo sono...
                            A quel punto sta' in chi ti controlla capire quale possa essere la buona e la cattiva fede...se gia' togliesse potere ai volontari espressamente anti caccia sarebbe gia' un bel passo avanti,dato che loro non conoscono il termina buona fede...
                            Pero',dato che pure lui ha scelto bene le persone con cui circondarsi e fidarsi,e Mamone Capria ne e' un fulgido esempio,non so' dove possa arrivare la purezza della sua disanamina....
                            Rimane cmq un ex comandante Forestale,senza dubbio uomo di legge e,speriamo,preparato in materia.
                            Dobbiamo cmq contare che decisioni di carattere venatorio, ammesso e non concesso che scansino pareri da parte del ministero delle politiche agricole,dovranno essere vidimate dal Senato e li Il Senatore Bruzzone non si fara' dicerto trovare impreparato..

                            Paolo...non mi sembra affatto che metta tutte le infrazioni sullo stesso piano.
                            Anzi...inizia il discorso facendo riferimento alla normativa che autorizza la caccia in Italia....e secondo quella normativa sono elencate le infrazioni secondo la loro gravità.....
                            Ora l'inasprimento delle pene non è ben specificato dove le voglia introdurre.....fino ad allora si possono fare solo illazioni.
                            A me non pare abbia detto nulla di ASTRUSO....
                            Ottobre è.....

                            COMMENTA

                            Pubblicita STANDARD

                            Comprimi

                            Ultimi post

                            Comprimi

                            Unconfigured Ad Widget

                            Comprimi
                            Sto operando...
                            X